Evgenij Vladimirovič Petrov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Evgenij Petrov
Isbergues - Grand Prix d'Isbergues, 20 septembre 2015 (B125).JPG
Petrov al Grand Prix d'Isbergues 2015
Nazionalità Russia Russia
Altezza 175 cm
Peso 67 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 2016
Carriera
Squadre di club
2000 San Pellegrino Sport
2000 Mapei stagista
2001-2002 Mapei
2003 iBanesto.com
2004 Saeco
2005-2006 Lampre
2007-2008 Tinkoff
2009-2010 Katusha
2011-2012 Astana
2013 Saxo Bank
2014-2015 Tinkoff-Saxo
2016 Tinkoff
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali su strada
Bronzo Verona 1999 Crono U23
Oro Plouay 2000 Crono U23
Oro Plouay 2000 In linea U23
Wikiproject Europe (small).svg Europei su strada
Oro Kielce 2000 Crono
Statistiche aggiornate al gennaio 2018

Evgenij Vladimirovič Petrov (in russo: Евгений Владимирович Петров?; Belovo, 25 maggio 1978) è un ex ciclista su strada russo. Laureatosi campione del mondo in linea e a cronometro da Under-23 nel 2000, è stato professionista dal 2001 al 2016.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 a Plouay si laurea campione del mondo sia nella prova in linea che in quella a cronometro nella categoria Under-23. Passa professionista nel 2001 con la Mapei-Quick Step, venendo considerato in prospettiva uno dei migliori atleti per le grandi corse a tappe. I primi due anni sono buoni: Petrov ottiene sei vittorie, tra cui il titolo nazionale élite a cronometro (già vinto nel 2000) e il successo nella classifica finale del Tour de l'Avenir.

Le quattro stagioni successive non corrispondono invece alle aspettative: Petrov cambia più volte casacca (iBanesto.com, Saeco, Lampre) andando in genere a ricoprire ruoli da gregario a favore dei compagni di squadra, senza avere possibilità di emergere. Nel 2007 trova la sua dimensione accettando il contratto della neonata Tinkoff di Orlando Maini: corre il Giro d'Italia 2007 da capitano e lo conclude con un ottimo settimo posto. Nel 2008, sempre in maglia Tinkoff, partecipa sia al Giro d'Italia che alla Vuelta a España senza però ottenere grandi risultati.

Nel 2009 passa al neonato team russo Katusha. Partecipa poi al Giro d'Italia 2010, dove nell'undicesima tappa prende parte ad una fuga bidone assieme ad altri cinquantacinque corridori: in quell'occasione riesce ad attaccare nel finale, staccando Dario Cataldo e Carlos Sastre su tutti, e a vincere la tappa[1]. Nel 2011 si trasferisce all'Astana, nel 2013 passa quindi tra le file del Team Saxo-Tinkoff, svolgendo sempre ruoli di gregariato.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Coppa della Pace
Campionati russi, Prova a cronometro
Campionati europei di ciclismo su strada, Prova a cronometro Under-23
Campionati del mondo, Prova a cronometro Under-23
Campionati del mondo, Prova in linea Under-23
1ª tappa Tour de l'Ain (Chalaronne)
5ª tappa Giro di Slovenia (Aidussina)
Classifica generale Giro di Slovenia
Campionati russi, Prova a cronometro
Classifica generale Tour de l'Avenir
Duo Normand (cronocoppie con Filippo Pozzato)
11ª tappa Giro d'Italia (Lucera > L'Aquila)
6ª tappa Österreich-Rundfahrt (Sankt Johann im Pongau > Villaco)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2005: 50º
2006: 57º
2007: 7º
2008: 29º
2009: 34º
2010: 31º
2011: 39º
2012: 61º
2013: 22º
2014: 48º
2016: 75º
2003: 53º
2004: 38º
2005: ritirato (10ª tappa)
2006: 18º
2008: 43º
2011: 65º
2013: 117º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pazzo, splendido Giro a L'Aquila. Vince Petrov, Porte nuova rosa, www.gazzetta.it, 19 maggio 2010. URL consultato il 30 settembre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]