Eugène de Rastignac

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eugène de Rastignac
BalzacOldGoriot02.jpg
Eugène e Vautrin, in un'illustrazione del romanzo Papà Goriot.
UniversoLa Commedia umana
Lingua orig.Francese
AutoreHonoré de Balzac
1ª app. inLa pelle di zigrino
Ultima app. inBeatrix
SessoMaschio
ProfessioneStudente, in seguito politico e ministro

Eugène de Rastignac è un personaggio immaginario creato da Honoré de Balzac, le cui avventure cominciano nel romanzo La pelle di zigrino, e la cui evoluzione continuerà in un considerevole numero di romanzi de La Commedia umana.

È il protagonista del romanzo Papà Goriot (1835),[1] considerato da molti critici il suo romanzo di formazione.

Creazione e origini[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Angoulême, si è trasferito a Parigi per studiare legge. È un giovane ambizioso, che guarda alla "buona società" con occhi sorpresi e invidiosi e sarà pronto a fare qualsiasi cosa per raggiungere i suoi obiettivi. Vautrin ( la "mente criminale e oscura" della serie La Commedia umana) usa invece il proprio ingegno e fascino (soprattutto attraverso i rapporti con le donne, come la cugina Madame de Beauséant) per giungere ai suoi fini. Il suo eventuale successo sociale nel mondo immaginario della Commedia umana è spesso in contrasto con il tragico fallimento di un altro giovane della serie: Lucien de Rubempre (che accetta l'aiuto di Vautrin e si toglie la propria vita con le sue stesse mani).[1]

Adolphe Thiers, allora giovane liberale (in seguito Presidente della Repubblica), sarebbe servito da modello d'ispirazione a Balzac, per la creazione del personaggio. Infatti, come Thiers, anche Eugène de Rastignac sposa la figlia della sua amante.

Oggi, il termine "Rastignac" si riferisce a un arriviste (un uomo «riuscito»), un "giovane lupo dai denti lunghi", simbolo di chi è riuscito ad acquisire una ottima posizione nei ranghi della società, partendo da una posizione svantaggiata.

Cronologia parziale di Rastignac ne La Commedia umana[modifica | modifica wikitesto]

Il seguente elenco è organizzato in base, in primo luogo, alla data di apparizione, al titolo del libro in cui appare Rastignac, seguito dalla data in cui il libro è stato scritto.

  • 1819 - Papà Goriot (1835) - Rastignac è uno studente di 21 anni di Parigi. Fa le sue prime incursioni nell'alta società (attingendo in pieno alle risorse della sua famiglia), viene tentato da Vautrin, ma ne rifiuta le macchinazioni, e si confronta con cinismo e falsità nelle persone che incontra. Inizialmente desiderando la contessa Anastasie de Restaud (figlia di padre Goriot), è persuaso a diventare l'amante di sua sorella Delphine (moglie del barone de Nucingen, un ricco alsaziano) dalla cugina, la Viscontessa de Beauseant, che ha una visione più ampia nella vita parigina e agisce come sua mentore. Goriot approva Rastignac come amante di Delphine e fa causa a Nucingen per darle il controllo della sua dote. Delphine quindi ingaggia una relazione con Rastignac. Alla morte di Goriot, Rastignac è tra i pochi che partecipano al suo funerale, e dalle alture del cimitero di Père Lachaise abbassa lo sguardo sulla capitale francese e fa il suo famoso proclama "À nous deux, maintenant!" ("E adesso, a noi due").
  • 1820: Il Ballo di Sceaux (scritto nel 1829). È passato un anno. Il giovane "lupo", amante di Delphine de Nucingen, divenne banchiere al fianco del marito, il barone de Nucingen.
  • 1821-1822: Illusioni perdute (scritto dal 1836 al 1843). Rastignac, che è diventato un esperto nella lotta per l'influenza, si sta intrecciando nella società. Sa come eliminare chi lo infastidisce o mettersi sulla scia degli uomini che salgono.
  • 1822: Il gabinetto delle antichità (scritto nel 1833)[2] - Rastignac divenne un membro a pieno titolo del mondo dei "parigini", i leader della società che ammirava tanto quando arrivò a Parigi.
  • 1823: Studio di donna (pubblicato nel febbraio 1830, pubblicato in volume nel 1831, rivisto l'ultima volta nel 1842). Rastignac ha 25 anni, secondo Bianchon, narratore di questa notizia che mostra il suo amico tentato dal marchese di Listomère, in una storia d'amore che resterà senza risultato.
  • 1828 - L'Interdizione (1836) - Rastignac ha ora un reddito annuo di 20.000 franchi in modo inspiegabile. Questo è meno di quanto avrebbe potuto essere visto che era "completamente fatto ... in quell'attività di Nucingen". Non ha dimenticato i sacrifici della sua famiglia e ha organizzato matrimoni per le sue sorelle, presumibilmente fornendo adeguate doti. Rastignac sta pensando di lasciare Delphine per il marchese d'Espard, che ha quel tipo di potere che lo aiuterà ad avanzare.
  • 1829-1831: La pelle di zigrino (scritto nel 1831), Rastignac si è evoluto molto: oggi è disincantato, cinico, giocoso, "vissuto", sull'orlo della dissolutezza e dell'autodistruzione.
  • 1833 - I segreti della principessa Cadignan (1840) - Rastignac è sottosegretario di Stato del Primo ministro de Marsay. La sua intelligenza è illustrata nel modo in cui vince su Daniel d'Arthez concedendo onori funebri per Michel Chrestien. La sua relazione con Delphine viene fornita come esempio durante una discussione sugli allegati di vecchia data. Sembra che Rastignac abbia avuto una relazione con la duchessa di Maufrigneuse in una fase precedente.
  • 1834 - Un affare tenebroso (1841) - Rastignac appare come una delle persone a cui viene fatta una trattativa, 30 anni dopo gli eventi narrati. È ancora Sottosegretario di Stato nel ministero di Marsay, che ora è vicino alla morte.
  • 1834-1835 - Une Fille d'Eve (1835) - Rastignac spera di succedere alla morte di Marsay come primo ministro. Il partito di De Marsay non rimane al potere dopo la sua morte, e Rastignac è costretto a fare affidamento su Raoul Nathan, nonostante Nathan sia un avversario politico. Quando Nathan emerge come rivale elettorale del du Tillet, Rastignac cambia le parti e non avverte Nathan dei piani del du Tillet di mandarlo in bancarotta (via Gigonnet). Rastignac è facilmente persuaso a rivelare la trama quando il conte di Vandenesse promette di sostenere la richiesta di Rastignac. Il fratello minore di Rastignac (precedentemente non menzionato) è stato nominato vescovo a 27 anni, e una delle sue sorelle è sposata con Martial de la Roche-Hugon, un ministro del governo. Rastignac e Delphine sembrano avere piani per il suo matrimonio con sua figlia.
  • 1833 e 1836 - La Maison Nucingen (1838), frame story - Durante una conversazione tra quattro giornalisti, il lettore apprende che nel 1833, Rastignac interruppe la sua relazione con Delphine de Nucingen, ma che stava ancora lavorando con suo marito, specialmente nelle per accordi finanziari fraudolenti (Rastignac ha guadagnato 400.000 franchi e ha 40.000 franchi di introiti annuali). Nel 1836, sta per diventare un ministro governativo e un pari della Francia.
  • 1839 - Le Député d'Arcis (1847, incompiuto) - Rastignac è ministro per la seconda volta (dei lavori pubblici), è stato nominato Conte (classificato con la paria della Francia), suo cognato Roche-Hugon è ora ambasciatore e consigliere di Stato (equivalente a senatore), ed è considerato indispensabile per il governo. "Dopo 20 anni di lavori forzati" Rastignac ha recentemente sposato la figlia di Delphine e il barone de Nucingen (l'unica loro figlia, e quindi l'erede della loro grande fortuna).

Rastignac è ammirato per la sua capacità di convertire gli avversari politici. È anche l'uomo chiave che ha tutti i contatti necessari, per il suo partito: sebbene si aspettasse la sconfitta nelle prossime elezioni generali, aveva intenzione di proteggere il marcio distretto di Arcis per rafforzare il suo partito quando, in opposizione. Il piano di Rastignac fallisce e, nonostante rimanga inaspettatamente al potere, ricorre a metodi subdoli per screditare il nuovo membro di Arcis, Charles de Sallenauve (nato Marie-Gaston).

C'è un contrasto tra le fortune di Rastignac e de Trailles, che ora sono l'esatto opposto di quello che erano quando si incontrarono per la prima volta nel Papà Goriot.

Il seguente problema potrebbe essere dovuto al fatto che il libro sia stato completato da un'altra persona:

Data la cronologia descritta sopra, non è chiaro quando Rastignac fu ministro per la prima volta. È possibile che lo scrittore abbia erroneamente conteggiato la precedente posizione di Sottosegretario di Stato di Rastignac come suo primo ministero. I commenti fatti da Raoul Nathan a Une Fille d'Eve chiariscono che non è questo il caso.

  • 1845 in Les Comédiens sans le Savoir - (1845) - Rastignac ha 48 anni. Il caricaturista Bixiou dice di lui: "ha 300.000 franchi di introiti annuali, è un pari di Francia, il re lo ha fatto Conte, è il figlio- suocero di Nucingen, ed è uno dei due o tre uomini di Stato che vengono dalla Rivoluzione di luglio ... ma il potere lo carica a volte ... "

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (FR) Le père Goriot - Un roman d'apprentissage, su www.etudier.com. URL consultato il 15 marzo 2019.
  2. ^ Samedi 2 novembre 1833 : « Aujourd'hui, inventé péniblement Le Cabinet des Antiques, tu liras cela quelque jour. J'en ai écrit 17 feuillets de suite. Je suis très fatigué. » Cf. correspondance avec Évelyne Hańska (Ewelina Hańska).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Françoise Aubert, Aristocratie et noblesse: Balzac ou le “complexe Rastignac”, Studi dell’Instituto Linguistico, 1982, p. 91-101.
  • Alexander Fischler, Rastignac-Telemaque: The Epic Scale in "Le Père Goriot", Modern Language Review, 1968, p. 840-848.
  • Nicole Mozet, Rastignac, ce n’est pas moi... : Lecture romanesque et différence des sexes, Compar(a)ison, 1993, p. 75-81.
  • B. Reizov, Rastignac et son problème, Europe, 1966, p. 223-230.
  • Lawrence R. Schehr, « Rapports écrits: les lettres de la famille Rastignac », Balzac, pater familias, Claudie Bernard, Éd., Franc Schuerewegen, éd. et intro., Amsterdam, Rodopi, 2001, p. 73-83.
  • Justyna Trzcinska, Rastignac w krainie czarów: O mowie przedmiotów w powiesci Kazimierza Brandysa Obywatlele, Ruch Literacki, septembre-ottobre 2001, (par. 5 [248]), p. 587-605.
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura