Episodi di Tredici (seconda stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Tredici (serie televisiva).

Logo della serie

La seconda stagione della serie televisiva Tredici, composta da 13 episodi, è stata interamente pubblicata sul servizio di video on demand Netflix il 18 maggio 2018, in tutti i territori in cui il servizio è disponibile[1].

Titolo originale Titolo italiano Pubblicazione USA Pubblicazione Italia
1 The First Polaroid La prima Polaroid 18 maggio 2018 18 maggio 2018
2 Two Girls Kissing Due ragazze e un bacio
3 The Drunk Slut L'ubriacona
4 The Second Polaroid La seconda Polaroid
5 The Chalk Machine La macchina tracciarighe
6 The Smile at the End of the Dock Il sorriso alla fine del molo
7 The Third Polaroid La terza Polaroid
8 The Little Girl La bambina
9 The Missing Page La pagina mancante
10 Smile, Bitches! Un bel sorriso, stronze
11 Bryce + Chloe Bryce e Chloe
12 The Box of Polaroids La scatola di Polaroid
13 Bye Addio

La prima Polaroid[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Cinque mesi dopo la morte di Hannah, Clay e Skye si sono messi insieme mentre Alex Standall, che aveva tentato di suicidarsi, ha perso la memoria di ciò che è accaduto nei mesi precedenti il tentato suicidio. Nel frattempo inizia il processo tra la madre di Hannah e la scuola. Il primo chiamato a testimoniare per l'accusa è Tyler che, nonostante sia stato minacciato anonimamente di non parlare, decide di farlo lo stesso per rispetto della ragazza e dei genitori. Il giovane dichiara il suo complesso rapporto con Hannah e di come sia stata distribuita la foto scattata da Justin Foley, mettendo però in cattiva luce Hannah. Clay trova nel suo armadietto una foto Polaroid raffigurante Bryce che stupra un'altra ragazza e sul retro la scritta "Hannah non è l'unica". Con l'avvio del processo lo stesso Clay è tormentato da continue visioni di Hannah che fanno riaffiorare ricordi che il ragazzo aveva cercato di lasciarsi alle spalle. Tony brucia un messaggio su un pezzo di carta che Hannah gli aveva lasciato prima di morire.

  • Testimone: Tyler Down, che parla delle foto scattate ad Hannah e il suo tentativo di fare amicizia con lei.

Due ragazze e un bacio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La seconda persona chiamata a testimoniare è Courtney e la deposizione si concentra sulla foto scattata a lei e Hannah mentre si baciavano. Inizialmente Courtney tenta di nascondere la propria omosessualità ma poi, quando le viene chiesto se fosse Hannah ad essere interessata nei suoi confronti, ammette che era lei innamorata di Hannah e per questa ragione si stavano baciando quando Tyler scattò loro quella foto. Jessica e Tyler, che nel frattempo frequenta dei corsi per ragazzi con problemi sociali facendo amicizia con un ragazzo di nome Cyrus, ricevono messaggi che li minacciano di morte se non tengono la bocca chiusa. Clay cerca di mantenere la relazione con Skye, ma viene intralciato dai suoi continui ricordi e visioni di Hannah. Skye pensa di non essere all'altezza e capisce che il ragazzo è ancora ossessionato da Hannah così, dopo aver lasciato la casa di Clay, si ferisce e viene ricoverata in ospedale.

  • Testimone: Courtney Crimsen, che parla del bacio fra lei e Hannah e dei sentimenti che provava nei suoi confronti.

L'ubriacona[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Jessica viene chiamata a testimoniare e Clay e Alex la incoraggiano a fare il nome di Bryce per lo stupro subito; tuttavia, nel corso del processo, viene assalita dai dubbi e per questo motivo non lo nomina. Olivia, successivamente, le chiede se, per caso, fosse lei la ragazza nominata sul nastro 9, ma Jessica rifiuta ancora di rispondere. Clay scopre che Justin ha mandato una cartolina a Jessica e, con l'aiuto di Tony, decide di cercare il ragazzo. I due scoprono che Justin, dopo essere scappato di casa, è diventato un senzatetto. I genitori di Skye trasferiscono la figlia in un istituto psichiatrico e chiedono a Clay di non contattarla. Tyler e Cyrus rafforzano il loro legame, mentre Bryce viene chiamato a testimoniare.

  • Testimone: Jessica Davis, che parla della lista del "miglior sedere" e della sua amicizia con Hannah.

La seconda Polaroid[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Clay scopre che Justin è diventato dipendente da ossicodone e, per poter rendere credibile la sua testimonianza, cerca di farlo disintossicare con l'aiuto di Sheri. Marcus è chiamato a testimoniare, ma mente riguardo quello che è successo tra lui e Hannah. Jessica e Alex saltano la scuola per andare a trovare Olivia, poi vanno in spiaggia. Si baciano, ma Jessica reagisce in maniera inquieta, ricordandosi lo stupro subito. Cyrus e Tyler umiliano pubblicamente Marcus con uno scherzo per vendicarsi delle bugie dette al processo. Alex è sempre più frustrato per la perdita di memoria e si fa consegnare le cassette da Clay.

  • Testimone: Marcus Cole, che mente riguardo la sua uscita con Hannah.

La macchina tracciarighe[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tyler viene accusato dal sig. Porter di avere a che fare con le foto di Jessica trovate in aula prima della sua testimonianza, ma nega di esser coinvolto. Ryan durante la sua testimonianza parla delle poesie di Hannah, dicendo che riguardavano Justin e che lei e Justin avevano mantenuto i contatti dopo il litigio. Successivamente, Olivia invita Ryan ad aiutarla a decifrare le poesie di Hannah per ricavare ulteriori indizi, ma Ryan se ne va dopo che Olivia accenna a delle pagine mancanti nel diario di Hannah, che Ryan stesso aveva strappato. Clay capisce che le Polaroid che ha ricevuto sono state scattate a scuola e cerca di scoprire dove. Chloe incontra i genitori di Bryce, la cui madre nota dei lividi su di lei. Jessica partecipa alla sua prima sessione di terapia di gruppo. Il finestrino della macchina del sig. Porter viene infranto con un mattone con attaccato un messaggio di minaccia; più tardi quest'ultimo affronta la madre di Justin e viene arrestato dopo una rissa col fidanzato di questa.

  • Testimone: Ryan Shaver, che parla delle poesie scritte da Hannah.

Il sorriso alla fine del molo[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Zach testimonia e rivela che lui e Hannah hanno avuto una relazione l’estate prima della sua morte, ma che avevano deciso di mantenerla segreta. Dopo la testimonianza, Clay si arrabbia e affronta Zach, ignorando le sue scuse, mentre Bryce prende in giro Zach per la sua relazione. Justin torna a scuola e parla con Jessica, ma lei gli chiede di andarsene. Dopo aver visto Bryce, sviene e, tornato a casa di Clay, deve nascondersi nel momento in cui entra un ladro. I genitori di Clay scoprono così che era in casa loro da diversi giorni, ma gli consentono di rimanere.

  • Testimone: Zach Dempsey, che parla della sua relazione con Hannah l’estate prima della sua morte.

La terza Polaroid[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante la testimonianza, Clay viene costretto a rivelare che lui e Hannah avevano assunto droghe a una festa e che avevano passato la notte insieme; Clay ammette anche di aver ignorato un commento fatto da Hannah sul suicidio il giorno successivo. Tyler e Cyrus anonimamente obbligano Marcus a travestirsi da donna se questi non vuole che venga pubblicato un suo video compromettente. La festa di compleanno di Alex viene rovinata quando il ragazzo afferma che avrebbe voluto riuscire a suicidarsi. Quando Clay sta per tornare a casa, trova una Polaroid sulla sua macchina con scritto sul retro “Il Club”. Tyler parlando con Cyrus afferma che il prossimo che dovranno prendere di mira sarà Zach. Dopo aver letto su un blog i commenti a proposito della sua testimonianza, Clay decide di caricare online anonimamente le cassette. Nel frattempo, Bryce fa sesso con Chloe pur non avendo un esplicito consenso.

  • Testimone: Clay Jensen, che parla della sua amicizia con Hannah.

La bambina[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la pubblicazione delle cassette, Bryce torna a scuola e scopre che il suo armadietto ha subito atti vandalici e che la “cassetta” della sua confessione a Clay è diffusa tra moltissimi studenti. Dopo i ricatti subiti, Marcus parla di Bryce nel suo discorso per una cerimonia definendolo uno stupratore di fronte a molti genitori e studenti, così da proteggere la propria reputazione. Clay riesce finalmente a contattare Skye e a incontrarla nella clinica psichiatrica in cui è ricoverata, ma lei gli anticipa che si trasferirà in un altro Stato. Justin va in overdose di eroina, ma Alex gli salva la vita; Justin alla fine torna a casa di sua madre.

  • Testimoni: Andy e Olivia Baker, che parlano della vita di Hannah.

La pagina mancante[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sua testimonianza, Mr Porter rivela di esser arrivato alla conclusione che Hannah era stata stuprata da Bryce. Successivamente, si scusa con la madre di Hannah per esser coinvolto nelle cause del suo suicidio. Justin ruba del denaro dal fidanzato della madre, e, quando la madre lo affronta, le consiglia di andarsene per scappare dalla sua situazione. Bryce minaccia Clay credendo che sia stato lui a ricattare Marcus. Più tardi, Clay viene picchiato violentemente a scuola da quattro studenti incappucciati. Viene poi avvicinato da Cyrus, che lo invita a unirsi a lui e Tyler per compiere atti vandalici contro la scuola la sera stessa; durante il loro incontro, Clay nota un gruppo di studenti diretto al Club, un capanno degli attrezzi vicino al campo da baseball. Manda un messaggio a Justin e i due si riappacificano. Nel frattempo, Olivia va da una ragazza, Sarah, e le di non testimoniare.

  • Testimone: Pam Bradley, che parla dello scritto anonimo di Hannah, e Kevin Porter, che parla del giorno in cui Hannah gli chiese aiuto.

Un bel sorriso, stronze[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sua testimonianza, Tony decide di non rivelare che Hannah gli aveva lasciato le cassette perché le doveva un favore dopo esser stato aiutato a scappare dalla polizia. Anche Sarah testimonia e rivela che Hannah era parte di un trio di ragazze che avevano commesso atti di bullismo contro di lei in un’altra scuola. Dopo una lite tra Tyler e Mackenzie, la sua amicizia con Cyrus si incrina. Offrendo della marijuana, Sheri convince alcuni ragazzi a farsi portare al Club, dove Bryce le scatta una foto con una macchina Polaroid, che ripone in una scatola piena di altre foto. Sheri scopre il codice per aprire la porta e lo comunica a Clay e Justin. Durante una partita di baseball, Zach affronta Bryce ricordandogli che Hannah non stava mentendo ed esce dal campo. Si reca al Club, dove trova Clay e Justin; allora consegna a Clay la scatola delle Polaroid scattate nel Club, confessando di esser stato lui a dargli le prime tre foto, e di non essere riuscito mai a farsi avanti a causa della sua cordardia. Clay guarda le foto a casa con Justin e Sheri e ne trova un paio che mostrano Bryce mentre stupra Chloe, e una di Hannah.

  • Testimoni: Sarah Carlin, che parla di esser stata vittima di bullismo da parte di un trio di cui faceva parte Hannah, e Tony Padilla, che parla della sua amicizia con Hannah.

Bryce e Chloe[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sua testimonianza, Bryce dice che lui e Hannah avevano avuto dei rapporti sessuali occasionali e di esser stato accusato ingiustamente di stupro solo per aver posto fine alla loro relazione. Quando Bryce ritorna a scuola, Justin lo affronta causando una lite, che sfocia in una rissa. Jessica mostra a Chloe le due foto di lei e Bryce nel Club, e Chloe confessa di esser stata lei ad appendere le foto nell'aula prima della testimonianza di Jessica. Olivia, i suoi avvocati e Jessica chiedono a Chloe di testimoniare, ma in tribunale lei racconta di ricordarsi di aver fatto sesso con Bryce e di aver acconsentito. La scatola delle Polaroid viene rubata dalla macchina di Clay e Alex, dopo aver trovato a scuola un proiettile nel suo armadietto, riceve un pacchetto contenente una pistola e una lettera di minaccia. La madre di Bryce chiede al figlio conferma del fatto che lui abbia detto la verità durante la sua testimonianza, ma, sotto pressione, Bryce confessa di aver stuprato Hannah. Una serie di flashback rivelano che in realtà Bryce avrebbe voluto una relazione con Hannah, ma che era stato lui ad esser rifiutato. Clay viene tormentato dalle allucinazioni di Hannah, al punto di prendere in considerazione l'idea di uccidere Bryce e se stesso.

La scatola di Polaroid[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Justin riceve una minaccia di morte prima di andare a testimoniare, ma racconta comunque che Bryce ha stuprato Jessica. Alex, Clay, Justin, Tony, Zach e Scott affrontano Montgomery dal momento in cui Alex capisce che era lui il responsabile di tutte le minacce durante il processo; Montgomery ammette allora di aver rubato la scatola di Polaroid. Ciononostante, dopo aver portato Alex sul posto in cui finge di averla nascosta, rivela di aver mentito e fugge. Di conseguenza, Jessica viene incoraggiata dai suoi amici a denunciare il suo stupro alla polizia. Dopo il processo, concluso con il verdetto della giuria secondo cui la scuola non è responsabile della morte di Hannah, sia Bryce che Justin vengono arrestati per coinvolgimento nello stupro di Jessica. Mr Porter viene licenziato e Tyler viene posto sotto un programma di misura alternativa, dopo aver rivelato su un social network di esser stato lui a commettere atti vandalici contro la scuola.

  • Testimone: Justin Foley, che parla della sua relazione con Hannah e accusa Bryce di stupro.

Addio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il processo per lo stupro di Jessica, Bryce viene condannato a tre mesi di libertà vigilata, Justin a sei; Justin può esser rilasciato solo da uno dei suoi genitori, ma non riescono a contattare nessuno dei due. Ciò porta alla decisione della famiglia di Clay di adottarlo, che gli viene comunicata da Clay dopo il funerale di Hannah. Clay scopre di esser stato incluso sulla lista dei motivi per cui non suicidarsi, che Hannah aveva scritto prima della sua morte. La scatola contente le polaroid si scopre essere stata rubata da Nina, una ragazza con tanti segreti che era diventata amica di Jess. Tyler ritorna a scuola, ma viene picchiato brutalmente e assalito sessualmente da Montgomery e due dei suoi amici. La sera successiva, prima di un ballo scolastico, Justin fa ancora uso di droghe nella camera di Clay. Durante il ballo, Jessica e Justin hanno un rapporto sessuale, e più tardi Chloe rivela a Jessica di essere incinta. Tyler arriva al ballo con in mente di fare una sparatoria, ma Clay, dopo aver scoperto le sue intenzioni, riesce a distoglierlo dal suo obiettivo; riesce così a disarmare Tyler prima dell’arrivo di Tony, il quale porta Tyler con sé in macchina. Alla fine, davanti all'ingresso della scuola, Clay con in mano il fucile di Tyler, Justin e Jessica sentono in lontananza le sirene della polizia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Todd Spangler, '13 Reasons Why' Season 2 Premiere Date, Trailer Revealed, su Variety, 30 aprile 2018. URL consultato il 18 maggio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione