Fabrizia Sacchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Fabrizia Sacchi (Napoli, 10 febbraio 1971) è un'attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice di teatro, cinema e televisione, si è diplomata presso l'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio D'Amico.

Tra i vari lavori per il grande schermo, vi sono: Nel continente nero (1993), regia di Marco Risi, Preferisco il rumore del mare (2000), regia di Mimmo Calopresti, Da zero a dieci (2002) di Ligabue, La felicità non costa niente, diretto da Mimmo Calopresti, Mundo Civilizado, diretto da Luca Guadagnino, questi ultimi due entrambi del 2003, Apnea (2004), opera prima di Roberto Dordit, e Melissa P. (2005), regia di Luca Guadagnino, in cui è la madre di Melissa.

Nel 2001 ha inoltre recitato una sequenza per la nuova versione americana home-video del classico di Mario Bava Cani arrabbiati (1974), nella parte di una donna che piange all'inizio del film[1].

Tra i lavori per il piccolo schermo ha recitato nella serie tv di Rai Uno Medicina generale (2007-2009), in cui ha il ruolo di Gabriella Boschi.

Nel 2013 è candidata al David di Donatello per la migliore attrice non protagonista e al Nastro d'argento alla migliore attrice non protagonista per il film Viaggio sola [2] e nello stesso anno si laurea in Lettere e Filosofia.[3]

Nel 2017 produce la web serie Il Prete con la regia di Andrea Piretti e nel cast Luciano Scarpa, Terenzio Del Gaudio, Paolo Sassanelli, Sergio Del Prete, Eleonora Russo. La web serie girata a Napoli è arrivata finalista alla sezione Miglior Drama al Roma Web Fest 2017 e ha vinto il Premio Asti Web Cinema.[4]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

  • L'uomo risacca, regia di Luca Guadagnino (2000)
  • Il prete, regia di Andrea Piretti - Webserie (2017)[8]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

È citata nei speciali ringraziamenti nei titolo di coda del film Santa Maradona.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN323489 · ISNI (EN0000 0000 1069 9637 · SBN IT\ICCU\UBOV\756218 · LCCN (ENno2009049265 · GND (DE1169856764 · BNF (FRcb155525160 (data)