Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni

Esame della saliva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Con la locuzione esame della saliva si indica genericamente un insieme di esami di laboratorio effettuabili su campioni di saliva per identificare marcatori di condizioni endocrine, immunologiche, infiammatorie, infettive, ed altre. La saliva è un fluido biologico utile per il dosaggio di ormoni steroidei come il cortisolo, materiale genetico come l'RNA, proteine quali enzimi ed anticorpi e molte altre sostanze. Il test della saliva è utilizzato per lo screening o la diagnosi di numerose condizioni e stati di malattia, compreso la malattia di Cushing, l'anovulazione, l'infezione da HIV, il cancro, alcune parassitosi, l'ipogonadismo e le allergie. Fra le possibili applicazioni si cita l'uso dell'esame da parte del governo americano per studiare le alterazioni del ritmo circadiano negli astronauti prima del volo e il profilo ormonale dei soldati sottoposti ad addestramenti in condizioni estreme.[1][2]

I fautori dell'utilizzo del test della saliva sottolineano tra i principali vantaggi la facilità di raccolta del campione, la sicurezza e la non invasività dell'esame, l'accessibilità, l'accuratezza e la possibilità di evitare la puntura venosa per l'esecuzione di un prelievo ematico rispetto alle analisi del sangue ed altri tipi di test diagnostici. Inoltre, data la facilità con cui si possono ottenere campioni multipli, il test della saliva è particolarmente utile per effettuare valutazioni biologiche seriate nell'arco di ore, giorni o settimane.

Il test della saliva non è solo oggetto di ricerca continua, ma si è dimostrato anche un valido strumento diagnostico, come evidenziato dal suo utilizzo in tre decenni di utilizzo nella pratica clinica. I primi studi sull'applicabilità del test salivare si sono concentrati principalmente sul dosaggio degli ormoni steroidei e degli anticorpi. Recentemente si sono invece sviluppate tecniche sempre più sofisticate per rilevare altri tipi di proteine, materiale genetico, e marker dello stato nutrizionale. Secondo Wong, dell'Università della California, gli studiosi stanno guardando alla saliva come ad:

« un prezioso liquido biologico ... dal quale vi è la possibilità di ricavare più dati di quanto sia possibile attualmente con altri metodi diagnostici.[3] »

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il test sulla saliva viene attualmente eseguito utilizzando la tecnica ELISA (acronimo per Enzyme-Linked ImmunoSorbent Assay, Saggio Immuno-Assorbente legato ad un Enzima), la tecnica PCR (reazione a catena della polimerasi), la spettrometria di massa ad alta risoluzione (HRMS), od altre nuove tecnologie. Tutti questi metodi consentono l'individuazione di specifiche molecole come il cortisolo, la proteina C reattiva (CRP), o le IgA secretorie. Questo tipo di test in genere comporta la raccolta di una piccola quantità di un campione di saliva in una provetta sterile e la sua successiva analisi di laboratorio.

Alcuni metodi richiedono la raccolta della saliva con un tampone assorbente, l'applicazione sullo stesso di una soluzione chimica, e la valutazione di viraggio del colore per indicare un risultato positivo o negativo. Quest'ultimo metodo è comunemente usato come tecnica point-of-care (auto diagnosi con attrezzature diagnostiche personali) per lo screening di infezione da HIV.

I ricercatori stanno attualmente esaminando il ruolo crescente del test come routine tra gli esami eseguibili in uno studio dentistico o medico, dove la raccolta della saliva è molto semplice da eseguire.[3]

Cenni di fisiologia[modifica | modifica wikitesto]

Gli esseri umani hanno tre principali ghiandole salivari: parotide, sottomandibolare e sottolinguale. Queste ghiandole, insieme a ulteriori ghiandole salivari minori, secernono una ricca miscela di prodotti chimici biologici, proteine, elettroliti, il materiale genetico, polisaccaridi e altre molecole. La maggior parte di queste sostanze penetra all'interno dell'acino delle ghiandole salivari e nel sistema duttale dai capillari circostanti attraverso il liquido interstiziale, anche se alcune sostanze sono prodotte all'interno delle ghiandole stesse.

Le concentrazioni di ogni sostanza riscontrabile nella saliva variano notevolmente a seconda dello stato di salute della persona e la presenza di una eventuale malattia (orale o sistemica). Misurando queste sostanze nella saliva, è possibile eseguire un accurato screening di una varietà di infezioni, allergie, disturbi ormonali, e neoplasie.

Uso clinico[modifica | modifica wikitesto]

Le seguenti condizioni sono tra quelle che possono essere individuate tramite il test della saliva (l'elenco non è esaustivo):

Evidenze e linee di ricerca attuali[modifica | modifica wikitesto]

Alterazioni dei livelli di cortisolo e melatonina[modifica | modifica wikitesto]

Struttura della molecola di cortisolo

Nel 2008 la Società di Endocrinologia statunitense ha pubblicato le linee guida per la diagnosi della sindrome di Cushing. In queste linee guida si consiglia l'esecuzione del test del cortisolo salivare a mezzanotte in due giorni consecutivi quale un possibile strumento di screening iniziale.[4] Nel 2009 una revisione delle citate linee guida ha concluso che a tarda notte il test del cortisolo salivare è una valida alternativa ai dosaggi sierici di cortisolo per la diagnosi di sindrome di Cushing, riferendo che sia la sensibilità che la specificità superano il novanta per cento.[5]

Nel 2010, Sakihara e suoi collaboratori del Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo della Hirosaki University, in uno studio hanno valutato l'utilità e l'accuratezza del dosaggio salivare, plasmatico ed urinario dei livelli di cortisolo e ne hanno concluso che la determinazione del cortisolo salivare appare essere il "metodo di scelta" per lo screening della sindrome di Cushing.[6] Nel 2008 Restituto e collaboratori a seguito di un loro studio hanno affermato che il dosaggio del cortisolo salivare eseguito nelle prime ore del mattino è altrettanto "buono come quello eseguito sul siero" per la tecnica di screening della malattia di Addison.[7]

Nel 2010 Bagcim e collaboratori (Università di Bonn), si sono concentrati sui livelli di melatonina nella saliva e stabilirono che tale dosaggio "riflette in qualsiasi momento del giorno il dosaggio riscontrabile nel siero" e pertanto appare un'alternativa affidabile al dosaggio della melatonina sierica per lo studio della fisiologia della ghiandola pineale nei neonati.[8] Nel 2008 una rassegna (review) dei migliori articoli scientifici ha descritto il test della melatonina sulla saliva come un "metodo pratico e affidabile utilizzabile sia in trial clinici che di ricerca".[9]

Alterazioni degli ormoni sessuali[modifica | modifica wikitesto]

Uno studio del 2009 ha esaminato l'utilizzo del test della saliva per la misurazione di estradiolo, progesterone, deidroepiandrosterone (DHEA), e dei livelli di testosterone in 2.722 soggetti (maschi e femmine). I ricercatori hanno confermato la "validità delle misurazione dei livelli salivari degli ormoni sessuali" ed hanno concluso che il test salivare è stato un buon metodo in particolare per testare gli adulti più anziani data la facilità della raccolta dei campioni a domicilio.[10]

Nei soggetti femminili[modifica | modifica wikitesto]

Immagine ecografica della sindrome dell'ovaio policistico, la cui diagnosi si può avvalere anche del test della saliva.

Nel 2010, uno studio ha identificato l'ormone luteinizzante (LH) come un ottimo ed accurato marker biologico salivare della ovulazione nelle femmine. I ricercatori hanno misurato diversi ormoni nella saliva durante il ciclo mestruale e hanno scoperto che il dosaggio dell'ormone luteinizzante nella saliva era affidabile ed elevato durante il periodo ovulatorio e, per questo motivo, "la determinazione dei livelli di LH nella saliva è un modo affidabile per determinare l'ovulazione".[11]

Un precedente studio del 1983, eseguito sulla determinazione di svariati steroidi salivari, aveva già dimostrato che la misurazione quotidiana del progesterone salivare "fornisce un prezioso strumento per valutare la funzione ovarica".[12] Nel 2001 fu eseguito uno studio che comprendeva il campionamento giornaliero di saliva di soggetti sani e la sua messa in relazione con il ciclo mestruale. I ricercatori conclusero che le determinazioni salivari degli ormoni, ed in particolare le curve di estradiolo e progesterone, corrispondevano all'analogo profilo quotidiano normalmente osservato nel sangue, anche se con una minore ampiezza.[13] Nel 1999 altri ricercatori riferirono che l'esecuzione di test ELISA sulla saliva "poteva servire come un metodo affidabile per la determinazione dell' estriolo".[14]

Nel 2007 un articolo ha riportato che la misurazione di testosterone libero, anche attraverso il test della saliva, rappresenta "l'indicatore biochimico più sensibile per sostenere la diagnosi di ovaio policistico".[15] Nel 1990 Vuorento e collaboratori hanno scoperto che le disfunzioni della fase luteale, in cui i livelli di progesterone declinano prematuramente all'interno del ciclo mestruale, sono stati identificati con alta frequenza con test salivari del progesterone nelle donne che soffrono di infertilità inspiegabili.[16]

Nei soggetti maschili[modifica | modifica wikitesto]

Rappresentazione grafica 3D di una molecola di testosterone.

Nel 2009 Shibayama e collaboratori della Kanazawa University, hanno esaminato l'accuratezza della misurazione degli androgeni nella saliva per la diagnosi di ipogonadismo ad insorgenza tardiva (riduzione relativa dei livelli di androgeni correlata all'età, spesso chiamata "andropausa"). I ricercatori hanno stabilito che l'accuratezza del dosaggio del testosterone e del deidroepiandrosterone (DHEA) nella saliva supera il 98,5% e che questo metodo ha una "soddisfacente applicabilità" per la diagnosi di ipogonadismo ad insorgenza tardiva.[17]

Uno studio del 2007 ha riportato una sensibilità e una specificità del 100% per il testosterone salivare nell'escludere l'ipogonadismo ed ha concluso che il testosterone salivare è un marker biologico molto utile per la diagnosi di carenza di androgeni nel sesso maschile.[18]

L'uso dei dosaggi del testosterone salivare per lo screening di ipogonadismo è stato successivamente validato da altri studi, tra cui uno che ha visto coinvolti 1 454 individui. I ricercatori hanno concluso che il testosterone salivare è "un test accettabile per lo screening per l'ipogonadismo".[19]

Condizioni neoplastiche[modifica | modifica wikitesto]

Carcinoma pancreatico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Cancro del pancreas.

Nel 2010 uno studio condotto dalla School of Dentistry and Dental Research Institute dell'Università della California, ha dimostrato che è possibile rilevare il cancro al pancreas con alta sensibilità e specificità (90,0% e 95,0%, rispettivamente) attraverso uno screening della saliva effettuato su quattro biomarcatori mRNA specifici.[20] In una revisione di articoli scientifici del 2011 aventi per oggetto lo studio di biomarcatori per il cancro al pancreas, Hamade e Shimosegawa (Tohoku University Graduate School of Medicine) conclusero che l'applicazione clinica dell'esame della saliva è un marcatore biologico "utile per lo screening e la diagnosi precoce del cancro al pancreas".[21]

Cancro della mammella[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Neoplasie della mammella.
Figura rappresentante il complesso tra DNA e la proteina p53 (descritto in Cho e collaboratori Science 265 pp. 346, 1994).

Nel 2008 Emekli-Alturfan e collaboratori della Marmara University di Istanbul, compararono la saliva di pazienti affetti da cancro al seno rispetto a quella di individui sani ed osservarono, in particolare, che i campioni provenienti da pazienti con carcinoma mammario contenevano cellule displastiche e presentavano livelli ridotti di perossidasi lipidica.[22]

Nel 2000 uno studio ha confrontato i livelli salivari di un marcatore del cancro al seno (HER2/neu) nelle donne sane, in quelle con lesioni mammarie benigne, ed in quelle con cancro al seno. I ricercatori hanno trovato che il livello salivare (similmente al livello sierico) di questo indicatore era significativamente più alto nelle donne con cancro al seno rispetto alle donne sane ed alle donne con lesioni mammarie benigne. Inoltre affermarono che il marcatore poteva essere potenzialmente utilizzato come strumento per la diagnosi tumore al seno o per l'identificazione di eventuali recidive.[23]

Un ulteriore studio ha confermato questi risultati ed ulteriormente dimostrato che un altro marcatore di cancro al seno (CA15-3) risulta elevato, così come la proteina p53 soppressore del tumore risulta ridotta nella saliva delle donne con cancro al seno rispetto alle donne sane del gruppo di controllo ed alle donne con lesioni mammarie benigne.[24]

Tumori del cavo orale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 Jou e collaboratori (China Medical University di Taiwan) trovarono che i pazienti con diagnosi di carcinoma a cellule squamose orale, avevano livelli più elevati di transferrina nella saliva rispetto ai controlli sani e, inoltre, che il dosaggio salivare della transferrina usando la tecnica ELISA risultava "altamente specifico, sensibile e preciso per una diagnosi precoce di cancro orale".[25] Uno studio del 2009 riportava che i livelli di due biomarcatori, la Ciclina D1 (aumentata rispetto ai controlli) ed il Maspin (diminuito rispetto ai controlli), avevano una sensibilità e specificità del 100% per la rilevazione del cancro orale, se misurati nella saliva.[26]

Il test sulla saliva per mRNA specifici è stato trovato potenzialmente molto valido per la diagnosi del cancro orale.[27] Infatti, ci sono prove che suggeriscono che la diagnostica per RNA su saliva sia leggermente superiore a quella sierica, con il valore di ROC (Receiver operating characteristic) che si attesta sul 95% per la saliva, ma solo all'88% per il siero.[28][29]

Alterazioni della glicemia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Glicemia.

Uno studio del 2009 ha confrontato i livelli di glucosio nella saliva di pazienti diabetici comparandoli a quelli dei controlli non affetti da diabete. Gli autori hanno riferito che "la concentrazione salivare di glucosio e la sua escrezione risultava molto più alta nei pazienti diabetici rispetto ai soggetti sani utilizzati come gruppo di controllo".[30] Nel 2009 sono stati indagati alcuni marcatori biologici salivari che potrebbero aiutare l'identificazione di soggetti affetti da diabete di tipo 2. I ricercatori hanno trovato che ben 65 proteine, la maggior parte delle quali risultano coinvolte nella regolazione del metabolismo e nella risposta immunitaria, sono state significativamente alterate nei diabetici di tipo 2.[31]

Essi hanno inoltre osservato che l'aumento relativo di queste proteine specifiche era direttamente proporzionale alla gravità della malattia (ad esempio, erano modicamente elevate nei pre-diabetici e significativamente elevate nei pazienti diabetici).[27] Nel 2010 Soell e collaboratori dell'Università di Strasburgo, riscontrarono che un particolare marker biologico salivare (la Cromogranina A) veniva sovra-espressa nel 100% dei pazienti con diabete rispetto ai controlli.[32] Nel 2010 venne condotta un'analisi trasversale di 500 persone e scoprirono che un aumento dei livelli salivari di lisozima era "significativamente associata alla sindrome metabolica."[33]

Condizioni infettive[modifica | modifica wikitesto]

Virus dell'immunodeficienza umana (HIV)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: virus dell'immunodeficienza umana.
Test HIV per saliva.

La precisione dell'esame della nella ricerca di anticorpi anti-HIV è stata dimostrata in numerosi studi. In due recenti studi su larga scala è stata riscontrata una sensibilità ed una specificità del 100%. Il primo di questi è stato pubblicato nel 2008 ed ha comparato l'identificazione di anticorpi tramite il test della saliva rispetto ai test sierici utilizzando la tecnica ELISA in 820 individui.[34]

Il secondo studio ha comparato in 591 individui il test degli anticorpi nella saliva rispetto al siero utilizzando la tecnica ELISA, seguita poi da analisi di conferma tramite tecnica Western Blot.[35] La precisione e validità del test anticorpale anti-HIV sulla saliva è stato confermato successivamente da molti altri studi, la qual cosa ha portato all'approvazione di questo metodo da parte della statunitense Food and Drug Administration nel 2004.[36]

Epatite virale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Epatite virale.

Diversi studi hanno dimostrato il potenziale diagnostico del test dell'esame della saliva per il test dell'epatite. Uno studio del 2011 ha dimostrato che il test salivare con ricerca dell'antigene di superficie di HBV, realizzato con metodica ELISA, aveva una sensibilità ed una specificità del 93,6% e 92,6%, rispettivamente.[37] Altri ricercatori hanno sottolineato che il test della saliva per anticorpi anti-HAV (IgM ed IgG) è un metodo efficace per identificare le persone con infezione da HAV.[38][39] Anche l'epatite C è stata identificata utilizzando metodi di rilevamento salivari. Yaari e collaboratori in uno studio del 2006 hanno riferito che il test della saliva per anticorpi anti-HCV ha dimostrato una sensibilità del 100% ed una specificità che è stata descritta "simile o migliore" rispetto ai test su siero.[40]

Infezioni parassitarie[modifica | modifica wikitesto]

Uno studio del 2010 studio ha evidenziato che la ricerca sulla saliva del parassita Entamoeba histolytica era decisamente superiore agli attuali metodi di rilevamento sulle feci nei pazienti affetti da infezione da E. histolytica associata ad ascessi epatici.[41] Nel 2004 venne scoperta che la concentrazione di IgA salivari anti-E. histolytica aveva "valore diagnostico predittivo di amebiasi intestinale ... così come l'identificazione su tessuti".[42] Uno studio del 1990 effettuato su 223 bambini delle scuole con ricerca dell'E. histolytica tramite test della saliva dimostrò una sensibilità e una specificità dell'85% e del 98% rispettivamente.[43]

Nel 2005 venne stabilito che il riscontro su saliva di anticorpi IgG contro Toxoplasma gondii aveva una sensibilità e una specificità del 98,5% e 100% rispettivamente.[44] Uno studio pubblicato nel 1990 ha dimostrato l'utilità diagnostica del test della saliva con ricerca di anticorpi di tipo IgG per identificare la neurocisticercosi secondaria ad infezione di Taenia solium.[45]

Infezione da Helicobacter pylori[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Helicobacter pylori.

In uno studio del 2005 alcuni ricercatori hanno studiato l'accuratezza della diagnosi di infezione di Helicobacter pylori in pazienti dispeptici con livelli salivari di IgG anti-H. pylori. Questi studiosi hanno stabilito che il test della saliva per la ricerca di anticorpi anti-H. pylori "potrebbe essere utilizzato in modo affidabile per lo screening dei pazienti dispeptici nella medicina generale".[46]

Nel corso dello stesso anno Tiwari e collaboratori del Deccan College of Medical Sciences, hanno esaminato l'accuratezza dei test della saliva per la ricerca del DNA di H. pylori e quanto bene questo dato correla con presenza di H. pyloririlevata attraverso la biopsia gastrica. Sulla base dei loro risultati, i ricercatori hanno concluso che il test della saliva potrebbe servire come un metodo affidabile e non invasivo per la rilevazione dell'infezione di H. pylori.[47]

Parodontiti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Parodontite.

Uno studio del 2009 ha focalizzato l'attenzione dei ricercatori sui biomarcatori salivari della malattia parodontale. Le loro scoperte hanno rivelato che le concentrazioni di tre sostanze (perossidasi, idrossiprolina e calcio) sono risultate significativamente aumentate nella saliva dei pazienti con parodontite.[48] Uno studio del 2010 ha dimostrato che l'aumento di tre biomarcatori salivari (MMP-8, TIMP-1, e ICTP), in particolare quando analizzati utilizzando un saggio immunofluorometrico seriato (con dosaggi a breve distanza di tempo), era suggestivo di parodontite.[49]

Malattie cardiovascolari[modifica | modifica wikitesto]

Elaborazione tridimensionale della proteina C-reattiva.

Nel 2011 venne studiata “l'utilità clinica del dosaggio dei livelli salivari della Proteina C-reattiva (PCR) nel valutare gli eventi coronarici (come l'infarto del miocardio) in un contesto di assistenza sanitaria primaria.”[50] I ricercatori trovarono che le concentrazioni della PCR nella saliva di pazienti cardiopatici erano significativamente più elevati se comparati ai soggetti di controllo in buona salute. Inoltre scoprirono che la PCR salivare correlava con i livelli sierici di proteina C-reattiva nei pazienti cardiopatici e, quindi, avrebbe potuto rivelarsi un utile strumento "per la valutazione del rischio di eventi coronarici in studi di screening su popolazioni ampie."[50]

Stati allergici[modifica | modifica wikitesto]

Uno studio del 2002 ha esplorato la relazione tra allergie ed i livelli di immunoglobuline salivari in ottanta soggetti. I ricercatori hanno dimostrato un'associazione tra lo sviluppo di allergie ed alterazioni nei livelli salivari di IgA allergene-specifiche (più elevate rispetto ai controlli) ed IgA secretorie totali (ridotte rispetto ai controlli).[51] Nel 2011 Peeters e collaboratori identificarono aberrazioni caratteristiche in alcuni metaboliti salivari che sono stati associati con individui allergici alle arachidi quando comparati ai controlli tolleranti alle arachidi.[52] Nel 2003 Vojdani e collaboratori trovarono che gli individui esposti a varie muffe allergeniche ed a micotossine mostravano "livelli significativamente più alti di anticorpi IgA nella saliva contro una o più specie di muffa".[53]

Altre sostanze chimiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 Rosa e collaboratori dell'ospedale universitario di Olomouc, riferirono che il test della saliva era diventato così ampiamente diffuso da aver iniziato a sostituire i test delle urine come standard per la rilevazione di droghe illecite ed altri farmaci psicoattivi (benzodiazepine ed altri).[54] Shin e collaboratori in uno studio del 2008 sottolineano che l'individuazione nella saliva dell'etanolo e di tre dei suoi metaboliti (metanolo, glicole etilenico, glicole dietilenico) aveva una "sensibilità e specificità relativamente alta" e che tale test salivare rendeva estremamente rapida la diagnosi di intossicazione alcolica.[55] Uno studio del 2002 d'altro canto dimostrava che vi era un buon accordo tra il dosaggio dell'etanolo ottenuto su saliva e l'analisi eseguita sul respiro, e che il test cromatografico dell'etanolo su saliva è "specifico ... e mostra una buona accuratezza e precisione."[56]

Nel 2011 Vindenes e collaboratori (Norwegian Institute of Public Health) studiarono la fattibilità del monitoraggio delle droghe di abuso utilizzando come campione la saliva, confrontando questo metodo con il classico dosaggio delle droghe sulle urine. I ricercatori scoprirono che alcuni metaboliti delle droghe d'abuso venivano rilevati più di frequente nella saliva che nelle urine, e questo era vero in particolare per la6-Monoacetilmorfina, l'anfetamina, la metanfetamina, ed il N-desmetildiazepam.[57] Questo stesso studio ha dimostrato che il test della saliva è in grado di rilevare i metaboliti di altre droghe, sia pure con una sensibilità inferiore di quella del test delle urine: questo è vero in particolare per la morfina, altre benzodiazepine, la cannabis e la cocaina.[54]

Criticità della metodologia[modifica | modifica wikitesto]

Sensibilità e specificità[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Sensibilità (statistica) e Specificità.
Struttura tridimensionale della sex hormone-binding globulin (SHBG)

Una critica spesso rivolta nell'utilizzo della saliva come fluido per la ricerca di marcatori biologici diagnostici è che questi ultimi sono presenti in quantità che sono troppo basse per essere rilevate in modo affidabile. Come sottolinea Wong, tuttavia, questo fatto "non è più una limitazione" a causa dello sviluppo di tecniche di rilevazione sempre più sensibili.[28] I progressi nella tecnica ELISA e nella spettrometria di massa, oltre ad aver portato alla luce nuovi metodi di rilevamento in grado di sfruttare le nanotecnologie ed altre tecnologie, consentono ai ricercatori e ai professionisti di ottenere una elevata sensibilità analitica. La specificità dei marcatori biologici indagati è un'altra obiezione spesso associata all'esame della saliva, così come spesso lo è con l'esame del sangue o delle urine.

Molti marcatori biologici non sono aspecifici (ad esempio, la PCR è un marker infiammatorio non specifico), e quindi non possono essere usati da soli per diagnosticare alcuna malattia particolare. Questo problema è attualmente affrontato attraverso l'identificazione di marcatori biologici multipli correlati ad una medesima malattia. Questi possono essere studiati assieme al fine di creare un pannello ("panel") completo di test che aumenta significativamente la specificità diagnostica. Da notare che alcuni tipi di esami sulla saliva sono stati considerati da molti meno specifici delle analisi del sangue; questo è particolarmente vero per gli ormoni steroidei.

Dal momento che i test ormonali eseguiti su saliva misurano unicamente quegli ormoni che non sono "bloccati" dalle globuline leganti gli ormoni sessuali (SHBG) o dall'albumina, i valori così ricavati sono considerati riflettere la frazione ormonale "libera", che è poi anche quella dotata di attività biologica.[58][59] La ricerca continua nel campo dei test salivari senza dubbio porterà ad ulteriori miglioramenti sia nell'ambito della sensibilità che della specificità.

Standardizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Similmente ad altri metodi diagnostici, uno svantaggio del test della saliva è la variabilità che esiste tra i dispositivi diagnostici e le tecniche di analisi di laboratorio, e questo è soprattutto vero per il dosaggio degli ormoni.[60] Di conseguenza, sebbene il risultato di un test possa essere accurato ed affidabile nell'ambito di un particolare metodo di dosaggio o di laboratorio,tuttavia non è possibile eseguire comparazioni con risultati ottenuti con metodi diversi. Mentre la comunità scientifica continua a validare e raffinare metodi di indagine sulla saliva ed a stabilire standard di valori di riferimento per diversi marker biologici, questo problema dovrebbe essere affrontato seriamente e risolto. Recentemente, il National Institutes of Health statunitense ed i Servizi di Salute Pubblica hanno concesso finanziamenti cospicui per ulteriori progressi nella ricerca sui test salivari, compreso lo sviluppo di standard diagnostici.[28][61]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biol Psychiatry. 2000 May 15;47(10):891-901. Hormone profiles in humans experiencing military survival training. Morgan CA 3rd, Wang S, Mason J, Southwick SM, Fox P, Hazlett G, Charney DS, Greenfield G. National Center for PTSD, Veterans Affairs Connecticut Healthcare Systems, West Haven, Connecticut 06516, USA. PMID 10807962.
  2. ^ J Pineal Res. 1995 Apr;18(3):141-7. Melatonin and cortisol assessment of circadian shifts in astronauts before flight. Whitson PA, Putcha L, Chen YM, Baker E. Collaborators: Whitson PA, Putcha L. Medical Sciences Division, NASA/Johnson Space Center, Houston, TX 77058, USA. PMID 7562371.
  3. ^ a b J Am Dent Assoc. 2006 Mar;137(3):313-21. Salivary diagnostics powered by nanotechnologies, proteomics and genomics. Wong DT. School of Dentistry, Dental Research Institute, University of California, Los Angeles 73-017 CHS, 10833 Le Conte Ave., Los Angeles, Calif 90095, USA. PMID 16570464.
  4. ^ J Clin Endocrinol Metab. 2008 May;93(5):1526-40. Epub 2008 Mar 11. The diagnosis of Cushing's syndrome: an Endocrine Society Clinical Practice Guideline. Nieman LK, Biller BM, Findling JW, Newell-Price J, Savage MO, Stewart PM, Montori VM. Program on Reproductive and Adult Endocrinology, National Institute of Child Health and Human Development, National Institutes of Health, Bethesda, MD 20892, USA. PMID 18334580
  5. ^ Utility of salivary cortisol measurements in Cushing's syndrome and adrenal insufficiency. Raff H. Endocrine Research Laboratory, Aurora St. Luke's Medical Center, Milwaukee, Wisconsin 53215, USA. PMID 19602555
  6. ^ Endocr J. 2010;57(4):331-7. Epub 2010 Feb 7. Evaluation of plasma, salivary, and urinary cortisol levels for diagnosis of Cushing's syndrome. Sakihara S, Kageyama K, Oki Y, Doi M, Iwasaki Y, Takayasu S, Moriyama T, Terui K, Nigawara T, Hirata Y, Hashimoto K, Suda T. Department of Endocrinology and Metabolism, Hirosaki University Graduate School of Medicine, Aomori, Japan. PMID 20139634
  7. ^ Clin Biochem. 2008 Jun;41(9):688-92. Epub 2008 Feb 5. Advantage of salivary cortisol measurements in the diagnosis of glucocorticoid related disorders. Restituto P, Galofré JC, Gil MJ, Mugueta C, Santos S, Monreal JI, Varo N. Clinical Chemistry Department, University Clinic of Navarra, University of Navarra, Pamplona, Spain. PMID 18280810
  8. ^ Clin Biochem. 2010 Jul;43(10-11):868-72. Epub 2010 Apr 28. Utility of salivary melatonin measurements in the assessment of the pineal physiology in newborn infants. Bagci S, Mueller A, Reinsberg J, Heep A, Bartmann P, Franz AR. Department of Neonatology, Children's Hospital, University of Bonn, Adenauerallee 119, D-53113 Bonn, Germany. PMID 20433823
  9. ^ J Clin Sleep Med. 2008 Feb 15;4(1):66-9. Measuring melatonin in humans. Benloucif S, Burgess HJ, Klerman EB, Lewy AJ, Middleton B, Murphy PJ, Parry BL, Revell VL.Department of Neurology, Northwestern University Medical School, Chicago, IL, USA. PMID 18350967
  10. ^ J Gerontol B Psychol Sci Soc Sci. 2009 Nov;64 Suppl 1:i94-105. Epub 2009 Feb 9.Salivary sex hormone measurement in a national, population-based study of older adults. Gavrilova N, Lindau ST. Department of Obstetrics and Gynecology, University of Chicago, 5841 S. Maryland Avenue, MC2050, Chicago, IL 60637, USA. PMID 19204073
  11. ^ Indian J Dent Res. 2010 Apr-Jun;21(2):165-8. Biochemical evaluation in human saliva with special reference to ovulation detection. Alagendran S, Archunan G, Prabhu SV, Orozco BE, Guzman RG. Department of Animal Science, Bharathidasan University, Tiruchirappalli-24, India. PMID 20657081
  12. ^ J Steroid Biochem. 1983 Jul;19(1A):265-72. Salivary steroid assays for assessing variation in endocrine activity. Riad-Fahmy D, Read GF, Walker RF. PMID 6887863
  13. ^ Cancer Epidemiol Biomarkers Prev. 2001 Jan;10(1):59-64. Saliva as a medium for investigating intra- and interindividual differences in sex hormone levels in premenopausal women. Gann PH, Giovanazzi S, Van Horn L, Branning A, Chatterton RT Jr. Department of Preventive Medicine, Robert H. Lurie Comprehensive Cancer Center, Northwestern University Medical School, Chicago, Illinois 60611, USA. PMID 11205490
  14. ^ Am J Obstet Gynecol. 1999 Jan;180(1 Pt 3):S226-31. Saliva as a fluid for measurement of estriol levels. Voss HF. Source: Biex, Inc., Dublin, California 94568, USA. PMID 9914623
  15. ^ Saudi Med J. 2007 Jul;28(7):1039-43. Free testosterone, luteinizing hormone/follicle stimulating hormone ratio and pelvic sonography in relation to skin manifestations in patients with polycystic ovary syndrome. Sharquie KE, Al-Bayatti AA, Al-Ajeel AI, Al-Bahar AJ, Al-Nuaimy AA. Scientific Council of Dermatology and Venereology, Iraqi Board for Medical Specializations, Department of Biochemistry, Badhdad University, Iraq, and the Department of Gynecology, Alwasl Hospital, Dubai, United Arab Emirates. PMID 17603706
  16. ^ Fertil Steril. 1990 Aug;54(2):211-6. Measurements of salivary progesterone throughout the menstrual cycle in women suffering from unexplained infertility reveal high frequency of luteal phase defects. Vuorento T, Hovatta O, Kurunmäki H, Ratsula K, Huhtaniemi I. Source: Department of Physiology, University of Turku, Finland. PMID 2116329
  17. ^ J Chromatogr B Analyt Technol Biomed Life Sci. 2009 Sep 1;877(25):2615-23. Epub 2008 Nov 5. Simultaneous determination of salivary testosterone and dehydroepiandrosterone using LC-MS/MS: Method development and evaluation of applicability for diagnosis and medication for late-onset hypogonadism. Shibayama Y, Higashi T, Shimada K, Odani A, Mizokami A, Konaka H, Koh E, Namiki M. Division of Pharmaceutical Sciences, Graduate School of Natural Science and Technology, Kanazawa University, Kakuma-machi, Kanazawa 920-1192, Japan. PMID 19010090
  18. ^ Clin Endocrinol (Oxf). 2007 Nov;67(5):656-62. Salivary testosterone: a reliable approach to the diagnosis of male hypogonadism. Arregger AL, Contreras LN, Tumilasci OR, Aquilano DR, Cardoso EM. Endocrine Research Department, Instituto de Investigaciones Médicas A. Lanari, School of Medicine, University of Buenos Aires, Buenos Aires, Argentina. PMID 17953627
  19. ^ Aging Male. 2006 Sep;9(3):165-9. Validation of salivary testosterone as a screening test for male hypogonadism. Morley JE, Perry HM 3rd, Patrick P, Dollbaum CM, Kells JM. Division of Geriatric Medicine, Saint Louis University, Missouri 63104, USA. PMID 17050116
  20. ^ Gastroenterology. 2010 Mar;138(3):949-57.e1-7. Epub 2009 Nov 18. Salivary transcriptomic biomarkers for detection of resectable pancreatic cancer. Zhang L, Farrell JJ, Zhou H, Elashoff D, Akin D, Park NH, Chia D, Wong DT. School of Dentistry and Dental Research Institute, University of California-Los Angeles, Los Angeles, California 90095, USA. PMID 19931263
  21. ^ Pancreatology. 2011;11 Suppl 2:14-9. Epub 2011 Apr 5. Biomarkers of pancreatic cancer. Hamada S, Shimosegawa T. Division of Gastroenterology, Tohoku University Graduate School of Medicine, Sendai, Miyagi, Japan. PMID 21464582
  22. ^ Tohoku J Exp Med. 2008 Feb;214(2):89-96. Altered biochemical parameters in the saliva of patients with breast cancer. Emekli-Alturfan E, Demir G, Kasikci E, Tunali-Akbay T, Pisiriciler R, Caliskan E, Yarat A. Department of Biochemistry, Marmara University, Faculty of Dentistry, Nisantasi, Istanbul, Turkey. PMID 18285665
  23. ^ Clin Cancer Res. 2000 Jun;6(6):2363-70. The presence of soluble c-erbB-2 in saliva and serum among women with breast carcinoma: a preliminary study. Streckfus C, Bigler L, Dellinger T, Dai X, Kingman A, Thigpen JT. School of Dentistry, Department of Research, University of Mississippi Medical Center, Jackson 39216-4505, USA. PMID 10873088
  24. ^ Cancer Invest. 2000;18(2):101-9. A preliminary study of CA15-3, c-erbB-2, epidermal growth factor receptor, cathepsin-D, and p53 in saliva among women with breast carcinoma. Streckfus C, Bigler L, Tucci M, Thigpen JT. Department of Research, School of Dentistry, University of Mississippi Medical Center, Jackson, USA. PMID 10705871
  25. ^ Anal Chim Acta. 2010 Nov 29;681(1-2):41-8. Epub 2010 Sep 25. Proteomic identification of salivary transferrin as a biomarker for early detection of oral cancer. Jou YJ, Lin CD, Lai CH, Chen CH, Kao JY, Chen SY, Tsai MH, Huang SH, Lin CW. Department of Medical Laboratory Science and Biotechnology, China Medical University, Taichung, Taiwan. PMID 21035601
  26. ^ Br J Cancer. 2009 Oct 6;101(7):1194-8. Salivary analysis of oral cancer biomarkers. Shpitzer T, Hamzany Y, Bahar G, Feinmesser R, Savulescu D, Borovoi I, Gavish M, Nagler RM. Department of Otorhinolaryngology, Rabin Medical Center, Petah Tiqva and Sackler Faculty of Medicine, Tel Aviv University, Tel Aviv, Israel. PMID 19789535
  27. ^ a b Clin Cancer Res. 2009 Sep 1;15(17):5473-7. Epub 2009 Aug 25. Salivary microRNA: discovery, characterization, and clinical utility for oral cancer detection. Park NJ, Zhou H, Elashoff D, Henson BS, Kastratovic DA, Abemayor E, Wong DT. Dental Research Institute, Serbia. PMID 19706812
  28. ^ a b c J Am Dent Assoc. 2006 Mar;137(3):313-21. Salivary diagnostics powered by nanotechnologies, proteomics and genomics. Wong DT. School of Dentistry, Dental Research Institute, University of California, Los Angeles 73-017 CHS, 10833 Le Conte Ave., Los Angeles, Calif 90095, USA. PMID 16570464
  29. ^ J Clin Oncol. 2006 Apr 10;24(11):1754-60. Epub 2006 Feb 27. Serum circulating human mRNA profiling and its utility for oral cancer detection. Li Y, Elashoff D, Oh M, Sinha U, St John MA, Zhou X, Abemayor E, Wong DT. School of Dentistry and Dental Research Institute, Division of Head & Neck Surgery/Otolaryngology, David Geffen School of Medicine University of California, Los Angeles, CA 90095, USA. PMID 16505414
  30. ^ J Biomed Biotechnol. 2009;2009:430426. Epub 2009 May 26. Salivary glucose concentration and excretion in normal and diabetic subjects. Jurysta C, Bulur N, Oguzhan B, Satman I, Yilmaz TM, Malaisse WJ, Sener A. Laboratory of Experimental Hormonology, Free University of Brussels, B-1070 Brussels, Belgium. PMID 19503844
