Eugenia Charles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eugenia Charles
Eugenia Charles.jpg

Primo ministro della Dominica
Durata mandato 21 luglio 1980 –
14 giugno 1995
Predecessore Oliver Seraphin
Successore Edison James

Dati generali
Partito politico Partito della Libertà di Dominica
Università Università di Toronto e London School of Economics and Political Science

Dame Eugenia Charles (Pointe Michel, 15 maggio 1919Fort-de-France, 6 settembre 2005) è stata una politica dominicense, primo ministro dal 21 luglio 1980 sino al 14 giugno 1995.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata Mary Eugenia Charles in Pointe Michel, nella Saint Luke Parish, approdò in politica negli anni sessanta del XX secolo. Aiutò a fondare il suo partito, Dominica Freedom Party, di cui divenne capo dai primi anni settanta al 1995. Venne eletta in parlamento nel 1970 e divenne capo dell'opposizione nel 1975.

La Charles diventò primo ministro all'indipendenza del paese nel 1979 e dal 1980 al 1990 fu anche Ministro degli Esteri. Acquistò popolarità durante l'invasione statunitense di Grenada nel 1983, quando, nel ruolo di Presidente dell'Organizzazione degli Stati dei Caraibi Orientali, apparì in televisione con Ronald Reagan offrendogli il suo supporto.

Conosciuta come la "lady di ferro" dei Caraibi, fu la prima donna ad assumere tale ruolo nell'area caraibica[1] e anche una delle poche rappresentanti di colore a ricoprire una carica di stato. Poco dopo il suo ritiro dalla politica nel 1995, il suo partito perse le elezioni.

Il 30 agosto 2005, Dame Eugenia Charles venne portata all'ospedale di Fort-de-France, Martinica, per un'operazione per il rimpiazzo dell'anca, ma per complicazioni muore il 6 settembre, a 86 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Dame Mary Eugenia Charles, su caricom.org, CARICOM. URL consultato il 27 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2010).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN263799718 · ISNI (EN0000 0000 2657 1435 · LCCN (ENn84038739 · WorldCat Identities (ENlccn-n84038739