Ettore Giovenale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Manifesto della disfida di Barletta

Ettore Giovenale, soprannominato Peraccio Romano (Roma, ... – 1530), è stato un condottiero italiano, uno dei 13 italiani che combatterono contro altrettanti francesi nella storica disfida di Barletta del 1503.

Ettore Giovenale
NascitaRoma
Morte1530
Dati militari
BattaglieDisfida di Barletta
voci di militari presenti su Wikipedia

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di Ettore Giovenale non si conosce con precisione l'anno di nascita; per quanto riguarda il luogo si tramanda che sia nato a Roma, cosa attestata anche dal soprannome. Era amico di Giovanni Capoccio, cavaliere romano. Combatté in Puglia contro i francesi e venne scelto per partecipare alla disfida di Barletta nel 1503. In seguito partecipò alle principali guerre che si combatterono in Italia nel Cinquecento. Durante la guerra d'Italia del 1521-1526 fu al servizio del duca di Ferrara, alleato dei francesi; nel 1521, in occasione di un attacco dei soldati dello Stato Pontificio vicino a Modena, si diede alla fuga con i suoi uomini e venne licenziato dal duca. In seguito partecipò alla guerra della Lega di Cognac al servizio dello Stato Pontificio. A Sorbara nell'autunno del 1526 sconfisse con i suoi uomini un reparto di cavalieri e fanti spagnoli che cercavano di raggiungere Bologna, mettendoli in fuga. Successivamente venne richiamato a Roma per partecipare alla difesa della città contro le truppe della famiglia Colonna, alleatasi con gli spagnoli.

Giovenale morì nel 1530.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]