Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Le avventure di Lupin III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Lupin III (anime).

Le avventure di Lupin III
Lupin, l'incorreggibile Lupin
ルパン三世
(Rupan Sansei)
Le avventure di Lupin III.png
serie TV anime
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Regia Masaaki Ōsumi (ep. 1-7, 9, 12), Hayao Miyazaki, Isao Takahata (ep. 8, 10-11, 13-23)
Produttori Yutaka Fujioka (Tokyo Movie), Hisashichi Sano (Yomiuri TV)
Soggetto Sōji Yoshikawa
Char. design Yasuo Ōtsuka
Dir. artistica Hideo Chiba (ep. 1-6), Masato Itō (ep. 7-23)
Musiche Takeo Yamashita
Studio Tokyo Movie
Rete Yomiuri TV
1ª TV 24 ottobre 1971 – 26 marzo 1972
Episodi 23 (completa)
Aspect ratio 4:3
Durata ep. 22 min
Rete it. Televisioni locali
1ª TV it. 1979
Episodi it. 23 (completa)
Studio dopp. it. Tecnosound (1º doppiaggio), MI.TO Film (ridoppiaggio)
Dir. dopp. it. Amerigo Latini (1º doppiaggio), Vittorio Di Prima (ridoppiaggio)
Generi azione, avventura, commedia
Cronologia
  1. Le avventure di Lupin III
  2. Le nuove avventure di Lupin III

Le avventure di Lupin III (ルパン三世 Rupan Sansei?) è la prima serie televisiva anime basata sul manga Lupin III di Monkey Punch, nella quale il protagonista indossa una giacca verde. Andò in onda per la prima volta in Giappone dal 24 ottobre 1971 al 26 marzo 1972 su Yomiuri TV,[1] mentre in Italia fu trasmessa nel 1979 su diverse reti locali e replicata successivamente su Italia 1 e altre reti Mediaset. Dal 1987 fu trasmessa con il titolo Lupin, l'incorreggibile Lupin, mentre nel 2004 è stato ripristinato il titolo italiano storico.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Arsenio Lupin III, nipote del ladro gentiluomo Arsène Lupin, è un ladro ricercato a livello internazionale. Il suo braccio destro è Daisuke Jigen, un tiratore esperto che può sparare a un obiettivo in 0,3 secondi. A loro si unisce la bella Fujiko Mine, interesse amoroso di Lupin che spesso manipola le situazioni a suo vantaggio. Dopo diversi scontri con il samurai Goemon Ishikawa XIII, quest'ultimo entra a far parte del gruppo. Lupin e i suoi soci sono costantemente inseguiti dall'ispettore Koichi Zenigata dell'Interpol, il cui obiettivo è arrestarli una volta per tutte.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Un adattamento animato del manga fu suggerito dall'animatore Gisaburō Sugii a Yutaka Fujioka, il fondatore della Tokyo Movie Shinsha. Anche se a Fujioka interessava l'idea, il progetto doveva essere finanziato. Questo portò alla creazione di un film pilota cinematografico destinato a creare interesse per il progetto e un finanziamento sicuro. Il film pilota fu creato da Sugii, Yasuo Ōtsuka, Tsutomu Shibayama e Osamu Kobayashi con la supervisione di Masaaki Ōsumi.[2] Ōtsuka aveva lasciato la Toei Animation per unirsi alla A Production, al fine di lavorare sull'adattamento di Lupin III poiché esso gli avrebbe permesso di usare la sua conoscenza di armi e trasporti nell'animazione. Ōtsuka e il team studiarono approfonditamente l'opera di Monkey Punch e l'influenza del fumettista americano Mort Drucker, analizzando i personaggi da tutte le angolazioni. Inizialmente erano assistiti dallo stesso Monkey Punch, finché quest'ultimo non sentì che il progetto era troppo per lui.[3] Dopo un anno, esso era ancora invenduto e il film pilota fu adattato nel formato televisivo. Nel 1971, Yomiuri TV finanziò la serie.[2] A questo punto solo Ōtsuka e Ōsumi erano ancora alla TMS. Ōsumi fu assegnato alla regia, mentre Ōtsuka divenne il character designer e Kobayashi fornì l'animazione chiave su diversi episodi. La serie fu inizialmente prevista di 26 episodi, ognuno con una sinossi.[2]

Hayao Miyazaki e Isao Takahata sostituirono Ōsumi alla regia

Dopo la messa in onda del secondo episodio, a Ōsumi fu chiesto di modificare la serie. Dopo essersi rifiutato di farlo, fu licenziato.[4] Hayao Miyazaki e Isao Takahata si erano recentemente trasferiti dalla Toei Dōga alla A Production, al fine di iniziare la pre-produzione su un adattamento di Pippi Calzelunghe.[5] Tuttavia questo lavoro fu annullato e vennero scelti come sostituti di Ōsumi da Ōtsuka, che aveva lavorato con loro in precedenza alla Toei. Nessuno dei due vide però il proprio nome sulla sigla, poiché la regia fu accreditata al "gruppo di produzione della A Production". A causa del programma di produzione della serie, molti episodi sono un mix di influenze tra Ōsumi, Takahata e Miyazaki, e diversi episodi non accreditano la regia. L'episodio 9 fu l'ultimo su cui Ōsumi ebbe il pieno controllo creativo.[6] A Miyazaki e Takahata fu chiesto di apportare numerose modifiche alla serie, e ne fecero anche altre in base alle loro opinioni. Si prefissero immediatamente di rimuovere un senso di apatia dalla serie, che sentivano fosse evidente anche nella società. Per raggiungere questo obiettivo diedero ai personaggi una veduta più positiva. Lupin sarebbe diventato spensierato e ottimista, mentre Jigen sarebbe stato un amichevole e allegro compagno. Fu rimosso anche l'erotismo "a buon mercato" di Fujiko. I cambiamenti durante la produzione portarono ad una mancanza di unità nella grafica e a una "dualità".[7]

Le avventure di Lupin III fu la prima serie anime indirizzata a un pubblico adulto, presentando personaggi e storie complesse e focalizzandosi sul realismo.[4] La serie presta molta attenzione ai dettagli di veicoli, armi e oggetti di consumo che nel manga erano solo approssimati.[7]

Personaggi e doppiatori[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Doppiatore originale Doppiatore italiano (1º doppiaggio) Doppiatore italiano (ridoppiaggio)
Arsenio Lupin III Yasuo Yamada Roberto Del Giudice
Daisuke Jigen Kiyoshi Kobayashi Germano Longo Sandro Pellegrini
Fujiko Mine Yukiko Nikaido Serena Spaziani Alessandra Korompay
Goemon Ishikawa XIII Chikao Ōtsuka Enzo Consoli Vittorio Guerrieri
Koichi Zenigata Gorō Naya Enzo Consoli

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il primo doppiaggio italiano fu eseguito nel 1979 dalla Tecnofilm e diretto da Amerigo Latini. Benché integrale, ha diverse pecche e sviste nella traduzione. Inoltre, analogamente ad altri doppiaggi eseguiti per le reti locali, il cast è limitato principalmente a quattro doppiatori, che spesso danno voce anche ai personaggi secondari dei singoli episodi. È stato trasmesso integralmente solo sulle reti locali, mentre a partire dalla replica su Italia 1 del febbraio 2004 è stato riutilizzato in versione censurata (ma in maniera molto più lieve rispetto alla seconda edizione). Questo doppiaggio viene usato anche per la trasmissione su Italia 2, tranne gli episodi 13 e 14 che vengono invece trasmessi col ridoppiaggio (ma mantenendo i titoli della prima edizione).

La serie fu ridoppiata per conto di Mediaset nel 1987 contestualmente all'adattamento della terza serie, Lupin, l'incorreggibile Lupin; nella messa in onda, infatti, gli episodi furono mischiati con quelli della nuova serie utilizzando la stessa sigla. Analogamente, il doppiaggio fu eseguito dalla MI.TO Film e diretto da Vittorio Di Prima, presentando il nuovo cast ufficiale del quale facevano parte anche Roberto Del Giudice ed Enzo Consoli, che tornarono quindi a doppiare Lupin e Zenigata, mentre Goemon fu doppiato da Vittorio Guerrieri. Benché l'adattamento sia quasi sempre più fedele alla versione originale rispetto alla prima edizione, gli episodi furono censurati prima del doppiaggio e anche i dialoghi presentano alcune modifiche atte a mitigarli. Inoltre, il video su cui è stato eseguito il ridoppiaggio si presenta molto scuro e appaiono numerosi errori di mixage. Dal 2013 questo doppiaggio viene usato per la trasmissione su Boing.

Sigle[modifica | modifica wikitesto]

Giapponesi[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le sigle giapponesi sono state scritte dal dipartimento di pianificazione della Tokyo Movie e composte da Takeo Yamashita.

  • "Rupan Sansei shudaika I" (「ルパン三世主題歌I」?), cantata da Charlie Kosei. Sigla d'apertura degli episodi 1-3 e 9. Il video è composto da scene del film pilota, modificate per rispettare character design e colorazioni della serie.
  • "Afro "Lupin '68"" (「AFRO "LUPIN '68"」?), cantata da Charlie Kosei. Sigla d'apertura degli episodi 4-8 e 10-15. Nella sigla, la canzone fa da sottofondo a Yasuo Yamada che descrive i vari personaggi. Per il video furono utilizzate scene sia del film pilota (non modificate), sia della serie stessa.
  • "Rupan Sansei shudaika 3" (「ルパン三世主題歌3」?), cantata da Yoshiro Hiroishi. Sigla d'apertura degli episodi 16-23. Il video è composto da scene della serie.
  • "Rupan Sansei shudaika II" (「ルパン三世主題歌II」?), cantata da Charlie Kosei. Sigla di chiusura. Il video consiste in un'unica scena in cui Fujiko, in campo lungo, corre in moto su una strada di campagna.

Italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • "Planet O", scritta da Norbert Cohen e composta da Farouk Safi e Sharon Woods, cantata (in inglese) da Daisy Daze and the Bumble Bees. Usata come sigla d'apertura e chiusura prima del 1987, presenta un testo fantascientifico non inerente alla serie, ma presumibilmente ispirato al romanzo erotico Histoire d'O. Il video è lo stesso della terza sigla d'apertura giapponese, eccetto il titolo. Dal 2004 viene usata come sigla di chiusura per la trasmissione della serie col primo doppiaggio.
  • "Lupin, l'incorreggibile Lupin", scritta da Alessandra Valeri Manera e composta da Ninni Carucci, cantata da Gli amici di Lupin (ovvero Enzo Draghi e Simone D'Andrea). Creata come sigla d'apertura e chiusura per l'omonima terza serie (il video è infatti un montaggio di scene della stessa), fu usata anche per la prima messa in onda della prima serie ridoppiata, i cui episodi furono mischiati a quelli della terza.
  • "Hello Lupin", scritta e cantata da Giorgio Vanni. Usata dal 2004 come sigla d'apertura. Il video è lo stesso di "Planet O".
  • "Lupin", scritta da Franco Migliacci e composta da Franco Micalizzi, cantata da Irene Vioni con l'accompagnamento dell'Orchestra Castellina-Pasi. Creata come sigla d'apertura e chiusura della seconda serie, Le nuove avventure di Lupin III, nel 2013 è stata usata anche come sigla di chiusura per la trasmissione della prima serie ridoppiata esclusivamente sul canale Boing. Le immagini rimangono quelle della sigla iniziale originale della seconda serie.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Titolo italiano Primo doppiaggio - Ridoppiaggio
GiapponeseKanji」 - Rōmaji - Traduzione letterale
In onda
Giappone Italia
1 Trappola su quattro ruote - Lupin contro tutti[8]
「ルパンは燃えているか・・・・?!」 - Rupan wa moeteiru ka...?! – Lupin sta bruciando...?!
24 ottobre 1971 1979
Fujiko, spiando le mosse degli Scorpions, scopre che hanno l'intenzione di eliminare Lupin III, ma, prima che possa avvisare il suo fidanzato del pericolo, cade nelle mani della banda. Il piano degli Scorpions è quello di eliminare Lupin durante la corsa automobilistica inaugurale della lla Hida Speedway cui deve prendere parte, ma Lupin III prende parte alla corsa, ben conscio del fatto che la gara è truccata proprio ad opera dei suoi acerrimi nemici...
2 La barriera invisibile - Poteri magici[9]
「魔術師と呼ばれた男」 - Majutsushi to yobareta otoko – L'uomo che tutti chiamano il mago
31 ottobre 1971 1979
Fujiko ha rubato delle diapositive a un uomo di nome Pycal (nel primo doppiaggio Whisky), e lui le rivuole indietro. Pycal è un mago che è in grado di sparare fiamme dalle sue mani, camminare in aria e deviare proiettili con facilità. Lupin si scontra con Pycal nella speranza di salvare Fujiko.
3 Il terzo sole - Dolce strega
「さらば愛しき魔女」 - Saraba itoshiki majo – Addio, amata strega
7 novembre 1971 1979
Una collisione rovina la tranquilla gita in barca di Lupin e Fujiko. I due scoprono una donna di nome Linda nell'altra barca, mentre degli uomini armati su una barca più grande li attaccano. Dopo essere sfuggiti alla cannoniera, vengono a conoscenza che Linda è l'assistente di un esperto di fama mondiale sulla fissione nucleare. I due vivevano insieme su un'isola che è stata anche la base dell'organizzazione assassina dei Chiller 'n Killers. Lupin e Jigen tentano di assaltare l'isola per salvare il dottore dagli assassini e scoprire il misterioso segreto di Linda.
4 L'evasione di Lupin - Prigioniero!
「脱獄のチャンスは一度」 - Datsugoku no chansu wa ichido – Una sola chance di fuga
14 novembre 1971 1979
Lupin e Fujiko eseguono con successo una rapina; almeno finché Zenigata non riesce a sparare a Lupin un dardo soporifero e lo rinchiude in prigione. Nonostante i suoi sforzi, Fujiko non riesce a liberare Lupin, e Jigen non intende aiutarla, sostenendo che Lupin può evadere quando vuole. Passa un anno, e Lupin è ancora in carcere con la sua data di esecuzione sempre più vicina. Fujiko e Jigen cercano allora di aiutare Lupin a uscire di prigione.
5 Goemon il samurai - Una sincera amicizia[10]
「十三代五ヱ門登場」 - Jūsan dai Goemon tōjō – Appare Goemon XIII
21 novembre 1971 1979
Goemon Ishikawa XIII è il tredicesimo discendente diretto del famoso brigante samurai Goemon Ishikawa. Il suo maestro Mamochi gli ha dato una missione, trovare Lupin e utilizzare l'invincibile spada Zantetsuken per eliminarlo. Né Goemon né Lupin sanno che in realtà Mamochi e Fujiko stanno lavorando insieme.
6 Il mistero di Volpe Nera - Il segreto
「雨の午後はヤバイゼ」 - Ame no gogo wa yabai-ze – Il pomeriggio piovoso è pericoloso
28 novembre 1971 1979
Un pomeriggio di pioggia, un uomo sta cercando l'aiuto di Lupin per conto di una giovane donna. La donna è in realtà Fujiko, che è alla ricerca di un diamante conosciuto come "La regina d'Africa". Il diamante è stato impiantato nel petto di un boss della mafia. A questo boss è stata cancellata la memoria, ma è morto giorni prima che gli venisse ripristinata. Ora, Lupin e la banda sono all'inseguimento dell'ambulanza che porta il cadavere e il diamante in esso. Zenigata è responsabile dell'ambulanza e della sua scorta, e tenta di impedire a Lupin di rubare il diamante.
7 Il segreto delle tre pergamene - La spada invincibile
「狼は狼を呼ぶ」 - Ookami wa ookami o yobu – Lupo chiama lupo
5 dicembre 1971 1979
Tre rotoli contengono il segreto della creazione di una lama come la Zantetsuken. Lupin vuole rubarli per una questione di orgoglio di famiglia, perché suo nonno li aveva già rubati nel XIX secolo. Il padre di Lupin rubò a uno spadaccino un pugnale forgiato utilizzando lo stesso processo. Lo spadaccino sfidò Lupin II a duello e perse, ma riuscì a rubare i rotoli. Ora Lupin progetta di rubare i rotoli di nuovo, ma per farlo deve affrontare Goemon e Fujiko, che hanno i loro piani per acquisire i rotoli.
8 Le carte da gioco di Napoleone - Il segno della fortuna
「全員集合トランプ作戦」 - Zenin shūgō toranpu sakusen – Tutti gli uomini si radunino, lo stratagemma delle carte da gioco
12 dicembre 1971 1979
Napoleone una volta possedeva un mazzo di carte da chiromanzia che sono ora nelle mani di un milionario, noto come Gold. Lupin progetta di rubarle durante la festa di compleanno di Gold, e Zenigata prevede di fermarlo. Lupin riesce a rubare le carte misteriose.
9 Il documento segreto del calcolatore elettronico - Il passato ritorna
「殺し屋はブルースを歌う」 - Koroshiya wa burūsu o utau – L'assassino canta il blues
19 dicembre 1971 1979
Lupin e la banda vogliono rubare i progetti per un nuovo computer. Sulla loro strada c'è un uomo abile con la mitragliatrice e il suo partner di nome Poon (Pank nel primo doppiaggio), che in passato è stato fidanzato con Fujiko. Lupin riesce nella sua missione, ma non prima che Poon e Fujiko si trovino faccia a faccia. Il capo di Poon spara a Fujiko prima che i due possano avere un incontro corretto. Lupin riesce a riportare Fujiko nel loro covo, ma la ragazza è vicina alla morte. Poon e il suo capo seguono Lupin e riescono a cacciarlo dal nascondiglio, lasciando all'interno la morente Fujiko. Lupin cerca di tornare al covo per salvare la vita di Fujiko.
10 Microfinger il re dei falsari - La principessa delle nevi
「ニセ札つくりを狙え!」 - Nise satsu tsukuri o nerae! – Insegui il falsario!
26 dicembre 1971 1979
Lupin e il Barone (Baron nel primo doppiaggio) sono entrambi all'inseguimento del falsario più abile del mondo. Lupin non avrebbe alcun problema a battere il Barone, ma lui ha assunto un uomo chiamato Frink insieme a Fujiko, e ha ordinato loro di ucciderlo.
11 Furto alla cassa della banca centrale - Il settimo ponte
「7番目の橋が落ちるとき」 - Nana-banme no hashi ga ochiru toki – È tempo che il settimo ponte cada
31 dicembre 1971 1979
Qualcuno si spaccia per Lupin e fa saltare i ponti, causando un sacco di danni e lesioni. Lupin e Jigen scoprono che il dinamitardo sta cercando di forzare una macchina blindata a viaggiare lungo un percorso di sua scelta. Essi rintracciano l'attentatore, ma l'uomo costringe Lupin e Jigen a tentare di rubare l'auto blindata, minacciando di uccidere (se l'ordine non verrà eseguito) una ragazza di nome Lisa che lui ha rapito.
12 Le due statuine gemelle - Il villaggio assediato
「誰が最後に笑ったか」 - Dare ga saigo ni watta ka – Chi riderà per ultimo?
7 gennaio 1972 1979
Fujiko è in gara contro un'organizzazione criminale per acquisire un paio di statue d'oro che sono di proprietà di un villaggio montano bloccato dalla neve. Anche Lupin pianifica di acquisire le statue. L'anziano del villaggio considera la vendita delle statue nel tentativo di aiutare il suo villaggio.
13 Una sfida dal futuro - La statua d'oro[11]
「タイムマシンに気をつけろ!」 - Taimu mashin ni ki o tsukeru! – Fa' attenzione alla macchina del tempo!
14 gennaio 1972 1979
Kyosuke Mamoo (Mamok nel primo doppiaggio) sostiene che Lupin scomparirà dal mondo in quattro giorni. Egli sostiene di essere un viaggiatore del tempo venuto dal 2874 in cerca di vendetta. A quanto pare, Lupin XIII distruggerà il clan Mamoo nel marzo 2874. Kyosuke ha viaggiato indietro nel tempo per distruggere Lupin III e impedire la futura distruzione del suo clan. Per provare la sua identità, l'uomo viaggia nel passato e uccide il costruttore di un castello, facendo sparire l'edificio davanti agli occhi di Lupin.
14 Caccia allo smeraldo - La fuga
「エメラルドの秘密」 - Emerarudo no himitsu – Il segreto dello smeraldo
21 gennaio 1972 1979
Lupin e Fujiko sono entrambi alla ricerca del leggendario smeraldo Occhio del Nilo, che sta per diventare il regalo di un matrimonio celebrato in uno yacht. Lupin e Fujiko vengono a sapere che Catherine Burgess, regina di Hollywood, li ha attirati lì per ravvivare la sua altrimenti noiosa festa di nozze.
15 Il busto d'oro del Sig. Kimman - Il dubbio
「ルパンを捕まえてヨーロッパへ行こう」 - Rupan o tomaete Yūroppa e ikō – Cattura Lupin per andare in Europa
28 gennaio 1972 1979
Zenigata è stato invitato a una convention internazionale di polizia in Europa, e il suo capo vuole che ci vada, ma Zenigata si rifiuta poiché Lupin ha dichiarato che ruberà un busto in oro entro i prossimi tre giorni. Zenigata promette di catturare Lupin prima di andare alla convention. Lupin viene a conoscenza di questo e comincia a progettare uno schema che coinvolge la sua cattura intenzionale da parte di Zenigata.
16 Rapina alla gioielleria - Un gioco da ragazzi
「宝石横取り作戦」 - Hōseki yokodori sakusen – Intercetta quei gioielli!
4 febbraio 1972 1979
Fujiko spinge Lupin a rubare un grosso carico di diamanti. Lupin accetta il compito, nonostante le proteste di Jigen, che crede che Fujiko li stia ingannando. Naturalmente, Jigen ha ragione.
17 Una trappola per Lupin - Corsa contro il tempo
「罠にかかったルパン」 - Wana ni kakatta Rupan – Lupin cade nella trappola
11 febbraio 1972 1979
Fujiko invita Lupin e la banda in un famoso night club di proprietà della sexy Ginko Fujinami. Solo Goemon rifiuta. Questa è stata una mossa saggia, poiché Ginko piazza delle bombe a tempo su Fujiko, Jigen e Lupin. I tre devono tirar fuori 3 miliardi di yen entro ventiquattro ore se vogliono che le bombe vengano rimosse. Lupin attua allora un piano ancora in fase di studio: introdursi nella zecca giapponese e stamparsi il denaro.
18 Concorso di bellezza - Trafficanti d'arte[12]
「美人コンテストをマークせよ」 - Bijin kontesuto o māku se yo – Attenzione al concorso di bellezza
18 febbraio 1972 1979
Smith è un ladro d'arte che sta vendendo quadri rubati sotto l'apparenza di un concorso di bellezza.
19 I cimeli della famiglia Lupin - Nemici per la pelle
「どっちが勝つか三代目!」 - Docchi ga katsu ka sandaime – Quale terza generazione vincerà?
25 febbraio 1972 1979
L'ispettore Garimard III (Ghirimard III nel primo doppiaggio) è il nipote dell'arcinemico di Lupin I. Egli è venuto in Giappone come capo della sicurezza per la Francia Fair 1972, ma intende anche ripristinare l'onore della sua famiglia con l'arresto di Lupin III. Garimard invita pubblicamente Lupin a cercare di rubare i reperti della Fiera insultando l'orgoglio di famiglia del ladro. Garimard è convinto che la ragione e la scienza cattureranno Lupin.
20 La corona di Gengis Kahn - L'onore in pericolo
「ニセルパンを捕まえろ!」 - Nise Rupan o taero! – Arresta il falso Lupin!
1º marzo 1972 1979
Qualcuno sta commettendo furti spacciandosi per Lupin. Lupin segue gli impostori fino al loro nascondiglio su un'isola, apparentemente imbattendosi in un'intera isola di ladri.
21 Il rapimento di Jenni - Un amico fedele
「ジャジャ馬娘を助けだせ!」 - Jaja uma musume o tasuke da se – Salva la ragazza bisbetica!
8 marzo 1972 1979
Rie (nel primo doppiaggio Jenni) è tenuta prigioniera anche se lei non se ne accorge. Lei crede che l'uomo che la trattiene sia amico di suo padre, Jessie Makita. Lupin arriva a salvarla. Rie non vuole essere salvata da Lupin e non capisce perché sta cercando di farlo. Il padre di Lupin era un amico del padre di Rie. L'"amico" è Takigawa (Takimoto nel primo doppiaggio), che sta tenendo in ostaggio Rie nel tentativo di far uscire Jessie dal ritiro per fargli eseguire i suoi ordini.
22 Lupin contro il computer - La macchina infernale
「先手必勝コンピューター作戦!」 - Sente hisshori kompyūtā sakusen! – La strategia premonitrice del computer!
15 marzo 1972 1979
Gordon, uno specialista di computer dell'FBI, è in Giappone per gestire un computer in grado di prevedere i crimini e determinare come fermarli. Il Metropolitan Police Department si augura che questo potrà finalmente aiutarli a catturare Lupin. Zenigata non è impressionato e avverte che la macchina non sarà in grado di fermare Lupin. Per una volta, Lupin e Zenigata si trovano faccia a faccia. Lupin si propone di dimostrare che il computer non ha speranze contro la sua intelligenza.
23 L'isola dei sogni perduti - Antiche monete d'oro
「黄金の大勝負!」 - Ōgon no dai shōbu – La grande gara dell'oro
22 marzo 1972 1979
Durante i lavori della metropolitana vengono casualmente trovate delle antiche e preziose monete d'oro, che la polizia prende subito in consegna, per poi trasferirle nella Banca Nazionale del Giappone. Lupin, insieme alla sua banda, decide di impossessarsene e mette quindi a punto un piano, grazie al quale riesce a entrare nel caveau della banca dove sono custodite le monete e a rubarle. Non immagina però che l'ispettore Zenigata, prevedendo le sue mosse, ha messo tra quelle vere, parecchie monete false, contenenti minuscole trasmittenti.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

