Fabrizio Bertot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fabrizio Bertot

Fabrizio Bertot (Torino, 1967) è un politico italiano.

È stato sindaco di Rivarolo Canavese dal 2003 al 2012, quando il Consiglio comunale è stato sciolto per presunti contatti con la 'ndrangheta[1]. Il 30 maggio 2015 la Corte d’appello ha condannato l’ex segretario comunale Antonino Battaglia e l’imprenditore Giovanni Macrì per avere procacciato voti per Bertot in cambio di denaro[2].

Nell'aprile 2013 sostituisce Gabriele Albertini, eletto senatore, come deputato europeo.

Aderisce alla rinata Forza Italia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il comune di Rivarolo Canavese sciolto dal Governo per mafia, Quotidiano Piemontese, 22 maggio 2012. URL consultato il 10 febbraio 2015.
  2. ^ 'Ndrangheta Piemonte, 'voto di scambio per ex europarlamentare Fi Bertot' su Il Fatto Quotidiano. URL consultato il 2015-05-29.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabrizio Bertot su europarl.europa.eu, Parlamento europeo. URL consultato il 10 febbraio 2015.
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie