Euro OverNight Index Average

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'Euro OverNight Index Average (in acronimo EONIA), rappresenta la media ponderata dei tassi overnight applicati su tutte le operazioni di finanziamento non garantite[1], concluse sul mercato interbancario dalle principali banche europee ed è prezzato da due giorni fino a due anni.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

È uno dei due benchmark utilizzati per il mercato monetario e di capitali nell'euro zone (Euribor).

È composto da un tasso fisso ed uno variabile: quello fisso è un costo che viene pagato all'inizio dell'operazione, mentre alla fine del periodo concordato fra le controparti, viene eseguito un netting dei tassi variabili.

La principale differenza tra i benchmark Eonia ed Euribor è nella scadenza. Poiché il primo è una media decisa ogni giorno dai principali istituti europei del tasso d’interesse col quale si concedono reciprocamente prestiti in euro per un periodo di un giorno (scadenza overnight), Eonia è più variabile rispetto l'Euribor, quindi più suscettibile al mercato. Al contrario il tasso di rifinanziamento marginale è un tasso fissato dalla Banca centrale europea e presenta un andamento meno volatile in quanto non cambia ogni giorno[2]. Inoltre, il tasso sui depositi è sempre minore rispetto al tasso di rifinanziamento marginale e al REFI, altrimenti, il bilancio della BCE sarebbe sempre in perdita, in quanto le condizioni di rendimento sarebbero superiori alle condizioni di finanziamento[2].

Variazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il benchmark Eonia era il 2.6% il 15 giugno 2006, due anni dopo, il 5 giugno 2008, è pari al 4%. Come conseguenza della crisi dei mutui subprime lo spread tra il Bid e l'Ask si allargargò notevolmente perché tra le banche non c'era più fido.

Dal 2014, in seguito alla fissazione dei tassi overnight al -0,15%[3], il benchmark Eonia ha valori negativi. Tuttavia, in alcuni prodotti finanziari si considera come tasso minimo (floor rate) lo 0%[4].

Al 2 gennaio 2015 il valore era del -0.079% al 2 gennaio 2016 era pari a -0.241%, al 2 gennaio 2017 era pari a -0.356%, al 2 gennaio 2018 era pari a -0.370%[5].

Fine dell'adozione[modifica | modifica wikitesto]

L'articolo n.51 del regolamento approvato dall'European Securities and Market Institute (European Benchmark Regulation) nel 2016 prevede che si possano continuare ad utilizzare, per i nuovi contratti, i benchmark già in utilizzo al 30 giugno 2016 (quindi anche l'Eonia) fino al 1° gennaio 2020[6], a cui si potrebbe aggiungere un periodo di transizione di ulteriori 2 anni[7], in attesa della definizione di nuovi benchmark, a giugno 2018 ancora in fase di discussione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ About Eonia, European Money Markets Institute. URL consultato il 22 giugno 2018.
  2. ^ a b #ABCFinanza: EONIA, EURIBOR, tasso marginale e tasso sui depositi, cosa sono?, Adviseonly, 16 maggio 2017.
  3. ^ Andrea Telara, Bce: le scelte di Mario Draghi e i tassi sotto zero, in Panorama, 5 giugno 2014.
  4. ^ The AMF's position on negative rate bonds and green bonds, Editions Francis Lefebvre, 6 giugno 2018.
  5. ^ Quick View, European Central Bank. URL consultato il 22 giugno 2018.
  6. ^ Questions and Answers On the Benchmarks Regulation (BMR) (PDF), European Money Markets Authority, 24 maggio 2018.
  7. ^ Euribor - Working group on euro risk free rates (PDF), European Money Markets Institute, 26 febbraio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]