Esther Lederberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Esther Lederberg, Gunther Stent, Sydney Brenner, Joshua Lederberg, 1965

Esther Miriam Zimmer Lederberg (New York, 18 dicembre 1922Stanford, 11 novembre 2006) è stata una microbiologa e immunologa statunitense, pioniere della genetica batterica. Notevoli contributi includono la scoperta del fago lambda, il rapporto tra trasduzione e fago lambda lysogeny, lo sviluppo di replica in piastra, e la scoperta di fertilità batterica fattore F.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Queste sue scoperte contribuirono ai successi della suo gruppo di ricerca, che per gli stessi fu premiato dal Premio Nobel del 1958. Esther non fu accreditata per la scoperta e invitata esclusivamente come "moglie" di uno dei membri del gruppo di cui lei stessa faceva parte[1][2]. I suoi successi e il suo nome sono meno conosciuti di quello del primo marito con cui condusse le ricerche premiate, un fenomeno chiamato "Effetto Matilda".


Esther nel laboratorio

Lederberg inoltre ha fondato e diretto il Centro di Riferimento Plasmidi alla Stanford University, la cui raccolta comprende plasmidi di tutti i tipi, contenenti geni che codificano per la resistenza agli antibiotici, resistenza ai metalli pesanti, virulenza, coniugazione, colicins, trasposoni, temperatura di sensibilità e di altri fattori sconosciuti. (La maggior parte di questi plasmidi non sono ancora stati accuratamente studiati).


Il secondo marito di Esther, Matthew Simon, ha raccolto le ricerche, ricordi e meriti della moglie nel sito "Esther M. Zimmer Lederberg Memorial Website".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Esther Lederberg and Her Husband Were Both Trailblazing Scientists. Why Have More People Heard of Him?, su Time. URL consultato l'8 maggio 2020.
  2. ^ Esther Lederberg, Pioneer of Bacterial Genetics, su Small Things Considered. URL consultato l'8 maggio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN298405155 · ISNI (EN0000 0004 0257 733X · LCCN (ENno2016033626 · GND (DE1261758951 · J9U (ENHE987007297151305171 · WorldCat Identities (ENlccn-no2016033626