Euroflora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una visione a 180° del padiglione S della fiera di Genova

Euroflora è una mostra del fiore e della pianta ornamentale. Rappresenta una delle principali floralies (rassegne floreali) che si svolgono nel Mediterraneo e nel mondo, e riguarda: ricerca all'ibridazione, fiore reciso alle fronde, piante in vaso arboricoltura, giardinaggio e paesaggismo. È organizzata dalla Fiera di Genova nel capoluogo ligure, viene riconosciuta dall'AIPH - Association Internationale des Producteurs Horticoles e fa parte di AIF - Association of International Floralies.

Euroflora si svolge con cadenza quinquennale e si tiene dal 1966. Tra i temi principali della manifestazione c'è la biodiversità.

L'edizione 2011 si è svolta dal 21 aprile al 1º maggio. Per la cinquantesima edizione, prevista nel 2016, era stata ipotizzato l'anticipo di un anno per consentire alla manifestazione di svolgersi in contemporanea con l'Expo 2015 di Milano, ma l'ipotesi è poi stata scartata[1] in favore di una specie di semplice "anteprima", che si svolge nel maggio 2015 a Firenze.[2]

Sotto i riflettori

Rosa Marbella
Particolare apprezzamento viene riservato in ogni edizione di Euroflora alle diverse varietà di rosa prodotte in ogni parte del mondo.*Una rosa "Marbella".

Euroflora 2011. Grande gufo vegetale (Padiglione del Belgio)

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Euroflora ha avuto la sua prima edizione nel 1966, ma il progetto originario aveva preso le mosse un anno prima sulla base di un'idea del senatore Carlo Pastorino, all'epoca presidente della Fiera di Genova (che oggi è una società per azioni, ma fino al 2002 era un ente pubblico).

Pastorino propose all'associazione dei florovivaisti liguri di organizzare, con cadenza quinquennale, una grande floralie ad imitazione di quella di Gand, in Belgio.Venne quindi avanzata formale richiesta all'AIPH, l'Association Internazionale des Producteurs de l'Horticulture, responsabile del calendario degli eventi floristici, che acconsentì volentieri.

Alle dieci edizioni tenute dal 1966 al 2011 hanno partecipato 5.700 espositori e sono state visitate da 5 milioni di persone. Il record di maggiore afflusso si è avuto nell'edizione del 1986 visitata da 730.000 persone. Già al debutto i numeri della manifestazione furono di tutto rilievo: 250.000 i visitatori e oltre 260 espositori provenienti da 19 paesi.

L'area espositiva[modifica | modifica wikitesto]

Euroflora è allestita negli spazi dei padiglioni coperti Blu e C, oltre al Palasport (cuore dell'esposizione) e alle aree all'aperto della Fiera di Genova.

Il 2011 ha visto la partecipazione della Royal Agricultural and Horticultural Society of Ghent, società organizzatrice delle Floralies dell'omonima città belga. Oltre al Belgio, si sono registrate partecipazioni da: Cina, Francia, Ecuador, Germania, Guinea Equatoriale, India, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Romania, Repubblica di San Marino, Spagna, Stati Uniti, Taiwan e Ungheria.

Il viale degli orti & giardini

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

A Euroflora 2011 è stato allestito il balcone fiorito più lungo del Mediterraneo: 1.500 piante suddivise in 150 vasi, hanno 'vestito' i 150 metri della balaustra sulla terrazza del padiglione Blu.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Euroflora, niente anticipo al 2015 per l'Expò milanese, articolo del sito web de La Repubblica, del 11 marzo 2013
  2. ^ Euroflora rinviata, l'edizione 2016 non si farà, Mentelocale, 24 aprile 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]