Ester Ledecká

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ester Ledecká
Ester Ledecká 2018.jpg
Ester Ledecká a Praga nel 2018
Nazionalità Rep. Ceca Rep. Ceca
Altezza 173 cm
Peso 68 kg
Snowboard Snowboarding pictogram.svg
Specialità Slalom gigante parallelo
Palmarès
Giochi olimpici 2 0 0
Mondiali 2 1 0
Mondiali juniores 2 0 0
Coppa del Mondo - Parallelo 4 trofei
Coppa del Mondo - Gigante parallelo 3 trofei
Per maggiori dettagli vedi qui
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Discesa libera, supergigante
Palmarès
Giochi olimpici 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 28 marzo 2022

Ester Ledecká (Praga, 23 marzo 1995) è una snowboarder e sciatrice alpina ceca.

Avendo vinto la medaglia d'oro nel supergigante di sci alpino e nello slalom gigante parallelo di snowboard ai XXIII Giochi olimpici invernali di Pyeongchang 2018, risulta essere la prima donna nella storia dei Giochi olimpici invernali capace di centrare un titolo in due diverse discipline nella stessa edizione. È inoltre l'unica atleta ad aver ottenuto vittorie sia nella Coppa del Mondo di snowboard che in quella di sci alpino, riuscendo peraltro a vincere in entrambi i circuiti nel corso della stessa stagione (2019-2020, 2020-2021 e 2021-2022).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sua madre Zuzana è stata una pattinatrice di figura, suo padre Janek Ledecký è un cantautore.[1] Suo nonno Jan Klapáč è stato un hockeista, vincitore di due medaglie ai Giochi olimpici: argento a Grenoble 1968 e bronzo a Innsbruck 1964, con la nazionale cecoslovacca. Il fratello Jonáš è un celebre disegnatore[2]: egli è autore, tra l'altro, delle tute con cui Ester Ledecká ha gareggiato a PyeongChang 2018.

Ester Ledecká debutta nelle gare internazionali ai Campionati mondiali di snowboard 2011 a La Molina, cogliendo un 40º posto nello slalom parallelo[3] e un 33º posto nel gigante parallelo[4]. Nel 2013 ha vinto due medaglie d'oro ai Campionati del mondo juniores di Erzurum.

Ai Campionati mondiali di snowboard di Kreischberg 2015 ha vinto lo slalom gigante parallelo e si è riconfermata nell'edizione successiva di Sierra Nevada 2017, ai quali ha vinto anche l'argento nello slalom parallelo.

Ha rappresentato la Repubblica Ceca ai Giochi olimpici invernali di Pyeongchang 2018 nello snowboard (gareggiando nel gigante parallelo) e nello sci alpino (prendendo parte al supergigante). Avendo vinto entrambe le gare[5], Ledecka è divenuta la prima donna della storia a conseguire due titoli in due discipline diverse nella medesima edizione dei giochi; in precedenza, negli anni 1920, erano riusciti in tale impresa solo due uomini, i norvegesi Thorleif Haug e Johan Grøttumsbråten, peraltro in due discipline affini quali lo sci di fondo e la combinata nordica.

Delle due, la vittoria nel supergigante è risultata la più peculiare: l'atleta ceca si era infatti presentata senza particolari velleità (non trattandosi della propria disciplina d'elezione) e aveva ricevuto il pettorale numero 26. Al tempo inoltre il suo miglior risultato in Coppa del Mondo era un diciannovesimo posto in discesa libera, mentre nella classifica di supergigante risultava quarantatreesima[5]. Di riflesso, al momento della sua discesa alcune redazioni giornalistiche (quali la statunitense NBC) avevano già dato per vittoriosa l'austriaca Anna Veith, essendo già scese tutte le altre atlete favorite per il titolo.[5] La stessa Ledecka, giunta all'arrivo con il tempo di 1'21"11 (inferiore di un centesimo a quello della Veith e di undici centesimi al riferimento della liechtensteinese Tina Weirather), inizialmente credette d'essere vittima di un errore di cronometraggio[5]. Ai Mondiali di sci alpino di Åre 2019 è stata 17ª nella discesa libera, 27ª nel supergigante e 15ª nella combinata, mentre a quelli di Cortina d'Ampezzo 2021 si è piazzata 4ª nella discesa libera, 4ª nel supergigante e 8ª nella combinata.

Nella Coppa del mondo di snowboard ha conquistato quattro volte la coppa generale di parallelo (nel 2016, nel 2017, nel 2018 e nel 2019) e tre volte la coppa di slalom gigante parallelo (nel 2016, nel 2018 e nel 2019), ha ottenuto il primo podio il 10 gennaio 2014 a Bad Gastein (2ª in slalom parallelo) e la prima vittoria il 18 dello stesso mese a Rogla in slalom gigante parallelo. Nella Coppa del Mondo di sci alpino ha ottenuto il primo podio - e la prima vittoria - il 6 dicembre 2019 nella discesa libera di Lake Louise. Risulta pertanto essere l'unica atleta ad aver vinto una gara sia nel massimo circuito dello snowboard che in quello di sci alpino[6], è peraltro riuscita a farlo nella stessa stagione (2019-2020, vincendo in snowboard a Rogla e nello sci alpino a Lake Louise[7][8]; 2020-2021, con la tavola a Cortina d'Ampezzo e sugli sci a Val-d'Isère[9][10]; e 2021-2022 a Cortina d'Ampezzo sullo snowboard e a Crans-Montana con gli sci[11][12])

Ai XXIV Giochi olimpici invernali di Pechino 2022 ha nuovamente vinto la medaglia d'oro nello slalom gigante parallelo di snowboard e si è classificata 27ª nella discesa libera, 5ª nel supergigante e 4ª nella combinata dello sci alpino.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Snowboard[modifica | modifica wikitesto]

Giochi olimpici[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali juniores[modifica | modifica wikitesto]

  • 2 medaglie:
    • 2 ori (slalom parallelo e slalom gigante parallelo a Erzurum 2013)

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]
Data Località Paese Specialità
18 gennaio 2014 Rogla Slovenia Slovenia PSG
9 gennaio 2015 Bad Gastein Austria Austria PSL
7 febbraio 2015 Sudelfeld Germania Germania PSG
12 dicembre 2015 Carezza Italia Italia PSG
23 gennaio 2016 Rogla Slovenia Slovenia PSG
27 febbraio 2016 Kayseri Turchia Turchia PSG
17 dicembre 2016 Cortina d'Ampezzo Italia Italia PSL
28 gennaio 2017 Rogla Slovenia Slovenia PSG
5 marzo 2017 Kayseri Turchia Turchia PSG
14 dicembre 2017 Carezza Italia Italia PSG
15 dicembre 2017 Cortina d'Ampezzo Italia Italia PSG
5 gennaio 2018 Lackenhof Austria Austria PSG
20 gennaio 2018 Rogla Slovenia Slovenia PSG
26 gennaio 2018 Bansko Bulgaria Bulgaria PSG
10 marzo 2018 Scuol Svizzera Svizzera PSG
15 dicembre 2018 Cortina d'Ampezzo Italia Italia PSG
16 febbraio 2019 PyeongChang Corea del Sud Corea del Sud PSG
18 gennaio 2020 Rogla Slovenia Slovenia PSG
12 dicembre 2020 Cortina d'Ampezzo Italia Italia PSG
18 dicembre 2021 Cortina d'Ampezzo Italia Italia PSG

Legenda:
PSL = slalom parallelo
PSG = slalom gigante parallelo

Sci alpino[modifica | modifica wikitesto]

Giochi olimpici[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 10ª nel 2020
  • 8 podi (6 in discesa libera, 1 in supergigante, 1 in combinata):
    • 3 vittorie (2 in discesa libera, 1 in supergigante)
    • 2 secondi posti (in discesa libera)
    • 3 terzi posti (2 in discesa libera, 1 in combinata)

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Località Paese Specialità
6 dicembre 2019 Lake Louise Canada Canada DH
20 dicembre 2020 Val-d'Isère Francia Francia SG
26 febbraio 2022 Crans-Montana Svizzera Svizzera DH

Legenda:
DH = discesa libera
SG = supergigante

South American Cup[modifica | modifica wikitesto]

South American Cup - vittorie[modifica | modifica wikitesto]
Data Località Paese Specialità
15 settembre 2015 El Colorado Cile Cile DH
15 settembre 2015 El Colorado Cile Cile DH
16 settembre 2015 El Colorado Cile Cile KB
16 settembre 2015 El Colorado Cile Cile SG
16 settembre 2015 El Colorado Cile Cile KB
16 settembre 2015 El Colorado Cile Cile SG
7 settembre 2016 La Parva Cile Cile DH
8 settembre 2016 La Parva Cile Cile SG
12 settembre 2016 El Colorado Cile Cile SG
12 settembre 2016 El Colorado Cile Cile KB
12 settembre 2016 El Colorado Cile Cile SG
12 settembre 2016 El Colorado Cile Cile KB
13 settembre 2016 El Colorado Cile Cile DH
13 settembre 2016 El Colorado Cile Cile DH
5 settembre 2017 La Parva Cile Cile DH
5 settembre 2017 La Parva Cile Cile DH
6 settembre 2017 La Parva Cile Cile SG

Legenda:
DH = discesa libera
SG = supergigante

KB = combinata

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Andrew Dampf, Czech athlete transitions from snowboard to ski at World Cup, su CTV News, 22 febbraio 2016. URL consultato il 4 dicembre 2016.
  2. ^ [1] Sito in lingua ceca
  3. ^ World Snowboard Championships - Ladies' Parallel Slalom, su data.fis-ski.com, fis-ski.com. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  4. ^ World Snowboard Championships - Ladies' Parallel GS, su data.fis-ski.com, fis-ski.com. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  5. ^ a b c d Ester Ledecka, l’atleta del giorno alle Olimpiadi invernali, Il Post.it, 17 febbraio 2018.
  6. ^ La nuova magia di Ester... Ledecka scrive la storia a Lake Louise: "E' tutto vero anche stavolta", neveitalia.it, 06 dicembre 2019.
  7. ^ Fabio Poncemi, A Rogla è ancora super Italia: nuova doppietta, Coratti piega in finale capitan Fischnaller [...] Tra le donne torna al successo Ester Ledecka, su neveitalia.it. URL consultato il 26 febbraio 2022.
  8. ^ Michela Caré, Lake Louise, prima vittoria in Coppa del Mondo per Ester Ledecka che spegne il sogno di Corinne Suter, su neveitalia.it. URL consultato il 26 febbraio 2022.
  9. ^ Fabio Poncemi, "Capitan Fisch", è sempre lui il Re nel tripudio dell'Italia dello snowboard a Cortina! [...] Tra le donne Ester Ledecka non perdona precedendo tre tedesche, su neveitalia.it. URL consultato il 26 febbraio 2022.
  10. ^ Fabio Poncemi, Un capolavoro di... Fede, ma è super Ledecka a bruciare Suter nel super-g di Val d'Isère, su neveitalia.it. URL consultato il 26 febbraio 2022.
  11. ^ Fabio Poncemi, Snowboard a Cortina: nella notte del Faloria trionfa Ledecka (Ochner 4^), "Fisch" torna sul podio, su neveitalia.it. URL consultato il 26 febbraio 2021.
  12. ^ Fabio Poncemi, A Crans-Montana torna a vincere Ledecka: battute Mowinckel e Huetter, Goggia a ridosso della top ten, su neveitalia.it. URL consultato il 26 febbraio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2903152139981111100001 · WorldCat Identities (ENviaf-2903152139981111100001