Episodi de La casa di carta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: La casa di carta.

La prima stagione della serie televisiva La casa di carta è stata trasmessa da Antena 3 dal 2 maggio al 23 novembre 2017. In Italia la serie è stata pubblicata il 20 dicembre 2017 (prima parte) e il 6 aprile 2018 (seconda parte) da Netflix.[1]

Gli episodi originali sono in totale 15. Originariamente hanno una durata di 70-75 min, mentre Netflix ha ridotto la durata a 40-50 min, pubblicando così un totale di 22 episodi. Sia in Spagna sia in Italia la stagione è stata suddivisa in due parti.


Prima parte[modifica | modifica wikitesto]

Originale
Titolo Prima TV Spagna
1 Efectuar lo acordado 2 maggio 2017
2 Imprudencias letales 9 maggio 2017
3 Errar al disparar 16 maggio 2017
4 Caballo de Troya 23 maggio 2017
5 El día de la marmota 30 maggio 2017
6 La cálida Guerra Fría 6 giugno 2017
7 Refrigerada inestabilidad 13 giugno 2017
8 Tú lo has buscado 20 giugno 2017
9 El que la sigue la consigue 27 giugno 2017
Netflix
Titolo Pubblicazione Netflix
1 Episodio 1 20 dicembre 2017
2 Episodio 2
3 Episodio 3
4 Episodio 4
5 Episodio 5
6 Episodio 6
7 Episodio 7
8 Episodio 8
9 Episodio 9
10 Episodio 10
11 Episodio 11
12 Episodio 12
13 Episodio 13

Seconda parte[modifica | modifica wikitesto]

Originale
Titolo Prima TV Spagna
1 Se acabaron las máscaras 16 ottobre 2017
2 La cabeza del plan 23 ottobre 2017
3 Cuestión de eficacia 2 novembre 2017
4 ¿Qué hemos hecho? 9 novembre 2017
5 A contrarreloj 16 novembre 2017
6 Bella ciao 23 novembre 2017
Netflix
Titolo Pubblicazione Netflix
1 Episodio 1 6 aprile 2018
2 Episodio 2
3 Episodio 3
4 Episodio 4
5 Episodio 5
6 Episodio 6
7 Episodio 7
8 Episodio 8
9 Episodio 9

Prima parte[modifica | modifica wikitesto]

1° episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un uomo misterioso che si fa chiamare il Professore riunisce in un gruppo di persone allo scopo di realizzare un colpo presso la zecca di Stato spagnola. A ciascun componente della banda viene dato il nome di una città: Tokyo, Mosca, Berlino, Nairobi, Rio, Denver, Helsinki e Oslo. Le regole sono che ogni membro del gruppo non deve sapere niente della vita degli altri membri sono proibite le relazioni sentimentali tra membri della banda. I protagonisti si nascondono per cinque mesi in una tenuta nelle campagne di Toledo per prepararsi adeguatamente facendo tutte le simulazioni necessarie. Le regole imposte dal Professore non vengono rispettate da Rio e Tokyo,I quali iniziano una relazione. Arriva il giorno della rapina, Il Professore, agisce in remoto, dando istruzioni ai suoi che sono all' interno della zecca. Tutto il gruppo usa una maschera di Dalì da mettere sul volto per non farsi riconoscere dalla polizia e dagli ostaggi. Con un ingegnoso espediente riescono a entrare nella zecca di stato e gli occupanti vengono presi in ostaggio. Tutto sembra filare liscio fino alla fine, gli ostaggi sono vivi e non c'è nessun ferito e il gruppo ha i soldi. Il gruppo deve, per ordine del Professore, simulare un rocambolesco tentativo di fuga con il bottino, sparando in aria e non ferendo nessuno, almeno questo era quanto previsto secondo il piano stabilito. Ma qualcosa non va per il verso giusto, Tokyo spara alla polizia, I poliziotti all'esterno della zecca reagiscono e colpiscono Rio. La puntata finisce che il gruppo si barrica nella banca, Tokyo trascina Rio all'interno della banca con gli altri.

2° episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Rio è vivo, è solo ferito alla testa. Berlino, al telefono con il Professore dice che Tokio e Rio hanno una relazione, ma lei smentisce tutto. Rio, invece conferma a Berlino che ama Tokyo. Cominciano a esserci dei flashback riferiti a quando il gruppo comincia il suo addestramento con il professore. Nel frattempo, la polizia prende le dovute contromisure e invia sul posto come negoziatrice l’ispettrice Raquel Murillo, una donna con problemi di natura sia personale sia professionale. Infatti, è separata e ha denunciato l 'ex marito per molestie. Tra il professore e la Polizia si avvia un lento processo di lotta, ma il professore è troppo geniale ed è sempre un passo avanti rispetto alle autorità. Intanto si scopre che uno dei prigionieri, una ragazza delle scuole, figlia di un ambasciatore britannico, è fondamentale per i piani dei ladri. Mentre la polizia cerca di entrare nella banca da diverse angolazioni, scoprono che i rapinatori hanno fatto vestire gli ostaggi uguali a loro, con la tuta arancione e la maschera di Dalì. Quindi per non fare spargimenti di sangue inutili, la polizia per il momento si ritira. Subito dopo, Raquel decide di andare in un bar e chiama sua madre, ma ha la batteria scarica, un uomo seduto lì vicino le dà il suo. Quell'uomo è il professore.

3° episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sabato ore 6:25. Sono passate già 20 ore dalla rapina. Il gruppo assegna a ognuno degli ostaggi del lavoro da svolgere al posto loro, come per esempio stampare i soldi o fare la buca per scappare. Nel frattempo Raquel Murillo torna a casa da sua figlia e da sua madre e intende dimettersi. La figlia dell'ambasciatore inglese deve rlasciare un video per i suoi genitori sotto sorveglianza di Rio. Appena arriva Tokyo, però, Rio discute con lei per quello che ha detto prima agli altri del gruppo, ovvero che non andrebbe mai con un ragazzino ( Tokyo è più grande di Rio di 12 anni). Durante la loro discussione che finisce male, non si accorgono che la ragazzina ostaggio riesce ad accendere il suo cellulare. La polizia rintraccia il segnale, Rio riesce a distruggere il telefono, ma è troppo tardi, la polizia è riuscita a vedere il volto di Rio e si viene a sapere che il suo vero nome è Annibale. La polizia attraverso il video riesce a risalire anche a Tokyo e a scoprirne l’identità. Intanto Raquel decide di tornare in servizio, contatta il Professore e gli dice che sa dei telefoni attaccati al muro (l’ha visto nel video girato dall’ostaggio) e che tutti loro hanno solo un’ora di tempo per arrendersi. Il professore contatta subito Berlino dicendogli di trovare immediatamente quel telefono mancante. Rio racconta a Berlino che è colpa sua e succede un putiferio. Berlino affida Rio ai fratelli massicci del gruppo e lo picchiano. Un'altra donna ostaggio, l'amante del direttore della banca che è incinta, riesce a mettersi nelle mutande il cellulare del suo amante, ma Berlino la scopre e se la prende con Denver perchè era lui che doveva sorvegliarla e gli ordina di ucciderla. Nel frattempo Tokyo scopre che Rio è stato picchiato da due membri del gruppo e si arrabbia, comincia a sparare alle telecamere accese che il professore può controllare dall'esterno e gli manda un messaggio in cui afferma che comincerà a uccidere il prossimo che toccherà Rio. Arrivano subito Oslo e Helsinky, seguaci di Berlino, con quest'ultimo al seguito. Mentre sta succedento un putiferio generale tra di loro, il professore al telefono dice a Tokyo che la loro storia d'amore è stata causa di guai, la polizia ha scoperto l'identità proprio di loro due. L'episodio si conclude con Denver che ha difficoltà a uccidere l'ostaggio ordinatogli da Berlino, ma poi si sente uno sparo.

4° Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sono passate 26 ore dalla rapina. Tutti in banca sentono lo sparo e gli ostaggi hanno paura. Denver non è riuscito a sparare all'ostaggio, ma poi la ferisce e fa credere a Berlino di averla ammazzata. Intanto la mamma di Raquel Murillo trova una miriade di fogliettini di diversi colori attaccati in tutta la casa e prova a chiamare sua figlia, ma non la trova. Alla fine chiama l'altro numero con cui Raquel aveva chiamato la madre, ed è il numero del cellulare del professore e lui decide di andare nella tana del lupo, decide di andare nel quartiere generale della polizia, dove si trova Raquel. Quest'ultima viene a sapere che sua madre ha dato sua nipote al padre, ma lui non poteva prenderla, ha un ordine restrittivo e Raquel se ne velocemente a casa con il telefono del professore, lasciandolo dentro il quartiere generale della polizia, dando così un'occhiata a quello che stanno facendo. Berlino dice agli altri, pure al padre di Denver che Denver ha ammazzato l'ostaggio, ma invece non è vero. C'è un flashback di Denver e suo padre, di quando quest'ultimo esce di prigione. Mosca, il padre di Denver ha un attacco di cuore quando vede suo figlio che pulisce il bagno credendo che abbia davvero ucciso Monica, l'ostaggio. Intanto Raquel incontra al bar il Professore per ridargli il suo telefono, ma finisce per raccontargli la sua storia personale con il suo ex marito, mentre Denver va a trovare Monica, per vedere come sta, all'insaputa di tutti. Mosca decide di consegnarsi alla polizia perchè non sopporta che suo figlio abba ammazzato una persona e mentre il portone della banca si apre arriva Denver che porta indietro suo padre, confessandogli la verità. Mosca ha bisogno di respirare perchè non si sente bene e Denver, insieme agli altri ostaggi, vestiti tutti uguali, vanno sul tetto. Il professore chiama subito Berlino per sapere come mai c'è questo fuori programma, ma anche lui era contrario all'idea ed è sotto tiro di Rio e Tokyo. Nel frattempo sul terrazzo c'è un parapiglia generale, il direttore della banca ha sentito Denver di Monica e dà in escandescenza. La polizia spara e colpisce uno di loro, solo che, tolta la maschera, si capisce che è stato colpito proprio il direttore della banca.

5⁰ Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sabato ore 18:00 : Le ore della rapina sono passate a 32. Gli ostaggi portano dentro il direttore della banca, Arturo Roman, ferito dalla polizia, e il professore da' l'ok alla polizia per fare entrare i medici per medicarlo. Tra i medici però c'è pure un poliziotto sotto copertura, l'ispettore Rubio e due poliziotti cercheranno di entrare da sotto il condotto della banca vestiti come i sequestratori e con la stessa maschera per infiltrarsi tra di loro. Il professore riconosce subito l 'ispettore Rubio e contatta Berlino. Dal flashback si vede che il professore aveva preparato il gruppo a questa eventualità e infatti nel presente i ragazzi mettono una cimice negli occhiali da vista dell'ispettore di polizia Rubio. Intanto Monica, continua a perdere sangue ed esce dalla postazione segreta. In un flashback si scopre che Nairobi ha un figlio di 7 anni che si chiama Axel, dato ad una famiglia affidataria dall'età di tre anni. Nairobi non ha più visto il figlio da quel giorno,ma sa che sta bene e che abita alle canarie adesso e vuole andarlo a riprenderselo. Nairobi, inoltre, confida a Tokyo che le piace il professore. Tornando al presente Denver e suo padre trovano Monica e la portano nuovamente alla postazione segreta

6 Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sabato ore 18.31. Denver e suo padre cercano di levare il proiettile nella gamba di Monica,ma hanno bisogno di un bisturi e Denver cerca di prenderlo dagli inferimieri venuti per il direttore della banca. Alison,la figlia dell'ambasciatore brittannico instaura un feeling con Rio, ma solo per rubargli il fucile e puntandoglielo contro, solo che non ha fatto i calcoli che Rio ha anche una pistola. Arturo, viene operato ,mentre l 'ispettore Rubio aspetta l entrata dei due poliziotti dal condotto. Nairobi trova in terra il foglio che Monica aveva dato a Denver per consegnarlo ad Arturo e scopre così che la donna è viva. Infatti va a cercarla e la trova insieme a Denver e a Mosca,ma invece di consegnarli a Berlino, li aiuta. Il professore capisce che qualcuno sta entrando dall'esterno e dice a Berlino di passare alla fase successiva. Infatti l'ispettore Rubio mentre esce dalla banca con gli infermieri si accorge che agli ostaggi è stata cambiata la maschera che indossano e di corsa va a avvisare Raquel, per annullare l'operazione. D'ora in poi, Il professore riesce a sentire tutte le conversazioni nel quartiere generale della polizia visto che l'ispettore Rubio ha un microfono nei suoi occhiali. Il gruppo accende la televisione per sapere un pò di notizie riguardanti loro,ma Rio rimane turbato dall'intervista dei suoi genitori che lo considerano un terrorista. Si viene a sapere che l'ispettore Rubio ha avuto 8 anni prima una avventura con Raquel,lui , nonostante sia sposato,è ancora innamorato di lei,ma lei non ne vuole proprio sapere. Berlino ha dei problemi con una mano, ma si fa una puntura per riprendere il suo funzionamento e viene costretto da Tokyo a telefonare al professore per dire che ha ordinato a Denver di uccidere un ostaggio.( anche se non è vero.)

7⁰ Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Domenica ore 8:35. Sono già passate 46 ore dalla rapina e Raquel e il resto della squadra guardano i video della sorveglianza della zecca nei giorni precedenti la rapina per vedere se riconoscono altri volti oltre a Rio e Tokyo. La polizia riesce a trovare il modello della macchina con cui Rio e Tokyo sono arrivati alla zecca, è la macchina è del professore che Helsinki avrebbe dovuto demolire, ma invece di fare ciò ha intascato i soldi della vendita dell'auto e ha lasciato evidenti tracce a bordo di quest'ultima, infatti le impronte del professore sono ancora nell'auto che non è stata ripulita da Helsinki. Il professore rischia di essere scoperto, quindi cerca di comprare la macchina dallo sfasciacarrozze. Ma arriva la polizia, viene riconosciuto e rincorso. Inoltre viene a scoprire che Rio e Tokyo hanno preso una multa durante il loro giro di perlustrazione alla Zecca.Tramite flashback si scopre che Helsinki è gay e che la madre di Tokyo è morta il giorno prima d'infarto e lei racconta la storia della sua vita a Rio. Si torna al presente, Rio ancora sconvolto per le parole dei suoi genitori sentite prima alla televisione viene confortato da Tokyo e i due si baciano.

8⁰ Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Domenica ore 12:06. Dai flashback si riesce a scoprire che il professore ha deciso che il gruppo starà nella zecca per almeno 10 giorni, è il tempo necessario per scavare una buca per scappare e per stampare un sacco di soldi, 2400 milioni. Nel presente la polizia ha la macchina rottamata del professore e scoprono che è stata usata l 'ammoniaca per cancellare le impronte, ma il professore ha lasciato un bottone apposta con le impronte di Berlino. Infatti viene subito schedato e il suo vero nome è Andreas. Secondo lo psicologo del carcere, Berlino è narcisista, ha mania di grandezza, mancanza di empatia. Inoltre ha un grande senso dell'onore, E' il terzo nome della banda a essere riconosciuto dalla polizia. Raquel con gli uffici interni ha deciso di dare alla stampa un profilo sbagliato di Berlino,lo fa passare come uno sfruttatore di minorenni, di donne dell' est, per farlo odiare dall'opinione pubblica. Inoltre Raquel si è convince che all'interno della polizia ci sia una talpa. Nel frattempo, Denver va a trovare Monica, ma poi si addormenta. Alison ci prova nuovamente con Rio,ma Tokyo li sorprende. Tokyo le dice che Ryo è il suo ragazzo e la minaccia. Intanto la polizia sta cercando di avere l'identikit del professore tramite il russo, l' addetto alla rottamazione macchine.

9⁰ Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Domenica 15.15 Monica si sveglia e vede Denver dormire e comincia ad accarezzarlo, ma poi si rende conto dell'errore che sta per fare e si allontana da lui. Alla televisione, la stampa rivela il nome di Berlino e la falsa storia su di lui. Berlino comincia a cercare vendetta, per prima cosa attacca Nairobi solo perchè lei ha sentito tutte le cose su di lui e vuole una spiegazione. Berlino cerca di strangolarla, ma lei si ribella dandogli degli schiaffi sul viso, ferendolo. Berlino cerca di giustificarsi con Nairobi dicendo che non è mai salito sulla macchina del professore, ma ha scoperto Denver a dormirci con la sua giacca. Mosca attacca Tokyo dicendo che sa che lei ci ha provato anche con suo figlio al rifugio e di non prendere in giro Rio, le sue parole sconvolgono Tokyo, che cerca di lasciare Rio, ma lui si rifiuta dicendole di aver bisogno di lei. Berlino cerca Denver per ammazzarlo e scopre che Monica è viva. La situazione si scalda in fretta, Berlino da una parte, con Oslo e Helsinki, e dall'altra parte Denver con Nairobi, tutti con le armi in pugno. Prima che la situazione degeneri completamente arriva Tokyo che chiama Berlino: lo vuole il professore al telefono. Il professore dice a Berlino di essere stato lui a mettere il bottone con la sua impronta nella macchina per punirlo di aver ordinato la morte di un ostaggio, ma Berlino gli fa vedere che Monica è viva. Viene attuato il piano Valencia: Gli ostaggi urlano e il gruppo sparano al muro, mentre la polizia è allerta non sapendo cosa succede all'interno.

10⁰ Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Domenica ore 16:40. 54 ore dalla rapina. I compagni di classe di Alison l'aggrediscono, perchè la polizia preferisce che esca lei al posto di tutti gli studenti. Viene salvata da Nairobi che cerca di darle dei consigli di sopravvivenza. La polizia identifica il farmaco che usa Berlino per la mano e si scopre che ha una malattia degenerativa in stadio avanzato. La polizia individua la farmacia giusta e l'ispettore Rubio si dirige lì. Raquel entra nella Zecca per assicurarsi che tutti gli ostaggi siano vivi e stiano bene. Berlino, Tokyo e Rio si fanno vedere senza maschera dato che la polizia li ha già identificati. Raquel entra con un microfono nelle mutande, ma viene scoperta. Nel momento in cui Rio distrugge il microfono vede una scritta ed è il suo nome con cui lo chiamava sua madre. Una tattica per metterlo in difficoltà. Berlino presenta a Raquel gli ostaggi uno ad uno. Alison, seguendo le istruzioni del direttore della banca, scappa per cercare una via di fuga. Viene catturata di nuovo nel momento in cui cerca di parlare con Raquel. L'ispettrice viene fatta uscire dalla zecca e Rio trova nel microfono una usb contenente un video dei suoi genitori che gli chiedono di costituirsi.

11⁰ Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Domenica ore 19:02. 57 ore dalla rapina. Rio deve prendere una decisione dopo aver visto il video dei suoi genitori. Telefona alla polizia per sapere cosa vogliono da lui e parla con Raquel. Quest'ultima gli dice che se si arrende e collabora si farà al massimo due anni di carcere e Rio ha un flashback della lezione del professore su quanti anni farebbero in galera dopo il colpo alla zecca. Raquel vuole il nome del professore, ma Rio dopo averla offesa riattacca. Rio però dice a Tokyo che stava veramente per accettare l'accordo e Tokyo lo minaccia e mette fine alla loro storia. Raquel e l'ispettore Rubio mettono in dubbio l'uno la lealtà dell'altra. L'ispettore Rubio le racconta che ha seguito il suo spasimante, che non è altri che Il Professore, e ha fatto indagini su di lui. Dopo una feroce litigata Raquel decide di rimuovere Rubio dal caso della rapina. Intanto Arturo continua a studiare un piano di fuga per il gruppo di ostaggi. Il Professore va a cena con Raquel, ma lei sotto il tavolo gli punta una pistola e gli dice che ha chiesto un mandato per vedere cosa contiene il suo magazzino.

12⁰ Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L' ispettore Rubio, ubriaco, sta guidando e cerca di contattare al telefono Raquel, ma perde il controllo della macchina. I pompieri lo tirano fuori, ma è in condizioni gravissime, lotta tra la vita e la morte. Raquel, è con il professore dentro il suo magazzino, che tuttavia è perfetto, non continete niente che possa far pensare ad un magazzino di rapinatori. Raquel si scusa e alla fine va a letto con il professore. Denver è con Monica e vengono scoperti seminudi da Helsinki e da Arturo, che voleva parlare con la ragazza. Denver scopre il piano ordito da Arturo, il quale per salvarsi confessa che 16 ostaggi stanno cercando di scappare dal seminterrato dove erano rinchiusi e Denver corre ad avvertire gli altri. Gli ostaggi, dopo aver colpito Oslo alla testa, fanno esplodere la porta posteriore della Zecca, sigillata con dell'esplosivo per evitare l'entrata della polizia, e riescono a scappare. Adesso una porta della Zecca è aperta e la polizia tenta di fare irruzione per liberare tutti gli ostaggi. Il professore, una volta che Raquel torna a casa, ritorna nella sua postazione e vede tutto quello che è successo dall'esterno. I rapinatori cercano di chiudere il buco con porte di metallo, ma la polizia comincia a sparare e abbatte il muro colpendo anche Helsinki. A Tokyo viene l'idea di prendere la mitragliatrice e sparare ai poliziotti, che si vedono costretti a ripararsi e indietreggiare. Appena Tokyo smette di sparare, gli altri chiudono di nuovo il buco, sigillandolo con un muro in metallo, ma purtroppo uno del gruppo è ferito: Oslo, colpito alla testa dagli ostaggi. lntanto Raquel va al solito bar e tramite il telegiornale viene a sapere degli ostaggi liberati e dell'incidente dell'ispettore Rubio, così corre subito in ospedale. In un flashback Il Professore rivela a Nairobi chi gli ha dato l'idea per la rapina.

13 Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Domenica ore 23:40. 62 ore dalla rapina. Denver chiama il professore in collera, perché , avendo le telecamere su tutti i punti della Zecca, avrebbe dovuto avvisarli di quanto stava succedendo. Oslo non è morto, ma Helsinki vuole uccidere Arturo, il direttore della Zecca, perchè è lui che ha ideato la fuga. Il Professore guarda tutto dalle telecamere, ma è scioccato. Alla Zecca, gli ostaggi quando vengono a sapere che 16 di loro sono riusciti a fuggire e iniziano a ribellarsi, proprio come aveva detto il professore durante i mesi di esercitazione. Così i ladri agiscono secondo quello che aveva pianificato Il Professore, ovvero mettono gli ostaggi davanti a una decisione: i soldi o la libertà? Se accettano i soldi, 6 mesi dopo avrebbero avuto 1 milione di euro, sarebbero stato loro complici e i rapinatori sarebbero stati più docili nei loro confronti, se invece scelgono la libertà non avrebbero avuto nulla. La verità è che chi ha scelto la libertà, in realtà, viene rinchiuso nei sotterranei della Zecca proprio per non causare problemi. Intanto la polizia interrogano gli ostaggi che sono riusciti a scappare per ottenere più informazioni possibili. Intanto dentro la zecca Denver sembra essersi innamorato di Monica. Il Professore incontra la madre di Raquel in circostanze difficili, infatti lei lo chiama pensando che sua figlia fosse con lui e gli rivela l'ultima telefonata dell'ispettore Rubio. In un flashback si vede Berlino dire al Professore che, se le cose si fossero messe male, il Professore sarebbe dovuto scappare. Questo fa intuire che Berlino e il Professore si conoscano da molto tempo. Nel presente Raquel, la quale è arrivata a casa sua e ci ha trovato il Professore, si fa accompagnare da lui nel rifugio dove è stato preparato il colpo.

