Eugenio Elia Levi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eugenio Elia Levi

Eugenio Elia Levi (Torino, 18 ottobre 1883Cormons, 28 ottobre 1917) è stato un matematico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nono dei dieci figli di Giulio Giacomo Levi e Diamantina Pugliese, era fratello minore di Beppo Levi. All'età di 21 anni, nel 1904, si laureò alla Scuola Normale Superiore di Pisa discutendo, sotto la direzione di Luigi Bianchi, una tesi sulla teoria delle superfici a due dimensioni immerse in un iperspazio. Divenne poi assistente di Ulisse Dini e, nel 1909, professore di Analisi infinitesimale all'Università di Genova. Nel 1911 ottenne la medaglia d'oro della Accademia dei XL. Nella relazione di conferimento del premio, Vito Volterra scrisse che ognuno degli otto lavori presentati sarebbe stato sufficiente per farglielo vincere.

Partecipò come volontario alla prima guerra mondiale e morì a Subida, nel 1917, in un disperato tentativo di frenare l'avanzata nemica dopo la disfatta di Caporetto. Francesco Tricomi disse che lo «si può considerare uno dei maggiori matematici italiani»[1] e molti concordano nel ritenere la sua morte prematura come il più grave tributo pagato dalla Matematica italiana alla grande guerra.[2][3]

Attività di ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Levi scrisse 33 lavori, classificati dal suo collega e amico Mauro Picone[4] secondo il seguente schema:

Scrisse solo tre lavori sulla teoria dei gruppi. Il più interessante è il primo, in cui viene dimostrata quella che ora è nota come decomposizione di Levi per le algebre di Lie. Questa era stata congetturata da Wilhelm Killing e dimostrata, solo in un caso speciale, da Élie Cartan.
Introdusse il concetto di pseudoconvessità[5] per lo studio del dominio di definizione delle funzioni di più variabili complesse[6]. Questo concetto diventerà uno dei cardini della teoria.
Le sue ricerche sulla teoria degli operatori differenziali alle derivate parziali diedero vita al metodo del parametrix[7]. Questo, essenzialmente, è un modo per costruire soluzioni fondamentali per operatori ellittici con coefficienti variabili: il parametrix è tuttora utilizzato ampiamente per lo studio degli operatori pseudodifferenziali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eugenio Elia Levi su torinoscienza.it.
  2. ^ Biografia SISM.
  3. ^ La guerra del '15-'18 termina il 4 novembre. Un anno prima era morto Eugenio Elia Levi, articolo sul sito Pristem.
  4. ^ Questa sezione è basata principalmente sulla rassegna Template:Harvtxt, dove le ricerche scientifiche di Levi sono ben riassunte. Qualche informazione è tratta dai commenti di Guido Fubini in Fubini & Loria 1917.
  5. ^ Si veda ad esempio Vinicio Villani, Su una classe di domini di olomorfia approssimabili dall'esterno in Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, vol. 14, nº 4, 1960, pp. 349-361. URL consultato il 4 ottobre 2011. a pagina 253.
  6. ^ Si vedano i due lavori Levi 1910 e Levi 1910. Da notare che Levi tratta delle funzioni di due variabili complesse, ma i suoi calcoli possono essere estesi a funzioni dipendenti da un qualunque numero finito di variabili, come egli dice esplicitamente. Si noti anche che Levi non utilizza la derivata di Wirtinger.
  7. ^ A. Bejancu, Parametrix method, Springer-Verlag, 2001.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 54220903