Erbazzone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Erbazzone
Origini
Altri nomiScarpazzone
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
Diffusioneregionale
Zona di produzioneprovincia di Reggio Emilia
Dettagli
Categoriapiatto unico
RiconoscimentoP.A.T.
SettorePaste e prodotti panetteria
Ingredienti principalifarina, lardo, bietola, aglio, scalogno, parmigiano-reggiano

L'erbazzone[1] o anche detto scarpazzone, (scarpasòun in dialetto reggiano) è una tipica specialità gastronomica reggiana, a base di bietola. Nella sua preparazione, le famiglie contadine più umili usavano anche il fusto bianco, cioè la scarpa, della bietola[2], da cui il nome dialettale. L'erbazzone è quindi di stagione da fine giugno ai Santi, il periodo di crescita delle bietole.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'erbazzone in pratica è una torta salata composta da un fondo di pasta (detta foieda), ripieno per due centimetri con un impasto di bietole lesse (a volte unite con spinaci lessi), scalogno, cipolla, aglio e tanto Parmigiano-Reggiano. Viene poi richiuso con un altro strato di pasta cosparso di lardelli o pezzetti di pancetta e punzecchiato con la forchetta[2].

Variazioni recenti prevedono l'uso della pasta sfoglia o pasta brisée, e della ricotta vaccina nell'impasto.

Derivano dall'erbazzone le chizze salate, diffuse nel reggiano, e gli erbazzoncini. Le prime sono dei quadretti di pasta sfoglia cotta al forno con il medesimo ripieno dell'erbazzone, i secondi sono delle piccole losanghe di pasta, ripiene con lo stesso impasto dell'erbazzone e fritte nello strutto, molto simili allo gnocco fritto.

L'erbazzone montanaro[modifica | modifica wikitesto]

Ne esiste una versione chiamata Erbazzone Montanaro che si cucina nella zona di Castelnovo ne' Monti-Carpineti dove l'impasto viene addizionato con il riso[2]. L'erbazzone montanaro, più alto di spessore, non viene ricoperto in superficie se non talvolta da una spennellata di glassa d'uovo o da una spolverata di granelli di zucchero. Questo prodotto di pianura arrivò in montagna portato dalle mondine che dall'appennino si spostavano nella "bassa" da marzo ad ottobre a liberare le risaie dalle erbacce. Per ogni giorno di lavoro ricevevano un kg di riso. Da alcuni anni a Carpineti si tiene in estate una manifestazione denominata "Scarpazzone in forma" per celebrare il tipico erbazzone montanaro con il riso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ricetta Erbazzone o scarpazzone, su giallozafferano.it. URL consultato il May 31, 2017.
  2. ^ a b c L'erbazzone è una torta salata rustica preparata, su L'erbazzone è una torta salata rustica preparata. URL consultato il May 31, 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]