Escape Room (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Escape Room
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Sudafrica
Anno2019
Durata100 min
Rapporto2,39 : 1
Generethriller, orrore, giallo, fantascienza, avventura, drammatico
RegiaAdam Robitel
SoggettoBragi F. Schut
SceneggiaturaBragi F. Schut, Maria Melnik
ProduttoreOri Marmur, Neal H. Moritz
Casa di produzioneOriginal Film
Distribuzione in italianoWarner Bros.
FotografiaMarc Spicer
MontaggioSteve Mirkovich
Effetti specialiMax Poolman
MusicheJohn Carey, Brian Tyler
ScenografiaEdward Thomas
CostumiReza Levy
TruccoTarryn Kohler
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Escape Room è un film del 2019 diretto da Adam Robitel.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A Chicago, Illinois, la studentessa di fisica Zoey, il magazziniere Ben, il daytrader Jason, la veterana di guerra Amanda, il camionista Mike e l'appassionato di escape room Danny ricevono inviti al Minos Escape Room Facility con la possibilità di vincere $ 10.000. Si riuniscono nella sala d'aspetto della struttura e vengono rinchiusi all'interno: il gioco è già iniziato. Cercando indizi, attivano involontariamente le trappole del riscaldamento; mentre il calore si intensifica, Zoey riesce a sbloccare una bocchetta. Mentre i giocatori si fanno strada, Amanda ha un flashback mentre striscia durante un attacco IED in Iraq. Tutti scappano mentre la stanza è inghiottita dalle fiamme.

Si ritrovano in una capanna invernale, con la porta chiusa da una combinazione di sette lettere. Gli indizi della stanza portano Ben ad avere un flashback mentre guidava ubriaco con gli amici, cantando Rudolph the Red-Nosed Reindeer, prima di schiantarsi contro una macchina. Suggerisce la parola "Rudolph", che sblocca la porta, e il gruppo fugge in una stanza simile a un lago ghiacciato. Trovano l'uscita chiusa e un unico cappotto rosso, e usano una canna da pesca e un magnete per recuperare una chiave racchiusa in un blocco di ghiaccio. Danny cade attraverso il ghiaccio e annega, e gli altri giocatori sono costretti a sciogliere il blocco di ghiaccio con il loro calore corporeo per liberare la chiave. Jason ha un flashback di congelamento accanto a qualcuno in un cappotto rosso; i giocatori sbloccano l'uscita mentre il ghiacciaio esplode dietro di loro.

I cinque giocatori entrano in una stanza da biliardo rovesciata, e la canzone Downtown inizia a suonare a ripetizione. Come in una specie di "gioco delle sedie", ogni volta che la canzone si ferma, una sezione del pavimento cade nel vuoto. Trovano una cassaforte chiusa a chiave e identificano una palla mancante come chiave per la stanza. Zoey ha un flashback delle conseguenze di un incidente aereo e si rende conto che gli indizi del puzzle sono capovolti. Amanda recupera la palla dalla cassaforte, ma mentre cerca di ricongiungersi con gli altri, le cade dalla tasca. Sacrificandosi, la recupera e la lancia a Jason, prima di precipitare nel vuoto.

I quattro giocatori rimasti entrano in un reparto ospedaliero con sei letti e scoprono che tutti i loro sono dei sopravvissuti: Zoey fu l'unica superstite a un incidente aereo; Jason in un incidente in barca; Ben in un incidente d'auto; Mike in una caverna mineraria; Danny ad avvelenamento da monossido di carbonio; Amanda allo scoppio di IED. Si rendono conto che l'intero gioco è stato progettato attorno ai dettagli delle loro vite e deducono che la macchina ECG sbloccherà la stanza. L'indizio dice che per evitare l'irradiarsi del gas velenoso nella stanza è necessario usare il cuore. Prova prima vanamente Ben, il cui battito è troppo debole, dopodiché Mike che lo ha più veloce. Jason lo convince ad usare il defibrillatore ma finisce per ucciderlo. La stanza si riempie di gas, ma Jason si aggancia all'ECG, lasciando che il gas faccia scendere il suo battito cardiaco: il passaggio si apre. Jason e Ben scappano, ma Zoey preferisce restare ad eliminare le telecamere nella stanza finendo per essere sopraffatta dal gas.

Entrando in una stanza psichedelica, Ben affronta Jason a causa del suo cinismo ed egoistico disprezzo per gli altri, capendo anche che Jason era sopravvissuto all'incidente in barca uccidendo il suo compagno di stanza per impossessarsi del cappotto. Aprono un portello nel pavimento ma vengono drogati da un allucinogeno che gli crea effetti psicotropi. Ben trova l'antidoto e, dopo una dura lotta, uccide Jason, se lo inietta, cadendo poi attraverso lo sportello in uno studio elaborato. Mentre le pareti si chiudono, risolve l'enigma ed evita per poco di essere schiacciato.

I dipendenti di Armed Minos entrano nella stanza dell'ospedale per recuperare i due cadaveri ma Zoey, sopravvissuta grazie ad una maschera per l'ossigeno, li aggredisce alle spalle e si impossessa di una pistola.

Ben viene accolto dal Game Master, che ha controllato il gioco come progettato dal Puzzle Maker e spiega la vera natura del gioco: i partecipanti sono uniti sempre da un'esperienza condivisa - atleti universitari, esperti, sopravvissuti, ecc. - e gli spettatori, clienti facoltosi che finanziano il gioco stesso, scommettono sul risultato. Il Game Master tenta di uccidere Ben per preservare i segreti del gioco, ma, grazie al provvidenziale arrivo di Zoey, riescono ad avere la meglio e uccidere il Game Master.

Mentre in ospedale Ben si riprende dalle ferite subite, Zoey cerca di spiegare gli eventi alla polizia, ma una volta arrivati presso la struttura, tutte le prove dell'accaduto sono scomparse nel nulla.

Sei mesi dopo, Zoey si incontra con Ben e gli mostra notizie dei giornali che parlano delle morti degli altri giocatori, inscenate come incidenti accidentali. Zoey è riuscita a trovare le coordinate dove si svolgerà un nuovo gioco e convince Ben a raggiungere il posto per smascherare la compagnia. Tuttavia, i dipendenti della Minos e il misterioso Puzzle Maker, rallegrandosi del fatto che Zoey abbia finalmente vinto la sua paura di volare, si stanno già organizzando con simulazioni di enigmi affinché il volo stesso diventi un nuovo gioco mortale.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono iniziate alla fine del 2017 in Sudafrica[1] e sono terminate nel gennaio 2018.[2]

Il budget del film è stato di 9 milioni di dollari.[3]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 4 gennaio 2019,[2] ed in quelle italiane dal 14 marzo dello stesso anno.[4]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha incassato 54,9 milioni di dollari nel Nord America e 53,5 nel resto del mondo, per un totale di 108,1 milioni di dollari in tutto il mondo.[3]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sull'aggregatore Rotten Tomatoes il film riceve il 48% delle recensioni professionali positive con un voto medio di 5,1 su 10 basato su 124 critiche,[5] mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 48 su 100 basato su 26 recensioni.[6]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 febbraio 2019, la Columbia Pictures avvia il progetto del sequel, confermando il ritorno di Adam Robitel alla regia, insieme a Bragi F. Schut come sceneggiatore e Neal H. Moritz alla produzione; la data di uscita è stata fissata al 17 aprile 2020.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Rebecca Ford, Borys Kit, Deborah Ann Woll, Logan Miller to Star in Sony's 'The Maze', su The Hollywood Reporter, 9 agosto 2017. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  2. ^ a b (EN) Alyse Wax, HOW A NEW DIRECTOR HELPED INSIDIOUS: THE LAST KEY CHANGE UP THE FRANCHISE, su Syfy, 5 gennaio 2018. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  3. ^ a b (EN) Escape Room, su Box Office Mojo. URL consultato l'11 febbraio 2019. Modifica su Wikidata
  4. ^ Filmato audio SonyPicturesIT, Escape Room - Trailer italiano ufficiale - Dal 14 marzo al cinema, su YouTube, 11 febbraio 2019. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  5. ^ (EN) Escape Room, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato l'11 febbraio 2019. Modifica su Wikidata
  6. ^ (EN) Escape Room, su Metacritic, CBS Interactive Inc.. URL consultato l'11 febbraio 2019. Modifica su Wikidata
  7. ^ (EN) Aaron Couch, 'Escape Room 2' in the Works With Original Director, su The Hollywood Reporter, 25 febbraio 2019. URL consultato il 27 febbraio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema