Eugenio Chiesa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eugenio Chiesa
Eugenio Chiesa.jpg

Commissario generale per l'Aeronautica del Regno d'Italia
Durata mandato 1º novembre 1917 –
14 dicembre 1918
Presidente Vittorio Emanuele Orlando

Segretario del
Partito Repubblicano Italiano
Durata mandato maggio 1908 –
giugno 1908
(collegiale)
Predecessore (collegiale)
Successore Umberto Serpieri

Durata mandato novembre 1900 –
ottobre 1902
Predecessore Giovanbattista Bosdari
Successore Umberto Serpieri

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXII, XXIII, XXIV, XXV, XXVI, XXVII del Regno d'Italia
Gruppo
parlamentare
Repubblicano
Circoscrizione Toscana
Collegio Massa Carrara (XXII, XXIII, XXIV legislatura); Lucca XXV, XXVI legislatura)

Dati generali
Partito politico Partito Repubblicano Italiano
Professione Ragioniere e Negoziante

Eugenio Chiesa (Milano, 18 novembre 1863Giverny, 22 giugno 1930) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Milano nel 1863, nel 1895 fu uno dei fondatori del Partito Repubblicano Italiano e ne divenne anche segretario politico tra il novembre del 1900 e l'ottobre del 1902 e poi, collegialmente, tra il maggio e il giugno del 1908.

Consigliere comunale di Milano ed eletto deputato nel 1904, per la sua grande autorità e dirittura morale nell'ambito della Battaglia di Caporetto fu nominato Commissario Generale per il Corpo Aeronautico nel governo Orlando, dal 1º novembre 1917 al 14 dicembre 1918[1]. Non accettò l'incarico di ministro ma quello di Commissario Generale d'Aeronautica, all'interno del Ministero per le Armi e Munizioni per non giurare fedeltà al re.[2] Tale Commissariato aveva il compito di coordinare e presiedere alla mobilitazione industriale ed alla produzione di aeroplani e motori.

Nel 1919 contribuì efficacemente all'ideazione del porto di Marina di Carrara e alla fioritura economica della zona. Oppositore del regime fascista (fu probabilmente il primo parlamentare ad accusare Mussolini di complicità nell'omicidio Matteotti[3]), venne costretto all'esilio nel 1926. Morì quattro anni dopo, a sessantasei anni, a Giverny, piccolo comune della Normandia. A ricordo del suo impegno, nel 34o anniversario della sua morte i lavoratori del marmo carraresi posero un monumento commemorativo, tuttora presente nella città costiera toscana.

Fu padre di Mary Tibaldi Chiesa, nota scrittrice e prima eletta al parlamento italiano per il PRI[4].

Massoneria[modifica | modifica wikitesto]

La nota con la quale il gran maestro aggiunto Eugenio Chiesa chiede l'ammissione del Grande Oriente in esilio all'Associazione massonica internazionale (1930)

Iniziato in massoneria nella loggia di Roma del Grande Oriente d'Italia Propaganda Massonica il 30 maggio 1913[5], Eugenio Chiesa fu tra coloro che, il 12 gennaio 1930, procedettero alla ricostituzione in esilio del Grande Oriente d'Italia[6]. Per rispetto alla persona di Domizio Torrigiani, gran maestro uscente, confinato dal fascismo e in precarie condizioni di salute, Chiesa rinunciò alla carica di gran maestro effettivo pur assumendone "di fatto" le funzioni, come gran maestro aggiunto[7]. Ricoprì tale carica fino al giorno della scomparsa, coltivando anche idee socialiste e anarchiche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesco Bartolotta, Parlamenti e governi d'Italia. Vol. II, Vito Bianco Editore, Roma, 1971, pag. 140-143
  2. ^ Giacomo Properzj Breve storia della grande Guerra Mursia
  3. ^ A. Spinosa, Mussolini. Il fascino di un dittatore, Milano, Mondadori, 1989, pag. 137
  4. ^ Tibaldi-Chièsa, Mary, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  5. ^ Massimo Della Campa, Luce sul Grande Oriente. Due secoli di massoneria in Italia, Milano, Sperling & Kupfer, 2005, p. 162.
  6. ^ Santi Fedele, I Repubblicani in esilio nella lotta contro il fascismo (1926-1940), Firenze, Le Monnier, 1989, pag. 57.
  7. ^ Santi Fedele, cit., p. 58

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Commissario generale per l'Aeronautica del Regno d'Italia Successore Flag of Italy (1861-1946).svg
- 1º novembre 1917 - 14 dicembre 1918 -
Predecessore Segretario del PRI Successore
Giovanbattista Bosdari novembre 1900 - ottobre 1902 Umberto Serpieri I
(collegiale) maggio 1908 - giugno 1908
(collegiale)
Umberto Serpieri II
Predecessore Gran maestro aggiunto del Grande Oriente d'Italia Successore Square compasses.svg
Comitato di Coordinamento
(Giuseppe Meoni, Alberto Pavoni, Giuseppe Guastalla)
12 gennaio 1930 - 22 giugno 1930 Arturo Labriola
Controllo di autoritàVIAF: (EN47012587 · ISNI: (EN0000 0001 1635 1276 · SBN: IT\ICCU\RAVV\005175 · BNF: (FRcb14606082c (data)