Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati

Fabrizio Corona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fabrizio Corona nel 2009

Fabrizio Maria Corona[1] (Catania, 29 marzo 1974) è un personaggio televisivo e imprenditore italiano.

Ex partner e amministratore di Corona's, agenzia fotografica di Milano, negli anni è stato coinvolto in diversi procedimenti giudiziari (tra cui la nota inchiesta Vallettopoli); nel 2015 venne condannato definitivamente dalla Cassazione a 13 anni e 2 mesi di reclusione per reati continuati[2][3].

Dal dicembre 2019 agli arresti domiciliari per motivi terapeutici[4][5], nel marzo 2021 il tribunale di sorveglianza di Milano ne ha disposto il ritorno in carcere[6].

Biografia

Nato dal giornalista Vittorio Corona[7] e da Gabriella Previtera, era nipote del giornalista Puccio Corona. Ha due fratelli di nome Francesco e Federico, anch'egli giornalista[8].

Nel 2001 ha sposato la modella italo-croata Nina Morić[9], con cui nel 2002 ha avuto un figlio, Carlos Maria[9]. Nel 2007 la Morić ha chiesto la separazione da Corona[10] e nel 2014 ha annunciato di aver ottenuto dallo stesso anche il divorzio[11].

Nel 2009 iniziò una relazione con la showgirl e modella argentina Belén Rodríguez.[9] Nel 2011 la Rodríguez subì una interruzione di gravidanza per stress[12]. Nel 2012 i due conclusero la relazione[9]. Dal 2015 al 2018 ha avuto una relazione con Silvia Provvedi, cantante de Le Donatella.[13]

Carriera

Attività imprenditoriali

Nel 1998 conobbe il manager Lele Mora, con il quale iniziò a collaborare all'interno del mondo dello spettacolo. In seguito, nel 2001, a Milano fondò la Corona's, agenzia fotografica dichiarata poi fallita alla fine del 2008[14]. Attraverso questa attività imprenditoriale acquisì una certa notorietà, diventando per l'immaginario collettivo, il "Re dei Paparazzi", nonostante abbia più volte affermato di non aver mai scattato una foto.[15]

Nell'aprile 2007 fondò la Fenice srl, società avente come scopo la realizzazione eventi nel campo della pubblicità, dell'arte e della moda.[14][16] Nello stesso anno lanciò una linea di abbigliamento[17], un bar-ristorante a Nardò[18] ed un negozio di parrucchieri in centro a Bologna[19].

Nel 2008 fondò una seconda società operante nel campo dell'abbigliamento di cui deteneva il 100% delle azioni e che poi venne amministrata da Marco Bonato[14][16]. Nella primavera del 2011 fondò e iniziò a dirigere il settimanale scandalistico Corona's star[20], che in seguito diventò mensile e poi chiuse[14]. Curò anche il sito socialchannel.it (magazine di gossip e attualità), i contenuti e l'editing grafico dei settimanali Eva e Vip[21]. Fu anche editore della rivista di gossip mensile Lover. Nel 2018 fonda una terza linea di abbigliamento.[22]

Fondatore di VoceLibera, giornale per i detenuti[23], lanciò una vendita di magliette con la scritta "To be free" destinando parte del ricavato a sostegno dei carcerati[24].

Insieme al fratello è autore del libro Mea Culpa. Singolarmente ha scritto due libri autobiografici Vita pericolosa di un fotoreporter randagio, diffuso come allegato dal quotidiano Libero nel gennaio 2007[25] e La mia Prigione, pubblicato dalla Cairo Publishing sempre nel 2007 ed un romanzo giallo dal titolo Chi ha ucciso Norma Jean? edito dalla stessa casa editrice nel 2010.

Attività televisive, attoriali e canore

Noto anche per le sue attività come personaggio televisivo, attore e cantante, nel 2000 lavorò a Inter Channel, conducendo per 3 mesi il telegiornale[26].

Nel 2009 fu tra i partecipanti al reality show di Canale 5 La fattoria; eliminato nel corso della terza puntata, con il 56% dei voti, fu poi oggetto di un servizio di Striscia la notizia, secondo cui egli era già a conoscenza del momento esatto in cui sarebbe uscito dal reality, suscitando così diverse polemiche[27] e nello stesso anno prese parte al film-documentario di Erik Gandini Videocracy - Basta apparire. Nel 2010 prese parte alle riprese[28], come protagonista, del remake (non del tutto prodotto e quindi mai uscito nelle sale) del film Scarface con Al Pacino; Corona venne in seguito "cacciato" dalla produzione a causa di inadempienze contrattuali da parte dell'ex fotografo[29]. Ha pubblicato con il cantante rap Kalief, le canzoni Corona non perdona e Pazzesco. Ha fatto una piccola partecipazione nel videoclip della canzone del DJ Steve Forest Belen, dedicata alla showgirl Belén Rodríguez[14]. Il cantante Ultimo gli ha dedicato la canzone Un uomo migliore[30][31].

Nella stagione 2 di Squadra antimafia - Palermo oggi venne scelto per interpretare il ruolo di Ivo Principe detto il Catanese, ex pugile e riscossore del pizzo assoldato da Rosy Abate come killer; il suo personaggio comparve anche nella successiva stagione 3 per poi essere ucciso in una delle puntate.

Nel 2012 condusse il programma Libertà di parola - La fabbrica delle opinioni su Canale Italia.[32] Nel 2015 fu il protagonista di Metamorfosi, documentario scritto, girato tra il 2011-2012 e diretto da Jacopo Giacomini e Roberto Gentili in cui raccontò l'ultimo periodo della sua vita prima del coinvolgimento nelle inchieste giudiziarie[33][34] che lo portarono al secondo arresto.

Procedimenti giudiziari

Negli anni Fabrizio Corona è stato oggetto di diversi procedimenti giudiziari, nell'ambito dei quali furono pronunciate, in primo grado o in appello, sentenze di condanna e successivamente di assoluzione in grado definitivo, oltre che alcuni provvedimenti di custodia cautelare e di condanna. Più volte è stato inoltre multato per infrazioni commesse alla guida[35][36][37][38][39].

Inchiesta Vallettopoli (2007-2014)

Ampia eco mediatica ebbe il coinvolgimento di Corona nell'inchiesta della Procura di Potenza "Vallettopoli", condotta dal PM Henry John Woodcock. Il 13 marzo 2007 venne infatti arrestato con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata all'estorsione[40].

È stato in prigione per 77 giorni[41], divisi fra il carcere di Potenza (33 giorni) e il carcere di San Vittore di Milano (44 giorni). Il 29 maggio dello stesso anno gli vennero poi concessi gli arresti domiciliari[42] ed il 29 febbraio 2008 fu rinviato a giudizio[43].

Filone di Milano (2009-2011)

Gli atti dell'inchiesta vennero trasmessi anche a Milano, dove Corona fu indagato per presunte estorsioni e tentate estorsioni ai danni di alcune celebrità, tra cui il manager Lapo Elkann ed i calciatori Alberto Gilardino[44] ed Adriano[45]. Il 10 dicembre 2009 la 5ª sezione penale del Tribunale di Milano lo condannò quindi a 3 anni e 8 mesi di reclusione[46]; la pubblica accusa aveva invece chiesto 7 anni e 2 mesi[47].

Successivamente, in appello, venne ridotta ad 1 anno e 5 mesi la condanna per tentata estorsione ai danni dei calciatori Francesco Coco e Adriano[45]; la sentenza venne poi riconfermata anche dalla Cassazione il 21 ottobre 2012[48].

Filone di Roma (2007)

Nel 2007 il GIP Tommaso Picazio accolse la richiesta della procura di Roma di archiviare un filone dell'indagine lì trasmessa per competenza e riguardante una presunta estorsione da parte di Corona ai danni del calciatore Francesco Totti per evitargli la pubblicazione — alla vigilia del suo matrimonio — di un'intervista rilasciata dalla showgirl Flavia Vento in cui vi erano riferimenti ad un presunto flirt tra lei e Totti[49].

Filone di Torino (2010-2014)

Indagato dalla procura di Torino per un presunta estorsione ai danni del calciatore David Trezeguet, al quale Corona avrebbe chiesto 25.000 euro per acquistare un servizio fotografico che lo ritraeva in compagnia di una donna (che non era la moglie[50]) all'uscita da una discoteca, il 12 marzo 2010 Corona venne condannato in primo grado a 3 anni e 4 mesi di reclusione[51].

Nel 2012 in appello la sentenza venne riformulata, condannandolo a 5 anni di reclusione con interdizione permanente dai pubblici uffici e una multa di 1.000 euro[52]; il 18 gennaio 2013 la Cassazione la confermò[53]. Resosi latitante, 5 giorni dopo si costituì a Cascais[54]. Estradato in Italia per via aerea, il 25 fu condotto nel carcere di Busto Arsizio[55] dove venne condannato a 7 anni, 10 mesi e 17 giorni in continuazione e gli venne revocato dell'affidamento in prova che aveva ottenuto per il cumulo di condanne definitive sotto i tre anni[56].

Dopo 51 giorni di detenzione nel carcere di Busto Arsizio, il 17 marzo, fu trasferito nel carcere di Opera.[57]

Nel 2014 venne diffusa a In onda su LA7 una sua lettera in cui si dichiarò pentito degli errori commessi[50]; diversi personaggi pubblici tra cui Adriano Celentano, Fiorello e Marco Travaglio chiesero pubblicamente all'allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano la concessione della grazia[58]. Fu poi lo stesso Corona, attraverso l'avvocato Ignazio La Russa, a chiedere a Napolitano una grazia parziale che gli avrebbe consentito l'accesso ad una pena alternativa.[59][60]

Nel 2015 i legali di Corona ne chiesero la detenzione domiciliare presentando una consulenza psichiatrica di parte in cui si affermava fosse affetto da psicosi. Una relazione dei medici del carcere di Opera certificò l'esistenza di problemi di natura psicologica ed una cura con psicofarmaci. Il sostituto PG Giulio Benedetti espresse tuttavia parere negativo alla richiesta[61][62][63] e successivamente il tribunale di sorveglianza dispose un'ulteriore perizia psichiatrica per Corona[64], i cui risultati vennero depositati dal primario dell'ospedale San Paolo di Milano.[65]

Spendita di banconote false (2008)

Nel 2008 si rese protagonista di due episodi di spendita di banconote false. In particolare, il 28 febbraio Corona pagò in due bar dell'aeroporto di Fiumicino con due banconote da 100 euro rivelatesi non autentiche[66]. Il 3 marzo venne poi fermato ed arrestato a Orvieto lungo l'autostrada dopo aver tentato di disfarsi di alcune banconote con cui aveva in parte tentato di spendere in autogrill.[67]

Fu condannato a 1 anno e 6 mesi di reclusione per detenzione e spendita di denaro falso[68], cui si aggiunsero per il secondo fatto avvenuto in continuazione, altri 4 mesi di carcere, poi convertiti in una sanzione di 4.560 euro, e 300 euro di multa.[69]

Corruzione e reati tributari (2007-2015)

Nel corso della prima detenzione a San Vittore per l'inchiesta Vallettopoli, Corona diede 4.000 euro ad un agente della Polizia Penitenziaria per farsi consegnare una macchina fotografica con cui realizzò un servizio fotografico che vendette ricavandone 20.000 euro. Per tale vicenda l'8 marzo 2010 venne condannato con rito abbreviato a 1 anno e 8 mesi per corruzione; la pena tenne conto anche di un suo risarcìmento spontaneo di 8.000 euro al ministero della Giustizia[70]. Il 26 marzo 2012 in appello la condanna venne ridotta ad 1 anno, 2 mesi e 5 giorni[71] e poi convalidata il 4 giugno 2013 dalla Cassazione[72].

In parallelo a questo fatto nel dicembre 2008, a seguito di un'istanza presentata dalla Mondadori Pubblicità (per una fattura da 45.000 euro non pagata), la Corona's SRL venne dichiarata fallita dal Tribunale di Milano; di conseguenza Fabrizio Corona fu indagato per bancarotta fraudolenta ed evasione fiscale[73]. Rinviato a giudizio nel 2010[74][75], fu condannato a 4 anni di carcere[76][77] nel 2011, che vennero poi ridotti in appello nel 2012 a 3 anni e 10 mesi.[78] La sentenza fu riconfermata in Cassazione nel 2013[79] ed andò a sommarsi alle precedenti condanne nei confronti di Corona divenute definitive.

Nel 2014 la Cassazione lo condannò definitivamente 1 anno di carcere per evasione fiscale relativa ad omessi versamenti da parte della sua società per 488.205 euro relativi al periodo di imposta 2004[80]. Lo stesso anno fu assolto dal tribunale di Milano per insussistenza dei fatti contestati[81][82] rispetto all'ipotesi di evasione del fisco nel biennio 2007/2008 per 1,3 milioni di Euro.[83]

Il 28 gennaio 2015 i giudici della prima sezione penale della Corte di cassazione di Roma annullarono la continuazione per i reati di corruzione (1 anno e 2 mesi) e di bancarotta e frode fiscale (3 anni e 10 mesi) e condannarono Corona a 13 anni e 2 mesi (anziché 9 anni e 8 mesi) ed al pagamento delle spese processuali.[3]

Dopo 823 giorni di detenzione nel carcere di Opera, il 18 giugno dello stesso anno il giudice di sorveglianza dispose la sospensione della pena per motivi di salute e l'affidamento di Corona in prova ai servizi sociali presso la comunità Exodus di Don Mazzi, dove avrebbe dovuto scontare una pena residua di 5 anni.[84][85][86][87] Il 27 ottobre 2015 il tribunale di sorveglianza milanese concesse poi l’affidamento in prova ai servizi sociali sul territorio.[88]

Diffamazione, truffa ed altri reati (2010-2015)

Querela di Simona Ventura (2010-2011)

Nel 2011 venne assolto in primo grado dall'accusa di aver diffamato Simona Ventura; la showgirl lo aveva querelato a causa di una lettera pubblicata su Chi nel 2009 in cui si riportavano episodi avvenuti nei 12 anni di frequentazione comune con Lele Mora[89].

Querela di Beatrice Baratto (2010-2011)

Nel 2012 il Tribunale di Milano condannò Corona a 9 mesi di reclusione in primo grado per aver incassato 10.000 euro dalla giornalista ligure Beatrice Baratto in cambio di collaborazioni giornalistiche e ospitate in televisione, salvo poi non mantenere l'accordo preso nel 2010.[90] Nel 2013 nel corso di una puntata di Pomeriggio Cinque con ospite la Baratto, Corona e la conduttrice Barbara d'Urso ebbero un alterco per il quale la conduttrice gli chiese poi 100.000 euro a titolo di risarcimento[91][92].

Querela di Giuseppe Castaldo (2011-2013)

Nel 2011 Corona fu querelato dall'imprenditore Giuseppe Castaldo per truffa contrattuale in quanto aveva stipulato con la Fenice Srl un contratto non rispettato per la promozione di un marchio di abbigliamento sportivo che prevedeva, per 6.000 euro, anche la presenza della showgirl Sara Tommasi come testimonial. All'imprenditore fu poi comunicato che la Tommasi non avrebbe potuto promuovere la linea di abbigliamento in quanto coinvolta in una inchiesta sulle serate avvenute nella residenza di Arcore di Silvio Berlusconi.[93]

Querela di Daniele Moschitta (2011-2013)

Nel 2011 noleggiò da Daniele Moschitta una Audi A8 per poi restituirla dopo 15 giorni rispetto alla data pattuita di riconsegna, con 25 multe e senza pagare la società di noleggio[94][95]. A seguito di tale vicenda, nel 2018 i due raggiunsero un accordo che prevedeva il versamento di 7.300 euro a Moschitta come risarcimento[96]; venne pertanto disposto il non luogo a procedere nei confronti di Corona, che nel frattempo era stato querelato al tribunale di Bolzano per appropriazione indebita[97].

Querela di Concetta Serrano (2011-2014)

Nel 2014 raggiunse un accordo con Concetta Serrano, madre della giovane Sarah Scazzi uccisa nel 2010 ad Avetrana, per la remissione di una querela per violazione di domicilio[98]; nel 2011 si era infatti introdotto nella sua abitazione con l'obiettivo di realizzare una intervista esclusiva per alcuni settimanali[99].

Richiesta di indagine del PM Mariano Fadda (2013)

Nel 2013 Corona depose come testimone in un processo su presunte fatture false ed episodi di peculato riguardanti spettacoli organizzati al casinò di Campione d'Italia; nel corso dell'udienza ebbe un alterco con il PM Mariano Fadda e fornì una differente versione su un episodio inerente alla mancata esibizione di Nina Morić e Alessia Fabiani al casinò. Fadda chiese quindi al tribunale la trasmissione degli atti in procura al fine di indagare Corona per oltraggio al magistrato in udienza e falsa testimonianza.[100][101]

Querela di Barbara d'Urso (2013-2015)

Nel 2013 a Domenica Live la conduttrice Barbara D'Urso affermò di avere in corso una causa con Fabrizio Corona in quanto quest'ultimo, avrebbe pubblicato su un settimanale in prima pagina una foto di suo figlio asserendo che fosse intento a fumare uno spinello; in realtà si rivelò essere una sigaretta[102]. Dal carcere scrisse poi una lettera di scuse alla D'Urso, che lesse nella stessa trasmissione nel 2015[103].

Rinvio a giudizio per diffamazione (2019-)

Il 18 novembre 2019, a seguito di un articolo comparso su King Corona Magazine in cui veniva ipotizzato un flirt tra Brozović e Wanda Nara, Corona è stato rinviato a giudizio per diffamazione ai danni del croato, dell'argentina e del marito di quest'ultima, Mauro Icardi[104].

Intestazione fittizia di beni (2016-)

Il 7 ottobre 2016, su richiesta del PM Alessandra Dolci e del procuratore aggiunto Ilda Boccassini, la sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano sequestrò a Corona, allora affidato ai servizi sociali, 1,7 milioni di euro in contanti rinvenuti nel controsoffitto di una casa appartenente ad un uomo, ritenuto di fatto l'amministratore di una società[105]. Ciò portò in seguito alla revoca del provvedimento con cui fu affidato in prova ai servizi sociali in quanto accusato di intestazione fittizia di beni, che si sarebbe consumata nel corso dell'affidamento[106]. Il 10 ottobre venne arrestato e portato per la seconda volta nel carcere di San Vittore.[107] Nello stesso anno gli venne inoltre sequestrata un'abitazione in quanto ritenuta intestata a prestanomi[108].

Dopo 499 giorni di detenzione, il 21 febbraio 2018 il tribunale di sorveglianza milanese ne dispose poi un secondo affidamento provvisorio e terapeutico in una comunità di Limbiate, consentendogli anche di utilizzare l'abitazione sequestrata per dormire[109]. In seguito gli fu permesso di tornare a svolgere la propria attività lavorativa, estendendo gli orari in cui poteva restare fuori casa, e consentendogli l'uso di telefono e social network per promuovere il proprio lavoro[110].

Il 25 marzo 2019 venne riportato in carcere dopo che il magistrato di sorveglianza del tribunale di Milano ne sospese l'affidamento terapeutico; la decisione venne presa a seguito di diverse violazioni alle prescrizioni, tra cui il non aver comunicato parte dei suoi spostamenti al commissariato di zona, un'intervista a Non è l'Arena in cui si definiva stanco degli obblighi imposti ed, infine, il comportamento assunto durante una puntata de L'isola dei famosi nel corso di un intervento relativo ad un presunto tradimento della moglie di Riccardo Fogli[111]. Il 19 aprile dello stesso anno il tribunale dispose quindi la revoca dell'affidamento in prova, prevedendo anche che 5 dei mesi già scontati da Corona, non venissero ritenuti validi per l'espiazione della pena complessiva[112].

Dopo 257 giorni di detenzione nel carcere milanese, il 7 dicembre 2019 fu trasferito in un istituto di cura vicino a Monza, dove venne sottoposto a cure psicologiche per il progredire di disturbi della personalità borderline, associati a tendenze narcisistiche ed episodi depressivi[113]. Nel 2020 venne ripreso fuori da un residence di Milano nel quale stava scontando gli arresti domiciliari[114][non chiaro]; il 12 giugno dello stesso anno la Cassazione dispose che lo stesso Corona non dovesse scontare la pena aggiuntiva di 9 mesi per la revoca dell’affidamento in modo retroattivo.[115] Il 18 marzo 2021 la prima sezione penale della Suprema Corte ha dichiarato inammissibile il ricorso dei difensori di Corona e, accogliendo la richiesta del PG di Milano Antonio Lamanna, ha disposto di non conteggiare i 9 mesi di reclusione già scontati in affidamento terapeutico tra febbraio e novembre 2018, disponendo che lo stesso Corona dovrà scontarli nuovamente[116].

L'11 marzo 2021, a seguito di numerose reiterate violazioni rilevate dai magistrati, il Tribunale di Sorveglianza ne dispone il ritorno in carcere.[6] Contro tale decisione Corona si è ferito ai polsi ed è stato ricoverato al reparto di psichiatria dell'ospedale Niguarda[117], ove inizia per protesta, uno sciopero della fame[118], poi concluso dopo circa tre settimane. Viene trasferito alla sera del 22 marzo in regime di detenzione presso il carcere di Monza.[119]

Denuncia per minacce a magistrati (2021-)

Nel 2021 il PG del tribunale di Milano Antonio Lamanna, dopo la diffusione di un video pubblicato da Corona su Instagram in cui attaccava i giudici a seguito della revoca del differimento pena in detenzione domiciliare, ha sporto una querela per minacce nei suoi confronti; la denuncia sarà valutata dal tribunale di Brescia, competente per i reati commessi verso i magistrati della città meneghina. Analogo provvedimento potrebbe essere intrapreso dal giudice del tribunale di sorveglianza Marina Corti, che si è riservata di decidere in merito[118].

Filmografia

Attore

Cinema

Televisione

Videoclip

  • Corona non perdona - Kalief (2007)
  • Pazzesco - Kalief (2010)
  • Un uomo migliore - Ultimo (feat. Giancarlo Giannini) (2015)
  • Via da te - Rosario Mallardo (2016)
  • Adalet giustizia e libertà - Mr Anonimo (2018)
  • Gianni! dimmi Fabrizio - Mr Anonimo (2018)
  • E staje male - Marco Calone (2018)

Programmi televisivi

Opere

Note

  1. ^ Fabrizio Corona, una vita «spericolata», su milano.corriere.it, 7 dicembre 2019. URL consultato il 23 marzo 2021.
  2. ^ Fabrizio Corona, la Cassazione: "No allo sconto di pena", su liberoquotidiano.it. URL consultato il 29 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2015).
  3. ^ a b Fabrizio Corona, Cassazione annulla sconto di pena da 13 a 9 anni, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  4. ^ Fabrizio Corona esce dal carcere, per lui detenzione domiciliare “umanitaria”, su affaritaliani.it, 9 dicembre 2020. URL consultato il 14 marzo 2021.
  5. ^ Cristina Bassi, Scuse di Corona. Ma per il pg deve tornare ancora in cella, su ilgiornale.it, 9 marzo 2021. URL consultato il 10 marzo 2021.
  6. ^ a b Fabrizio Corona torna in carcere, sui social se la prende con i magistrati, su milano.corriete.it, 11 marzo 2021. URL consultato l'11 marzo 2021.
  7. ^ Personaggi/ Fabrizio Corona, il padre Vittorio e l'arte del fotogossip, su affaritaliani.it, 7 dicembre 2006. URL consultato il 12 marzo 2021.
  8. ^ Fabrizio Corona, figlio di giornalisti, su invidia.it. URL consultato il 3 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2013).
  9. ^ a b c d Giorgio Dell'Arti, Biografia di Fabrizio Corona, in cinquantamila.it, 24 gennaio 2015. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  10. ^ La Repubblica, Moric: "Mi separo da Fabrizio", su repubblica.it, 2 aprile 2007. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  11. ^ Nina Moric: "Finalmente ho divorziato da Corona. Ora mi pento di cosa ci siamo fatti", su tvzap.kataweb.it, 12 aprile 2014. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  12. ^ Laura Rio, Belen rivive un incubo: "Ho perso un bambino per il mio video rubato", in ilgiornale.it, 23 settembre 2016. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  13. ^ Silvia Provvedi delle Donatella lo ammette: amo Fabrizio Corona, su ilgiorno.it, 3 novembre 2015. URL consultato il 25 marzo 2021.
  14. ^ a b c d e Alessandro Penna-Marianna Aprile, Ultimo atto: dalla Milano-bene ai guai passando per Belen, in Oggi, 6 febbraio 2013, pp. 16–26.
  15. ^ Corona attacca Vespa e Mentana, su qn.quotidiano.net. URL consultato il 21 marzo 2012.
  16. ^ a b CORONA RISORGE COME LA FENICE (SRL) - IL TESORETTO DA 1,5 MLN DELL'IDOLO DI VALLETTOPOLI dagospia.com, 30 ottobre 2009
  17. ^ 106 Collection: La nuova linea di abbigliamento di Fabrizio Corona, su assauei.wordpress.com, 3 marzo 2009. URL consultato il 10 marzo 2021.
  18. ^ FABRIZIO CORONA RISTOBAR, su aziende.virgilio.it (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2013).
  19. ^ Fabrizio Corona diventa coiffeur a Bologna, su nonmidire.it (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2013).
  20. ^ Belen, musa ispiratrice di Corona Archiviato il 2 giugno 2011 in Internet Archive., articolo di TGcom, del 30 maggio 2011
  21. ^ Fabrizio Corona - Comunicazione e progetti Archiviato il 22 marzo 2009 in Internet Archive. fabriziocorona.it
  22. ^ Giulia Galletta, Corona, la storia si ripete: nasce ‘Adalet’ il nuovo brand d’abbigliamento di Fabrizio, su sportfair.it, 3 aprile 2018. URL consultato il 27 marzo 2021.
  23. ^ Il giornale voluto da Fabrizio Corona diventa cartaceo, su varesenews.it.
  24. ^ A.Rov., Corona mette in vendita le magliette "To Be Free“, su milanotoday.it, 23 febbraio 2013.
  25. ^ Francesco Viviano, Vallettopoli, a Potenza la sfilata dei vip Caccia alle foto scottanti di Corona a Lugano, su larepubblica.it, 26 marzo 2007.
  26. ^ Non solo foto Corona lavorò per Inter Channel, su archiviostorico.gazzetta.it, 14 marzo 2007. URL consultato il 12 marzo 2021.
  27. ^ Eliminazione di Corona a 'La fattoria' - Video - Striscia la Notizia, 23 marzo 2009. URL consultato il 20 giugno 2018.
  28. ^ federico40, Scarface 2010: iniziate le riprese del remake con Fabrizio Corona – ecco le prime foto dal set, su cineblog.it, 12 agosto 2010.
  29. ^ E "il Kennedy italiano" diventato regista caccia Fabrizio Corona, su diariopernondimenticare.blogspot.com, 7 novembre 2010. URL consultato il 1º maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 giugno 2018).
  30. ^ Fabrizio Corona scrive a Ultimo: «Mi dedicasti una canzone, ora mi mangio le mani...», su ilmessaggero.it, 13 febbraio 2019.
  31. ^ Il nuovo singolo del giovane cantautore romano, su tgcom24.mediaset.it, 18 aprile 2015.
  32. ^ Corona, conduttore di un «people show» in tv, su milano.corriere.it, 30 marzo 2012.
  33. ^ Corona presenta Metamorfosi film sui cambiamenti del suo 'io', su lapresse.it. URL consultato il 13 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2015).
  34. ^ Il 10 settembre Fabrizio Corona arriva al cinema, su iltempo.it. URL consultato il 13 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2015).
  35. ^ TGcom, Corona nei guai:guida senza patente, su tgcom.mediaset.it, 2 gennaio 2008. URL consultato il 3 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2008).
  36. ^ Corriere della Sera, Corona, due multe in poche ore per eccesso di velocità, su corriere.it, 10 novembre 2009.
  37. ^ la Repubblica, Fabrizio Corona e Belen multa e niente cachet, su torino.repubblica.it, 8 novembre 2009.
  38. ^ Corriere della Sera, Corona non perde il vizio: fermato senza patente a Milano, su corriere.it, 3 agosto 2010.
  39. ^ Ancora guai per Fabrizio Corona: beccato senza casco, su affaritaliani.libero.it, 13 maggio 2009 a. URL consultato il 4 aprile 2021 (archiviato il 16 maggio 2009).
  40. ^ Corriere della Sera, Arrestato Corona, espatrio vietato per Mora, su corriere.it, 13 marzo 2007.
  41. ^ Fabrizio Corona trascorre 77 giorni in carcere, su invidia.it. URL consultato l'11 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2013).
  42. ^ La Repubblica, Inchiesta vip: Gip Potenza concede domiciliari a Corona, su newscontrol.repubblica.it, 29 maggio 2007.
  43. ^ Corriere della Sera, Vallettopoli, Fabrizio Corona a processo, su corriere.it, 29 febbraio 2008.
  44. ^ Gilardino: Ho dato seimila euro a Corona - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it, 30 gennaio 2009. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  45. ^ a b Corriere della Sera, Fotoricatti ai vip, pena ridotta in appello per Fabrizio Corona: un anno e 5 mesi, su milano.corriere.it, 2 dicembre 2010.
  46. ^ Tre anni e 8 mesi a Fabrizio Corona, su ansa.it.
  47. ^ Il Messaggero, Foto e ricatti, pm chiede 7 anni di carcere per Corona, su ilmessaggero.it, 28 ottobre 2009. URL consultato il 28 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2012).
  48. ^ Fotoricatti ai vip, anche la Cassazione condanna Corona a un anno e 5 mesi - Milano - Repubblica.it, su Milano - La Repubblica. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  49. ^ gasport, Totti, nessuna estorsione Archiviato il caso Vento - Gazzetta dello Sport, su www.gazzetta.it, 27 novembre 2007. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  50. ^ a b Fabrizio Corona, lettera dal carcere di Opera: “Questa non è più una vita”, su ilfattoquotidiano.it, 8 agosto 2014.
  51. ^ Corona In Carcere Senza Prove A Carico, Una Sentenza Che Fa Paura ,Meridiana Web Magazine, su meridianamagazine.org. URL consultato il 7 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2013).
  52. ^ Redazione Online, Caso Trezeguet, Corona condannato a 5 anni, su Corriere della Sera. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  53. ^ Vallettopoli: 5 anni a Corona per estorsione, la procura ordina l’arresto, il Fatto Quotidiano, 18 gennaio 2013. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  54. ^ Fabrizio Corona si arrende e piange: si è costituito a Lisbona, su ilmessaggero.it, 23 gennaio 2013.
  55. ^ Corona va in carcere a Busto Arsizio, su lastampa.it, 25 gennaio 2013.
  56. ^ È San Valentino, Fabrizio Corona divorzia Archiviato il 18 febbraio 2013 in Internet Archive. Il Secolo XIX, 14 febbraio 2013
  57. ^ Fabrizio Corona trasferito al carcere di Opera, su milano.corriere.it, 17 marzo 2013.
  58. ^ Fabrizio Corona trattato peggio dei boss al 41 bis”. Imprenditore antiracket accusa, su ilfattoquotidiano.it, 1º ottobre 2014.
  59. ^ Fabrizio Corona chiede la grazia: «Ho bisogno di essere curato», su milano.corriere.it, 8 dicembre 2014.
  60. ^ Corona, chiesta la grazia "parziale" al presidente Napolitano, su tgcom24.mediaset.it, 8 dicembre 2014.
  61. ^ Corona sta malissimo, su liberoquotidiano.it, 21 gennaio 2015.
  62. ^ Fabrizio Corona ai giudici: “Ho problemi psicologici, datemi un'opportunità”, su ilfattoquotidiano.it, 21 gennaio 2015.
  63. ^ “Sto male”, Corona chiede di uscire dal carcere, su lastampa.it, 22 gennaio 2015.
  64. ^ Corona, il Tribunale di sorveglianza dispone perizia psichiatrica, su milano.corriere.it, 26 gennaio 2015.
  65. ^ Evasione fiscale, Fabrizio Corona prosciolto: era sotto accusa per un milione di euro, su ilmessaggero.it, 4 marzo 2015.
  66. ^ Corona: soldi falsi anche a Fiumicino, su corriere.it, 4 marzo 2008.
  67. ^ Corona e i suoi due amici arrestati, in carcere a Orvieto, su newscontrol.repubblica.it, 3 marzo 2008.
  68. ^ Corona patteggia ed esce di prigione, su corriere.it, 5 marzo 2008.
  69. ^ Fabrizio Corona condannato per ricettazione pistola e banconote false, su ansa.it, 12 ottobre 2009.
  70. ^ "Nuova condanna per Fabrizio Corona. Un anno e 8 mesi per il re dei paparazzi", su repubblica.it, 8 marzo 2010.
  71. ^ Corona condannato in appello: «Ha corrotto guardia carceraria, su ilmessaggero.it.
  72. ^ Fabrizio Corona, condanna definitiva a 14 mesi per corruzione, su ilfattoquotidiano.it, 4 giugno 2013.
  73. ^ Il Giornale, Inchiesta vip: Corona indagato per bancarotta, su ilgiornale.it, 24 marzo 2009.
  74. ^ Corona Lele Mora evasione 17 milioni di euro [collegamento interrotto], su cronacamilano.it, 29 luglio 2010.
  75. ^ Vallettopoli, Corona e Mora a giudizio per evasione fiscale, su repubblica.it, 30 luglio 2010.
  76. ^ Fabrizio Corona condannato a 4 anni per bancarotta ed evasione fiscale, su corriere.it, 28 aprile 2011.
  77. ^ Corona condannato a 4 anni per evasione fiscale e bancarotta, su ilfattoquotidiano.it, 28 aprile 2011.
  78. ^ Evasione fiscale, Corona condannato, su livesicilia.it, 7 giugno 2012.
  79. ^ Cassazione: definitiva la condanna a 46 mesi di carcere per Corona, 10 aprile 2013.
  80. ^ Fabrizio Corona, Irpef evasa nel 2004 - La Cassazione lo condanna a un altro anno, in Corriere della Sera, 30 gennaio 2014. URL consultato il 12 giugno 2014.
  81. ^ Fabrizio Corona assolto dall’accusa di evasione fiscale, in Corriere della Sera, 12 giugno 2014. URL consultato il 12 giugno 2014.
  82. ^ Corona assolto da evasione fiscale, in ANSA, 12 giugno 2014. URL consultato il 12 giugno 2014.
  83. ^ Fabrizio Corona, nuovo processo: accusato di evasione fiscale da un milione di euro, in Il Giorno, 6 febbraio 2014. URL consultato il 12 giugno 2014.
  84. ^ Fabrizio Corona lascia il carcere di Opera. Milano, sarà affidato ai servizi sociali, su tgcom24.mediaset.it, 18 giugno 2015.
  85. ^ Fabrizio Corona scarcerato, il giudice di Milano lo affida a don Mazzi. Lui: 'Dentro non ci torno', su milano.repubblica.it, 18 giugno 2015.
  86. ^ Fabrizio Corona lascia il carcere, andrà da don Mazzi, su ansa.it, 18 giugno 2015.
  87. ^ Corona è a Exodus di Lonate «Felice. E mai più in prigione», su laprovinciadivarese.it, 19 giugno 2015.
  88. ^ Fabrizio Corona torna a casa, affidato ai servizi sociali, su lastampa.it, 27 ottobre 2015. URL consultato il 20 giugno 2018.
  89. ^ Milano, assolto Fabrizio Corona, su repubblica.it, 23 maggio 2011.
  90. ^ Fabrizio Corona condannato a 9 mesi per aver truffato Beatrice Baratto, pierre imperiese Archiviato il 16 novembre 2012 in Internet Archive. riviera24.it, 13 novembre 2012
  91. ^ Barbara d'Urso chiede 100.000 euro di risarcimento a Fabrizio Corona Archiviato il 9 novembre 2013 in Internet Archive. sologossip.com, 1º agosto 2010
  92. ^ Corona alla d'Urso: «Ti farò guerra», su corrieredelmezzogiorno.corriere.it, 15 dicembre 2009.
  93. ^ Imprenditore denuncia: «Con i miei soldi Corona ha comprato l'anello di Belen», su messaggeroveneto.gelocal.it, 20 luglio 2011. URL consultato l'11 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2013).
  94. ^ Corona in tribunale: noleggia auto per un mese, prende 25 multe e non paga nulla Archiviato il 31 ottobre 2012 in Internet Archive. ilgazzettino.it, 22 aprile 2012
  95. ^ Per Corona processo a Bolzano Archiviato il 9 novembre 2013 in Internet Archive. http://altoadige.gelocal.it Archiviato l'11 febbraio 2013 in Internet Archive., 22 aprile 2012
  96. ^ Il re dei paparazzi si “arrende” e paga - Cronaca - Alto Adige, su altoadige.gelocal.it. URL consultato il 2 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2013).
  97. ^ Accordo al processo Corona, su salto.bz, 18 giugno 2013.
  98. ^ Corona in casa di Sarah Scazzi: la madre della ragazzina ritira la querela, su unionesarda.it, 17 dicembre 2014.
  99. ^ violazione di domicilio Archiviato il 14 marzo 2013 in Internet Archive. corriere del giorno, 11 marzo
  100. ^ "Mi devi portare rispetto". Corona litiga con il pm di Como affaritaliani.it, 5 marzo 2013
  101. ^ Fabrizio Corona: "oltraggia" il magistrato in aula, su huffingtonpost.it, 5 marzo 2013.
  102. ^ Barbara d'Urso vs Corona: “Disse che mio figlio fumava spinelli. Non lo accetto”, su blitzquotidiano.it, 28 gennaio 2013.
  103. ^ Fabrizio Corona scrive a Barbara d'Urso: "Sono cambiato, non merito il carcere", su tgcom24.mediaset.it, 19 gennaio 2015.
  104. ^ Ipotizzò presunto flirt tra Brozovic e Wanda Nara: la decisione del Gup su Fabrizio Corona, su sport.sky.it, 18 dicembre 2019. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  105. ^ Fabrizio Corona, il tribunale gli sequestra 1,7 milioni in contanti: "Soldi in nero, erano nel controsoffitto", su repubblica.it, 7 ottobre 2016. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  106. ^ Copia archiviata, su mobile.ilsole24ore.com. URL consultato il 19 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2016).
  107. ^ Fabrizio Corona torna in carcere. Disposto l’arresto dopo il sequestro di un 1,7 milioni, su ilfattoquotidiano.it, 10 ottobre 2016.
  108. ^ Emilio Randacio, Sequestrata casa Corona in centro a Milano: vale 2,5 milioni. I pm: "Compravendita a beneficio di un pregiudicato", su milano.repubblica.it, 7 novembre 2016. URL consultato il 15 novembre 2016.
  109. ^ Fabrizio Corona esce dal carcere, il tribunale: "Torni in comunità", su repubblica.it, 21 febbraio 2018. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  110. ^ Milano, Fabrizio Corona potrà tornare a fare serate e a usare i social network, in corrieredellasera.it, 15 maggio 2018. URL consultato il 16 maggio 2018.
  111. ^ Fabrizio Corona torna in carcere: "Con il caso Fogli ha violato le regole per l'affidamento terapeutico", su repubblica.it, 25 marzo 2019. URL consultato il 26 marzo 2019.
  112. ^ Milano, Fabrizio Corona resta in carcere: sconterà di nuovo 5 mesi, su Tgcom24. URL consultato il 19 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2019).
  113. ^ Luigi Ferrarella, Fabrizio Corona fuori dal carcere: «Deve fare cure psichiatriche», su corrieredellasera.it, 7 dicembre 2019. URL consultato il 7 dicembre 2019.
  114. ^ Giuseppe Fumagalli, Per una volta Corona rispetta le regole, in Oggi, 26 marzo 2020, p. 56.
  115. ^ Fabrizio Corona dopo la sentenza: “Sentirete presto parlare di me”, su ilgiornale.it. URL consultato il 17 giugno 2020.
  116. ^ Fabrizio Corona altri 9 mesi in carcere, lo ha deciso la Cassazione - Cronaca, su ansa.it, 18 marzo 2021. URL consultato il 19 marzo 2021.
  117. ^ I giudici: "Fabrizio Corona deve tornare in cella" Lui si taglia i polsi e viene ricoverato in psichiatria, su tgcom24.mediaset.it, 11 marzo 2021. URL consultato il 12 marzo 2021.
  118. ^ a b Corona denunciato per minacce dopo frasi contro toghe Milano, su ansa.it, 17 marzo 2021. URL consultato il 17 marzo 2021.
  119. ^ Fabrizio Corona dimesso dall'ospedale e portato in carcere a Monza, su ilmattino.it, 22 marzo 2021.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN170509487 · ISNI (EN0000 0001 1928 0282 · SBN IT\ICCU\MILV\327114 · LCCN (ENno2011064764 · WorldCat Identities (ENlccn-no2011064764