Episodi di BoJack Horseman (seconda stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: BoJack Horseman.

BoJack Horseman Logo.svg

La seconda stagione della serie televisiva BoJack Horseman, composta da 12 episodi, è stata interamente pubblicata dal servizio on demand Netflix il 17 luglio 2015. In Italia è disponibile su Netflix dal 22 ottobre 2015.[1]

Titolo originale Titolo italiano Pubblicazione USA Pubblicazione Italia
1 Brand New Couch Il divano nuovo 17 luglio 2015 22 ottobre 2015
2 Yesterdayland Yesterdayland
3 Still Broken Ancora rotto
4 After Party Dopo la festa
5 Chickens Galline
6 Higher Love Vero amore
7 Hank After Dark Il lato oscuro di Hank
8 Let's Find Out Scopriamolo
9 The Shot La ripresa
10 Yes And Sì e...
11 Escape from L.A. Fuga da L.A.
12 Out to Sea In alto mare

Il divano nuovo[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

BoJack crede che un atteggiamento positivo possa cambiargli la vita, peccato che non si adatti al nuovo ruolo d'attore...

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

L'episodio ha ricevuto una candidatura agli Annie Awards 2016 come miglior produzione televisiva d'animazione generale[2].

Yesterdayland[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

BoJack è attratto dall'unica donna in città che non sa chi sia... perché era in coma. Todd apre un parco a tema.

Ancora rotto[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un funerale diventa una caccia al tesoro per il cast di Horsin' Around e un'occasione per socializzare per Princess Carolyn e Mr. Peanutbutter.

Dopo la festa[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una festa di compleanno a sorpresa è l'occasione per Princess Carolyn, BoJack, Diane e Mr. Peanutbutter di imparare importanti lezioni sull'amore.

Galline[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

BoJack desidera fare colpo sulla regista Kelsey. La figlia della donna, assieme a Todd e Diane, aiuta una gallina in fuga dalla polizia.

Vero amore[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Princess Carolyn considera la morte dell'agente di Mr. Peanutbutter come un'opportunità. Intanto BoJack perde la bussola durante una conversazione con Wanda.

Il lato oscuro di Hank[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mentre BoJack è in tour per il suo libro, Diane mette in pericolo il nuovo programma di Mr. Peanutbutter e Todd si trova coinvolto in affari internazionali.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

L'episodio ha ricevuto una candidatura come miglior produzione televisiva d'animazione al Writers Guild of America Award 2016[3].

Scopriamolo[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

BoJack è una delle guest star invitate al primo episodio del gioco a premi di Mr. Peanutbutter, ma le cose non vanno come previsto.

La ripresa[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

BoJack organizza un piano con Kelsey, Todd, Princess Carolyn e Mr. Peanutbutter per rubare una registrazione importante per il film su Secretariat.

Sì e...[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Todd si appassiona all'improvvisazione, mentre Wanda pensa che Diane abbia una cattiva influenza su BoJack, nel pieno di una crisi professionale.

Fuga da L.A.[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Per far visita a un'amica in Nuovo Messico, BoJack si mette in viaggio, sperimentando la vita fuori dal mondo dorato di Hollywoo. La situazione precipita nel momento in cui si approccia alla figlia dell'amica.

In alto mare[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

BoJack capisce cosa conta nella vita quando Todd trasloca da casa sua per unirsi a una compagnia di attori su una nave da crociera.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Netflix Italia: Ecco tutte le Serie TV che vedremo, su ComingSoon.it.
  2. ^ Annie Awards 2016, su annieawards.org. URL consultato il 24 ottobre 2016.
  3. ^ Writers Guild of America 2016, su Writers Guild Awards. URL consultato il 24 ottobre 2016.