Episodi di C'era una volta (quinta stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Once Upon A Time logo.svg

La quinta stagione della serie televisiva C'era una volta, composta da 23 episodi, è stata trasmessa negli Stati Uniti per la prima volta dall'emittente ABC dal 27 settembre 2015[1] al 15 maggio 2016.

In Italia la stagione è andata in onda sul canale satellitare Fox dal 29 gennaio[2] al 17 giugno 2016. Viene trasmessa in chiaro su Rai 4 dal 27 gennaio 2017.

la quinta stagione è divisa nettamente in tre parti: la prima parte (episodi 1-11), viene trasmessa dal 27 settembre fino al 6 dicembre. Nuovi personaggi e nuove ambientazioni vengono ulteriormente introdotti: il regno di Camelot, il personaggio di Merida direttamente dal lungometraggio Disney Pixar, Ribelle - The Brave, i personaggi di Re Artù e dei Cavalieri della Tavola Rotonda, Ginevra, Merlino. La seconda parte (episodi 12-21) viene trasmessa dal 6 marzo fino al 8 maggio. Ci sarà il ritorno sulla scena di Cora/Regina di Cuori, Malcolm/Peter Pan, la Strega Cieca, Crudelia De Mon, Milah, Baelfire/Neal Cassidy, Gaston, Liam Jones e il principe Henry, mentre introdurrà come tema principale la mitologia greca, con nuovi personaggi come Ade, Hercules e Megara e il viaggio nell'Oltretomba come sfondo alle vicende.

Gli episodi finali (episodi 22-23) vengono trasmessi nel 15 maggio.

Durante questa stagione vengono promossi per il cast principale Sean Maguire e Rebecca Mader, mentre gli antagonisti principali sono Emma Swan/la Signora Oscura, Killian Jones/Capitan Uncino/il Signore Oscuro, il signor Gold/Tremotino, Re Artù, Zelena/la Perfida Strega dell'Ovest e Ade.

Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
1 The Dark Swan La Signora Oscura 27 settembre 2015 29 gennaio 2016
2 The Price Il prezzo 4 ottobre 2015
3 Siege Perilous Il seggio periglioso 11 ottobre 2015 5 febbraio 2016
4 The Broken Kingdom Il regno spezzato 18 ottobre 2015 12 febbraio 2016
5 Dreamcatcher Acchiappasogni 25 ottobre 2015 19 febbraio 2016
6 The Bear and the Bow L'orso e l'arco 1º novembre 2015 26 febbraio 2016
7 Nimue Nimue 8 novembre 2015 4 marzo 2016
8 Birth Nascita 15 novembre 2015 11 marzo 2016
9 The Bear King Il re orso 18 marzo 2016
10 Broken Heart Cuore spezzato 29 novembre 2015 25 marzo 2016
11 Swan Song Un uomo migliore 6 dicembre 2015 1º aprile 2016
12 Souls of the Departed Le anime dei defunti 6 marzo 2016 8 aprile 2016
13 Labor of Love Fatiche d'amore 13 marzo 2016 15 aprile 2016
14 Devil's Due Debito con il diavolo 20 marzo 2016 22 aprile 2016
15 The Brothers Jones I fratelli Jones 27 marzo 2016 29 aprile 2016
16 Our Decay Le nostre rovine 3 aprile 2016 6 maggio 2016
17 Her Handsome Hero Il suo aitante eroe 10 aprile 2016 13 maggio 2016
18 Ruby Slippers Le scarpette di Ruby 17 aprile 2016 20 maggio 2016
19 Sisters Sorelle 24 aprile 2016 27 maggio 2016
20 Firebird Il vero amore 1º maggio 2016 3 giugno 2016
21 Last Rites Gli ultimi riti 8 maggio 2016 10 giugno 2016
22 Only You Solo tu 15 maggio 2016 17 giugno 2016
23 An Untold Story Una storia mai raccontata

La Signora Oscura[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Minneapolis, Minnesota, 1989. La piccola Emma è al cinema con altri bambini dell’orfanotrofio per la proiezione del film “La spada nella roccia”. Emma ruba dal cappotto di una donna un dolcetto, ma viene sorpresa da un usciere, che, stranamente, la conosce molto bene, e che l’avverte di non commettere mai cattivi gesti, anche se vorrà farlo per correttezza. Per di più, l’uomo profeta alla bambina che, prima o poi, lei potrà estrarre Excalibur, ma non dovrà assolutamente farlo. Così com'è apparso, l'usciere scompare.

Camelot, passato. Artù, e i suoi due fedeli cavalieri, Sir Lancillotto e Sir Percival, sta per levare Excalibur dalla roccia, seguendo una profezia che vede Artù destinato al trono di un regno diviso che lui rinuirà, da tutti creduta Camelot, e assiste alla morte di Sir Kay, polverizzato dal potere della spada per aver rifiutato la previsione. Artù, così, sradica Excalibur, ma nota che l’arma manca della punta; per non danneggiare la sua immagine al popolo, Artù tiene nascosta la cosa al regno per mettersi in cerca della parte assente, che si scompre essere la lama del Pugnale dell’Oscuro.

Storybrooke, presente. Emma è appena stata assorbita dall’Oscurità, e Uncino tenta di richiamarla a sé con il Pugnale dell’Oscuro, ma la donna non replica all’ordine, facendo intendere che Emma non sia più nel mondo reale. In punto di morte, l’Apprendista comunica agli eroi che Emma è nella Foresta Incantata, laddove l’Oscurità è stata prodotta, e dona loro la sua bacchetta per aprire un portale e raggiungerla, dopodiché l’anziano esala il suo ultimo respiro. L’oggetto, per funzionare, richiede una dose in egual misura di Magia Bianca e Oscura, e, poiché Regina è interamente passata alla sponda dei buoni, è la perfidia di Zelena la prediletta per equilibrare l’incantesimo. Nonostante il parere contrario di Regina, Uncino e Henry emancipano Zelena dal reparto di psichiatria, e, per non farle giocare dei brutti tiri, Uncino vuole strapparle il cuore, ma Zelena, con un Incantesimo di Protezione installato sul suo petto, si ritorce sul pirata e divincola dal bracciale di Cora che neutralizzava la sua magia. Zelena prende in ostaggio Robin per avere la Bacchetta dell’Apprendista e andare a Oz per crescere il suo bambino da sola, ma, spalancando il varco, si stanca talmente tanto da venire nuovamente ammanettata da Regina. Intanto, la Madre Superiora munisce Belle di una rosa fatata, i cui petali contrassegnano la vitalità del comatoso Gold. Raggruppatisi nel locale di Granny, Regina, con il piumino di Emma, fa rivolgere il portale per la Foresta Incantata, e tutti quanti, tra cui Mary Margaret, David, Regina, Belle, Uncino, Robin, Henry, Zelena, Granny e Leroy, vengono investiti da un tornado.

Foresta Incantata, presente. Emma emerge dalla cripta del Signore Oscuro e inizia a essere perseguitata dall’Oscurità, che assume le sembianze di Tremotino, visibile solo a lei. Emma deve ritrovare Merlino a Camelot, perciò Tremotino le suggerisce di acciuffare un Fuoco Fatuo, spiritello che può guidare verso il proprio destino. Nel tragitto, Emma si scontra con Merida, un’abile arciera dai folti capelli rossi che necessita del Fuoco Fatuo per sapere come salvare i suoi tre fratelli minori: con la dipartita del Re Fergus, padre di Merida, quest’ultima è stata incoronata Regina di DunBroch, ma, non tollerando una donna al governo, i clan del reame hanno rapito i tre principi per farla abdicare. Merida agguanta per sé il Fuoco Fatuo, ma, adocchiando la disperazione di Emma, la instrada per la Collina delle Rocce, in cui potrà ricavare altri Fuochi Fatui. Tuttavia, ascoltando un dialogo mentale tra Emma e Tremotino, Merida scappa, ma Emma, istigata dall’Oscurità, sta per sgretolarle il cuore. Con l’arrivo dei genitori e degli amici nella Foresta Incantata, Emma desiste dall’uccidere Merida, che può dunque riprendere il suo viaggio. Emma affida il Pugnale dell’Oscuro a Regina, la persona di cui si fida di più, e quella che saprà distanziare il sentimentalismo in faccende estreme. Poco dopo, perviene Re Artù, che dà un caldo benvenuto al gruppo, e che dice che la loro venuta sia stata preannunziata anticamente da Merlino, per poi condurli all'entrata di Camelot.

Storybrooke, 6 settimane dopo. La compagnia si risveglia da Granny con indosso degli abiti regali, ma carente dei ricordi del soggiorno a Camelot. D’un tratto, tra lo stupore generale, appare Emma, definitivamente diventata la nuova Signora Oscura, che giura di punire tutti loro per aver fallito dall’averla dovuta salvare dall’Oscurità.

Il prezzo[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Camelot, 6 settimane prima. Re Artù rivela che Merlino è stato tramutato in un albero e che soltanto la Salvatrice può porne rimedio. Purtroppo, Emma non ha più in sé la Magia di Luce, così Regina, per proteggerla, fa finta di essere lei stessa la Salvatrice. Re Artù e sua moglie, la Regina Ginevra, indicono un gran ballo in onore dei loro ospiti, e Sir Percival fa omaggio a Regina di un pendente, che è in realtà una microspia magica che rinsalda la sua convinzione che la donna sia la Regina Cattiva che demolì il suo villaggio. Nel corso della serata, Henry s’infatua della giovane e bella Violet, e Percival aggredisce Regina, venendo eliminato da David, ma Robin ne esce gravemente ferito. Siccome la spada di Percival era stata incantata, non vi è cura se non nella potente Magia Oscura di Emma, che, saldando le sue titubanze, risana Robin, ma a cui è piaciuto enormemente praticare l’Oscurità.

Storybrooke, presente. I cittadini sono spaventati dalla Emma malvagia, che ha cosparso sul confine un brutale incantesimo che trasforma in pianta chiunque lo attraversi. Anche Artù, Ginevra e gli abitanti di Camelot sbucano a Storybrooke dal Sortilegio Oscuro di Emma, e Artù, a parte essere sguarnito di Excalibur, contempla furiosamente della vera natura di Emma. Intanto, Uncino, avvilito, domanda a Belle in che modo sia stata capace di stare accanto a un Signore Oscuro, e soprattutto se ci sia un modo per rievocare la maledizione, ma la ragazza ribadisce che una persona è sottomessa a un maleficio se è pronta a desiderarlo. Uncino bacia Emma per osservare se il Vero Amore, che una volta stava per avere successo tra Tremotino e Belle, possa risolvere il problema, ma Emma ha oramai totalmente accettato la sua Oscurità. Nel frattempo, Robin viene rapito da una Furia, un demone dell’Oltretomba disceso per riscuotere la vita del ladro, come prezzo da pagare per la Magia Oscura di Emma operata a Camelot. Regina, con l’appoggio di Mary Margaret, David, Leroy e Artù, scaccia la Furia e salva Robin, dando prova della sua attitudine di difensore di Storybrooke. Nella sua nuova casa, Emma scende in una caverna, in cui è mantenuta Excalibur, nuovamente conficcata nella roccia, e il suo prossimo obiettivo è di riattaccare la spada con il Pugnale dell’Oscuro per poter soffocare la Luce, ma anche stavolta, ci sarà un costo molto alto.

Il seggio periglioso[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Camelot, 6 settimane prima. Mary Margaret, David, Regina, Belle, Uncino e Robin continuano a studiare il modo di liberare Merlino, così Artù si candida, assieme a David, di recarsi nella leggendaria Foresta di Brocelandia e divellere un fungo, la Corona Cremisi, che può metterli in comunicazione con lo Stregone. David e Artù rinvengono la Corona Cremisi al di là di un pontile, ma David viene assalito da un’orda di cavalieri fantasma, e, benché ne resti illeso, l’uomo perde il fungo. A Camelot, Artù, ammirando l’intraprendenza di David, lo consacra membro dei suoi cavalieri, riservandogli il Seggio Periglioso, il posto alla Tavola Rotonda per il guerriero più valoroso di tutti. Improvvisamente, Mary Margaret s’imbatte nientedimeno che in Lancillotto, ex armigero reale, bandito per aver corteggiato Ginevra e ritenuto morto per mano di Cora (apparentemente, Cora gli aveva solo estratto il cuore ma non glielo ha mai sgretolato). Lancillotto avvisa Mary Margaret che l’emergenza più grande non è Emma e la sua Oscurità, ma Artù; infatti, Artù e Ginevra possiedono la Corona Cremisi e vogliono acquisire la fede degli eroi per poter avere il Pugnale dell’Oscuro e ricomporlo con Excalibur.

Storybrooke, presente. Emma profana uno dei picconi dei Nani per asportare Excalibur, invano. Intanto, David, adirato per non aver tutelato la figlia, aiuta Artù nel recuperare i manufatti sacri del reliquario di Camelot, trafugati da qualcuno. Con l’ingegno, David si azzuffa con il colpevole, lo scudiero di Artù, Grif, seccato dal dover sopportare ancora i soprusi del re. Tra i cimeli ritrovati, tuttavia, non c’è il fagiolo magico che Artù voleva per ritornare a Camelot, ma in compenso, David riesuma la Corona Cremisi, che lui, Mary Margaret e Regina comprendono sarebbe servito loro per parlare con Merlino a Camelot. Artù, impaziente di avere la sua rivincita sugli eroi per averlo strappato a Camelot, si confida con Grif, unico a sapere del suo piano di ricostruire una nuova Camelot a Storybrooke, e fa in modo che si sacrifichi per Camelot, bevendo del veleno. Frattanto, Belle sta preparando un incantesimo di guarigione per Gold, ma le urge un oggetto toccato dal Tremotino uomo, così, Emma si profitta di un appuntamento con Uncino sulla sua Jolly Roger per avere la spada con cui il pirata sfiorò Tremotino nel passato. La Signora Oscura, quindi, rapisce Gold e lo risveglia, proprio quando la rosa fatata di Belle dirama la convalescenza del marito. L’intento di Emma è di fare di Gold, slegato dall’Oscurità, l’eroe idoneo per estrarre Excalibur per lei.

Il regno spezzato[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Camelot, passato. Il giovane Artù, ancora un semplice stalliere, è risoluto ad adempiere alla profezia di Merlino che lo designa conquistatore di Excalibur e futuro re di Camelot. Molti anni dopo, invero, Artù toglie Excalibur dal masso di pietra, ma, per non deludere il suo popolo, nasconde il fatto che la lama sia spezzata, e imbocca una lunga e ossessiva ricerca dell’altro pezzo, trascurando sua moglie Ginevra. La regina e Sir Lancillotto, per distogliere la fissazione di Artù, sfociano nella cappella sotterranea del Signore Oscuro, convogliati da un guanto incantato che svela le debolezze altrui, e capiscono che il Pugnale dell’Oscuro è il frammento mancante di Excalibur. Tremotino, attuale Signore Oscuro, dà a Ginevra e Lancillotto della sabbia magica dall’isola di Avalon, che può apparentemente aggiustare tutto ciò che è rotto, in cambio del guanto. Ginevra, così, sta per ricoprire Artù con la polvere per fargli dimenticare della sua ossessione, ma l’uomo, avendo notato della tresca tra la moglie e Lancillotto, e consapevole che non potrà ristrutturare Excalibur, usa la sabbia su Ginevra, per farla accondiscendere a ogni sua volontà, e su tutta Camelot.

Camelot, 6 settimane prima. Emma, alle prese con l’influenza dell’Oscurità, si rilassa con Uncino, e Artù dice a David del segreto di Excalibur. David, concretizzando immediatamente che l’altra parte della spada sia il Pugnale dell’Oscuro e fidandosi di Artù, gli riferisce della condizione di Signora Oscura di Emma, e vorrebbe dargli il pugnale per ricompattarlo con Excalibur e salvare Emma, ma Mary Margaret, scettica nei riguardi di Artù, si organizza con Lancillotto per occultare il pugnale nella cripta dell’Oscuro. Artù, purtroppo, li segue e usurpa l’arnese, ma in realtà, Mary Margaret, David e Lancillotto avevano tirato su una messinscena per far uscire Artù allo scoperto con un falso del pugnale. Artù viene smascherato, ma prosciolto da Ginevra, che, ancora vittima della sabbia di Avalon, rinchiude Lancillotto nelle segrete e soffia la polvere su Mary Margaret e David per ammansirli.

Storybrooke, presente. Per fare in modo che Gold diventi un eroe, Emma impartisce a Merida, trasportata a Storybrooke dal Sortilegio Oscuro, di renderlo impavido, e le strappa il cuore per farla collaborare.

Acchiappasogni[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Camelot, 6 settimane prima. Emma guarda da un Acchiappasogni la trasfigurazione in albero di Merlino (che si scopre essere l’usciere che parlò con lei da bambina), originata da una lacrima per il suo amore perduto prelevata da un Signore Oscuro col volto celato da una maschera. Emma conversa con Regina su quanto visto su Merlino, e Regina ipotizza che l’antidoto alla maledizione dello Stregone sia il medesimo del veleno: la lacrima di un cuore ferito. Regina rivive dunque la scena della morte di Daniel per averne una, ma la goccia è scarsa per ultimare l’infuso, perché Regina ha pienamente voltato pagina con Robin. Nel frattempo, Henry provvede a un primo appuntamento con Violet da Granny, ma la ragazzina non prova i suoi stessi sentimenti per lui. Con la lacrima di uno sconfortato Henry, Emma compie l’incantesimo e Merlino viene disincagliato dall’albero. Merlino sgancia Mary Margaret e David dall’incantesimo di Artù e Ginevra, e accetta di esonerare Emma dall’Oscurità.

Storybrooke, presente. Henry, per fare colpo su Violet e avere la riprova che Emma non sia del tutto malvagia, si fa aiutare dalla mamma a reperire il cavallo di Violet, fuggito nei boschi, ma la mansione è anche un diversivo per Regina, Belle, Uncino e Robin di entrare in casa della Signora Oscura per carpirne le intenzioni. I quattro si calano nel seminterrato in cui è custodita Excalibur, incastrata nella roccia, e si impadroniscono di un Acchiappasogni, che potrebbe contenere alcune memorie detratte dal sortilegio: il volere di Emma sembrerebbe perciò riunire Excalibur con il Pugnale dell’Oscuro per far trionfare l’Oscurità. Intanto, Merida, forzata da Emma col suo cuore, allena Gold con la spada per farlo essere un eroe, e per sollecitarlo, prende dal suo negozio la tazzina sbeccata che simboleggia il suo amore per Belle. Regina e Robin danno uno sguardo all’Acchiappasogni di Emma, che racchiude i ricordi di Violet: Emma ha costretto Violet a spezzare il cuore a Henry per avere la lacrima essenziale a districare Merlino dall'albero. Henry è sconvolto e non vuole più avere nulla a che fare con Emma.

L'orso e l'arco[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Camelot, 6 settimane prima. David, Belle, Uncino e Merlino liberano dalle galere Lancillotto e Merida, che è stata imprigionata da Artù per aver navigato su una sua barca. Merida, non volendo farsi coinvolgere nella loro missione di salvataggio di Emma dall’Oscurità, tramortisce Belle e solca con lei un fiume per andare nel suo regno, DunBroch, affinché le conoscenze della ragazza possano aiutarla a salvare i suoi 3 fratelli dai clan avversari, Macintosh, MacGuffin e Dingwall. Nella capanna della Strega Intagliatrice, Belle e Merida, da un intriso magico, localizzano i fratelli di Merida nella Brughiera del Sud, che stanno per essere giustiziati per la mancata rinuncia alla corona di Merida. Su reclamo di questi, Belle mette a punto una pozione, l’Incantesimo di Mor’du, che trasformerà Merida in un orso con la forza di 10 uomini, ma, a destinazione, Belle confonde le fiale per spingere Merida a dimostrare di poter essere una degna regina anche senza la magia. Merida, così, con la propria abilità d’arciere, impedisce l’esecuzione dei fratelli, e, impressionati, i clan acconsentono la sua autorità su DunBroch. Belle viene cordialmente ringraziata da Merida e ritorna dai suoi amici a Camelot.

Storybrooke, presente. Mary Margaret, David, Regina e Uncino chiamano Artù per fargli contattare Merlino con la Corona Cremisi, in quanto il fungo può essere utilizzato solo dai prescelti dello Stregone, ma Artù fuorvia gli eroi, bruciando la Corona Cremisi e riportando loro, falsamente, dell’insuccesso dell’evocazione. Gold, nel frattempo, scappa via da Merida; sapendo che Belle rappresenta la volubilità di Gold, Emma obbliga Merida a ucciderla, perciò, Gold, temendo di combattere, tenta di abbandonare Storybrooke con Belle usando una polvere contro la stregoneria sul confine cittadino, ma Belle boccia questa idea e accusa Gold di essere ancora un pessimo codardo. Merida, bevendo l’Incantesimo di Mor’du datole da Emma, si tramuta in un orso e sta per ammazzare Belle, ma Gold protegge la moglie facendo riassumere a Merida, con la polvere, le sue vere fattezze. Ora un eroe, Gold, per la restituzione del cuore di Merida, cava Excalibur dalla roccia per Emma, ma l’uomo presta giuramento che farà tutto ciò che è in suo potere per battere la Signora Oscura. Intanto che Zelena declina l’offerta di Emma di cooperare con lei, Mary Margaret, David, Regina e Uncino svergognano il trucco di Artù, e si appellano dunque a Henry, poiché il suo incarico di Autore è a sua volta selezionato da Merlino. La Corona Cremisi, che non può venire incenerita dal fuoco come pensava Artù, mostra ai cinque un messaggio di Merlino, il quale sostiene che l’unica possibilità per Emma sia riposta in una donna: Nimue.

Nimue[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Foresta Incantata, 1000 anni prima. Merlino e un suo amico, Adda, hanno disertato dall’esercito e sono in fuga in un caldo deserto. I due si ritrovano davanti a un altare di pietra su cui è esposto il mistico Santo Graal. Adda afferra il calice per dissetarsi, ma viene polverizzato all’istante, e Merlino, timoroso, chiede, e gli viene concesso dagli dei, di poter bere dalla coppa, che gli conferisce la vita eterna e un immenso potere magico.

Camelot, 500 anni prima. Merlino, potentissimo mago, è il maestro di un giovane Apprendista. Un giorno, Merlino s’innamora della bella Nimue, una giovane fanciulla scampata alla distruzione del suo villaggio, Oxleigh, sbaragliato dallo spietato signore della guerra Vortigan, che stava frugando in cerca del Santo Graal. Col tempo, Merlino e Nimue formano una splendida coppia, ma il loro unico ostacolo è nell’immortalità di lui. Per non vivere così a lungo da vedere Nimue morire di vecchiaia, Merlino, con la Fiamma di Prometeo, il fuoco primordiale dell’umanità, fonde il Santo Graal per forgiare una spada, Excalibur, e sciogliersi dalla sua magia per sempre. Tuttavia, Vortigan assale e uccide Nimue per avere Excalibur, ma Nimue, che aveva furtivamente bevuto dal calice sul percorso, diventa immortale, e per fare giustizia su Oxleigh, sottovaluta gli avvertimenti di Merlino e stritola il cuore di Vortigan; Nimue spreca dunque il dono della magia degli dei, occupando il primo posto nella linea dei Signori Oscuri. Per non lasciare che Excalibur possa sottrarle i poteri, Nimue divide la spada in due e poi si impadronisce della Fiamma di Prometeo, concentrandola in un tizzone. Addolorato, Merlino connette lo spirito di Nimue con l’elsa della lama per razionare i suoi crudeli desideri, modellando il Pugnale dell’Oscuro, e incastona saldamente la spada in una roccia, per non fargliela riunire con l’altra sua metà e revocare il peso del pugnale.

Camelot, 3 settimane prima. Per salvare Emma dalla sua crescente Oscurità, Merlino necessita delle due parti di Excalibur ricongiunte, una delle quali tenuta da Artù. Mentre Mary Margaret, David, Regina, Uncino e Robin valutano la maniera di penetrare nel castello di Artù per rubare la spada, Emma viene sottoposta a un esame da Merlino: trattare con il primo Signore Oscuro, ovvero Nimue, a Oxleigh per la Fiamma di Prometeo e sistemare Excalibur. Sebbene stuzzicata da Nimue, Emma resiste alla tentazione di strozzare Merlino e prende la scintilla di Prometeo. Purtroppo, a corte, Zelena imbroglia il gruppo e si allea con Artù per essere assolta dal bracciale incantato e rientrare in padronanza dei suoi poteri. La Perfida Strega permea Excalibur con lo stesso incantesimo con cui Merlino congiunse l’anima di Nimue al Pugnale dell’Oscuro, e su di essa grava adesso il nome dello Stregone, che è pertanto alla mercé di Artù.

Storybrooke, presente. Alla presenza psichica di tutti i precedenti Signori Oscuri, da Nimue a Tremotino, Emma unifica Excalibur e il Pugnale dell’Oscuro con la Fiamma di Prometeo, integrando finalmente la spada. Pur ricordandosi del monito di Merlino, Emma impugna la daga, professandosi il più grandioso Signore Oscuro mai esistito.

Nascita[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Camelot, 3 settimane prima. Emma, di ritorno da Oxleigh, si chiude nel locale con Henry e Granny, ma Merlino, vincolato ad Artù tramite Excalibur, le impone di cedergli il Pugnale dell’Oscuro e la Fiamma di Prometeo, altrimenti sterminerà la sua famiglia. All’incontro con Emma, Artù e Zelena le sguinzagliano contro Merlino, che però si oppone momentaneamente al controllo della spada, permettendo a Emma di salvare i suoi cari, così Artù e Zelena si battono in ritirata. Alla tavola calda, Emma, sul punto di eliminare l’Oscurità, sta per riparare Excalibur, ma Uncino, letalmente ferito da un colpo di spada di Artù precedentemente, si accascia al suolo morente. In un disperato atto d’amore, Emma, col suo potere, trattiene l’anima di Uncino nella lama, scambiandola con quella di Merlino, ma così facendo l’Oscurità viene moltiplicata e Uncino diviene un altro Signore Oscuro. Malgrado fosse un gesto a fin di bene, Emma si è sottomessa al male e anche lei si potenzia in tutto e per tutto in una Signora Oscura.

Storybrooke, presente. David, Uncino e Robin tengono testa alla disonestà di Artù, ed Emma, che con la rifinitura di Excalibur non è più soggiogata dal Pugnale dell’Oscuro, salva Uncino per non fargli scoprire di essere un Signore Oscuro e lo intrappola successivamente nella sua cantina. Intanto, la gravidanza di Zelena viene terribilmente accelerata da un malocchio di Emma e gli eroi sospettano che la donna voglia la sua bambina, ma in verità il bersaglio è proprio Zelena; difatti, Emma vuole ammucchiare in lei l’Oscurità e ucciderla con Excalibur, quindi rapisce Zelena e la imprigiona con Uncino. Fortunatamente, Killian, col suo uncino imbevuto di magia con cui voleva recidere il cuore di Zelena, smanetta sé stesso e la Perfida Strega. Per avere risposte su cosa sia accaduto a Camelot, Uncino immobilizza Emma con del nero di seppia, e Zelena ostenta al pirata la cruda realtà dei fatti da un Acchiappasogni con i suoi ricordi; dapprima diffidente, Uncino si convince di essere un Signore Oscuro osservando il nome di Emma e il suo scolpiti sulla rigenerata Excalibur; or dunque, lo scopo di Emma è sempre stato quello di distruggere l’Oscurità da entrambi con Excalibur, ma Uncino, che avrebbe preferito morire anziché essere soppresso di nuovo dall’oscurità, non vuole sentire ragioni e medita vendetta su di Emma.

Il re orso[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

DunBroch, 2 anni prima. Re Fergus, a seguito degli eventi di Ribelle, chiede alla Strega Intagliatrice di garantire la salvezza del suo regno da un’imminente invasione di un’armata del Sud. La strega foggia per lui un elmo incantato col quale far combattere i soldati in nome di colui che lo indossa, e si congeda da Re Fergus con l’avviso di un debito futuro da dover pagare. Frenetica per il suo primo conflitto corpo a corpo, Merida si allena con un guerriero ingaggiato da Fergus, Mulan, ma la principessa viene derisa dal resto dei clan, così il padre le rammenta che il vero rispetto deve essere guadagnato col buonsenso. Nel giorno fatale, Mulan, accordatasi con Fergus, tiene impegnata Merida dal campo di battaglia, ma la ragazza piomba sul luogo della disputa e scocca una freccia per uccidere un cavaliere nemico che sta per trapassare Fergus, sbagliando, perciò osserva inerme la morte del caro papà. L’assassino del Re Orso prende poi l’elmo magico di Fergus, e, senza che Merida lo veda in volto, si alza il copricapo: è nientepopodimeno che Artù.

DunBroch, 3 settimane prima. Artù e Zelena, smaterializzatisi dopo l’offensiva di Emma e Merlino, si dirigono a DunBroch per uno specifico oggetto che possa deporre a loro favore. Intanto, all’incoronazione di Merida, irrompe bruscamente la Strega Intagliatrice per regolare il debito con la figlia del defunto Fergus, pretendendo la riconsegna dell’elmo incantato dietro minaccia di trasformare la gente di DunBroch in orsi. Straziata dall’annuncio che il suo nobile padre fosse ricorso alla magia per vincere una guerra, Merida prega Mulan, ancora col cuore in frantumi per Aurora e adesso una specie di fuorilegge dopo il suo breve periodo di tempo passato nell'Allegra Brigata di Robin Hood, di aiutarla a scovare l’utensile. Visto che Merida sa che l’assassino di Fergus sia anche il proprietario dell’elmo, le ragazze, sulla freccia tirata da Merida nello scontro, trovano un pezzo del suo mantello, e, con un Incantesimo di Localizzazione, si augurano di essere pilotate sino a lui. Tuttavia, Artù e Zelena le anticipano, e, nel frattempo, Mulan, nella capanna della Strega Intagliatrice, salva da un incantesimo Cappuccetto Rosso, che, per colpa della fattucchiera, era il suo lupo da guardia: Ruby era giunta nella Foresta Incantata in seguito alla prima sconfitta di Zelena a Storybrooke, per stare con i suoi simili, ma il clan dei licantropi è purtroppo disperso. Mulan e Cappuccetto Rosso sconsigliano a Merida, angosciata, di rivendere il trono a un sovrano che possa essere più meritevole di lei, e, con il fiuto di Ruby, le tre capitano da Zelena e Artù, il quale dice che l’elmo magico è stato buttato via da Fergus prima della battaglia, prova che l’uomo fosse davvero un buon re. Nella lotta tra il duo e il trio, Merida viene sostenuta dai clan, che, estasiati dal suo coraggio, s’inginocchiano a lei, e Artù e Zelena retrocedono a Camelot. Però, l’intimidazione della Strega Intagliatrice non era altro che un test per Merida di ripescare l’elmo incantato ed evidenziare la sua competenza di Regina di DunBroch: con l’ascesa di Merida, DunBroch è salva, così come aveva chiesto Fergus. Merida, Mulan e Ruby si dicono addio: Mulan e Cappuccetto Rosso partono per il ritrovamento dei lupi mannari, e Merida saluta per un’ultima volta lo spirito del papà Fergus con una bevanda magica, la Birra di Seonaidh, della Strega Intagliatrice, e progetta di farla pagare cara ad Artù.

Cuore spezzato[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Camelot, 3 settimane prima. Uncino sbuca dalla cripta dell’Oscuro, e, analogamente a Emma, viene tormentato dall’Oscurità travestita da Tremotino. Facendogli rifiorire tutto il suo dolore, e dunque il suo lato infido, Tremotino invoglia Uncino a scagliare il Sortilegio Oscuro per spostarsi a Storybrooke e vendicarsi dell’odiato Gold, ma Uncino non è disposto a sacrificare il cuore di Emma, la persona da lui più amata. Per la fiducia di Uncino, Emma gli porge Excalibur, e, per quanto sia furibondo con lei per averlo assoggettato, Uncino accoglie l’iniziativa di distruggere l’Oscurità da entrambi. Purtroppo, Uncino ha soltanto preso in giro Emma: da Granny, Uncino macina il cuore di Merlino per il Sortilegio Oscuro, e può farlo dal momento che tutti i Signori Oscuri sono un’unica entità, perciò l’azione è espletata anche da Nimue, innamorata ancora di Merlino; poi, Uncino incastra nuovamente Excalibur nella roccia per non essere controllato da nessuno. Non potendo invalidare il Sortilegio Oscuro, Emma stordisce Uncino e gli amici, e li ripulisce dai loro ricordi, poi le nubi della maledizione inghiottono la tavola calda, Merida e Camelot.

Storybrooke, presente. Uncino si avvinghia subito all’Oscurità e blocca i poteri di Emma col bracciale magico, appropriandosi dei suoi ricordi e di quelli degli altri negli Acchiappasogni, per evitare che qualcuno possa scoperchiare i suoi piani. Uncino rinfaccia a Emma il suo egoismo e la sua arroganza, ed è deciso a farla soffrire come lui ha sofferto per lei. Nel contempo, Regina e Robin autorizzano Zelena a badare per un po' a sua figlia, ed Emma, con il supporto di Henry, che la perdona per il suo male, riottiene i suoi poteri e riscatta gli Acchiappasogni dalla torre dell’orologio, ridando memoria a lei stessa e alla famiglia. Intanto, Gold si aggiudica la vittoria in un duello con Uncino sulla Jolly Roger, e s’impossessa di Excalibur, ma Belle, per non ricascare nelle manipolazioni del marito e non patire, lo allontana. Il pirata, tuttavia, voleva solo una goccia del sangue di Gold, l'unico a essere morto e poi risorto, per sbarrare il portale per l’aldilà e far arrivare a Storybrooke i passati Signori Oscuri, capeggiati da Nimue, propensi a spegnere la Luce e a far prevalere l’Oscurità.

Un uomo migliore[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Foresta Incantata, passato. Capitan Uncino viene assoldato dalla Regina Cattiva per uccidere sua madre Cora, ma, per essere sicura che il pirata non abbia alcuna debolezza che lo possa intralciare, Regina lo induce ad ammazzare il padre Brennan, che abbandonò Killian e suo fratello Liam da piccoli. Padre e figlio si confrontano, e Brennan spiega a Uncino che, a distanza di un secolo, è ancora vivo perché fu posto sotto l’Incantesimo del Sonno e salvato dal Bacio del Vero Amore della donna che si prese cura di lui, dalla quale ha avuto un figlio. Percependo un radicale cambiamento nel padre, Uncino, inizialmente, gli favorisce un lasciapassare per farlo scappare e far credere alla Regina Cattiva di averlo ucciso, ma, sentendo che il suo bambino è stato denominato Liam, come l’altro figlio che diede via, Uncino va su tutte le furie e accoltella Brennan, venendo ricordato in qualità di efferato e crudele pirata.

Storybrooke, presente. L’assedio dei Signori Oscuri a Storybrooke avanza, e Mary Margaret, David, Regina, Robin, Henry e Gold vengono segnati col Marchio di Caronte, un sigillo che baratterà le loro vite nell’Oltretomba per dare la libertà agli Oscuri. Emma, colpevolizzandosi, è determinata ad assimilare tutta l’Oscurità e a suicidarsi con Excalibur, ma Uncino la adesca e si riprende la spada. Intanto, Zelena gioisce che Regina e Robin stiano per morire, così potrà crescere la sua bambina da sola, ma viene rispedita a Oz con la Bacchetta dell’Apprendista dalla sorellastra. Gold, frattanto, per proteggere Belle, la invita ad andar via da Storybrooke ed esplorare il mondo. Uncino, Nimue e i Signori Oscuri stanno per mandare gli abitanti di Storybrooke nell’Oltretomba, ma all’ultimo, Regina fa rammemorare Uncino del trascorso con Brennan, e l’uomo si raccapezza che il tempo speso con Emma e la sua famiglia lo ha cambiato in meglio, perciò consuma l’Oscurità dei Signori Oscuri, annientandoli, e supplica Emma di trafiggerlo con Excalibur. Con le lacrime agli occhi, Emma esaudisce la voglia di Uncino, e sia lei sia l’amato ritornano umani, mentre Excalibur, effettuando il desiderio per il quale era stata creata, si sbriciola in mille pezzi. Il Marchio di Caronte sparisce dai polsi dei marchiati, ma Emma piange la morte di Uncino. Il mattino seguente, Emma pare essere richiamata dal Pugnale dell’Oscuro, e infatti, Gold ha tradito nuovamente tutti loro: con quel poco di magia che gli era rimasta, Gold ha reso Excalibur un collegamento tra lui e l’Oscurità, quindi, uccidendo Uncino, Gold è potuto ridiventare il Signore Oscuro con la potenza dei suoi predecessori: il sacrificio di Uncino, allora, è stato vanificato. Furente, Emma, col ricatto di dire ogni cosa a Belle, che ha scelto di stare a Storybrooke con il marito, impone a Gold di scaricare un po' del suo sangue nello stagno del parco per aprire il portale per l’Oltretomba. Ebbene, avendo affidato i piccoli Neal, Roland e la figlioletta di Robin e Zelena alle Fate, Emma, Mary Margaret, David, Regina, Robin, Henry e Gold salgono sul traghetto di Caronte alla volta dell’Oltretomba per salvare Uncino.

Le anime dei defunti[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Foresta Incantata, passato. Anche nel giorno del suo compleanno, la Regina Cattiva è assillata dalla faida con Biancaneve, anche suo padre, il Principe Henry consulta Cora, esiliata nel Paese delle Meraviglie, dallo Specchio Magico, ma la donna è favorevole a fiancheggiare la figlia nella sua vendetta, così, con uno stratagemma, esce dal Paese delle Meraviglie. Camuffatasi da Henry, Cora strappa il cuore di Biancaneve e lo regala a Regina, ma Henry lo sostituisce con un altro per non far arrendere la figlia all’oscurità. Regina, rabbiosa, rimpicciolisce il padre e lo deposita in un cofanetto, per poi scaraventare Cora nel Paese delle Meraviglie con un incantesimo infrangibile, ma la madre, prima di svanire, ruba la scatola tenente Henry, e Regina perde quindi l’unica persona che ancora le voleva bene.

Oltretomba, presente. Emma, in sogno, rincontra lo spirito di Neal, che cerca invano di dissuaderla dalla sua difficoltosa impresa nell’aldilà; Neal afferma che l’Oltretomba sia una specie di limbo, in cui sono intrappolate le anime delle persone con questioni irrisolte, ma lui, non avendone di alcuna, è in un Posto Migliore. Al suo risveglio, Emma giunge alla meta con i genitori, Regina, Robin, Henry e Gold, ma l’Oltretomba appare, stranamente, come la versione distorta di Storybrooke, affiancata da un cimitero che fa da registro mortuario e con la posizione delle lapidi che segnano lo stato dello spirito del deceduto. Il gruppo si sparpaglia per ritrovare al più presto Uncino: Mary Margaret incappa nella Strega Cieca e nell’infido gemello di David, James; Gold, invece, in suo padre Peter Pan, proprietario del banco dei pegni della Storybrooke infernale (il quale pretende che Gold lo aiuti a scambiare il suo posto da morto con quello di uno dei viventi per poter tornare in vita); Regina, infine, nel sindaco Cora. Cora fa recapitare a Regina una barca per il rientro immediato a Storybrooke, minacciandola di gettare l’anima del Principe Henry in un Posto Peggiore: dall’Oltretomba, appunto, alla conclusione delle proprie faccende in sospeso si può sfidare il baratro del Tartaro e vedere se si può ascendere o in un Posto Migliore (per chi fosse stato una buona persona o si sia fatta perdonare) o in uno Peggiore. Gold ha da Pan la Birra di Seonaidh dalla terra di DunBroch, con cui i sette impostano un contatto sulla lapide di Uncino, ma il collegamento è troppo debole, e possono solamente intravedere Killian ferito e sofferente. Con la rimanente pozione, Regina parla con il padre Henry, affatto incollerito con lei per averlo ucciso, ma che, anzi, è fiero che la figlia sia un’eroina, perciò la incita ad aiutare gli amici e a non preoccuparsi di Cora. Sbrigando la sua questione irrisolta con Regina, Henry si fa ingresso per il Posto Migliore. Cora viene convocata dal signore dell’Oltretomba, il dio Ade, che le aveva ordinato di far sgomberare il suo regno dai viventi, ma il Principe Henry ha potuto lasciare il limbo, e per ogni abbandono, è un ticchettio in più sull’orologio infernale di Storybrooke. Per il suo fallimento, Cora viene condannata a trascorrere l’eternità in veste della povera figlia del mugnaio.

Fatiche d'amore[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Foresta Incantata, passato. In assenza del padre Leopold, la giovanissima Biancaneve deve vedersela con una banda di briganti che sta razziando il suo reame, e che è tacitamente al soldo di Regina: la donna vuole che l’inesperienza di Biancaneve le faccia rivoltare contro il suo popolo. Angosciosa, Biancaneve intoppa in Hercules, un semidio con il compito di completare le sue 12 Fatiche per salire sul Monte Olimpo da suo padre Zeus. Hercules insegna a Biancaneve a tirare con l’arco e la stimola a non soccombere alla paura e a farsi valere. Fiduciosa in sé stessa, Biancaneve contrasta i banditi, ed è pronta a essere una buona regina. Biancaneve e Hercules si salutano con un bacio, e il semidio riprende il suo viaggio per compiere l’ultima Fatica: l’uccisione del mastino infernale a tre teste, Cerbero.

Oltretomba, presente. Uncino è recluso con una ragazza in delle prigioni sotterranee e la fa fuggire via domando il guardiano delle celle, Cerbero. Mary Margaret, nel frattempo, rinviene la tomba di Hercules nel cimitero, e decide di aiutarlo a risolvere le sue questioni in sospeso per farlo passare oltre. Alla vista che Hercules sia tuttora di giovanile aspetto, però, Mary Margaret intuisce che l’amico sia stato ammazzato nella sua Fatica con Cerbero, di cui Hercules è tremendamente terrorizzato. Intanto, Robin e Henry s’introducono nell’ufficio del sindaco per avere le mappe cittadine e ispezionare più velocemente l’Oltretomba, ma Henry incrocia l’anima di Crudelia De Mon, che esige che il ragazzo la riporti in vita col suo potere di Autore; in effetti, la Penna Magica di Henry era una vera e propria essenza animata, per cui, rompendola, è approdata nell’Oltretomba. La ragazza scampata da Cerbero, Megara, viene medicata da Emma e Regina, e dice loro di aver conosciuto Uncino, ma inaspettatamente vengono attaccate dal cane diabolico. Mary Margaret sprona Hercules ad affrontare Cerbero, e i due, con Megara, abbattono il mostro. Ora che Hercules ha superato l’ultima Fatica e le sue questioni irrisolte, che comprendevano anche Megara, giacché questi fu uccisa subito dopo di lui da Cerbero, il semidio e la ragazza, invece che passare in un Posto Migliore, sono accolti sull’Olimpo. Ade, furioso per la perdita di altre due anime, decreta che, d’ora in poi, per ogni spirito salvato uno degli eroi ne prenderà il posto, e sarà Uncino a stabilire chi tra i suoi amici non farà ritorno a Storybrooke.

Debito con il diavolo[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Foresta Incantata, passato. Tremotino e Milah, sposati, devono a ogni costo procurarsi una medicina per Baelfire, morso da un serpente velenoso. Non avendo il denaro sufficiente per pagare il farmaco da Fendrake il Guaritore, Milah spinge Tremotino a pugnalare l’uomo e a rubare la pozione. Nel tempo in cui Milah è in una taverna a parlare per la prima volta con Killian, Tremotino non ha il coraggio di far del male a Fendrake, così stipulano insieme un accordo: Fendrake gli darà il medicinale per Baelfire, e Tremotino dovrà assegnargli il suo secondogenito. Baelfire è salvo, ma Milah, adirata con Tremotino, si distacca dal marito. Anni dopo, Tremotino, adesso Signore Oscuro, uccide Fendrake per annullare il loro negoziato.

Oltretomba, presente. Ade recinta determinati spazi con delle barriere magiche per tenere lontani i viventi e incatena Uncino, rifiutatosi di scegliere chi debba restare nell’aldilà, per buttarlo nel Fiume delle Anime Perdute, dove sarà uno dei tanti “fantasmi” che errano senza meta nel canale. Emma e Gold, per oltrepassare gli incantesimi di Ade, si rivolgono a Milah, che li aiuta per amore di Uncino. Ampliando l’aura di Milah, Emma e Gold s’imbarcano sul Fiume delle Anime Perdute, mentre Regina si fa dire da Crudelia come funzionino le lapidi nell’Oltretomba: se sono in verticale, la persona è in città; se sono poggiate a terra, la sua anima è in un Posto Migliore; e se sono spezzate, è in un Posto Peggiore. Regina, accompagnata da Mary Margaret, trova la pietra sepolcrale di Daniel rovesciata; dispiaciuta di non averlo potuto rivedere, Regina è comunque felice che Daniel sia perlomeno in pace. Emma salva Uncino, ma Ade, con l’assicurazione di un rapido passaggio per Storybrooke, induce Gold a demolire la loro barca e a lanciare Milah nel Fiume delle Anime Perdute. Con Emma e Uncino riuniti, Regina si accinge a dividere il cuore di Emma per spartirne una metà con Killian, come fecero Biancaneve e il Principe Azzurro, ma purtroppo è del tutto impossibile: Ade ha trascritto i nomi di Emma, Mary Margaret e Regina sulle lapidi del Principe Henry, di Hercules e di Megara, e le 3 appartengono dunque all’Oltretomba. Ade, poi, abolisce il patto con Gold, e gli rivela la scioccante notizia della gravidanza di Belle, ma soprattutto, del cedimento di Fendrake alla divinità sul loro precedente accordo, che, a dispetto della morte, ha ancora valore. Gold è perciò obbligato a lavorare per conto di Ade per difendere Belle e il loro futuro bambino.

I fratelli Jones[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Foresta Incantata, passato. I fratelli Killian e Liam Jones, venduti dal padre Brennan, sono schiavi sulla nave del repellente Capitano Silver. Silver fa ubriacare Killian per fargli sperperare le sue monete e precludergli la pensata di essere arruolato nella Flotta del Re, e Liam, pur avendocela, molla quest’opportunità per non lasciare il fratello. Killian e Liam partecipano alla spedizione via mare per il recupero dell’”Occhio della Tempesta”, un inestimabile zaffiro, ma si accorgono troppo tardi che il diamante è raggiungibile attraverso un violento uragano. Liam, così, protesta con Silver e guida con successo un ammutinamento sul capitano. Poco dopo, Ade visita Liam per offrirgli la sua protezione e l’Occhio della Tempesta in cambio delle anime dell’equipaggio, tranne la sua e di Killian, dato che il ragazzo ha appena mandato a monte una grossa cosegna di anime per l'Oltretomba. Liam approva, e, tenendo tutto all’oscuro del fratello, manovra la ciurma nel ciclone, uccidendone i marinai. I Jones, a riva sani e salvi, appioppano l’Occhio della Tempesta alla Marina Reale e ottengono la leva sulla nave Gioiello del Re.

Oltretomba, presente. Henry, sentendosi inutile e fomentato da Crudelia, setaccia l’Oltretomba in cerca della sua Penna Magica, e viene approssimato dall’Apprendista, la cui questione irrisolta riguarda proprio il ragazzo, in quanto l’anziano deve essere certo che Henry sappia essere un buon Autore, che non ecceda mai coi suoi poteri. L’Apprendista indirizza Henry verso l’equivalente della casa dello Stregone, in cui vi è lo stilo, ma lo avverte di essere cauto nelle sue scelte. Purtroppo, la dimora è chiusa dalla magia di Ade, e, per accedervi, occorre la chiave presa dallo sceriffo della Storybrooke infernale: James, gemello di David. Nel tentativo di acchiappare la chiave nell’ufficio dello sceriffo, David, facendo finta di essere James, apprende da Crudelia che l’affare insoluto del fratello è lui stesso, perché, nonostante fosse vissuto nel castello di Re George, a James è sempre mancato l’amore di una madre. Intanto, Uncino riabbraccia Liam, che sembra non avere idea di quale sia il motivo che lo blocca nel limbo, quando sa bene che è per via del suo tetro accordo con Ade. Liam attesta che il signore dell’Oltretomba può essere sconfitto con la controparte del libro di favole C’era una volta, serbato in casa dello Stregone, ma Ade, minacciandolo di divulgare il loro segreto, lo obbliga a manomettere il testo e a strappare le pagine che immortalano la sua storia, ma Silver origlia la loro conversazione e informa i suoi ammutinatori. Nell’abitazione, Henry snida la Penna Magica e l’inchiostro, e, nel frattempo, Uncino continua a odiarsi per il male che ha causato da Signore Oscuro, arrivando a pensare di voler passare oltre e a non essere resuscitato. Vedendo i suoi vecchi compagni marinai e Silver minacciare Liam nel baratro del Tartaro, Uncino scopre delle menzogne di Liam, che, pentito, s’immola per il fratello (mentre Silver è scaraventato anch'esso nel Posto Peggiore), ma il suo sacrificio è il biglietto d’accesso per un Posto Migliore, e Liam può quindi sorpassare l’Oltretomba, perdonato da Killian e i suoi compagni, che lo seguono. Uncino si scusa anche con sé stesso per ciò che ha fatto, e si aggrega al gruppo per sgominare Ade. Henry, grazie a David, capisce di dover scrivere le storie così come sono, a partire da Ade, il quale, nel frattempo, ritrova le pagine stracciate da Liam: esse danno a vedere che il passato di Ade si intreccia sbalorditivamente con quello di Zelena.

Le nostre rovine[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Oz, passato. Zelena sta noiosamente celebrando il suo compleanno, che coincide con il giorno del suo abbandono, ma non sa concretamente la data esatta. La Perfida Strega fa rapire lo Spaventapasseri per estirpargli il cervello e usarlo per il suo incantesimo temporale, ma un’adulta Dorothy Gale, ritornata con le scarpette d’argento, dopo aver saputo che Zelena era viva e vegeta, e salva lo Spaventapasseri. Ade si manifesta a Zelena, e, dopo un’iniziale titubanza, la strega lo asseconda nel suo proposito di viaggiare, come lei, nel tempo e vendicarsi del fratello Zeus, che lo ha confinato nell’Oltretomba per esserne il padrone e fermato il suo cuore, a meno che non riceva un Bacio del Vero Amore. Zelena e Ade si divertono a bordo della bicicletta di Dorothy, sulla quale immettono un Incantesimo di Localizzazione per beccare lo Spaventapasseri. Zelena, così, arraffa il cervello dello Spaventapasseri e brinda con Ade, che per un nanosecondo ha captato una minuscola palpitazione, sintomo del suo amore per Zelena. La Perfida Strega, tuttavia, lo respinge, convinta che Ade voglia approfittare di lei per il Bacio del Vero Amore e avere l’incantesimo del tempo tutto per sé. Rattristito, Ade se ne va per sempre da Oz.

Oltretomba, presente. Con il suo sangue, Gold apre, su regolamento di Ade, un portale per Storybrooke per dislocare la figlia di Robin e Zelena, ma, nel trasferimento, capitombolano Zelena, Belle e la bambina: di fatto, Zelena era ricomparsa a Storybrooke per reclamare la piccola, ma Belle si era interposta, e tutte e tre sono state risucchiate nell’Oltretomba. Belle, con in braccio la neonata, viene a sapere da Gold la verità sul suo essere di nuovo il Signore Oscuro e sul vincolante contratto con Ade pertinente la cessione del figlio che Belle ha in grembo. Frastornata, Belle si separa da Gold e dà la bimba a Regina e Robin. Zelena, avente il minimo della sua magia nell’aldilà, vorrebbe portare via la figlia con sé, ma, presentendo che i suoi poteri feriscono la bambina e che Ade potrebbe servirsene per l’incantesimo temporale, la consegna a Regina e Robin in modo da proteggerla. Nel frattempo, Mary Margaret e David, da una cabina per le infestazioni, comunicano con il loro Neal a Storybrooke, e Henry annota questo e tantissimi altri eventi nelle pagine di C’era una volta. Zelena s’incontra con Ade, che le confida di aver costruito l’Oltretomba simile a Storybrooke soltanto per lei, e di aver voluto che sua figlia arrivasse lì per salvaguardarla dai suoi nemici, ma Zelena non si fida ancora di lui. Ade, per niente scoraggiato, s’impegna ad aspettarla per tutta la vita, e le dice di aver scoperto che il giorno del suo compleanno converge il 15 aprile; suo malgrado, Zelena è molto toccata.

Il suo aitante eroe[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Foresta Incantata, passato. Sir Maurice combina un appuntamento tra Belle e l’affascinante cacciatore Gaston, sperando che ne sbocci un’intesa romantica. Durante una passeggiata nel bosco, Belle e Gaston stanano un giovane Orco caduto in una trappola, e Belle frena gli istinti omicida di Gaston per recarsi nelle vicinanze del regno e acquistare uno specchio magico che possa riflettere la vera natura dell’Orco. Tuttavia, rincasata Belle, Gaston è ferito da un’aggressione dell’Orco, ma Belle, con lo specchio incantato, si rende conto che il mostro non è la creatura, ma Gaston, che ha torturato l’Orco mentre lei era via. Giorni dopo, scoppia la Guerra degli Orchi in ritorsione a quanto accaduto con Gaston, e Belle, ancorché disgustata dall’uomo, accetta di sposarlo solamente per poter fare affidamento sulle sue truppe.

Oltretomba, presente. Nei prati dell’Oltretomba stanno germogliando dei fiori, segno che gli eroi hanno trasmesso speranza alle anime e che Ade si sta indebolendo. Il dio recluta così Gaston per eliminare Gold, che potrebbe sopraffarlo facilmente coi suoi poteri di Signore Oscuro, ma Belle, capendo che la questione irrisolta di Gaston è il suo odio per Gold (e scoprendo come fu ucciso), esorta il marito a non assalirlo, così che Gaston possa passare oltre e stremare ulteriormente Ade. Questi passa al contrattacco, e propone a Belle di ritirare il contratto sul suo bambino se lei farà gareggiare Gold e Gaston e se uno dei due spingerà l’altro nel Fiume delle Anime Perdute, ma la ragazza rigetta l’offerta, ma non Gold. Alla fine è proprio Belle che, per salvare Gold, spintona Gaston nel Fiume delle Anime Perdute; era questo il piano di Ade, ossia sfruttare il rimorso di Belle sull’aver negato la redenzione allo spirito di Gaston per far appassire i fiori e accrescere la sua potenza, e in più, siccome non è stato Gold a finire Gaston, Ade vanta ancora dei diritti sul figlio di Gold e Belle. Nel frattempo, Emma constata con sgomento che si sta avverando il suo recente incubo, in cui lei, Mary Margaret e Uncino venivano attaccati da una belva misteriosa trasportata da una tempesta e sua madre veniva uccisa. Emma, Mary Margaret, Regina e Uncino, dunque, affrontano con coraggio l’animale, che si tratta di un licantropo: col suo mantello rosso, il lupo ridiventa Ruby.

Le scarpette di Ruby[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Oz, passato. Poco tempo dopo l’avventura a DunBroch con Merida, Cappuccetto Rosso e Mulan raggiungono Oz alla ricerca del branco dei lupi, e conoscono Dorothy, che fin da subito instaura un complicato rapporto con Ruby. Zelena, rinviata a Oz da Regina, rapisce il cagnolino di Dorothy, Toto, per farsi dare le scarpette d’argento e poter ritornare a Storybrooke dalla sua bambina. Ruby e Dorothy, nel corso di un giro per svellere dei papaveri per una polvere magica con cui rintronare Zelena, vengono aggredite dalle Scimmie Volanti, e Cappuccetto Rosso è costretta a far fuoriuscire i suoi impulsi di lupo mannaro per mettere in salvo Dorothy. Malauguratamente, Dorothy si estrania da Ruby, che, ferita, teme che la ragazza sia rimasta infastidita dalla sua vera natura, ma Mulan, per il palese feeling tra l’amica e Dorothy, le consiglia di non fare come lei, che ha tardato per confessare i propri sentimenti alla persona amata. Rinfrancata, Ruby sta per dichiararsi a Dorothy, che però è scomparsa nel nulla.

Oltretomba, presente. Ripresa coscienza, Ruby viene accudita dagli eroi, e dice di essere atterrata nell’aldilà seguendo, con un Incantesimo di Localizzazione, le tracce di Zelena, che reputa responsabile della sparizione di Dorothy. Avvisata da Ade, Zelena sta per utilizzare le scarpette magiche per andarsene dall’Oltretomba e non compromettersi agli occhi di Regina, con la quale si sta riconciliando, ma viene ugualmente fermata da Emma, Mary Margaret, Regina e Ruby. Zelena, così, svela di aver maledetto Dorothy con l’Incantesimo del Sonno per avere le sue scarpe incantate, ma, sorprendentemente, presta le calzature a Ruby senza esitazione, perciò, le donne provano a procurarsi un Bacio del Vero Amore dall’anima della zia di Dorothy, Emily, per salvare la ragazza. Tuttavia, Ade bagna la zia Em con l’acqua del Fiume delle Anime Perdute, e la sua disposizione nel togliere di mezzo tutti quelli che ostacolano Zelena gli fa ottenere una possibilità di riavvicinarsi alla Perfida Strega. Intanto, Mary Margaret, accortasi dell’amore di Ruby per Dorothy, la incoraggia a baciare lei stessa la ragazza, e nel frattempo, Crudelia rimuove i telefoni dalle cabine di infestazione per danneggiare gli eroi, quindi, per stare al fianco di Neal, David e Killian, con l’uncino di quest’ultimo incantato precedentemente da Ade, cancellano il nome di Mary Margaret dalla lapide e aggiungono quello di David, così che la donna possa avviarsi a Oz con Ruby, e da lì a Storybrooke con le scarpette d’argento. Mary Margaret e Ruby, dunque, vanno a Oz, e Ruby bacia Dorothy, vegliata per tutto il tempo da Mulan; risvegliata dal suo Vero Amore, Dorothy asserisce di contraccambiare i sentimenti di Ruby, e le due possono vivere felicemente il loro lieto fine, e Mary Margaret fa ritorno a Storybrooke; il tutto appuntato da Henry nel libro di favole. Parallelamente, Belle si pone sotto l’Incantesimo del Sonno di Zelena per stoppare la gravidanza e non rischiare che Ade possa prendere il suo bambino, mentre Gold dovrà fare il possibile per rompere il contratto e far poi ridestare Belle con il Bacio del Vero Amore di suo padre Moe.

Sorelle[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Foresta Incantata, passato. La piccola Regina è messa in disparte dalla madre Cora, perciò, un giorno, usa una sua bacchetta magica per animare una bambola e avere compagnia, ma l’incantesimo le si ritorce contro e stramazza a terra priva di sensi. Essendo la bacchetta coperta dalla Magia del Sangue e causa del dolore di Regina, Cora non può fare molto, pertanto ricorre a Zelena, che vive a Oz col suo violento padre. Omettendo della parentela tra Regina e Zelena, Cora preme Zelena a provare della generosità dei suoi poteri magici, e la ragazzina, così, salva Regina. Le due bambine legano particolarmente, fin quando Zelena non apre la cassa della bacchetta magica di Cora, chiusa dalla Magia del Sangue, e lei e Regina hanno dalla donna la conferma di essere sorelle. Purtroppo, Cora, per non mettere a repentaglio il futuro che ha pianificato per Regina, divide le sorelle e, con le acque obliose del Fiume Lete, fa scordare a entrambe dell’esistenza dell’altra.

Oltretomba, presente. Durante una serata a lume di candela, Ade dice a Zelena di voler andare a Storybrooke con lei e intrappolare per l’eternità gli eroi nell’Oltretomba, e la strega, per quanto colpita, ne resta confusa. Regina, resasi conto dell’infatuazione di Zelena per il Dio della Morte, non può lasciare che la sorella dia il Bacio del Vero Amore a Ade e riaccendere il suo cuore, quindi, con la complicità di Uncino, libera Cora dalla sua punizione. Regina e Cora, con le acque del Lete, somministrano a Zelena una pozione che le farà dimenticare del suo amore per Ade, ma la Perfida Strega non si fa abbindolare e ne scaturisce un aspro litigio tra le due sorelle. In pena per averle separate, Cora rende loro i ricordi che condivisero da piccole, e, con un commovente discorso, le fa riappacificare con la promessa di sostenersi sempre a vicenda, dopodiché, avendo sistemato le sue questioni irrisolte con le figlie, Cora ottiene il perdono e raggiunge il marito in un Posto Migliore. Nel frattempo, il vendicativo James assale il gemello David e si fa passare per lui; James e Crudelia prendono in ostaggio Emma e Robin per rapire la figlia di Zelena e forzare Ade a riportarli in vita così da abbandonare l’Oltretomba, ma David e Uncino capovolgono la situazione, e nell’alterco tra i fratelli, David getta James nel Fiume delle Anime Perdute. Frattanto, Zelena, incentivata da Regina, sta per dirigersi a un appuntamento con Ade, ma viene rapita da Gold e Peter Pan.

Il vero amore[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Maine, 2009. La 26enne Emma visita il ristorante che si trova lungo la strada sulla quale è stata data via in fasce per comprendere delle sue vere origini, ma una risoluta cacciatrice di taglie, Cleo Fox, intende trascinarla in Arizona per arrestarla per una serie di piccoli furti. Quantunque le circostanze tra le due non siano delle migliori, Cleo scorta Emma al tribunale della contea di Hancock per sfogliare i file sulla ragazza, ma non hanno la fortuna desiderata. Nella notte, tuttavia, Emma disubbidisce ai suggerimenti di Cleo sul dominare le proprie emozioni, e s’infiltra negli archivi del tribunale per scoprirne di più, ma Cleo la rintraccia e le due devono scappare dalla polizia. Cleo, trafitta da una scheggia di vetro della finestra da cui sono evase, prima di morire, riferisce a Emma di averla voluta aiutare per riscattarsi dall’abbandono di sua figlia Tasha. Un anno dopo, a Boston, Emma ha seguito le orme di Cleo diventando anch’essa una cacciatrice di taglie e soprattutto una donna forte e tenace, e un giorno, riesce a identificare Tasha per esporle della morte della madre. Emma acquista poi, dal negozio d’abbigliamento di Tasha, una giacca di pelle rossa simile a quella di Cleo: la stessa giacca che sarà il suo tratto distintivo e che rappresenterà la sua “armatura”.

Oltretomba, presente. Ade si associa con gli eroi per salvare Zelena da Gold e Pan, in cambio del depennamento dei loro nomi dalle lapidi e dell’apertura di un portale per Storybrooke. Ade fa a brandelli il contratto sul nascituro di Gold e Belle, e Pan, per poter rivivere, sta per strappare il cuore di Zelena, ma con la magia di Emma, la Perfida Strega viene tratta in salvo; contenta, Zelena dà a Ade il Bacio del Vero Amore, facendogli ribattere il cuore e infrangendo il suo esilio dall’Oltretomba. Tutti insieme, Regina trancia il cuore di Emma per darne una metà a Uncino, ma il procedimento è inefficiente, visto che l’anima di Uncino è stata nell’Oltretomba troppo a lungo e il suo corpo si sta decomponendo in superficie (Nel caso di Biancaneve e James l'espediente funzionò poiché il principe era morto da solo qualche minuto, e al momento della separazione l'anima non aveva ancora lasciato il corpo). L’unico modo è di far mangiare a Uncino dell’Ambrosia, il sacro cibo degli Dei, come fece Orfeo con Euridice nella nota leggenda; l’Ambrosia è ubicata al di sotto della Storybrooke infernale, ma per averla, Emma dovrà dare prova del suo Vero Amore per Uncino mettendo a giudizio il suo cuore. Emma porta a termine la missione, ma lei e Uncino si ritrovano davanti all’albero d’Ambrosia tagliato: Ade li ha pugnalati alle spalle per vivere da solo con Zelena a Storybrooke. In un ultimo e straziante saluto, Uncino, ormai rassegnato alla morte, si accomiata da Emma e si fa promettere dall’amata di non ergere mai più un’armatura che la tenga lontana da chi le vuole bene. Nel frattempo, prima di andare, Henry scrive per le anime del limbo dei lieti fini per farle passare oltre, ma Crudelia e la Strega Cieca, autoproclamatesi nuove regine dell'Oltretomba, barricano il ragazzo, David, Regina e Robin nella libreria per condannarli nell’Oltretomba (Crudelia vuole infatti punire Henry per non averla riportata in vita e David per aver fatto dissolvere James, mentre la strega Cieca vuole punire Regina per averla uccisa), intanto che Zelena, con la sua bimba, e Ade attraversano il portale per Storybrooke. Gold nel frattempo, ha bisogno di un modo per trasportare l'addormentata Belle e Pan gli offre il suo Vaso di Pandora ma a condizione che Gold gli consegni il cuore di uno dei viventi per poter tornare in vita: il Signore Oscuro, quindi, strappa apparentemente il cuore di Robin dal suo petto per inserirlo in Pan, ma in realtà, l’uomo gli pianta nel corpo un cuore riempito di acqua del Fiume delle Anime Perdute, annientando definitivamente il padre. Gold, poi, rileva che non può risvegliare Belle neanche con il Bacio del Vero Amore, inefficace per via della sua Oscurità, così rinchiude la moglie nel Vaso di Pandora di Pan e ritorna a Storybrooke. Emma e Regina, con i rispettivi poteri, squarciano l’incantesimo della Strega Cieca e assieme a David, Robin e Henry varcano giusto in tempo il portale per Storybrooke.

Gli ultimi riti[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Presente. A Storybrooke, l’ignara Zelena viene messa in guarda da Regina e Robin sulle bugie di Ade, ma la donna, credendo che la sorella non voglia un lieto fine per lei, non dà loro ascolto, e solleva un Incantesimo di Protezione sul municipio per non essere raggiunta. Ade, intanto, uccide il fuggiasco Artù, che arriva dunque nell’Oltretomba, in cui si allea con Uncino per sconfiggere il Dio della Morte e poter ottenere il perdono per il Posto Migliore. Uncino e Artù, nel covo di Ade, rispolverano le pagine tolte da Liam sulla sua storia, e imparano che il solo modo per assassinare una divinità è di infilzarla con il Cristallo dell’Olimpo, una potentissima arma contenente la folgore di Zeus, che ha la capacità di annullare l’anima di chi viene percosso da esso, senza né Oltretomba, né passaggi ultraterreni, ma che è adesso nelle mani di Ade, il quale progetta di esercitarlo sugli abitanti di Storybrooke e regnare sul mondo dei vivi con Zelena. Allegando le pagine di Ade nell’equivalente di C’era una volta dell’Oltretomba, le stesse spuntano anche nell’originale di Storybrooke, lette poi da Emma. Mentre Emma e Zelena si fronteggiano, Regina e Robin, da un passaggio sotterraneo, entrano nel municipio per riprendersi la figlioletta di lui, ma Ade li coglie in flagrante e sta per colpire Regina col riattivato Cristallo dell’Olimpo, se non fosse per Robin, che si sacrifica per lei, venendo ucciso. Zelena sopraggiunge un attimo dopo, e Ade tenta di metterla contro Regina, ma infine, realizzando che Ade le ha sempre mentito e che non potrà mai averne abbastanza del potere, Zelena lo trapassa con il Cristallo dell’Olimpo, che si riduce in cenere insieme al corpo di Ade. Successivamente, al funerale di Robin, Zelena dice a una sconsolata Regina di aver deciso di chiamare sua figlia Robin, in onore del suo eroico padre. Contemporaneamente, nell’Oltretomba, Uncino e Artù, avendo aiutato gli eroi nella minaccia di Ade, possono passare oltre, ma Artù rimane indietro perché ha capito che il regno spezzato che avrebbe dovuto governare, secondo la profezia di Merlino, non fosse Camelot, bensì l’Oltretomba. Nel bagliore di luce, Uncino incontra un uomo che lo ringrazia per aver sventato gli orridi piani di Ade, e quando l'uomo si rivela essere fratello del dio, Uncino capisce di avere davanti Zeus. Quest'ultimo lo premia poi consentendogli di poter ritornare in vita, così, l’uomo si riunisce alla cara Emma. Intanto, Moe, padre di Belle, non vuole risvegliare la figlia dall’Incantesimo del Sonno per non farla soffrire ancora con Gold, che quindi recupera, dai suoi resti, un frammento del Cristallo dell’Olimpo.

Solo tu[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Storybrooke, presente. Regina è devastata dalla morte di Robin, e viene confortata dai suoi amici e da Zelena, a sua volta addolorata per Ade. Gold, con il pezzo del Cristallo dell’Olimpo, incatena tutta la magia di Storybrooke in esso per poter risvegliare Belle, e Henry, dinanzi all’ennesimo litigio tra Emma e Regina, dipeso dalla rabbia di Regina sul fatto che Uncino sia sopravvissuto e Robin no, recepisce che la magia non abbia fatto altro che implicare sofferenza e lutti nella sua famiglia e negli altri abitanti, così, col suo potere di Autore, ruba il Cristallo dell’Olimpo da Gold, e, accompagnato da Violet, si reca a New York per distruggere la magia una volta e per sempre. Tuttavia, Henry e Violet ignorano che, se riuscissero nell’intento, sterminerebbero anche Storybrooke e i suoi abitanti. Emma e Regina partono seduta stante per intercettare Henry e Violet prima che lo faccia Gold, e nel frattempo, Zelena, con la Bacchetta dell’Apprendista, apre un portale per far ritornare Merida e la gente di Camelot a casa, e l’Allegra Brigata nella Foresta di Sherwood per crescere lì il piccolo Roland, che dona a Zelena, per Regina, una piuma da una delle frecce del papà Robin. L’immenso potere del Cristallo dell’Olimpo, però, manda in tilt il portale, che catapulta Mary Margaret, David, Uncino e Zelena in una landa sconosciuta.

New York, presente. Emma e Regina si capacitano che la potenza emanata dal Cristallo dell’Olimpo è tale da ristabilire la loro magia anche al di fuori di Storybrooke. Intanto, Henry e Violet, tramite le ricerche di Neal, si concentrano sulla lettura di numerosi libri di favole nella biblioteca centrale, identici nella forma al C’era una volta di Henry, ma diversi nei contenuti, che narrano di storie e personaggi mai sentiti prima d’ora; inoltre, i ragazzi mettono le mani su quello che sembra essere il gemello oscuro del Santo Graal, e arrivano alla conclusione che, se il Santo Graal è stato alla base della magia, allora questo potrà sancirne la fine. Nel contempo, Regina, leggendo una lettera che Robin scrisse per lei quando viveva nell’appartamento di Neal, si sfoga con Emma, dicendole di essere in una costante lotta interiore tra lei e l’oscurità, e che, qualche volta, ha paura che la Regina Cattiva possa avere il sopravvento sulla sua indole. Le due donne affluiscono poi da Henry e Violet, che sono stati derubati da Gold del Cristallo dell’Olimpo, con cui l’uomo sottrae i poteri a Emma e Regina. Al sicuro in una stanza d’albergo, Gold si appresta a risvegliare Belle con il cristallo, ma, d’un tratto, un varco magico aspira il Vaso di Pandora racchiudente Belle.

Terra delle Storie Mai Raccontate, presente. Mary Margaret, David, Uncino e Zelena, proiettati nella cosiddetta “Terra delle Storie Mai Raccontate”, vengono fatti prigionieri dal Guardiano Mr. Hyde, il quale suppone che i quattro siano dei portavoce del Signore Oscuro. La controparte buona di Hyde, il Dottor Jekyll, per avere in cambio dal quartetto una vita propria a Storybrooke, ricompone la Bacchetta dell’Apprendista, spaccatasi nel transito del portale, ma Poole, l’assistente del Guardiano, gli fa ingoiare una miscela che lo rende di nuovo l’impenetrabile Mr. Hyde. Con la bacchetta magica, Hyde allarga una fessura che gli fa capitare tra i palmi il Vaso di Pandora, così da avere il Signore Oscuro in pugno.

Una storia mai raccontata[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: An Untold Story
  • Diretto da: Dean White
  • Scritto da: Edward Kitsis e Adam Horowitz
  • Eventi riguardanti: Emma Swan e Regina e Henry Mills
  • Nota: l’episodio è interamente ambientato nel presente, e le azioni tra New York e la Terra delle Storie Mai Raccontate sono contemporanee.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Terra delle Storie Mai Raccontate, presente. Mary Margaret, David, Uncino e Zelina sono liberati da Jekyll, che prepara intanto una pozione che lo possa scindere da Hyde e gli dice che in questo momento si trovano nella landa in cui i personaggi delle storie hanno abbandonato il loro destino per non concluderlo o realizzarlo per un motivo o l'altro. Poole li raggiunge e costringe Jekyll a prendere anticipatamente il siero e il quintetto scappa, ma si ritrova in un vicolo cieco, quando d'improvviso piovono monetine.

New York, presente. Emma e Regina cercano di soffiare il Cristallo dell’Olimpo da Gold, ma Henry annulla la magia dell’oggetto con il Santo Graal Oscuro, e l’effetto risultante è la privazione dei poteri a Emma, Regina e Gold; per fortuna, Storybrooke, prosperata per 28 anni anche senza magia, non corre ancora alcun tipo di pericolo, ma sarà un’impresa ardua salvare Mary Margaret, David, Uncino e Zelena dalla Terra delle Storie Mai Raccontate. I cinque, quindi, vanno a trovare il Dragone, miracolosamente sopravvissuto all’attacco mortale di Tamara e ora risiedente a New York. Il guaritore segnala loro che la magia nel mondo reale, seppur molto debole, è nell’aria, e spetta a Henry, in qualità di Vero Credente, riporne la fiducia nelle persone, così il ragazzo, con un’allocuzione, pungola i passanti di New York a credere nella magia e a lanciare nella Fontana di Bethesda delle monetine, esprimendo il desiderio di far ritornare la sua famiglia, perciò, la magia del Cristallo dell’Olimpo viene ripristinata, e, simultaneamente, si spalanca un portale per la Terra delle Storie Mai Raccontate, oltrepassato da Mary Margaret, David, Uncino, Zelena e Jekyll. Gold, tuttavia, valica anch’egli il portale e stringe un patto con Mr. Hyde per riavere Belle indietro. Regina, impensierita, si inietta una dose del siero del Dottor Jekyll per essere irrevocabilmente assolta dal suo lato malvagio: Regina e la Regina Cattiva, quindi, si dividono, e Regina strappa e sbriciola il cuore della sua controparte maligna, cancellandola dalla faccia della terra per sempre.

Storybrooke, presente. Gli eroi possono finalmente vivere in tranquillità: Jekyll si abitua alla sua nuova vita; Emma e Uncino portano avanti la loro relazione; il padre di Violet, Sir Morgan, si rivela originario del Connecticut, da cui la decisione dell’uomo di restare volentieri a Storybrooke con la figlia, che può frequentarsi con Henry; e Regina sprigiona il Cristallo dell’Olimpo, ridando magia alla città. All’improvviso, però, si presenta Hyde, che, per aver dato a Gold le informazioni utili sul come risvegliare Belle dall’Incantesimo del Sonno, è ora il nuovo padrone di Storybrooke, e ricorda a Regina che non è tanto facile eliminare la propria oscurità: infatti, all’insaputa di tutti, la Regina Cattiva è sopravvissuta ed è determinata a muovere guerra contro Regina e i suoi amici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sara Bibel, ABC Sets Fall Premiere Dates: TGIT Returns September 24, 'Beyond The Tank' on Tuesday at 10PM Until 'Wicked City' Debuts on October 27, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 10 giugno 2015. URL consultato il 20 settembre 2015 (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2015).
  2. ^ Tutte le nuove stagioni in prima assoluta in arrivo a gennaio su FOX, su Mondo Fox, 10 dicembre 2015. URL consultato il 10 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2015).
  3. ^ (EN) Dani Dixon, Sunday Final Ratings: 'Bob's Burgers' Adjusted Down, '60 Minutes' Adjusted Up + 'Sunday Night Football', su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 29 settembre 2015. URL consultato il 30 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2015).
  4. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: 'Blood & Oil,' 'The Simpsons' adjusted up, 'Madam Secretary' adjusted down, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 6 ottobre 2015. URL consultato il 6 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2015).
  5. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: 'The Good Wife' and 'Last Man on Earth' adjusted up, plus final NFL numbers, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 13 ottobre 2015. URL consultato il 13 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2015).
  6. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: 'The Good Wife,' 'Madam Secretary' and 'The Simpsons' adjusted up, plus final NFL numbers, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 20 ottobre 2015. URL consultato il 20 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2015).
  7. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: 'The Simpsons,' 'The Good Wife' and 'Last Man on Earth' adjust up, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 27 ottobre 2015. URL consultato il 27 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2015).
  8. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: 'CSI: Cyber' adjusts down, NFL and World Series rule [collegamento interrotto], su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 3 novembre 2015. URL consultato il 3 novembre 2015.
  9. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: ‘Family Guy’ and ‘Once Upon a Time’ adjust up, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 10 novembre 2015. URL consultato il 10 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2015).
  10. ^ a b (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: ‘Madam Secretary’ adjusts up, ‘CSI: Cyber’ rises vs. last wee, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 17 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2015).
  11. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: ‘Madam Secretary’ and ’60 Minutes’ adjust up, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 2 dicembre 2015. URL consultato il 2 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2015).
  12. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: ‘Once Upon a Time’ and ‘The Simpsons’ adjust down, ‘Quantico’ adjusts up, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 8 dicembre 2015. URL consultato l'8 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2015).
  13. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: ‘Madam Secretary’ adjusts down, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 8 marzo 2016. URL consultato l'8 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2016).
  14. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: ’60 Minutes’ adjusts up, ‘Carmichael Show’ and ‘Hollywood Game Night’ adjust down, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2016).
  15. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: ‘Madam Secretary,’ ‘Carmichael Show’ and ’60 Minutes’ adjust down, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 22 marzo 2016. URL consultato il 22 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2016).
  16. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: ’60 Minutes’ adjusts up, everything else holds, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 29 marzo 2016. URL consultato il 29 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2016).
  17. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: ACM Awards and all scripted shows hold, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 5 aprile 2016. URL consultato il 5 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2016).
  18. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: ‘Once Upon a Time,’ ‘Simpsons,’ ‘Quantico’ adjust up; ‘Carmichael’ and ‘Crowded’ adjust down, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 12 aprile 2016. URL consultato il 12 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2016).
  19. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: ‘Once Upon a Time,’ ‘The Good Wife’ adjust up; ‘Little Big Shots’ and ‘Crowded’ adjust down, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 19 aprile 2016. URL consultato il 19 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2016).
  20. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: ‘Once Upon a Time,’ ‘Simpsons’ and all others hold, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 26 aprile 2016. URL consultato il 26 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2016).
  21. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: ‘Little Big Shots’ adjusts up, ‘Carmichael,’ ‘Crowded’ and ACC Awards adjust down, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 3 maggio 2016. URL consultato il 3 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2016).
  22. ^ (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: ‘Good Wife’ finale adjusts up, ‘Once Upon a Time’ and ‘Carmichael Show’ adjust down, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 10 maggio 2016. URL consultato il 10 maggio 2016 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2016).
  23. ^ a b (EN) Rick Porter, Sunday final ratings: ‘Once Upon a Time’ finale, everything else hold, su tvbythenumbers.zap2it.com, TV by the Numbers, 17 maggio 2016. URL consultato il 17 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione