Espressione booleana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In algebra di Boole, un'espressione booleana è un'espressione che, quando valutata (ovvero, quando viene dato un valore ai letterali di cui è composta), produce un valore booleano (vero o falso).

Un'espressione booleana può essere composta da:

  • operatori booleani;
  • operandi, suddivisi in costanti booleane (vero e falso) e letterali;
  • funzioni booleane, ovvero funzioni che dato un input qualsiasi restituiscono un valore booleano.

Il concetto di espressione booleana è utilizzato in particolar modo in informatica, ed è definito in maniera analoga, dove i letterali sono delle variabili booleane e le costanti sono le parole-chiave true e false (o i valori 1 e 0).[1]

Operatori booleani[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Connettivo logico.

Gran parte dei linguaggi di programmazione supportano gli operatori OR, AND e NOT. In alcuni linguaggi, come il C[2] (e derivati) e Java[3], questi operatori sono denotati con ||, && e !, rispettivamente. In altri, come il Fortran, sono rappresentati con i simboli |, & e ~.

Nella letteratura matematica, invece, le notazioni più diffuse sono:

  • + (più) o ∨ (vel) per la disgiunzione inclusiva;
  • · (punto) o ∧ (et) per la congiunzione;
  • ‾ (overbar), ¬ (not) o (primo) per la negazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) David Gries e Fred B. Schneider, Chapter 2. Boolean Expressions, in A Logical Approach to Discrete Math, Monographs in Computer Science, Springer, 1993, p. 25ff, ISBN 978-0-387-94115-8..
  2. ^ (EN) C Logical Operators, Microsoft Developer Network. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  3. ^ (EN) William B. Brogden e Marcus Green, Java 2 Programmer, Que Publishing, 2003, p. 45, ISBN 978-0-7897-2861-6.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) George Boole, The Calculus of Logic, III, Cambridge and Dublin Mathematical Journal, 1848, pp. 183–98.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]