  31. ^ J Proteome Res. 2009 Jan;8(1):239-45. Proteomic identification of salivary biomarkers of type-2 diabetes. Rao PV, Reddy AP, Lu X, Dasari S, Krishnaprasad A, Biggs E, Roberts CT, Nagalla SR. Departments of Endocrinology and Metabolism and Medicine, Nizam's Institute of Medical Sciences University, Hyderabad 500 082, India. PMID 9118452
  32. ^ Bosn J Basic Med Sci. 2010 Feb;10(1):2-8. Chromogranin A detection in saliva of type 2 diabetes patients. Soell M, Feki A, Hannig M, Sano H, Pinget M, Selimovic D. Department of Periodontology, Hautepierre Hospitals, University of Strasbourg, France. INSERM Unit 977, 11 Rue Humann, 67085 Strasbourg Cedex, France. PMID 20192923
  33. ^ J Clin Periodontol. 2010 Sep;37(9):805-11. Epub 2010 Jul 21. Association of salivary lysozyme and C-reactive protein with metabolic syndrome. Qvarnstrom M, Janket SJ, Jones JA, Jethwani K, Nuutinen P, Garcia RI, Baird AE, Van Dyke TE, Meurman JH. Otorhinolaryngology/Oral and Maxillofacial Surgery, Kuopio University, Kuopio, Finland. PMID 20666873
  34. ^ Int J STD AIDS. 2008 Oct;19(10):665-7. An evaluation of the performance of OraQuick ADVANCE Rapid HIV-1/2 Test in a high-risk population attending genitourinary medicine clinics in East London, UK. Zelin J, Garrett N, Saunders J, Warburton F, Anderson J, Moir K, Symonds M, Estcourt C; North East London Sexual Health Network Research Consortium. Collaborators: Tawana C, Horne P, Matchett G.SourceBarts Sexual Health Centre, Barts and The London NHS Trust, London EC1A 7BE. PMID 18824617
  35. ^ AIDS Patient Care STDS. 2009 Jul;23(7):571-6. Field evaluation of diagnostic accuracy of an oral fluid rapid test for HIV, tested at point-of-service sites in rural Zimbabwe. Pascoe SJ, Langhaug LF, Mudzori J, Burke E, Hayes R, Cowan FM. Department of Epidemiology and Population Health, London School of Hygiene and Tropical Medicine, London, United Kingdom. PMID 19530953
  36. ^ U.S. Food & Drug Administration. Vaccines, Blood & Biologics. Complete List of Donor Screening Assays for Infectious Agents and HIV Diagnostic Assays. http://www.fda.gov/BiologicsBloodVaccines/BloodBloodProducts/ApprovedProducts/LicensedProductsBLAs/BloodDonorScreening/InfectiousDisease/ucm080466.htm
  37. ^ J Clin Lab Anal. 2011;25(2):134-41. DOI10.1002/jcla.20447 Evaluation of saliva specimens as an alternative sampling method to detect hepatitis B surface antigen. Cruz HM, da Silva EF, Villela-Nogueira CA, Nabuco LC, do Ó KM, Lewis-Ximenez LL, Yoshida CF, Lampe E, Villar LM. Laboratory of Viral Hepatitis, Oswaldo Cruz Institute, FIOCRUZ, Rio de Janeiro, Brazil. PMID 21438008
  38. ^ J Virol Methods. 2011 May;173(2):169-74. Epub 2011 Feb 3. Importance of the cutoff ratio for detecting antibodies against hepatitis A virus in oral fluids by enzyme immunoassay. Tourinho RS, Amado LA, Villar LM, Sampaio DV, Moraes AC, Rodrigues do Ó KM, Gaspar AM, de Paula VS. Laboratório de Desenvolvimento Tecnológico em Virologia, Instituto Oswaldo Cruz - FIOCRUZ, Cx Postal 926, Av. Brasil 4365, CEP: 21360-040, Rio de Janeiro, RJ, Brazil. PMID 21295610
  39. ^ J Virol Methods. 2008 Mar;148(1-2):74-80. Epub 2007 Dec 21. Comparison between serum and saliva for the detection of hepatitis A virus RNA. Amado LA, Villar LM, de Paula VS, Gaspar AM. Laboratory of Technological Development, Department of Virology, Oswaldo Cruz Institute Foundation, Av. Brasil 4365, Rio de Janeiro, RJ 21045-900, Brazil. PMID 18160140
  40. ^ J Virol Methods. 2006 Apr;133(1):1-5. Epub 2005 Dec 19. Detection of HCV salivary antibodies by a simple and rapid test.Yaari A, Tovbin D, Zlotnick M, Mostoslavsky M, Shemer-Avni Y, Hanuka N, Burbea Z, Katzir Z, Storch S, Margalith M. Department of Virology, Soroka University Medical Center, POB 151, Beer Sheva 84101, Israel. PMID 16360219
  41. ^ J Clin Microbiol. 2010 Aug;48(8):2798-801. Epub 2010 Jun 9. Diagnosis of amebic liver abscess and amebic colitis by detection of Entamoeba histolytica DNA in blood, urine, and saliva by a real-time PCR assay. Haque R, Kabir M, Noor Z, Rahman SM, Mondal D, Alam F, Rahman I, Al Mahmood A, Ahmed N, Petri WA Jr. International Centre For Diarrhoeal Disease Research, Bangladesh, Dhaka-1000, Bangladesh. PMID 20534800
  42. ^ J Egypt Soc Parasitol. 2004 Dec;34(3 Suppl):1095-104. Detection of IgA anti-Entamoeba histolytica in the patients' saliva. El Hamshary EM, Arafa WA. Department of Parasitology, Faculty of Medicine, Suez Canal University, Ismailia, Egypt. PMID 15658064
  43. ^ J Infect Dis. 1990 Dec;162(6):1360-4. Diagnosis of intestinal amebiasis using salivary IgA antibody detection. del Muro R, Acosta E, Merino E, Glender W, Ortiz-Ortiz L. Departamento de Inmunología, Facultad de Medicina, Universidad Nacional Autónoma de México, Mexico. PMID 2230266
  44. ^ J Parasitol. 2005 Jun;91(3):561-3. Performance of a Western immunoblot assay to detect specific anti-Toxoplasma gondii IgG antibodies in human saliva. Stroehle A, Schmid K, Heinzer I, Naguleswaran A, Hemphill A. Institute for Medical Microbiology, Department of Medicine, Kantonsspital Aarau, Switzerland. PMID 16108547
  45. ^ J Clin Lab Anal. 1990;4(2):90-4. Antibodies to the metacestode of Taenia solium in the saliva from patients with neurocysticercosis. Acosta E. Departamento de Inmunologia, Instituto de Investigaciones Biomedicas, UNAM, Mexico DF. PMID 2313474
  46. ^ Int J Clin Pract. 2005 Apr;59(4):433-6. Detection and evaluation of salivary antibodies to Helicobacter pylori in dyspeptic patients. Sönmezoglu M, Baysal B, Ergen A, Barut SG. Department of Infectious Diseases, Haseki Hospital, Aksaray, Istanbul, Turkey. PMID 15853860
  47. ^ Singapore Med J. 2005 May;46(5):224-8. Rapid diagnosis of Helicobacter pylori infection in dyspeptic patients using salivary secretion: a non-invasive approach. Tiwari SK, Khan AA, Ahmed KS, Ahmed I, Kauser F, Hussain MA, Ali SM, Alvi A, Habeeb A, Abid Z, Ahmed N, Habibullah CM. Centre for Liver Research and Diagnostics, Deccan College of Medical Sciences, Kanchanbagh, Hyderabad 500058, Andhra Pradesh, India. PMID 15858691
  48. ^ Acta Odontol Latinoam. 2009;22(2):105-12. Changes in saliva protein composition in patients with periodontal disease. Koss MA, Castro CE, Salúm KM, López ME. Department of Biochemistry, Faculty of Dentistry, National University of Tucumán, Argentina. PMID 19839486
  49. ^ J Clin Periodontol. 2010 Jun;37(6):487-93. Salivary MMP-8, TIMP-1, and ICTP as markers of advanced periodontitis. Gursoy UK, Könönen E, Pradhan-Palikhe P, Tervahartiala T, Pussinen PJ, Suominen-Taipale L, Sorsa T. Institute of Dentistry, University of Helsinki, Helsinki, Finland. PMID 20507371
  50. ^ a b J Immunol Methods. 2011 Jul 27. One-step homogeneous C-reactive protein assay for saliva. Punyadeera C, Dimeski G, Kostner K, Beyerlein P, Cooper-White J. The School of Chemical Engineering, The University of Queensland, Brisbane, Australia; The Australian Institute for Bioengineering and Nanotechnology, The University of Queensland, Brisbane, Australia. PMID 21821037
  51. ^ Clin Exp Allergy. 2002 Sep;32(9):1293-8. Total and allergen-specific immunoglobulin A levels in saliva in relation to the development of allergy in infants up to 2 years of age. Böttcher MF, Häggström P, Björkstén B, Jenmalm MC.Department of Molecular and Clinical Medicine, Division of Paediatrics, and Clinical Research Centre, Faculty of Health Sciences, Linköping University, Sweden. PMID 12220466
  52. ^ Int Arch Allergy Immunol. 2011;155(1):23-30. Epub 2010 Nov 25. A search for biomarkers as diagnostic tools for food allergy: a pilot study in peanut-allergic patients. Peeters KA, Lamers RJ, Penninks AH, Knol EF, Bruijnzeel-Koomen CA, van Nesselrooij JH, Knulst AC.Department of Dermatology/Allergology, University Medical Center Utrecht, The Netherlands. PMID 21109745
  53. ^ Immunopharmacol Immunotoxicol. 2003 Nov;25(4):595-614. Saliva secretory IgA antibodies against molds and mycotoxins in patients exposed to toxigenic fungi. Vojdani A, Kashanian A, Vojdani E, Campbell AW.Immunosciences Lab., Inc., Section of Neuroimmunology, Beverly Hills, California 90211, USA. PMID 14686801
  54. ^ a b Biomed Pap Med Fac Univ Palacky Olomouc Czech Repub. 2009 Jun;153(2):103-10. Saliva as a diagnostic medium.Pink R, Simek J, Vondrakova J, Faber E, Michl P, Pazdera J, Indrak K. Department of Oral and Maxillofacial Surgery, University Hospital, Olomouc, 775 20, Czech Republic. PMID 19771133
  55. ^ Transl Res. 2008 Oct;152(4):194-201. Epub 2008 Aug 14. Simple diagnostic tests to detect toxic alcohol intoxications. Shin JM, Sachs G, Kraut JA. Medical and Research Services VHAGLA Healthcare System, UCLA Membrane Biology Laboratory, Division of Nephrology VHAGLA Healthcare System and David Geffen School of Medicine, Los Angeles, CA, USA. PMID 18940722
  56. ^ Pol J Pharmacol. 2002 Mar-Apr;54(2):161-5. Saliva as an alternative specimen for alcohol determination in the human body. Gubała W, Zuba D. Institute of Forensic Research, Kraków, Poland. PMID 12139114
  57. ^ J Anal Toxicol. 2011 Jan;35(1):32-9. Oral fluid is a viable alternative for monitoring drug abuse: detection of drugs in oral fluid by liquid chromatography-tandem mass spectrometry and comparison to the results from urine samples from patients treated with Methadone or Buprenorphine. Vindenes V, Yttredal B, Oiestad EL, Waal H, Bernard JP, Mørland JG, Christophersen AS. Norwegian Institute of Public Health, Division of Forensic Toxicology and Drug Abuse, P.O. 4404, Nydalen, 0403 Oslo, Norway.
  58. ^ Endocr J. 2009;56(3):521-3. Epub 2009 Feb 4. Salivary sex hormones during the menstrual cycle. Celec P, Ostaniková D, Skoknová M, Hodosy J, Putz Z, Kúdela M. Department of Molecular Biology, Comenius University, Bratislava, Slovakia. PMID 19194049
  59. ^ Greenspan's Basic & Clinical Endocrinology, 8th Ed. Saliva Testing directly measures active steroid hormone levels. 2007.
  60. ^ J Clin Endocrinol Metab. 2010 Dec;95(12):5141-3. Standardization of hormonal assays for the 21st century. Wartofsky L, Handelsman DJ.
  61. ^ Biomark Med. 2010 Feb;4(1):171-89. Current developments in salivary diagnostics. Miller CS, Foley JD, Bailey AL, Campell CL, Humphries RL, Christodoulides N, Floriano PN, Simmons G, Bhagwandin B, Jacobson JW, Redding SW, Ebersole JL, McDevitt JT.Oral Medicine Section, University of Kentucky College of Dentistry, Lexington, KY 40536-0297, USA. PMID 20387312

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianni Bonadonna, Gioacchino Robustelli Della Cuna, Pinuccia Valgussa, Medicina oncologica, 8ª ed., Milano, Elsevier Masson, 2007, ISBN 978-88-214-2814-2.
  • Robbins e Cotran, Le basi patologiche delle malattie, 7ª ed., Torino-Milano, Elsevier Masson, 2008, ISBN 978-88-85675-53-7.
  • (EN) Joseph C. Sengen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • (EN) G Bahar, R Feinmesser, T Shpitzer, A Popovtzer e RM Nagler, Salivary analysis in oral cancer patients: DNA and protein oxidation, reactive nitrogen species, and antioxidant profile, in Cancer, vol. 109, nº 1, 2007, pp. 54–59, DOI:10.1002/cncr.22386, PMID 17099862.
  • (EN) RK Banerjee e AG Datta, Salivary peroxidases, in Mol Cell Biochem, vol. 70, nº 1, 1986, pp. 21–29, PMID 3520291.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 31 gennaio 2012 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci di qualità in altre lingue