Eurafrasia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eurafrasia o Afro-Eurasia
Afro-Eurasia (orthographic projection) political.svg
Stati 147
Territorio dal deserto ai ghiacci perenni
Superficie 84 980 532 km²
Abitanti 6 000 000 000
Densità 70,6 ab./km²
Lingue varie
Fusi orari da UTC-1 a UTC+12
Nome abitanti Euroafrasiani o Euroafroasiatici
Afro-Eurasia with islands highlighted.svg

L'Eurafrasia o Afro-Eurasia (anche chiamato Vecchio Mondo o Continente antico poiché in esso ci sono le più antiche testimonianze dell'esistenza dell'uomo e perché fu la culla della civiltà umana) è uno dei due attuali supercontinenti della Terra (l'altro è l'America). In particolare è il più grande e il più popoloso, contenendo infatti l'85% circa della popolazione mondiale.

Inoltre fino al 1492 questi tre continenti erano considerati dagli europei, dagli asiatici e dagli africani, gli unici presenti su tutta la superficie terrestre. Il termine è in contrapposizione con il nuovo continente, che è composto dall'America, con il nuovissimo continente, composto dall'Oceania, e con il continente recente, ovvero l'Antartide[1]. Convenzionalmente viene suddiviso, all'altezza del canale di Suez, in Eurasia ed Africa; l'Eurasia è a sua volta suddivisa in Europa e Asia. Il corpo afroeurasiatico principale (escludendo quindi le strutture insulari da esso separate, come l'arcipelago britannico, il Giappone, il Madagascar e l'arcipelago Malese) è stato classicamente definito con il toponimo di "Isola Mondiale" (World Island) dal geografo Halford John Mackinder[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vocabolario Treccani, voce continente e voce artogeico.
  2. ^ Mackinder, Halford John. The Geographical Pivot of History.