Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Movimento di Liberazione del Popolo del Sudan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Movimento per la Liberazione del Sudan.
Movimento di Liberazione del Popolo del Sudan
Sudan People's Liberation Movement / Army
Seal of SPLA-M.gif
LeaderSalva Kiir Mayardit
StatoSudan del Sud Sudan del Sud
SedeJuba, Khartum
Fondazione1983
IdeologiaIndipendentismo
Cristianesimo democratico
Liberalismo
TestataSPLM Today
Sito web
Bandiera dell'Esercito sudanese di liberazione popolare

Il Movimento di Liberazione del Popolo del Sudan (in inglese: Sudan People's Liberation Movement - SPLM è un partito politico separatista fondato in Sudan nel 1983 come gruppo armato (Esercito di Liberazione del Popolo del Sudan) per l'indipendenza del Sudan del Sud.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo si formò nel 1983 da John Garang de Mabior, Salva Kiir Mayardit, William Nyuon Bany e Kerubino Kuanyin Bol, dapprima come esercito di liberazione ribelle e susseguentemente come organo politico.

Combatté contro i governi di Ja'far al-Nimeyri, Sadiq al-Mahdi e il presidente Omar Hasan Ahmad al-Bashir in quella che oggi viene chiamata la seconda guerra civile sudanese. Fu condotto da John Garang, un Dinka fino alla sua morte (30 luglio 2005). L'ala politica della SPLA è Sudan People's Liberation Movement (al-Harakat al-Shaʿbiyya li-Tahrīr al-Sūdān) oggi è un partito politico.

La SPLA è situata a sud del Sudan, nella parte non musulmana dello stato. Ha dichiarato di stabilire un Sudan democratico con un partito capo che controlla le aree del sud. Nonostante la guerra sia presentata come guerra religiosa o guerra etnica, è anche una guerra per il controllo dell'acqua e del petrolio, risorse localizzate a sud e a ovest dello stato.

Nel 2005, un trattato tra lo SPLA/M e il governo sudanese ha condotto a un formale riconoscimento dell'autonomia del Sudan del Sud, ponendo almeno sulla carta fine agli spargimenti di sangue perpetrati durante oltre quarant'anni di conflitto interetnico.

Nel 2011 il partito è stato promotore del referendum sull'indipendenza e il 9 luglio 2011 è stata proclamata l'indipendenza del nuovo stato.

Il partito fa parte dell'Alleanza Democratica Nazionale.

Organigramma ELPS[modifica | modifica wikitesto]

Questi i personaggi di spicco del movimento:

L'esercito di Liberazione ha inoltre 5 vice-capi di stato maggiore, tutti al grado di maggior generale.

Leaders[modifica | modifica wikitesto]

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN148760819 · GND (DE10142229-5
Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica