Esaco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Esaco
Krauss - Aesacus Hesperia.jpg
Esaco e Sterope
Nome orig.Αίσακος
SessoMaschio
Luogo di nascitaTroia

Esaco (in greco antico: Αἴσακος, Áisakos; in latino: Aesacus) è un personaggio della mitologia greca, figlio di Priamo re di Troia e Arisbe, sua prima moglie[1].

Secondo Apollodoro, Esaco (come i fratellastri Eleno e Cassandra) aveva il dono della veggenza, in particolare era noto per l'interpretazione dei sogni che aveva ereditato dal nonno materno Merope[2].

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Figli di Priamo.

Per la maggior parte delle fonti, tra cui le Metamorfosi di Ovidio, Esaco era il primogenito del re Priamo e l'unico figlio che il re ebbe dalla sua prima moglie Arisbe[1], secondo altri la madre di Esaco sarebbe stata la ninfa Alessiroe figlia del fiume Granico.

Prima della guerra di Troia[modifica | modifica wikitesto]

Prima della nascita di Paride, Ecuba sognò di generare una fascina di legna piena di serpenti, di svegliarsi e gridare che Troia era in fiamme. Priamo subito consultò Esaco per comprendere quel sogno, egli esclamò: "Il bimbo che sta per nascere sarà la rovina della nostra patria! Ti supplico di liberartene!".

Pochi giorni dopo Esaco fece una nuova profezia: "Le principesse troiane che partoriranno oggi dovranno essere uccise e così i loro figli!" e Priamo uccise così sua sorella Cilla e il figlio di lei Munippo, nato quella mattina.

Anche Ecuba partorì quel giorno suo figlio ma Priamo non li uccise.

La fine di Esaco[modifica | modifica wikitesto]

Esaco era perdutamente innamorato di Sterope, figlia del fiume Cebreno che morì morsa da un serpente. Esaco non riuscì a darsi pace e cercò più volte la morte, mai trovandola, gettandosi in mare da un'erta rupe.

Alla fine, mossi a compassione gli dei lo tramutarono in uno smergo, uccello che può abbandonarsi alla sua ossessione, senza offendere il creato.

Secondo altre tradizioni, Esaco partecipò alla guerra di Troia: ebbe modo di distinguersi in battaglia, ma venne ucciso per mano di Agamennone[3][4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti secondarie

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca