Equilibrio termodinamico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In termodinamica si dice che un sistema è in equilibrio termodinamico se le sue variabili di stato (o parametri o coordinate) termodinamiche (ad esempio pressione, volume e temperatura nel caso di un fluido omogeneo) non variano nel tempo[1] e se una variazione di tali parametri (che porta ad uno scostamento del sistema dalla condizione di equilibrio) sia possibile solo se intervengono delle modifiche al contorno del sistema, cioè se l'ambiente che circonda il sistema subisce modifiche che si ripercuotono sul sistema preso in esame, modificandone lo stato.[2]

Equilibrio e stato termodinamico[modifica | modifica wikitesto]

Il concetto di equilibrio termodinamico è legato al concetto di stato termodinamico. Un particolare stato termodinamico può essere di equilibrio o di non equilibrio.


Condizioni necessarie per l'equilibrio termodinamico[modifica | modifica wikitesto]

Affinché un sistema sia in equilibrio termodinamico devono essere verificate contemporaneamente queste quattro condizioni:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sapere.it - "Le trasformazioni termodinamiche"
  2. ^ (EN) Encyclopaedia Britannica, "Thermodynamic equilibrium"

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Termodinamica Portale Termodinamica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di termodinamica