Fabrizio Bertot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fabrizio Bertot

Fabrizio Bertot (Torino, 23 febbraio 1967) è un politico italiano.

È stato sindaco di Rivarolo Canavese dal 2003 al 2012, quando il Consiglio comunale è stato sciolto per presunti contatti con la 'ndrangheta[1]. Il 30 maggio 2015 la Corte d’appello ha condannato l'ex segretario comunale Antonino Battaglia e l'imprenditore Giovanni Macrì per avere procacciato voti per Bertot in cambio di promesse di denaro[2]. Il 12 maggio 2016 la Corte di Cassazione derubrica il reato a semplice illecito elettorale rinviandoli entrambi alla Corte d'Appello per la rideterminazione della pena escludendo definitivamente implicazioni di tipo mafioso[3] e confermando la mancata dazione di denaro. Fabrizio Bertot non è mai stato indagato per alcuna ipotesi di reato sull'intera vicenda.

Nell'aprile 2013 sostituisce Gabriele Albertini, eletto senatore, come deputato europeo.

Attività parlamentare: relatore sulla partecipazione finanziaria dei dipendenti agli utili d'impresa - presenza in aula 97%[4] - interventi in seduta plenaria n. 100 - interrogazioni parlamentari n. 34

Eletto al Parlamento europeo nelle liste PDL aderisce alla rinata Forza Italia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie