Evergreen (Calcutta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Evergreen
ArtistaCalcutta
Tipo albumStudio
Pubblicazione25 maggio 2018
Durata30:59
GenereIndie pop
Musica d'autore
EtichettaBomba Dischi
ProduttoreCalcutta, Paco Martinelli Andrea Suriani
Registrazione2017-2018 Alpha Dept. Studios, Bologna; Studio Nero, Roma
Calcutta - cronologia
Album precedente
(2015)
Album successivo
Singoli
  1. Orgasmo
    Pubblicato: 15 dicembre 2017
  2. Pesto
    Pubblicato: 2 febbraio 2018
  3. Paracetamolo
    Pubblicato: 16 maggio 2018
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Rolling Stone[1] 5/5 stelle
Sentireascoltare[2] 6.9/10 stelle
Ondarock[3] 7/10 stelle
Onstageweb[4] 4/5 stelle

Evergreen è il terzo album in studio del cantautore italiano Calcutta, pubblicato il 25 maggio 2018.

L'album è stato anticipato dai singoli Orgasmo, Pesto e Paracetamolo.

Concezione[modifica | modifica wikitesto]

L'album, prodotto da Calcutta in collaborazione con Paco Martinelli e Andrea Suriani (già tastierista de I Cani e fonico di Cosmo), è stato registrato presso l'Alpha Dept. Studio a Bologna e lo Studio Nero a Roma, e ha visto la collaborazione di Francesca Michielin come corista nelle tracce Kiwi e Hubner[5]. Il disco presenta delle sonorità vintage paragonate a Dave Fridmann, Badly Drawn Boy e Jeff Tweedy[2], ma anche a Teddy Reno, Morgan e Lucio Dalla[2]. Calcutta inoltre ha dichiarato di essere stato influenzato dagli artisti stranieri anni '60, su tutti i Beatles.[6]
La tematica predominante dell'album è l'amore, che si discosta dalla tenerezza appassionata del precedente Mainstream denotando invece tratti di nostalgia e insolenza.[3] L'album è stato inoltre paragonato al primo lavoro Forse... per la semplicità ed efficacia comunicativa dei testi.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

L'album è stato generalmente accolto positivamente dalla critica: "Calcutta, ancora una volta, gioca in un altro campionato rispetto a tutte le copie uscite nell’ultimo periodo [...], con Evergreen Calcutta indica la strada di quello che sarà il pop italiano da qui ai prossimi due anni".[4] "Il fenomeno Calcutta non si sgonfia, come in tanti avevano troppo arditamente pronosticato all’indomani di “Mainstream”, tutt’altro: continua a dilagare, non più fenomeno modaiolo passeggero, ma cantautore vero, come i modelli ai quali si è sempre ispirato"[3], "Oggetti di inaudita tenerezza che si vorrebbero (già) dimenticati, vintage ancor prima di essere ascoltate, struggenti sopravvivenze umane, le canzoni di Calcutta arrivano da radio e giradischi che suonano per nessuno".[1]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Briciole – 3:36
  2. Paracetamolo – 2:58
  3. Pesto – 3:27
  4. Kiwi – 3:42
  5. Saliva – 2:26
  6. Dateo – 1:15
  7. Hubner – 3:07
  8. Nuda nudissima – 3:23
  9. Rai – 3:45
  10. Orgasmo – 3:20

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2018) Posizione

massima

Italia[7] 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Alberto Piccinini, Recensione: Calcutta, "Evergreen", Rolling Stone, 24 maggio 2018. URL consultato il 26 maggio 2018.
  2. ^ a b c Stefano Solventi, Calcutta - Evergreen, Sentireascoltare, 25 maggio 2018. URL consultato il 26 maggio 2018.
  3. ^ a b c Claudio Lancia, Calcutta - Evergreen, Ondarock, 24 maggio 2018. URL consultato il 26 maggio 2018.
  4. ^ a b Stefano Mazzone, Calcutta come Dario Hübner, il suo è un album coraggioso e senza tempo, Onstageweb, 25 maggio 2018. URL consultato il 26 maggio 2018.
  5. ^ Calcutta, ecco “Evergreen”: featuring ‘nascosto’ e instore negli autogrill, velvetmusic.it. URL consultato il 26 mag 2018.
  6. ^ Filmato audio RTL 102.5, Calcutta a RTL 102.5, su YouTube, 24 maggio2018. URL consultato il 26 maggio 2018.
  7. ^ FIMI - Classifiche - FIMI, su www.fimi.it. URL consultato il 1° giugno 2018.
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica