Face Down (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Face Down
Face down.jpg
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaThe Red Jumpsuit Apparatus
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1º gennaio 2006
Durata3:12
Album di provenienzaDon't You Fake It
GenerePost-hardcore
Emo
EtichettaVirgin Records
ProduttoreDavid Bendeth
Registrazione2005-2006
FormatiCD, download digitale
The Red Jumpsuit Apparatus - cronologia
Singolo precedente
Singolo successivo
(2007)

Face Down è il primo singolo estratto dall'album del gruppo musicale statunitense The Red Jumpsuit Apparatus Don't You Fake It, pubblicato nel 2006[1]. Il 28 novembre dello stesso anno è stato pubblicato il singolo Face Down (Acoustic), contenente una versione acustica del brano.

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Diretto da Paul Minor[2], il video di Face Down racconta e denuncia, come il testo della canzone, la violenza sulle donne. Una giovane donna, tornata a casa, vede i vari oggetti nell'abitazione che cominciano a schiantarsi e a distruggersi intorno a lei. La donna non ha nessun tipo di reazione, se non alla fine quando prende le foto e gli oggetti di un uomo che osservava nella casa, esce e li butta via. Queste scene sono alternate a scene della band che suona il brano nel soggiorno della casa[3].

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Il brano è il singolo di maggior successo della band. Ha raggiunto la 25ª posizione della Billboard Hot 100 e la 10 della Pop Songs negli Stati Uniti[4], oltre ad arrivare al 4º posto nella classifica dei singoli in Nuova Zelanda[5]. Sempre negli Stati Uniti, ha raggiunto la seconda posizione dell'Alternative Songs ed è rimasto per 52 settimane di seguito nella classifica, raggiungendo il record precedentemente stabilito da The Kill dei Thirty Seconds to Mars[4].

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2006) Posizione
massima
Canada[4] 43
Canada (digital)[6] 53
Nuova Zelanda[5] 4
Stati Uniti[4] 25
Stati Uniti (alternative)[4] 3
Stati Uniti (mainstream rock)[4] 38
Stati Uniti (pop)[4] 15
Stati Uniti (adult pop)[4] 10
Stati Uniti (digital)[6] 18
Stati Uniti (radio)[6] 11

Versione acustica[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2006) Posizione
massima
Stati Uniti (under 100)[4] 25

Utilizzo nei media[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Red Jumpsuit Apparatus › Album › Face Down, MTV. URL consultato il 25 giugno 2012.
  2. ^ Face Down - The Red Jumpsuit Apparatus - Music Video, MTV. URL consultato il 19 maggio 2014.
  3. ^ Filmato audio The Red Jumpsuit Apparatus - Face Down, su YouTube. URL consultato il 26 dicembre 2011.
  4. ^ a b c d e f g h i The Red Jumpsuit Apparatus - Chart history, Billboard. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  5. ^ a b Face Down, Charts.org.nz. URL consultato l'11 maggio 2012.
  6. ^ a b c Don't You Fake It - Billboard Charts, AllMusic. URL consultato l'11 maggio 2012.
Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk