FTR M3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
FTR M3
Maverick Vinales Australia 2012.jpg
Viñales alla guida della FTR M312 nel 2012
CostruttoreRegno Unito FTR Moto
Tipoprototipo da competizione
Produzionedal 2012
Modelli similiKTM M32 (KTM RC)
Ioda TR
Mahindra MGP30
Suter MMX3
Oral Engineering OE-250M3R
Honda NSF R

La FTR M3 è una motocicletta da competizione progettata dalla FTR Moto, viene schierata nella classe Moto3 del motomondiale. La moto viene denominata nel 2012 come M312 e nel 2013 come M313.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il telaio è un bitrave e come per il forcellone è realizzato in alluminio, il sistema di scarico è stato sviluppato assieme alla Arrow e viene posto sotto al codino il quale presenta delle feritoie di raffreddamento, l'impianto frenante è caratterizzato da un bidisco all'anteriore e monodisco posteriore, la carenatura è filante, la presa d'aria è posta su cupolino, inizialmente era quasi circolare, poi con la M313 diventa ellittica.[1][2][3]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - FTR Moto M312 e M313
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 1803 × 500 × 1105 mm
Interasse: 1215 mm Massa a vuoto: 80 kg Serbatoio: 12 litri
Meccanica
Tipo motore: Monocilindrico a 4 tempi Honda Raffreddamento: a liquido
Cilindrata 249,3 cm³ cm³ (Alesaggio 78 x Corsa 52,2 mm)
Distribuzione: DOHC a 4 valvole per cilindro Alimentazione:
Potenza: 35,5 kW a 13.000 giri/minuto Coppia: 28,0 N・m a 10.500 giri/minuto Rapporto di compressione:
Frizione: Frizione a dischi multipli in bagno d'olio Cambio: a 6 marce (innesti frontali)
Accensione elettronica digitale Dell'Orto
Trasmissione primaria ad ingranaggi;
secondaria a catena
Avviamento a spinta
Ciclistica
Telaio Bitrave in alluminio
Sospensioni Anteriore: forcella a steli rovesciati pluriregolabile Öhlins FG385 / Posteriore: monoammortizzatore pluriregolabile Öhlins TTX36
Freni Anteriore: Brembo bidisco da 218 mm / Posteriore: disco singolo da 190 mm
Pneumatici su cerchi OZ
Fonte dei dati: [4][5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]