Etilene propilene fluorurato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Etilene propilene fluorurato
Fluorinated ethylene propylene.png
Caratteristiche generali
Numero CAS25067-11-2
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)2,150
Temperatura di fusione260 °C
Indicazioni di sicurezza

L’Etilene propilene fluorurato (FEP) è un copolimero composto da esafluoropropilene e tretrafluoropropilene. Differisce dal politetrafluoroetilene (PTFE) in quanto termoplastico, quindi lavorabile con tradizionali tecniche di stampaggio a iniezione.

L'Etilene propilene fluorurato è stato inventato dalla DuPont e venduto sotto il nome commerciale di Teflon FEP. Altri nomi commerciali sono Neoflon FEP della Daikin o Dyneon FEP dalla Dyneon/3M.

Il FEP è un composto molto simile ad altri fluoropolimeri quali PTFE e PFA.

Come gli altri materiali della famiglia dei fluoropolimeri ha una caratteristica di antiaderenza e resistenza chimica, oltre ad essere molto trasparente e resistente ai raggi solari.

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Come gli altri fluoropolimeri viene impiegato nella costruzione di cavi, ingranaggi sottoposti a particolari condizioni ambientali.

Grazie alle proprietà antiaderenti è impiegato come distaccante all'interno di stampi per resine epossidiche e compositi.

Grazie alle proprietà antiaderenti e di trasparenza ottica è utilizzato per costruire il fondo dei contenitori per resina nelle stampanti 3D che usano la tecnologia stereolitografica, che permette ai raggi UV di attraversarlo e solidificare la resina.

Il materiale, grazie ad un indice rifrattivo molto vicino a quello dell'acqua nelle lunghezze d'onda nel visibile (FEP: 1.344, Acqua: 1.335) viene impiegato come materiale di sostegno nella microscopia. Questa caratteristica minimizza aberrazioni ottiche quando la luce attraversa il materiale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]