Erardo di Ratisbona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Erardo di Ratisbona
Sant'Erardo in una miniatura dellUta codex
Sant'Erardo in una miniatura dellUta codex
Venerato da Chiesa cattolica
Canonizzazione 1052 da papa Leone X
Ricorrenza 8 gennaio

Erardo di Ratisbona (... – ...) è stato un vescovo e missionario irlandese, venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Fu canonizzato da papa Leone IX nel 1052[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni testi parlano di Erardo come vescovo a Ratisbona tra il VII e l'VIII secolo, ma mancano dati storici a riguardo: secondo Ferdinand Janner il suo episcopato sarebbe da collocarsi tra quelli di Emmerano e Bonifacio; secondo altre ipotesi sarebbe stato un vescovo missionario attivo nel VII secolo nelle Gallie e in Baviera; Max Heuwieser suppone che fosse un vescovo itinerante dimesso da san Bonifacio.[2]

L'episodio più celebre della vita di Erardo, rappresentato anche da alcuni artisti, è il battesimo di Ottilia, in seguito al quale la santa riacquistò la vista.[3]

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Il corpo di sant'Erardo era sepolto nell'Abbazia di Niedermünster e l'8 ottobre 1052 papa Leone IX procedette all'elevazione delle reliquie e alla canonizzazione.[2]

Nel 1866 i suoi resti furono collocati, insieme al suo presunto pastorale in corno di bufalo, in un'urna sull'altare del santo.[4]

A Niedermünster se ne celebrava la festa l'8 gennaio (dies natalis) e l'8 ottobre (transazione delle reliquie); la sua memoria ricorreva ugualmente l'8 gennaio nei monasteri bavaresi di Metten e Weltenburg, mentre a Ratisbona era ricordato al 19 gennaio e a Moyenmoutier il 23 gennaio.[4]

Il suo nome fu iscritto nel Martirologio romano (all'8 gennaio) solo nel XX secolo.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Erardo di Ratisbona, in Enciclopedia dell'arte medievale, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1991-2000.
  2. ^ a b Rombaut Van Doren, BSS, IV (1964), col. 1285.
  3. ^ Rombaut Van Doren, BSS, IV (1964), col. 1287.
  4. ^ a b c Rombaut Van Doren, BSS, IV (1964), col. 1286.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Filippo Caraffa e Giuseppe Morelli (curr.), Bibliotheca Sanctorum (BSS), 12 voll., Istituto Giovanni XXIII nella Pontificia Università Lateranense, Roma 1961-1969.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN77191847 · GND: (DE122228731