Eufrosina di Polack

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santa Eufrosina di Polack
EufrasinniaPolackaja.jpg
 

Vergine

 
Nascita1110, Polack
Morte1173, Gerusalemme
Venerato daChiesa ortodossa russa
Canonizzazione1547
Ricorrenza23 maggio (5 giugno)
Attributiabiti monastici, croce di Santa Eufrosina e giglio
Patrono diBielorussia monachesimo femminile (Chiesa ortodossa russa), Polack

Eufrosina di Polack, (in bielorussia : Ефрасіння Полацкая) (Polack, 1110Gerusalemme, 1173), è stata una badessa e santa bielorussa.

È venerata come santa dalla Chiesa ortodossa russa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pradslava nacque a Polacak in Bielorussia, intorno al 1110. Figlia del principe Sviatoslav di Polack, probabilmente nipote di Sophia, figlia di Vladimir Monomakh, nipote del Principe Vseslav di Pólotsk e cugina dell'imperatore bizantino Manuele Comneno (l143-1180).

Determinata a dedicare la sua vita a Dio, Eufrosina rifiutò tutte le proposte di matrimonio dinastico e fuggì all'età di 12 anni per entrare nel convento di sua zia, santa Sofia, dove prese il velo e cambiò il nome in Eufrosina (Euphrosyne, Euphrasinne, Efrasinnia, Yefrasinnya). Successivamente la raggiunsero la sorella Hardzislava, due nipoti, e un cugino.

Con la benedizione del Vescovo di Polotsk, Eufrosina cominciò a vivere da eremita in una cella nella cattedrale di Santa Sofia dove lavorava come copiatrice di libri, dando ai poveri i proventi ricavati dalla vendita degli stessi. Eufrosina ebbe una fitta corrispondenza con i vescovi Clement Smolatyczem e Cyril Turowski, così come con il clero di Costantinopoli, fondando in seguito il convento del Santo Salvatore a Seltse.

Grazie al consenso del vescovo di Polotsk Elia, attorno all'anno 1128 Eufrosina fondò un nuovo monastero maschile dedicato alla Madre di Dio ultimato intorno al 1160.

Dotato di una ricca biblioteca, era il centro della vita culturale, ma sia questo che il precedente furono distrutti durante l'invasione lituana del XIII secolo.

Eufrosina compì un pellegrinaggio a Costantinopoli dove venne ricevuta dall'imperatore Manuele I Comneno ed il patriarca Michele II Curcuas: in seguito fece un ulteriore pellegrinaggio per la Terra Santa, dove fu ricevuta dal re crociato Amalrico I di Gerusalemme e dal patriarca Amalrico di Nesle.

Si recò in seguito al monastero di Mar Saba dove morì nel 1173 e fu sepolta nel monastero di San Teodosio. Dopo la conquista di Gerusalemme da parte di Saladino nel 1187, le reliquie di Eufrosine furono trasportate al Monastero delle Grotte di Kiev . Nel 1910, sono finalmente tornate nella sua città natale, a Polack.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Santa Eufrosina di Polack è ricordata il 23 maggio ed è particolarmente venerata dai bielorussi, ruteni, lituani e russi. Prima donna in assoluto ad essere canonizzata[senza fonte], santa Eufrosina è stata glorificata dalla Chiesa ortodossa russa nel 1547, mentre nel 1984 è stata canonizzata da papa Giovanni Paolo II in Bielorussia.[senza fonte] Eufrosina è l'unica vergine santa di origine slava orientale[senza fonte] ed è la santa patrona della Bielorussia e di Polack[1].

Santa Eufrosina di Polack è stata glorificata nella Chiesa ortodossa russa come patrona del monachesimo femminile[2]. Una descrizione dettagliata della vita di Santa Eufrosina di Polack si trova nel libro "La vita di Eufrosina di Polack" (in bielorusso: "Жыціе Ефрасінні Полацкай", in russo: "Житие Ефросиньи Полоцкой" ). Questo testo probabilmente è stato scritto dopo la sua morte, e la più antica copia superstite risale al XIV secolo. Esistono chiese ortodosse dedicate a Eufrosina a Londra, South River (vicino a New York City), Toronto e Vilnius. In Bielorussia c'è una chiesa a Polotsk e un'altra a Minsk.

Arte[modifica | modifica wikitesto]

Eufrosina di Polotsk divenne la protagonista di molte opere di scrittori e poeti bielorussi. Eufrosina viene narrata nei romanzi di Alexander Osipenko e Valentine Kovtun.

Molte poeti li hanno delicato delle poesie : Vladimir Orlov ( «Еўфрасіння», "Eufrosina" ), Oleg Bembel ( «Абсяг Еўфрасініі» "Ambito di applicazione Eufrosina" ), Gregory Baradulin («У Полацкай Спаса-Еўфрасіннеўскай царкве» "In Polotsk Eufrosina Salvatore Chiesa" ), Danuta Bichel-Zagnetova («Еўфрасіння Полацкая» "Eufrosina di Polotsk" ) Naum Galperovich («Веі замружу, і выплыве вечар» "Ciglia zamruzhu e vyplyvet sera" ), Larissa Heniyush ( «Еўфрасіння Полацкая»,"Eufrosina di Polotsk", «У горы я пад тваімі ранамі»"In montagna sono sotto le tue ferite" ), Sergei Zakonnikov («Святло Еўфрасінні» "Luce Eufrosina" ), Ales Zvonak («Цень Еўфрасінні» ,"Eufrosina Shadow" ), Basil Zuyenok («Апошняя малітва Еўфрасінні Полацкай» "The Last Prayer Eufrosina",«Шукаю Богшу» "Io sono Bogsha" ), Oleg Loiko ( «Еўфрасіння Полацкая» "Eufrosina di Polotsk" ), Valentin Luksha («Фрэскі святой Еўфрасінні» "Gli affreschi di S. Eufrosina" ), Ales Rjazanov ( «Папярэджанне» "Avviso" ), Lyudmila Rublevskaya ( «Еўфрасіння»,"Eufrosina" ) Victor Shnip ( «Хрыстова нявеста»"sposa di Cristo" ), Sergei Paniznik ( «Споведзь»"Confessione" ), Leonid Dranko-Maisyuk ( «Еўфрасіння»,"Eufrosina" ).

La santa è rappresentata con abiti monastici, croce di Santa Eufrosina e giglio, ed è il soggetto principale delle opere di N. Schastny Marochkina Alexei, Alexei Kuzmìc, Arlen Kashkurevich e Svistunovich Simon.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN300547485