Fabio Croce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fabio Croce

Fabio Croce (Roma, 1960) è un editore, scrittore e politico italiano, attivista per i diritti degli omosessuali.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo venti anni dedicati all'attività di libraio si è dedicato all'editoria, con le omonime Edizioni Croce. È da anni attivista della comunità LGBT italiana e con la sua casa editrice ha pubblicato molti libri che affrontano la tematica omosessuale e la questione di genere.

Ha scritto undici saggi, tra i quali una celebre inchiesta sul caso della morte delle Guardie Svizzere Estermann e Tornay del 4 maggio 1998. Suoi testi teatrali sono andati in scena in vari teatri europei. Nel 1999 debutta Uomini Oltre, nel 2005 Il Cardinal Mia Cara, nel 2008 04/05/98 Strage in Vaticano e nel 2009 Vite Violate – La Pedofilia nella Chiesa Cattolica.

Nel 2001 crea una Gay Street a Roma nella zona del Colosseo. Attivista Arcigay, negli anni ha rappresentato la questione omosessuale in politica, come candidato alla Camera dei deputati con i Verdi, alla Regione Lazio con la Lista civica Marrazzo, al Comune di Roma con la lista civica Roma per Veltroni e successivamente con i Verdi per Veltroni.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 ha fondato la casa editrice Edizioni Croce, che ancora gestisce.

Dal 2013 è Segretario del Premio Nazionale Vittoriano Esposito per la letteratura, a Celano.