Ezio Riondato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ezio Riondato (Padova, 7 aprile 1921Padova, 27 agosto 2004) è stato un filosofo, accademico e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ezio Riondato nasce nel quartiere padovano dell'Arcella. Studia presso l'Università di Padova e si laurea prima in lettere classiche e poi in filosofia nel 1952, avendo come maestri Aldo Ferrabino, Umberto Padovani e Carlo Diano. Nel 1961 diventa professore di storia della filosofia antica nello stesso ateneo patavino. Fu vicepresidente nazionale dell'Azione Cattolica, presidente della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e presidente del Consiglio di amministrazione del Gazzettino dal 1969 al 1979. Il 22 aprile 1978, mentre si recava a lezione al Liviano, fu ferito da un colpo di pistola ad una gamba. L'attentato venne rivendicato dai Comitati Comunisti Combattenti. Sul luogo dell'attentato è ora presente una targa in ricordo.[1] È stato presidente dell'Accademia patavina di scienze, lettere ed arti dal 1991 al 2000 e sotto la sua presidenza l'Accademia cambia nome in "Accademia galileiana di scienze, lettere ed arti". Dal 1972 è socio corrispondente dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 5 marzo 1973[2]
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 27 dicembre 1968[3]
Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte
— 2 giugno 1977[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Targa in ricordo (JPG), ezioriondato.org. URL consultato il 3 maggio 2012.
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  3. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  4. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN46837674 · BNF: (FRcb12359877z (data)