VHS[modifica | modifica wikitesto]

In Italia, alcuni episodi della serie nella versione trasmessa nel 1987 furono distribuiti in VHS dalla Medusa Video (con l'etichetta Bim Bum Bam Video) e in edicola dalla De Agostini negli anni novanta, col titolo Lupin, l'incorreggibile Lupin insieme a episodi delle due serie successive. Un'edizione completa e integrale fu distribuita in sei volumi da Yamato Video nel 2000, col primo doppiaggio in mono.

In Giappone, la serie fu distribuita in VHS dalla VAP, prima in sei volumi dal marzo 1993 per il 25º anniversario del manga[13] e poi in quattro volumi dal 23 luglio 1999.[14]

DVD[modifica | modifica wikitesto]

La serie è stata distribuita da Yamato Video dal 22 marzo al 6 settembre 2000 in cinque DVD,[15][16] riediti in un box il 25 luglio 2007.[17] È stata distribuita anche in edicola dalla De Agostini in otto DVD. I contenuti delle edizioni sono:

  • Audio
    • Primo doppiaggio italiano 5.1[18]
    • Primo doppiaggio italiano mono
    • Doppiaggio giapponese mono[18]
  • Extra

In Giappone la serie fu distribuita in un cofanetto DVD limitato a 30.000 copie dalla VAP il 4 luglio 2001.[20] Kōdansha ha invece pubblicato la rivista bisettimanale Lupin III DVD Collection dal 27 gennaio 2015. Ognuno dei 45 numeri previsti include un DVD contenente episodi delle prime due serie TV di Lupin III.[21]

La Discotek Media ha distribuito la serie in DVD in Nord America col titolo Lupin the 3rd: The First TV Series Complete Collection il 26 giugno 2012.[22][23]

Blu-ray Disc[modifica | modifica wikitesto]

In Giappone la serie è stata distribuita in Blu-ray Disc dalla VAP il 21 dicembre 2008 in un cofanetto da quattro dischi, usciti poi singolarmente il 21 gennaio 2009.[24][25][26]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Shin'ichirō Watanabe, regista di Cowboy Bebop e Samurai Champloo, affermò di essere stato fortemente influenzato dal lavoro del regista Masaaki Ōsumi sulla serie.[27]

L'agenzia per gli affari culturali giapponesi ha messo la serie al 50º posto in una lista dei migliori anime.[28]

