Ernest Tidyman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Statuetta dell'Oscar Oscar alla migliore sceneggiatura non originale 1972

Ernest Ralph Tidyman (Cleveland, 1º gennaio 1928Londra, 14 luglio 1984) è stato uno scrittore, sceneggiatore, giornalista, produttore cinematografico e produttore televisivo statunitense, vincitore del premio Oscar alla migliore sceneggiatura non originale nel 1972 per Il braccio violento della legge.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ernest Ralph Tidyman nasce a Cleveland, nell'Ohio, il 1º gennaio 1928[1].

Lasciata la scuola a quattordici anni, intraprende giovanissimo l'attività di reporter di cronaca nera arrivando a scrivere per importanti testate quali The Detroit News e The New York Times[2].

In seguito diventa un apprezzato scrittore (è autore di una quindicina di romanzi) e sceneggiatore per il cinema e la televisione ottenendo l'Oscar alla migliore sceneggiatura non originale e il Premio Edgar per la migliore sceneggiatura nel 1972 per Il braccio violento della legge[3].

Muore a Londra il 14 luglio 1984 in seguito alle complicazioni di un'ulcera perforata[4].

John Shaft[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio più popolare creato da Tidyman resta il detective privato nero John Shaft, creato nel 1970 come risposta afro-americana a James Bond protagonista di sette romanzi, tre film e una serie televisiva[5].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • The Anzio Death Trap (1968)
  • Flower Power (1968)
  • Absolute Zero (1971)
  • High Plains Drifter (1973)
  • Dummy (1974)
  • Line of Duty (1974)
  • Starstruck (1975)
  • Table Stakes (1978)
  • Big Bucks (1982)

Serie Shaft[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Profilo dello scrittore, su goodreads.com. URL consultato il 10 gennaio 2018.
  2. ^ (EN) Ernest Tidyman: the white man behind the black hero, su stevealdous.co.uk. URL consultato il 10 gennaio 2018.
  3. ^ (EN) Ernest Tidyman's personal information overview [collegamento interrotto], su spokeo.com.
  4. ^ (EN) Ernest R. Tidyman, screewriter, dies at 56, su nytimes.com. URL consultato il 10 gennaio 2018.
  5. ^ Quando con "Shaft" i neri diventarono nerissimi su repubblica.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN71579566 · ISNI (EN0000 0001 0914 4180 · Europeana agent/base/64064 · LCCN (ENn50011827 · GND (DE124497306 · BNE (ESXX1453469 (data) · BNF (FRcb13900446j (data) · J9U (ENHE987007463604805171 · WorldCat Identities (ENlccn-n50011827