Fabio Mini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fabio Mini (Manfredonia, 11 dicembre 1942) è un militare italiano, già comandante della missione KFOR in Kosovo dal 2002 al 2003.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi presso l'Accademia militare di Modena e la Scuola di Applicazione di Torino, si è laureato in Scienze strategiche per poi perfezionarsi in scienze umanistiche presso l'Università Lateranense e in Negoziato internazionale presso l'Università di Trieste.

Tra i vari incarichi è stato portavoce del capo di Stato maggiore dell'Esercito italiano e, dal 1993 al 1996, ha svolto la funzione di addetto militare a Pechino. Ha inoltre diretto l'Istituto superiore di stato maggiore interforze (ISSMI).

Generale di corpo d'armata, è stato capo di Stato maggiore del Comando NATO per il Sud Europa e a partire dal gennaio 2001 ha guidato il Comando Interforze delle Operazioni nei Balcani. Dall'ottobre 2002 all'ottobre 2003 è stato comandante delle operazioni di pace a guida NATO, nello scenario di Guerra in Kosovo nell'ambito della missione KFOR (Kosovo Force).

Commentatore di questioni geopolitiche e di strategia militare, scrive per Limes, la Repubblica e l'Espresso, è membro del Comitato Scientifico della rivista Geopolitica[1] ed è autore di diversi libri. Dal novembre 2015 ha iniziato a collaborare a Il Fatto Quotidiano.

Nel 2012 si è definito scettico delle spiegazioni standard sulle scie chimiche e interessato ad indagare il fenomeno come forma di guerra ambientale.[2]

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • La guerra dopo la guerra. Soldati, burocrati e mercenari nell'epoca della pace virtuale, Torino, Einaudi, 2003
  • Soldati, Torino, Einaudi, 2008
  • Eroi della guerra. Storie di uomini d'arme e di valore, Bologna, il Mulino, 2011
  • Perché siamo così ipocriti sulla guerra?, Chiarelettere, Milano 2012
  • Mediterraneo in guerra. Atlante politico di un mare strategico, Einaudi, 2012, ISBN 9788806211349
  • La guerra spiegata a..., Einaudi 2013

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane
Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 10 luglio 2006[3]
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei ministri»
— 27 dicembre 2003[3]
Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei ministri»
— 27 dicembre 1999[3]
Commendatore dell'Ordine militare d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine militare d'Italia
«Comandante del Contingente internazionale in Kosovo impegnato nell'operazione “Joint Guardian”, si prodigava con chiarezza di obiettivi e di metodo nella condotta di difficili operazioni militari interalleate e multinazionali, nonché in tutte le attività umanitarie e politico-militari connesse con il mandato. In un contesto contrassegnato da difficoltà ambientali e operative e da situazioni di pericolo, portava a compimento il delicato compito affidatogli, evidenziando capacità di comando e diplomatiche, che gli facevano riscuotere consenso, fiducia e ampia considerazione da parte di tutti i Paesi costituenti KFOR e delle fazioni in lotta. I risultati conseguiti sul campo gli sono valsi il plauso e l’ammirazione delle comunità internazionali e degli organi di vertice politico-militari della NATO e dell’ONU, dando così lustro all'Italia ed alle sue Forze Armate. Pristina (Kosovo), 3 ottobre 2002 – 3 ottobre 2003»
— 26 maggio 2004[3]
Croce d'argento al merito dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'argento al merito dell'Esercito
«Ufficiale Generale in possesso di pregevoli qualità intellettuali, dotato di non comuni capacità professionali, sostenute da una vasta preparazione tecnica e da uno spiccato spirito d'iniziativa, si prodigava, con incondizionato impegno e completa dedizione, nell'espletamento di onerosissimi incarichi. In particolare, quale comandante delle forze Nato in Kosovo, dava prova di eccezionale perizia, guadagnando la stima e meritando l'apprezzamento delle unita nazionali ed estere presenti in tale teatro, contribuendo con il proprio operato a rafforzare l'immagine dell'Italia nel contesto internazionale. Successivamente, quale ispettore per il reclutamento e le forze di completamento, conseguiva risultati di assoluto rilievo, dando un fondamentale apporto al conseguimento degli obiettivi della forza armata nello specifico settore. Validissimo dirigente che, grazie alle sue brillanti virtù militari, unite alla straordinaria motivazione e all'instancabile, impegno profuso, ha servito ininterrottamente per oltre quarantadue anni l'istituzione, contribuendo ad accrescere e a rafforzare il lustro e il prestigio dell'Esercito Italiano". Roma, 11 dicembre 2005.»
— 26 maggio 2008[3]
Medaglia mauriziana al merito militare di dieci lustri - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia mauriziana al merito militare di dieci lustri
Medaglia militare al merito di lungo comando (20 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia militare al merito di lungo comando (20 anni)
Croce d'oro per anzianità di servizio (ufficiali e sottufficiali, 40 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'oro per anzianità di servizio (ufficiali e sottufficiali, 40 anni)
Medaglia commemorativa operazioni ONU in Somalia, Operazione "Ibis II" - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa operazioni ONU in Somalia, Operazione "Ibis II"
Croce commemorativa unificata per le missioni di pace all'estero (2) - nastrino per uniforme ordinaria Croce commemorativa unificata per le missioni di pace all'estero (2)
Croce commemorativa per la pubblica sicurezza con barretta "Vespri siciliani" - nastrino per uniforme ordinaria Croce commemorativa per la pubblica sicurezza con barretta "Vespri siciliani"
Cavaliere del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
Onorificenze straniere
Ufficiale della Legion of Merit (Stati Uniti) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale della Legion of Merit (Stati Uniti)
Medaglia commemorativa UN Kosovo - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa UN Kosovo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comitato Scientifico, su geopolitica-rivista.org. URL consultato il 09-01-2011 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2012).
  2. ^ NoGeoIngegneria.com
  3. ^ a b c d e Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN38142806 · ISNI: (EN0000 0000 2296 2068 · SBN: IT\ICCU\CFIV\097638 · LCCN: (ENn00002187 · GND: (DE1052660045 · BNF: (FRcb16652757f (data)