Chris Beveridge del sito The Fandom Post ha descritto la serie come "un sacco di divertimento".[23] Mike Dent di Otaku USA ha definito la serie "fantastica", ma ha evidenziato i primi 12 episodi come i "veri e propri gioielli del programma".[29] Nel libro Anime Classics Zettai!, Brian Clamp e Julie Davies hanno osservato che la serie aveva una seria "atmosfera da film poliziesco" e un tono più cupo rispetto ad altri adattamenti anime del manga a causa della violenza, nonché della sessualizzazione di Fujiko. Hanno inoltre notato l'attenzione ai dettagli degli sfondi e all'animazione.[30]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ルパン三世アニメ全歴史完全版, Futabasha, 1º aprile 2012, pp. 153–155, ISBN 978-4-575-30406-0.
  2. ^ a b c Commento audio di Reed Nelson all'episodio 3 nel 1º DVD dell'edizione statunitense Discotek Media.
  3. ^ Ōtsuka Yasuo no ugokasu yorokobi
  4. ^ a b Note interne di Daniel Thomas MacInnes nel 2º DVD dell'edizione statunitense Discotek Media.
  5. ^ Miyazaki, p. 439
  6. ^ Note interne di Reed Nelson all'episodio 9 nel 2º DVD dell'edizione statunitense Discotek Media.
  7. ^ a b Miyazaki, pp. 277-282
  8. ^ Il nemico Com/Mister X riappare poi nel primo e nel sessantacinquesimo episodio della serie Le nuove avventure di Lupin III.
  9. ^ L'OAV del 2002 Lupin III - Il ritorno del mago è un sequel dell'episodio. Il personaggio di Pycal era comparso anche nel settimo capitolo della prima serie manga.
  10. ^ Per le repliche del primo doppiaggio su Italia 2 l'episodio è stato ribattezzato Sooman il samurai, probabilmente per un errore di battitura.
  11. ^ Lo special del 2007 Lupin III - L'elusività della nebbia è un remake dell'episodio. Kyosuke Mamoo fa anche un cameo nel film Lupin Terzo vs Detective Conan, del 2013.
  12. ^ In questo episodio fa un cameo Mr. Gold, antagonista nell'episodio 8.
  13. ^ The ルパン三世 Files, Kinema Junpo Sha, 24 luglio 1998, pp. 64-65.
  14. ^ THE FIRST TV SERIES ルパン三世(1)〜(4), VAP. (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2001).
  15. ^ Lupin III - La Prima Serie, File 1 DVD, su dvdweb.it. URL consultato il 21 settembre 2015.
  16. ^ Lupin III - La Prima Serie, File 5 DVD, su dvdweb.it. URL consultato il 21 settembre 2015.
  17. ^ Lupin III - Serie 01 (Eps 01-23) (5 Dvd), su amazon.it, Amazon.com. URL consultato il 21 settembre 2015.
  18. ^ a b Contenuto non presente nell'edizione da edicola
  19. ^ Il corto è inserito nel quinto disco dell'edizione Yamato Video e nell'ottavo disco dell'edizione De Agostini
  20. ^ ルパン三世 The First Tv Series, VAP. (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2001).
  21. ^ Lupin III Gets Japanese DVD Release in Magazine Installments, Anime News Network, 8 dicembre 2014. URL consultato l'8 marzo 2015.
  22. ^ North American Anime, Manga Releases, June 24-30, Anime News Network, 26 giugno 2012. URL consultato il 9 aprile 2014.
  23. ^ a b Chris Beveridge, Lupin the 3rd: First TV Series Complete Collection Anime DVD Review, The Fandom Post, 6 luglio 2012. URL consultato il 9 aprile 2014.
  24. ^ ルパン三世 first-TV BD-Box, VAP. URL consultato il 9 aprile 2014.
  25. ^ ルパン三世 first-TV BD-1, VAP. URL consultato il 9 aprile 2014.
  26. ^ ルパン三世 first-TV BD-4, VAP. URL consultato il 9 aprile 2014.
  27. ^ (JA) おおすみ正秋×渡辺信一郎 TAKE IT EASY! [Masaaki Osumi × Shinichiro Watanabe TAKE IT EASY!], in Newtype, Kadokawa Publishing Co., Ltd., November 1999, p. 16.
  28. ^ Top Anime Rankings, Agency for Cultural Affairs. URL consultato l'11 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2008).
  29. ^ Mike Dent, Otaku USA, vol. 5, nº 6, Sovereign Media, pp. 18-19, ISSN 19393318.
  30. ^ Brian Clamp e Julie Davies, Anime Classics Zettai, Stone Bridge Press, pp. 192-195, ISBN 978-1-933330-22-8.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Hayao Miyazaki, Starting Point: 1979-1996, tradotto da Cary e Schodt, San Francisco, Viz Media, 2009 [1996], ISBN 978-1-4215-0594-7.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]