Eugenio Bomboni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Eugenio Bomboni (Firenze, 27 gennaio 1930Roma, 19 luglio 2015[1]) è stato un giornalista sportivo italiano, ed organizzatore di corse ciclistiche.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi degli anni cinquanta iniziò la sua collaborazione con la redazione toscana de "L'Unità", testata per la quale divenne poi cronista sportivo per circa un trentennio[senza fonte].

Dal 1961, trasferitosi a Roma, iniziò la sua esperienza come organizzatore di corse ciclistiche dilettantistiche italiane e mondiali, che lo portò negli anni novanta anche alla presidenza Associazione Internazionale Organizzatori.[2]

Tra le principali corse organizzate, il Gran Premio della Liberazione, tradizionale gara del 25 aprile disputata a Roma nel circuito delle Terme di Caracalla, considerata un vero e proprio mondiale di primavera per dilettanti (ora Under 23); il Giro delle Regioni, gara a tappe per squadre nazionali di sua creazione, ideata nel 1976, e la Coppa delle Nazioni, una cronometro a squadre Under-23 ed Elite.[2]

Attivo anche nel ciclismo femminile, è stato promotore e organizzatore del Giro Donne, l'equivalente al femminile del Giro d'Italia. Era il fondatore ed è stato presidente del Velo Club "Primavera Ciclistica".[2]

Tra i riconoscimenti nazionali, la stella d'argento del CONI.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]