Ettore Casati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ettore Casati
Ettore Casati.jpg

Ministro di grazia e giustizia
Durata mandato 15 febbraio 1944 –
17 aprile 1944
Capo di Stato Vittorio Emanuele III
Presidente Pietro Badoglio
Predecessore Gaetano Azzariti
Successore Vincenzo Arangio-Ruiz

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università degli Studi di Milano
Professione Magistrato

Ettore Casati (Chiavenna, 24 marzo 1873Roma, 8 agosto 1945) è stato un giurista e magistrato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza all'Università di Milano, era stato nominato consigliere di sezione della stessa Corte e dal 6 novembre 1941 primo presidente della Corte di Cassazione.

Nel 1943 invece di collaborare con la Repubblica Sociale Italiana fuggì nell'Italia liberata. Fu presidente della Commissione sugli illeciti arricchimenti dei governanti fascisti. Fu Ministro di Grazia e Giustizia del Governo Badoglio I dal 15 febbraio 1944 al 17 aprile 1944.[1]

Il 27 luglio 1944 fu nominato presidente dell'Alta corte di giustizia competente per i reati compiuti dai membri del governo fascista.

Scrisse un Manuale del diritto civile italiano, pubblicato a Torino dall'UTET nel 1947, postumo.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I Governo Badoglio, su governo.it, Governo Italiano. URL consultato il 25 dicembre 2007.
  2. ^ Editrici librarie in Piemonte negli anni 1945-1948 - Indice alfabetico degli autori - C, su kore.it, Associazione culturale Leon Battista Alberti. URL consultato il 25 dicembre 2007 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2007).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro di grazia e giustizia del Regno d'Italia Successore Flag of Italy (1861-1946).svg
Gaetano Azzariti 15 febbraio 1944 - 17 aprile 1944 Vincenzo Arangio-Ruiz
Controllo di autoritàVIAF (EN90290846 · ISNI (EN0000 0000 6220 4886 · SBN IT\ICCU\RAVV\059049 · WorldCat Identities (ENviaf-90290846