Equazione di Kirchhoff

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Termochimica
Concetti base
Temperatura
Calore
Reazione chimica
Processo spontaneo
Condizioni standard
Grandezze in termochimica
Entalpia di legame
Entalpia standard di formazione
Entalpia standard di reazione
Entropia molare standard
Energia libera di Gibbs standard di formazione
Leggi in termochimica
Legge di Hess
Equazione di Kirchhoff
Calorimetria
Calorimetro
Calorimetro delle mescolanze
Categoria:Termochimica

L'equazione di Kirchhoff, che prende il nome dal fisico tedesco Gustav Robert Kirchhoff, permette di calcolare la variazione di entalpia, associata a una reazione chimica, in relazione alla sua dipendenza dalla temperatura. Viene espressa nella forma

dove ΔCp è la variazione di capacità termica a pressione costante della reazione, con

tenendo conto dei coefficienti stechiometrici dei prodotti pi e dei reagenti ri.

Dall'integrazione dell'equazione di Kirchhoff, tra le temperature assolute T° e T, si ottiene

ΔH0 è una costante di integrazione, ricavabile applicando l'equazione per un valore di temperatura T° per la quale ΔH è noto (di solito questo ΔH si ricava dai valori di entalpia molare standard di formazione tabulati a 298,15 K), e non va confuso con l'entalpia molare standard di reazione ΔH°.

La dipendenza della capacità termica di reagenti e prodotti viene solitamente espressa da una serie di Taylor nella temperatura T.

dove gli ai sono costanti empiriche caratteristiche per ciascuna sostanza e tabulate in letteratura specialistica.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • S. Pasquetto, L. Patrone, Chimica Fisica, Volume 3, Milano, Masson S.p.A., 1990, ISBN 88-214-0493-5.