Europop (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Europop
ArtistaEiffel 65
Tipo albumStudio
Pubblicazione22 novembre 1999Germania
30 novembre 1999 Stati Uniti
14 dicembre 1999 Canada
21 febbraio 2000 Regno Unito
Durata65:26
Dischi1
Tracce14
GenereEurodance[1][2]
Europop[1][2]
Italodance[1]
Dance[2]
Dance pop[2]
Eurodisco[3]
EtichettaUptown Records, Universal
Registrazione1998/1999
Certificazioni
Dischi d'oroArgentina Argentina[4]
(vendite: 30 000+)
Australia Australia[5]
(vendite: 35 000+)
Italia Italia[6]
(vendite: 50 000+)
Danimarca Danimarca[7]
(vendite: 25 000+)
Finlandia Finlandia[8]
(vendite: 21 712+)
Polonia Polonia[9]
(vendite: 50 000+)
Ungheria Ungheria[10]
(vendite: 10 000+)
Dischi di platinoCanada Canada[11]
(vendite: 100 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[12]
(vendite: 15 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (2)[13]
(vendite: 2 000 000+)
Eiffel 65 - cronologia
Album precedente
Album successivo
(2001)
Singoli
  1. Blue (Da Ba Dee)
    Pubblicato: 15 gennaio 1999
  2. Move Your Body
    Pubblicato: 26 ottobre 1999
  3. Too Much of Heaven
    Pubblicato: 20 marzo 2000
  4. My Console
    Pubblicato: 2000

Europop è l'album di esordio della band italiana eurodance Eiffel 65.

L'album[modifica | modifica wikitesto]

L'album, pubblicato in varie edizioni a seconda del paese, è interamente caratterizzato dall'utilizzo del vocoder e delle sonorità eurodisco[3] ed è stato supportato dall'estrazione di quattro singoli, i quali hanno riscosso un notevolissimo successo commerciale: "Blue (Da Ba Dee)", "Move Your Body", "Too Much of Heaven" e "My Console".

L'album riscosse un ottimo successo raggiungendo la posizione numero 4 della classifica americana Billboard 200 e entrando nella top 25 in numerosi paesi. Ha avuto molto successo anche in Nuova Zelanda.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

America[modifica | modifica wikitesto]

  1. Blue (Da Ba Dee) – 3:29
  2. Too Much of Heaven – 5:17
  3. Dub in Life – 3:57
  4. Living in a Bubble – 5:03
  5. Move Your Body – 4:28
  6. My Console – 4:13
  7. Your Clown – 4:09
  8. Another Race – 4:34
  9. The Edge – 4:20
  10. Now Is Forever – 5:44
  11. Silicon World – 4:31
  12. Europop – 5:28
  13. Hyperlink (Deep Down) – 4:57
  14. Blue (Da Ba Dee) (extended mix) – 4:43

Europa[modifica | modifica wikitesto]

  1. Too Much of Heaven (album mix) – 5:17
  2. Dub In Life (album edit) – 3:57
  3. Blue (Da Ba Dee) (DJ Gabry Ponte radio edit) – 4:43
  4. Living in a Bubble (album mix) – 5:03 (feat. Papa Winnie)
  5. Move Your Body (DJ Gabry Ponte original radio edit) – 4:28
  6. My Console (DJ Gabry Ponte Console mix) – 4:13
  7. Your Clown (Slow mix) – 4:09
  8. Another Race (album edit) – 4:34
  9. The Edge (album mix) – 4:20
  10. Now Is Forever (Electronic Ballad mix) – 5:44
  11. Silicon World (Main mix) – 4:31
  12. Europop (Album Kraft mix) – 5:26
  13. Hyperlink (Deep Down) (album cut) – 4:57
  14. Blue (Da Ba Dee) (extended mix) – 4:43

Disco bonus australiano[modifica | modifica wikitesto]

  1. Nick Skitz Eiffel 65 Megamix - 7:35
  2. Blue (Da Ba Dee) (extended mix) - 6:29
  3. Blue (Da Ba Dee) (Molinaro Parade German cut) - 2:48
  4. Blue (Da Ba Dee) (TJM Bluemax 04 Extension remix) - 6:37
  5. Move Your Body (Paris remix) - 7:04
  6. Move Your Body (Claywork remix) - 6:28
  7. Europop (Parade mix) - 5:14

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Al minuto 0:40 della traccia Now Is Forever si può udire lo stesso effetto sonoro presente all'inizio della canzone Behind the Wheel dei Depeche Mode, contenuta nell'album Music for the Masses.
  • La melodia del brano Now Is Forever è stata ripresa dal gruppo nel 2002 per realizzare Cosa Resterà (In A Song).

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2000) Posizione
massima
Australia[14] 18
Austria[14] 16
Canada[15] 5
Danimarca[16] 7
Europa[16] 18
Finlandia[14] 8
Francia[14] 6
Germania[14] 37
Italia[14] 13
Nuova Zelanda[14] 4
Portogallo[16] 6
Regno Unito[17] 12
Stati Uniti[15] 4
Svizzera[14] 19

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Europop su Discogs
  2. ^ a b c d (EN) Europop, su AllMusic, All Media Network.
  3. ^ a b (EN) Chris Massey, Europop, PopMatters (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2009).
  4. ^ (ES) Gold & Platinum Discs, su CAPIF. URL consultato il 12 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  5. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2000 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 12 dicembre 2014.
  6. ^ positivalive.com, http://www.positivalive.com/portfolio/eiffel-65/.
  7. ^ (DA) Listen - Danmarks Officielle Hitliste - Udarbejdet af AIM Nielsen for IFPI Danmark - Uge 13, Ekstra Bladet, 2 aprile 2000.
  8. ^ (FI) Kaikkien aikojen myydyimmät ulkomaiset albumit, IFPI Finland. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2017).
  9. ^ (PL) Przyznane w 2000 roku, ZPAV. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  10. ^ (HU) Arany- és platinalemezek › Adatbázis - 2000, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 2 aprile 2021.
  11. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 12 dicembre 2014.
  12. ^ (EN) Dean Scapolo, The Complete New Zealand Music Charts: 1966–2006, Wellington, Dean Scapolo and Maurienne House, 2007, ISBN 978-1-877443-00-8.
  13. ^ (EN) Europop – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 16 luglio 2020.
  14. ^ a b c d e f g h (NL) Eiffel 65 - Europop, Ultratop. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  15. ^ a b (EN) Allmusic (Eiffel 65 charts & awards), All Music Guide.
  16. ^ a b c (EN) Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World, vol. 112, n. 12, Billboard, p. 53, ISSN 0006-2510 (WC · ACNP).
  17. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 27 February 2000 - 04 March 2000, Official Charts Company. URL consultato il 23 febbraio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica