Escape the Fate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Escape the Fate
Escape The Fate 1.jpg
Gli Escape the Fate in concerto nel 2009
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenerePost-hardcore[1][2]
Screamo[1]
Metalcore[2]
Rock alternativo[1]
Emo[3][4]
Periodo di attività musicale2004 – in attività
EtichettaEpitaph, Eleven Seven Music
Album pubblicati5
Studio5
Sito ufficiale

Gli Escape the Fate sono un gruppo musicale statunitense formatosi nel 2004 a Las Vegas, in Nevada.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Dying Is Your Latest Fashion (2005–2006)[modifica | modifica wikitesto]

L'ex cantante Ronnie Radke formò il gruppo tramite Myspace con l'aiuto dell'ex bassista Max Green. I due reclutarono il tastierista Carson Allen e in seguito il chitarrista Bryan Money, il quale fece entrare nel gruppo Omar Espinoza (ex chitarrista dei LoveHateHero) nei primi mesi del 2005. A completare la formazione fu l'entrata del batterista Robert Ortiz.

Il gruppo fece il proprio debutto dal vivo un mese dopo riscuotendo subito successo tra le radio locali. Nel settembre 2005 vinsero un concorso giudicato dai My Chemical Romance con cui ebbero la possibilità di aprire i concerti delle band Alkaline Trio, Reggie and the Full Effect.

Firmarono un contratto con la Epitaph Records e il loro EP di debutto, There's No Sympathy for the Dead uscì in maggio 2006.[5] Presero parte ad un tour estivo che comprese alcune date del Warped Tour, ma non parteciparono a quello con i Bullet for My Valentine e gli Eighteen Visions a causa di problemi di droga e alcol del bassista. Radke venne improvvisamente cacciato dal gruppo qualche settimana prima della pubblicazione del loro primo album completo, Dying Is Your Latest Fashion, che salì alla posizione numero 12 nella classifica Billboard Heatseekers[6] e alla numero 19 nella Independent Albums.

Il 6 novembre 2006 gli Escape the Fate pubblicarono un intervento su Myspace affermando che Radke era ritornato nel gruppo. Lo stesso Radke rilasciò un commento sul suo Myspace spiegando la sua assenza e descrivendo il suo nuovo amore per la vita. Il gruppo fu successivamente selezionato come co-headliner per il Take Action Tour, ma non riuscì a parteciparvi e fu sostituito dai From First to Last.

La dipartita di Espinosa e Radke (2006–2008)[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di maggio 2006, il cantante Ronnie Radke venne condannato a cinque anni di reclusione in quanto era coinvolto in una rissa terminata tragicamente con la morte del diciottenne Michael Cook, ucciso da un colpo di pistola sparato da un amico di Radke. Il cantante, in seguito al suicidio dell'amico, si dichiarò colpevole ed uscì di prigione nel 2010 per buona condotta.

L'anno successivo il chitarrista Omar Espinosa abbandonò il gruppo, affermando che la sua partenza era in buoni termini e che rimaneva in buoni rapporti con gli altri membri.[7] Il chitarrista ha successivamente intrapreso prima un progetto con i The Black and White City e successivamente con i Perfect Like Me.

This War Is Ours e Escape the Fate (2008–2012)[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 maggio 2008 gli Escape the Fate rivelarono attraverso Myspace gli inizi delle registrazioni del nuovo album con il nuovo cantante Craig Mabbitt, proveniente dai Blessthefall. Con Mabbitt, il gruppo ha pubblicato il secondo album in studio, This War Is Ours, il 24 ottobre 2008. Dall'album non è stato estratto alcun singolo, ma sono stati realizzati i videoclip per i brani The Flood, Something, 10 Miles Wide e This War Is Ours (The Guillotine II).

Il 29 ottobre 2010 è stato pubblicato l'omonimo Escape the Fate, l'ultimo album con il bassista Max Green. Dall'album sono stati estratti tre singoli: Issues, City of Sin e Gorgeous Nightmare. Esso è anche l'unico pubblicato con la DGC Records.

Nel 2011 Mabbitt ha fondato un side-project/supergruppo metalcore, denominato The Dead Rabbitts. Ne fanno parte anche Alex Torres (ex-chitarrista di svariati gruppi, come Eyes Set to Kill e Alesana), TJ Bell e Rob Pierce.

Ungrateful (2013–2014)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo tre anni di silenzio, il 7 marzo 2013 è stato pubblicato attraverso YouTube il video di un nuovo singolo, Ungrateful, il primo brano senza il bassista Max Green nonché il primo con TJ Bell (basso) e Mike Money (chitarra), fratello del già membro Monte Money. Il 1º aprile 2013 viene pubblicato il video di You're Insane, girato con la figlia del cantante Craig Mabbitt. I due singoli hanno anticipato il quarto album del gruppo, Ungrateful. L'album è stato promosso dall'Ungrateful Tour, il quale ha visto la partecipazione di gruppi come The Color Morale, Glamour of the Kill e As Thick as Thieves. Poco prima dell'estate, il gruppo si è esibito in alcuni festival europei come Download Festival, il Rock am Ring e il Rock im Park.

Il 9 settembre 2013 il gruppo ha pubblicato il videoclip di One for the Money, mentre il 16 settembre è stata annunciata l'uscita dal gruppo del chitarrista e cofondatore Monte Money, il cui posto è stato preso da TJ Bell (già bassista del gruppo). Il posto di bassista è stato ricoperto da Max Green, ritornato in formazione dopo tre anni.

Il 6 maggio 2014 hanno pubblicato il videoclip di Picture Perfect su YouTube.[8] Tre giorni più tardi Max Green ha annunciato la sua seconda uscita dal gruppo[9] ed è entrato a far parte dei Falling in Reverse.[10]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale
Ex componenti

Cronologia[modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Extended play[modifica | modifica wikitesto]

Apparizioni in raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Video musicali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Regista/i Album di provenienza
2005 Not Good Enough for the Truth in Cliche (Demo) / Escape the Fate (Demo)[11]
2006 There's No Sympathy for the Dead There's No Sympathy for the Dead
2007 Not Good Enough for Truth in Cliche Dying Is Your Latest Fashion
Situations Zach Merck
2008 The Flood This War Is Ours
Something
10 Miles Wide Elliot Dillman
2010 This War Is Ours (The Guillotine II)
Issues Escape the Fate Paul R. Brown
City of Sin Robby Starbuck
2011 Gorgeous Nightmare
2013 Ungrateful Robby Starbuck Ungrateful
You're Insane
One for the Money /
2014 Picture Perfect Frankie Nasso
2015 Just a Memory Dale "Rage" Resteghini Hate Me
Alive Dale "Rage" Resteghini, Craig Mabbitt
2016 Remember Every Scar Robyn August
Les enfants terribles (The Terrible Children) Britt Boyce
Breaking Me Down Orie McGinness

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Escape the Fate, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 2 agosto 2015.
  2. ^ a b (EN) Escape the Fate, Sputnikmusic. URL consultato il 2 agosto 2015.
  3. ^ (EN) Dying Is Your Latest Fashion, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 2 agosto 2015.
  4. ^ (EN) There's No Sympathy for the Dead, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 2 agosto 2015.
  5. ^ (EN) Formed in 2004, Las Vegas post-hardcore group Escape the Fate prided itself, above all else, on an energetic and visceral live show., su myspace.com.
  6. ^ (EN) heatseekers albums, su billboard.com. URL consultato il 31 maggio 2017.
  7. ^ (EN) Omar Espinoza leaves Escape The Fate, su altpress.com.
  8. ^ Filmato audio Escape the Fate, Escape The Fate - Picture Perfect, su YouTube, 6 maggio 2014. URL consultato il 12 maggio 2014.
  9. ^ (EN) Philip Obenschain, "I cant help feeling unfulfilled at the end of the day..." - bassist Max Green exits Escape The Fate, Alternative Press, 9 maggio 2014. URL consultato il 12 maggio 2014.
  10. ^ (EN) Matt Crane, “Creating memories together again”—Max Green (ex-Escape The Fate) joins Falling In Reverse, Alternative Press, 12 maggio 2014. URL consultato il 13 maggio 2014.
  11. ^ (EN) Escape the Fate (Demo), Spirit of Metal Webzine. URL consultato il 1º giugno 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN127051878 · BNF: (FRcb16725314b (data)