Esplosione coulombiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'esplosione coulombiana o esplosione di Coulomb è un fenomeno che provoca la disgregazione dei legami inter-molecolari di un liquido o un solido, dopo la ionizzazione, se sottoposti ad un intenso campo elettrico.

Al materiale vengono strappati elettroni dei gusci esterni con la formazione di ioni positivi e sottoposto a campo elettrico. A causa di forze di Coulomb repulsive tra queste specie, il materiale esplode dando luogo a plasma.[1]

L'esplosione di Coulomb è il fenomeno che permette il desorbimento/vaporizzazione degli ioni nella tecnica di spettrometria di massa elettrospray. Per applicazioni industriali il fenomeno è indotto da laser eccitati ad impulsi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) M. Hashida, H. Mishima, S. Tokita, S. Sakabe Non-thermal ablation of expanded polytetrafluoroethylene with an intense femtosecond-pulse laser., Optics Express (OSA) 20 July 2009 / Vol. 17 (15): 13116-13121.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]