Fabrizio De Rossi Re

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fabrizio De Rossi Re

Fabrizio De Rossi Re (Roma, 1º agosto 1960) è un compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato al Conservatorio di Santa Cecilia, diplomandosi in composizione con Mauro Bortolotti e in strumentazione per banda con Raffaello Tega.

Importanti per la sua formazione sono stati gli incontri con il pianista jazz Umberto Cesari, con Sylvano Bussotti (Scuola di Fiesole) con Salvatore Sciarrino (corsi di perfezionamento di Città di Castello), e la collaborazione con Luciano Berio.

Insegna Elementi di composizione per didattica della musica al Conservatorio Francesco Morlacchi di Perugia, ed è stato docente di Didattica dell'improvvisazione e della composizione alla Scuola di specializzazione SSIS Università del Lazio (indirizzo Musica e spettacolo).

Le sue composizioni sono state pubblicate ed incise da Adda Records, Agenda, BMG Ariola, CNI, Edipan, Fonit Cetra, I Move, QQD, Rai Com, RCA, Semar, Ema Vinci, Tactus, Sonzogno.

La musica[modifica | modifica wikitesto]

La musica di De Rossi Re è caratterizzata da una forte apertura alle più diverse esperienze artistiche, ricompattate in uno stile multiforme ma sempre personale e chiaramente riconoscibile, che concilia i linguaggi della ricerca sperimentale con un modo diretto di comunicare.[1] Fuori da tutti i percorsi omologati, De Rossi Re è «una sorta di cosmonauta che gira attorno al mondo della musica con antenne sensibilissime a cogliere ogni sollecitazione acustica, sonora, gestuale, risuonante», per poi trasfigurare e ricomporre i più diversi stimoli, antichi e moderni, attraverso il filtro della sua personalità artistica.[2]

«Da musicista esecutore che ha conservato, quando compone, il gusto e la forza dell’impatto del suono», De Rossi Re coniuga la passione per tante musiche diverse, e la capacità di renderle compatibili e farle suonare insieme, con la ricerca di una forte sintonia con gli ascoltatori, dimostrando che «anche oggi può esistere un ascolto non banale, ma gratificante».[3]

La sua produzione comprende opere di teatro musicale (Biancaneve ovvero il perfido candore del 1993, su libretto proprio con la regia di Catherine McGilvray, scenografia e costumi di Cristian Taraborrelli; Cesare Lombroso o il corpo come principio morale del 2001, su libretto di Adriano Vianello; Musica senza cuore, azione musicale grottesca liberamente tratta dal libro Cuore su libretto di Francesca Angeli (con Paola Cortellesi, rappresentata a Roma nel 2003); King Kong, amore mio, opera grottesca e sentimentale 2011); lavori sinfonico-corali (come Rappresentatione per strumenti antichi, coro e orchestra commissionata dall'Accademia nazionale di Santa Cecilia) e cameristici (Ricercare per clavicembalo e archi, scritto per il quartetto d'archi dei Berliner Philharmoniker).

Tra le altre composizioni si ricordano Cantopinocchio, su libretto di Adriano Vianello, con Simona Marchini (rappresentata in prima nazionale a Città di Castello nel 1997); Mysterium Cosmographicum, su libretto di Francesca Angeli (ispirato alla vita e alle opere di Keplero, Fermo 2004); le opere radiofoniche Terranera(radiofilm su testo di Valerio Magrelli prodotto dalla RAI per la regia di Giorgio Pressburger nel 1994) e Orti di guerra (striscia quotidiana di musica e poesia su testi di Edoardo Albinati, prodotta da RAI RadioTre nel 1995). Inoltre Tre per una (per non dire l'Ernani) su testo di Vittorio Sermonti, e le musiche scritte per la danza, come L'ombra dentro la pietra (gruppo Entr'acte - produzione di Roma Europa Festival 1996 e del Teatro Hebbel di Berlino 1997).

Ha composto le musiche di scena per lo spettacolo Elettrotauri, su testo di Luis Gabriel Santiago (Spoleto, 2004), nonché i brani Terra trémuit per tenore, coro e orchestra (commissionata per la Sagra musicale umbra in occasione del Giubileo del 2000), il progetto Paludes (per l'Accademia Filarmonica Romana, in collaborazione con il Teatro dell'Opera di Roma, 1999), An Imaginary portrait per orchestra di strumenti antichi (commissionata dall'Accademia nazionale di Santa Cecilia, stagione 2000-01), Slow Dance, danzetta lenta e molle delle piccole fate, omaggio a Giuseppe Verdi per fisarmonica e orchestra, commissionata dal Concorso internazionale di composizione "2 Agosto" nel 2001 ed eseguita dall'Orchestra Toscanini di Parma, Animali e bestie con Anna Proclemer e Antonio Sardi de Letto (2010), Terror vocis, prodotto dalla Fondazione Musica per Roma (Auditorium di Roma, 2009), Canti di cielo e terra (Londra 2009, Roma 2010, Helsinki 2011, Parigi 2012), La seduzione, omaggio a Giuseppe Verdi (Busseto, Teatro Verdi e versione Tour USA Boston, Washington, Philadelphia, Chicago 2013), De Senectute. L’ Homo Sapiens e la notte di Natale 1960 (commissione Musica per Roma, Auditorium di Roma 2014), Canto tra cielo e terra per Giancarlo Menotti (commissione del Festival dei Due Mondi di Spoleto, 2014), Rondò di notte (commissione del Teatro La Fenice di Venezia, 2014), Four Witches in San Diego (commissione 44* NFA Convection in San Diego USA, 2016), Interludio pirandelliano (commissione Accademia Filarmonica Romana, 2017), Ricercare Quinto (commissione Orchestra di Losanna, 2018).

[modifica | modifica wikitesto]

Opere di teatro musicale[modifica | modifica wikitesto]

  • Biancaneve, ovvero il perfido candore, opera in tre quadri su libretto proprio (1993)
  • Cesare Lombroso, o il corpo come principio morale, azione musicale su libretto di Adriano Vianello (2001)
  • Musica senza Cuore, azione musicale grottesca su libretto di Francesca Angeli, da Cuore di Edmondo De Amicis (2003)
  • Mysterium Cosmographicum, opera sulla vita di Giovanni Keplero, libretto di Francesca Angeli (2004)
  • King Kong, amore mio, opera su libretto di Luis Gabriel Santiago (2010)
  • Animali Fantastici, azione musicale su testi di Leonardo da Vinci, in occasione dei 500 anni dalla morte (2019)

Composizioni per orchestra[modifica | modifica wikitesto]

  • Cielo (1990)
  • Spaventati dalla Tempesta (1992)
  • Imaginary Portrait, libera reinvenzione dall’andante della Sinfonia K 201 di Mozart (1998)
  • An Imaginary Portrait (il vero antico e il nuovo falso), per orchestra di strumenti antichi (2000)
  • Festa dei folli per orchestra d’organetti, per Ambrogio Sparagna (2005)
  • Valse (2005)
  • Sirene migranti (2019)

Composizioni per voci e orchestra[modifica | modifica wikitesto]

  • Lauda per soli, coro e orchestra, testo di Elio Pecora (1991)
  • Terra trémuit per tenore, coro e orchestra (1999)
  • Rappresentatione (Urbs Imaginaria) per 4 voci soliste, strumenti antichi, coro e orchestra, con elaborazione elettronica (2003)
  • Adagio per Alberto per attore e orchestra (2007)
  • Il ritorno per attrice e orchestra d’archi, testo di Giorgio Somalvico (2008)
  • Songs and Memories. L’Occhio della Memoria: Caruso, cielo, terra, sole e mare con luna crescente per 2 voci bianche, soprano, ensemble, orchestra di strumenti popolari, banda ed elettronica, su testi di Luis Gabriel Santiago (2008)
  • Stabat Mater (quattro quadri trasfigurati dal finale dello Stabat Mater di Giovanni Battista Pergolesi) per soprano, contralto e orchestra d’archi (2009)
  • Visione degli Angeli per coro e orchestra, testi di Claudio Saltarelli (2019)

Composizioni per strumenti solisti e orchestra[modifica | modifica wikitesto]

  • Nero, nero per pianoforte e orchestra (1984)
  • Aria di strepito per sax tenore e orchestra (1992)
  • Concerto per arpa e orchestra (1998)
  • Slow Dance (danzetta lenta e molle delle piccole fate –Omaggio a Verdi) per fisarmonica e orchestra (2001)
  • White Shadows per fisarmonica e orchestra, ispirato al film White Shadows in the South Sea (1928) di W. S. Van Dyke (2016)

Opere di teatro musicale da camera[modifica | modifica wikitesto]

  • La comunione dei beni, su testi di Edoardo Albinati (1997)
  • Tre per una (per non dire l’Ernani), su testi di Vittorio Sermonti (2000)
  • Negritude, su testi liberamente tratti da Leopold Sédar Senghor (2001)
  • Il Dottor Semmelweis, su testi di Francesca Angeli da Louis-Ferdinand Céline (2002)
  • Il Canto dell’odio, melologo su testi di Lorenzo Stecchetti (2002)
  • Stava scendendo la notte, su testi di Angelo Ferracuti (2004)
  • Elettrotauri, su testi di Luis Gabriel Santiago (2004)
  • Malandroidi, su testi di Luis Gabriel Santiago (2004)
  • Ho trovato l’assurdo sul comodino, su testi di Luis Gabriel Santiago (2005)
  • Terror Vocis, due canti popolari agitati e disperati (2008)
  • Canto del Rauco mendicante, omaggio a Roberto Leydi (2008)
  • Alatiel, melologo erotico-sentimentale da Boccaccio, su testo di Luis Gabriel Santiago (2008)
  • Animali e bestie, su testo di Luis Gabriel Santiago (2010)
  • The Bridge, su testo di Ambroise Bierce (2011)
  • Silvio Zavatti, al suono gelido del vento, su testi di Silvio Zavatti (2013)
  • Donna Canfora, azione musicale dalla storia taurianese di Donna Canfora, su libretto proprio (2015)
  • Glauco e Scilla, azione mitologica in musica (2017)
  • Il Naso, melologo su testi di Sandro Cappelletto, da Nikolaj Vasil'evič Gogol' (2017)
  • Briganti, performance su libretto proprio (2017)
  • Il Dio denaro (non avrai altro dio all’infuori di me), performance su testi di David Riondino (2018)
  • Diario Notturno, su testi di Ennio Flaiano (2018)
  • Il Giullare di Dio su testi di Arnaldo Casali (2018)
  • Il Sogno di Coragino (Il drago, la luna, il lago e la storia della fondazione di Corciano), su testi di Francesca Angeli (2019)
  • Il quaderno di Sonia, su testi di Sonia Bergamasco (2019)
  • L’Arpia di Celleno, testi di Fabrizio de Rossi Re (2020)
  • Rimbambimenti (dalla fisica quantistica al morbo di Alzheimer), su testi di Andrea Cosentino (2020)
  • La scoperta dell’America, su testi di Cesare Pascarella (2020)

Musiche per la radio[modifica | modifica wikitesto]

  • Terranera, un viaggetto nel proto Lazio, radiofilm su testi di Valerio Magrelli, con Vittorio Sermonti, regia di Giorgio Pressburger (1994)
  • Paracelso, dal trattato delle Ninfi, Silfi, Pigmei, Salamandre e altri esseri, drammaturgia radiofonica su testi di Paracelso (1994)
  • Orti di Guerra, strisce radiofoniche su testi di Edoardo Albinati (1995)
  • Diario Giapponese (Linguaggio: il professor Kazuhiro) (1996)
  • La casa di Bernarda Alba di Federico Garcia Lorca, regia di Giancarlo Cobelli (1998)
  • Il quadro di Buzzati, radiodramma su testi di Luis Gabriel Santiago (2006)  
  • Vox in bestia, Inferno, un prontuario di animali divini per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri (2021)

Musiche da camera[modifica | modifica wikitesto]

  • Wunderkammern, Die Angst per ottavino, flauto e clarinetto (1984)
  • Paludes per quartetto d’archi (1985)
  • Fregi notturni per flauto e clavicembalo (1985)
  • Allegro Nero per quartetto di sassofoni (1986)
  • An Optical Illusion too? per flauto e pianoforte (1987)
  • Ridi, un amore giallo per cinque strumenti (1987)
  • Krono e gli altri demoni e dei per viola e clarinetto (1987)
  • Palus Epidemiarum per viola, violoncello e contrabbasso (1988)
  • Les Tourbillons per flauto e clavicembalo, dedicato a Mario Bortolotto (1991)
  • Astarte Syriaca per violoncello e pianoforte (1992)
  • Laus Veneris per violino e pianoforte, dedicato a Susanna Pasticci (1991)
  • Epaves per undici archi, dedicato a Renzo Dall’Oglio (1992)
  • A Bop be Bounce per flauto, flauto dolce, clavicembalo e arpa (1992)
  • Quarto Nero (visione dell’Angelo) per tromba e organo (1993)
  • Nocturnalia, danza estatica per sax contralto e sax baritono (1993)
  • Pescate un numero con Lea la maltese per sette strumenti (1993)
  • Nocturnalia II° per flauto, flauto dolce e sax contralto (1994)
  • Three Pieces for Film by Hans Richter per quattro strumenti (1997)
  • Nocturnalia III° per sax contralto e trombone (1997)
  • L’alfabeto delle nuove rovine per cinque strumenti (1997)
  • La stanza dei paesaggi artificiali per flauto, sax e percussioni (1998)
  • To Autumn per violoncello e pianoforte, ispirato a una lirica di John Keats (2002)
  • Venus’ Song per flauto, clarinetto e chitarra (2003)
  • Erato amore mio per viola e pianoforte (2003)
  • Ricercare Primo per arpa e quartetto d’archi (2004)
  • L’Eclipse (dal film di George Méliès) per quattro strumenti (2004)
  • Ricercare Secondo per clavicembalo e quartetto d’archi (2004)
  • Kinderszenen per due pianoforti (2005)
  • Marcia dei sacerdoti (da Mozart) per due corni di bassetto (2006)
  • Rosso (Impromptu) per flauto e clavicembalo (2007)
  • You’re Gonna Cry Ninety-six Tears per flauto dolce e fisarmonica (2010)
  • Spiegel-Spiel per quattro flauti dolci (2012)
  • Absurd Napoli Diary (nun sputà n’cielo,ca’n faccia te torna) per mandolino, chitarra e arpa (2012)
  • Paesaggio marino per quartetto di chitarre (2012)
  • Piccolo firmamento (che farò senza i tuoi occhi) per tromba e pianoforte (2012)
  • Luna de enfrente (quattrocentoventuno lune) per flauto, sax contralto con elettronica (2013)
  • Vanth, amore etrusco per clarinetto basso, contrabbasso e pianoforte (1994–2014)
  • Ricercare Terzo per quartetto d’archi (2014)
  • Un canto tra cielo e terra per Giancarlo Menotti per viola, violoncello e pianoforte (2014)
  • Ricercare Quarto per flauto e quartetto d’archi, dedicato a Gino Strada (2014)
  • O quam tu pulchra es per cinque strumenti a fiato (2015)
  • Sonno romano (Barocco malato) per trio d’archi, omaggio a Fabrizio Clerici (2015)
  • Grande Nero per flauto, sax contralto, clarinetto basso, pianoforte e percussioni, omaggio ad Alberto Burri (2014)
  • Busoni Gespenst (il fantasma di Busoni) per clarinetto e pianoforte (2015)
  • Epistolario inventato per flauto e arpa (2015)
  • Four Witches in San Diego per quattro ottavini (2016)
  • Interludio Pirandelliano (del Gran Me e del piccolo me) per clarinetto e bayan (2017)
  • Ricercare Quinto per clarinetto e quartetto d’archi (2017)
  • Sonetto (Vivaldiana sopra le putte di Pietà di coro) per due violini (2018)
  • Erato amore mio, versione per violino e pianoforte (2019)
  • Monstrous Ships II per flauto e chitarra elettrica (2019)
  • Mal di luna (duetto dei licantropi) per violino e fagotto (2019)
  • Jack’s Book (To Build a Fire) per flauto e vibrafono, omaggio a Jack London (2019)
  • Futakuchi-onna (la donna con due bocche) per flauto dolce basso e koto basso a 17 corde (2019)
  • Arpie (dal canto XIII dell’Inferno di Dante) per viola, violoncello e pianoforte (2020)
  • La strega Melinda (la strega del gran Sasso) per due sax soprani (2020)

Musiche vocali da camera[modifica | modifica wikitesto]

  • È finito anche maggio per soprano e pianoforte, su testo proprio (1982)
  • Il diario del marinaio scalzo per voce sola, su testo proprio (1982)
  • La mano che firmò il trattato per voce femminile e chitarra, su testo di Dylan Thomas (1983)
  • Canzone per voce e pianoforte, su testo di Elio Pecora (1987)
  • As Long as the Thunder per voce, sax e due chitarre, su testo di Sheila Concari (1987)
  • Canto a Sciango, dio del tuono per voce femminile e tre strumenti, su testo proprio (1993)
  • Và via per voce femminile e arpa, su testo di Edoardo Albinati (1994)
  • Canzone per Mauro per voce femminile e due strumenti, su testo di Piero Arcangeli, dedicato a Mauro Bortolotti (1996)
  • Felix culpa (Thank you, Catholic Girls), omaggio a Frank Zappa per baritono e otto strumenti (1997)
  • Laus Crucis per soprano e quattro strumenti, su testi dal Laudario di Cortona (1999)
  • Iguanas per quattro voci, su testo di Edoardo Albinati (1999)
  • Mura, marmo e mare per voce femminile e quattro strumenti, su testo di Gianluca Favetto (2001)
  • Musetta valzer per mezzo soprano e pianoforte (2005)
  • The Fairy-Queen’s Ghost per voce femminile e bayan, su testo proprio (2009)
  • Moving Passions (after John Dowland) per mezzo soprano e chitarra, su testo di Ennio Speranza (2010)
  • La seduzione per voce femminile, vibrafono e pianoforte, omaggio a Giuseppe Verdi (2012)
  • Nulla si dissolve per mezzo soprano e pianoforte, su testo di Marco Fortuna (2013)
  • Hora fugit (Lamento notturno) per voce maschile o femminile con elettronica, su testo proprio (2014)
  • Rondò di notte per soprano leggero, flauto e pianoforte preparato, su testo proprio (2014)
  • Liquid Life per soprano e pianoforte con flauto ad libitum, su testo proprio, omaggio a Fabrizio Plessi (2015)
  • Mercurio e l’allegria (Gelosia e orrende furie ricacciate negli inferi) per voce e quattro strumenti, su testo proprio (2016)
  • La vipera, canzonetta terribile per voce sola, su testo liberamente tratto da Leonardo da Vinci (2020)

Musiche per strumento solo[modifica | modifica wikitesto]

  • Frammenti per pianoforte (1978)
  • Collage per clarinetto (1978)
  • Nero, nero per pianoforte (1984)
  • Naufragio Bösendorfer per pianoforte (1984)
  • Direful Monster per flauto (1986)
  • Sophie per chitarra (1986)
  • Ribes nero per clarinetto (1988)
  • Vampyr per sax contralto (1989)
  • Studi di nuvole per flauto in sol (1989)
  • Fulmini per flauto in sol (1989)
  • Cain (da Lord Byron) per flauto ed elettronica (1991)
  • La casa dei profumi (Parfume’s House) per pianoforte, da New Atlantis di Francis Bacon (1993)
  • Salse per gru, anatre, pernici, tortore, colombacci, colombi e diversi uccelli per flauto dolce ed elettronica, da De re coquinaria di Apicio (1993)
  • My sweet Georgia Brown per arpa (1998)
  • November Seascape per pianoforte (2002)
  • Hurucane, demone dello spirito del vento (aprés Faenza Codex) per pianoforte (2005)
  • Round About Vampyr per sax contralto ed elettronica (2006)
  • Salse per triglie, scorpioni, tonni, murene e altri pesci per flauto dolce ed elettronica, da De re coquinaria di Apicio (2009)
  • Mon père le chimpanzé (cinq pieces enfantines) per pianoforte a quattro mani (2010)
  • Love True Love per pianoforte (2011)
  • Cachucha per mezzo clarinetto (2012)
  • Fire Dancing (Nestinarstvo) per pianoforte (2013)
  • Monstrous Ships (The Graveyard of Ships) per chitarra elettrica ed elettronica (2013)
  • De Senectute (Homo Sapiens e la Notte di Natale 1960) per flauto ed elettronica (2014)
  • Anima di legno, libera reinvenzione dalla Sarabanda della II suite di J. S. Bach per violoncello solo (2014)
  • Les têtes magiques, musica per il film Le bourreau turc di George Méliès per trombone (2016)
  • Vassilò (da una melodia popolare greca) per pianoforte (2018)
  • Heiser, il flautista ventriloquo per flauto con elettronica e autopiano (2018)
  • Sette Refrains (una canzone per Franco Donatoni) per pianoforte (2018)
  • De Senectute II (Homo Sapiens e la Notte di Natale 1960), versione per violoncello ed elettronica (2018)
  • Nightfall, Notturno per pianoforte in omaggio a Benjamin Britten (2019)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il viaggio musicale in Italia di Fabrizio De Rossi Re, su quinteparallele.net.
  2. ^ Renzo Cresti, Musica Presente. Tendenze e compositori di oggi, Libreria Musicale Italiana, Lucca 2019, p. 419..
  3. ^ Mario Baroni, Ritratto di Fabrizio De Rossi Re, CD Ars Publica ARS41-022 (2016), su arspublica.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN75919661 · ISNI (EN0000 0000 8155 8030 · LCCN (ENno97026192 · WorldCat Identities (ENlccn-no97026192