Ermenegildo Zegna (imprenditore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ermenegildo Zegna

Ermenegildo Zegna (Trivero, 2 gennaio 1892Trivero, 18 novembre 1966) è stato un imprenditore italiano, fondatore dell'azienda d'abbigliamento Ermenegildo Zegna.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nella frazione Oro di Trivero, figlio di Angelo (già attivo nel campo del tessile)[1], frequentò fin da giovane l'azienda familiare, entrando a fianco del fratello Mario nella gestione diretta nel 1910[2].

Con il divampare della prima guerra mondiale, partecipò al conflitto rientrando nel dopoguerra alla conduzione dell'azienda di famiglia. Alla morte del padre, avvenuta nel 1923, i due fratelli ottengono il lanificio in eredità, ed Ermenegildo incentrerà la propria attività sulla ricerca e sull'innovazione dei materiali, puntando al mercato internazionale.

Nominato, nel 1935 Cavaliere del lavoro per i meriti lavorativi, Monsù Gildo (come veniva chiamato) ottiene da Vittorio Emanuele III il titolo di Conte di Monte Rubello. L'idea era stata suggerita da Benito Mussolini, che l'aveva maturata in occasione della sua visita nel biellese.[senza fonte] In coincidenza con la seconda guerra mondiale la società cambia assetto, con l'uscita del fratello Mario e l'ingresso dei figli Aldo e Angelo.

Attento osservatore della realtà locale, e legato al suo territorio di origine, Zegna ha sempre cercato di coniugare l'interesse e la crescita economica della popolazione della provincia biellese con la sua rinascita turistica, dando vita a un cantiere di lavoro che, unendo il Monte Rubello e la Valle Cervo, ha preso il nome di Panoramica Zegna. Tale attività di valorizzazine è stata proseguita dai suoi discendenti.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del lavoro
— 29 aprile 1935[3]
  • A Ermenegildo Zegna è stata intitolata la scuola alberghiera I.P.S.A.R. E.Zegna di Trivero.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]