Ercole Castaldo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ercole Castaldo
Ercole Castaldo.jpg
Ercole Castaldo con la maglia dell’Udinese
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Ala destra
Ritirato 1964 - giocatore
1988 - allenatore
Carriera
Giovanili
1940-1944 Torrese
Squadre di club1
1945-1947 Torrese 62 (12)
1947 Salernitana 0 (0)
1947-1948 Empoli 16 (7)
1948-1951 Salernitana 87 (26)
1951-1956 Udinese 127 (19)
1956-1959 Alessandria 78 (12)
1959-1961 Cirio 41 (2)
1963-1964 Savoia 3 (1)
Nazionale
194? Italia Italia U-23 1 (0)
Carriera da allenatore
1959-1961 Cirio [1][2]
1961-1963 Savoia
1970-1971 600px vertical HEX-00529F White.svg Sant'Agata[3]
1972-1973 Paganese
1981-1982 Savoia
1987-1988 Valdiano 85
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ercole Castaldo (Torre Annunziata, 14 febbraio 1926 – ...) è stato un calciatore, allenatore di calcio e dirigente sportivo italiano, di ruolo ala.

Alla sua memoria è stato dedicato un torneo giovanile che si svolge a Torre Annunziata[4].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nella Torrese di Torre Annunziata, fu scoperto da Enrico Colombari[5]. Giovanissimo partecipò alla Coppa della Liberazione[6], andando anche a segno nella vittoria contro la Salernitana[6] che poi avrebbe vinto quel torneo[6]. Prese parte anche al Campionato campano del 1945[7] e fece il suo esordio in Serie C il 28 ottobre 1945[8] sempre con la squadra della sua città, divenuta nel frattempo Ilva Torrese, con cui ottenne la promozione in Serie B. In serie cadetta debuttò il 22 settembre 1946, in Brindisi-Torrese 1-1[9], mentre la prima rete venne siglata il 6 ottobre dello stesso anno[9].
Nel 1947 passa alla Salernitana, ma Gipo Viani non ritenendolo all'altezza per l'esordio in massima serie lo spedisce in prestito all'Empoli[10] in serie B, dove va a rimpiazzare Benito Lorenzi[10] che nel frattempo è passato all'Inter. Ha disputato 6 campionati in Serie A con le maglie di Udinese ed Alessandria, totalizzando complessivamente 130 presenze e 18 reti. Con 6 reti all'attivo in 25 incontri disputati, ha contribuito alla miglior stagione della storia dell'Udinese (annata 1954-1955, chiusa dai friulani al secondo posto). Con la maglia dell'Alessandria, nel campionato 1958-1959, fu compagno di squadra dell'esordiente Gianni Rivera[11].
Ha collezionato una presenza con la Nazionale italiana under 23[11].

Ha inoltre collezionato 168 presenze e 47 reti in Serie B nelle file di Empoli, Salernitana, Udinese ed Alessandria, centrando due promozioni consecutive in massima serie (Udinese 1955-1956 e Alessandria 1956-1957), e raggiungendo la ragguardevole quota di 17 reti all'attivo nella stagione 1948-1949 con la Salernitana.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha intrapreso la carriera da allenatore nei primi anni sessanta, ricoprendo il doppio ruolo di allenatore-giocatore con la Cirio. In occasione di uno spareggio col Crotone, subisce una squalifica a vita per aggressione all'arbitro, successivamente ridotta a due anni[12]

Prosegue la carriera guidando fra l'altro il Savoia, squadra della sua città[13], dal 1961 al 1963, e nel 1981-1982, quando sostituì Mario Trebbi a campionato in corso[14]). Guidò anche il Valdiano nel campionato di Serie C2 1987-1988[15].

Dirigente[modifica | modifica wikitesto]

È stato dirigente sportivo del Savoia nel 1980 nel campionato di Serie C2[16].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Savoia: 1963-1964

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Rizzoli edizioni, 1961, p. 197.
  2. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Rizzoli edizioni, 1962, p. 198.
  3. ^ Almanacco illustrato del calcio 1971, edizioni Panini, p. 315
  4. ^ Parte il Trofeo "Castaldo", su savoiaclub.com. URL consultato il 7 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2016).
  5. ^ Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 189.
  6. ^ a b c Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 166.
  7. ^ Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 168.
  8. ^ Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 175.
  9. ^ a b Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 183.
  10. ^ a b Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 190.
  11. ^ a b Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 191.
  12. ^ Ercolino Castaldo, giocatore simbolo[collegamento interrotto] F.C Savoia 1908 Official Web Site
  13. ^ Salvati:"Castaldo campione vero"[collegamento interrotto] F.C Savoia 1908 Official Web Site
  14. ^ Beltrami, 1982, p. 299.
  15. ^ Almanacco illustrato del calcio 1988, ed. Panini, pag.361
  16. ^ Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 454.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Littoriale, quotidiano sportivo consultabile presso l'Emeroteca del CONI
  • Chrystian Calvelli, Giuseppe Lucibelli; Raffaele Schettino, Savoia storia e leggenda dall'Oncino al Giraud, Gragnano, Stampa Democratica '95, dicembre 2000. ISBN non esistente
  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1983. Modena, Panini, 1982.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]