Fabiano Massimi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Fabiano Massimi (Modena, 29 giugno 1977) è uno scrittore e traduttore italiano, vincitore del Premio Tedeschi 2017 con Il club Montecristo e autore del thriller storico L'angelo di Monaco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vive a Modena, dove lavora come bibliotecario presso la biblioteca civica Antonio Delfini[1]. Dopo aver studiato al liceo scientifico Wiligelmo di Modena, si è laureato in filosofia all'università di Bologna. Dopo un periodo di studi a Manchester, ha conseguito il master biennale in tecniche della narrazione presso la Scuola Holden di Torino, di cui è stato anche bibliotecario.

Attività professionale[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2003 collabora con diverse case editrici, soprattutto con la Giulio Einaudi Editore di Torino, come lettore, curatore di antologie, traduttore dall'inglese e editor di narrativa e saggistica. Tra gli autori stranieri che ha tradotto figurano Julie Kavanagh, Richard Marinick, James Renner, Roger Smith e Kit Whitfield. Per Einaudi Stile Libero ha curato anche l'autobiografia di Patty Pravo.

Nel 2017 ha vinto il Premio Tedeschi per il miglior romanzo giallo inedito con Il club Montecristo[2], un giallo umoristico pubblicato lo stesso anno nella collana da edicola Il Giallo Mondadori Oro.

A inizio 2020 ha pubblicato L'angelo di Monaco (Longanesi), un thriller storico che ruota intorno alla misteriosa morte di Geli Raubal, nipote prediletta di Adolf Hitler[3]. Il romanzo è stato l'esordio italiano più venduto alla London Book Fair 2019[4].

Ha collaborato con diverse testate giornalistiche, tra cui La Stampa e l'Unità.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il club Montecristo, Milano, Il giallo Mondadori Oro N. 26, 2017
  • L'angelo di Monaco, Milano, Longanesi, 2020 ISBN 978-88-304-5400-2.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincitore del Premio Adelio Ferrero 2002 per la critica cinematografica.
  • Vincitore del Premio Tedeschi 2017 per il miglior giallo inedito.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ “L’angelo di Monaco” di Fabiano Massimi, su premiocomisso.it. URL consultato il 23 marzo 2020.
  2. ^ Premio Alberto Tedeschi Edizione 2017 – Finalisti, su blog.librimondadori.it, 7 giugno 2017. URL consultato il 23 marzo 2020.
  3. ^ Donato Carrisi, «L’angelo di Monaco» di Fabiano Massimi: Geli, la nipote di Hitler, su corriere.it, 1ºgennaio 2020. URL consultato il 23 marzo 2020.
  4. ^ Gian Paolo Serino, Sulle tracce di Gedi: la prima vittima di Hitler, su ilgiornale.it, 3 gennaio 2020. URL consultato il 23 marzo 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN217472289 · WorldCat Identities (ENlccn-no2017089140