Seconda parte[modifica | modifica wikitesto]

1 Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mentre la scientifica con la polizia e gli affari interni passa al setaccio il casale di Toledo in cerca di tracce, il Professore, aveva pianificato tutto, ma, in macchina, con tutta quella polizia, perde il controllo. In un flashback il Professore spiega al gruppo che se non si facesse sentire per 48 ore consecutive, probabilmente sarebbe stato arrestato. Nella Zecca, intanto esplode il nervosismo tra i ladri.Tokyo si incavola con Berlino dicendo che sa che fa sesso con un ostaggio e così vengono a scoprire che anche Denver fa sesso con Monica. Mosca, il padre di Denver è sconcertato, mentre Nairobi fa capire a Denver che Monica non è realmente innamorata di lui, ma è solo soggetta alla sindrome di Stoccolma, ovvero l'ostaggio si infatua del rapinatore. Denver, quindi decide di troncare con Monica. In un altro flashback vediamo il professore che brucia tutte le sue foto da piccolo, mentre parla con Berlino. Nel presentei rapinatori vedono dai notiziari in tv il professore che parla con la polizia ed erroneamente pensano che il professore sia stato arrestato dalla polizia. Il gruppo, quindi si divide in due fazioni, chi sta ancora dalla parte del professore e chi invece sta con Tokio che dice di prendere i soldi e di scappare. Solo Denver e Rio si dichiarano con Tokyo gli altri del gruppo si schierano a favore di Berlino. Il problema è che Tokyo ferma non ci sta e mentre Helsinky sopprime Oslo con un cuscino, Tokyo insieme a Rio e Denver prendono in ostaggio Berlino.

2 Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'episodio continua da quello precedente. Berlino è in ostaggio di Tokio con l'aiuto di Rio e Denver. E' chiuso nel bagno, legato insieme agli altri due e Tokyo che fa il capo. Tokyo vuole sapere del piano Chernobil, il piano da fare solo in caso di emergenza. Rio dice a Tokio che secondo lui, le cose le stanno sfuggendo di mano, ma lei non vuole tornare indietro. Nel frattempo, Berlino viene salvato da Mosca e da Nairobi. Subito dopo Berlino manda tutti quelli del gruppo a riposarsi, mentre Tokyio, che è sola, viene presa in ostaggio da Berlino con l'aiuto di Helsinky. Tokyo viene imbavagliata e bloccata e viene buttata fuori dalla zecca da Berlino e Helsinky alla mercè della polizia. In un flashback si vede che il professore insegna al gruppo cosa devono fare in caso che uno di loro venga preso dalla polizia e cioè devono prendere più tempo possibile .E' lunedì pomeriggio ore 18:32. 81 ore della rapina. Il professore deve tornare dal gruppo e si fa accompagnare in macchina da Alberto, l' ex marito di Raquel, che ha con se i reperti rinvenuti nel casale da analizzare. Il professore instiga il poliziotto in modo tale che quest'ultimo si ferma e tenta di picchiarlo. Il professore ha la meglio e lo stende e nel mentre Alberto è svenuto, il professore va subito a modificare i reperti in macchina, però viene arrestato per aver picchiato un pubblico ufficiale e viene portato in centrale. Al professore gli vengono prese le impronte digitali e mentre è lì che aspetta di essere messo in galera, scopre che Tokyo è stata presa dalla polizia. Nello stesso istante Berlino è insieme agli altri del gruppo e racconta che l 'unica possibilità era quella, Tokyo stava perdendo la testa ed era impossibile tenerla d'occhio. Furioso per quanto Berlino ha fatto di recente, Río prende posizione contro di lui e decide di andarsene. In un altro flashback si vede che Tokyo scopre che il professore e Berlino sono amici e che il professore in realtà si chiama Sergio e lo affronta. Il professore così racconta la sua storia a Tokyo, di come si chiama, che suo padre era un rapinatore, e che non abbandonerà mai Tokyo. Nel presente Raquel comincia ad interrogare Tokyo.

3 Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L' episodio inizia subito con un flashback, in cui Rio installa tutti i computer nel luogo in cui il professore dovrà parlare con gli altri del gruppo e interagire con la polizia. Nel presente, sperando di scoprire l'identità del Professore, Raquel fa appello alle emozioni della sua prigioniera. Il professore sempre dentro nella centrale di polizia ha la possibilità di telefonare a Raquel per raccontargli della sua spiacevole situazione. Raquel va a tirare fuori il professore dalla centrale del suo ex marito. Rio ancora dentro la zecca decide di fare del casino e racconta agli ostaggi dove sono gli altri loro compari. Rio sta facendo tutto questo per punire Berlino per la questione di Tokyo, ma Berlino di nuovo è superiore a lui e gli spara davanti tre colpi, mentre il professore sta guardando tutto dalla telecamera. I tre colpi sono finiti nel muro, e Rio piange consolato da Denver. Tokyo non parla fino a quando non la portano in galera, allora decide di confessare e dice a Raquel il nome del professore: Sergio Marquina e le dice che il colpo lo ha ideato il padre del professore. Appena finisce di dire il nome, il professore chiama Raquel e rimane zitto nel sapere che Tokyo ha riferito il vero nome. Tokyio capisce che il professore non li aveva abbandonati e sa che la sua vita è finita perchè viene portata in galera dove dovrà stare in isolamento. Il professore chiama Berlino e mentre cerca di capire come mai Tokyo è nelle mani della polizia e che c'è mancato poco che spara a Rio, Berlino viene messo ko da Nairobi e quest ultima al telefono dice al professore che da qui in avanti il comando lo prende lei.

4 Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lunedì ore 21. 83 ore di rapina. Nairobi è al telefono con il professore e vuole sapere cosa devono fare. Intanto Arturo cerca di mettere in atto un altro piano di fuga con l'aiuto di Rio che adesso è diventato un ostaggio come gli altri. Arturo prende una pistola falsa e Monica mentre Denver è distratto fa il cambio di pistola. Sapendo che il piano non sta funzionando, i ladri cercano di conquistare l'opinione pubblica tramite la stampa e parla Berlino. Raquel prepara una trappola per catturare il Professore, fa mandare un servizio tramite la stampa che l'ispettore Rubio è uscito dal coma. Il professore parla con Berlino tramite telefono di questa cosa, e Berlino gli dice di non andare in ospedale perchè sa che è solo una trappola. Intanto,Raquel, continua a vedersi con Sergio, (il professore) proprio a casa sua.

5 Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Martedì ore 15:32 Passate 101 ore dalla rapina. Arturo cerca di mettere in atto un altro piano di fuga, mentre Monica guarda questa cosa con apprensione, inoltre adesso lei e Denver non si parlano neanche più. Arturo aspetta che Denver sia solo per attaccarlo, perchè sa che lui ha una pistola giocattolo e infatti riesce nel suo intento e gli punta in faccia la vera pistola.Il professore per entrare in ospedale escogita una strategia, si traveste da clown,fatto apposta per far sorridere i bambini malati, e fa in modo che oltre a lui entrano un sacco di persone vestite da clown. Raquel che vede tutto da una telecamera, fa in modo che escano tutti i clown. Un bambino con un pupazzo a forma di coniglio, lo stesso che aveva in mano il professore entra nella stanza allestita dalla polizia e trova tutti i poliziotti con in mano la pistola. Lo vede anche il professore,ormai fuori dall'ospedale,perchè aveva messo una telecamera in un occhio del coniglio, scopre così che aveva ragione Berlino, era solo una tattica della polizia e se ne va via in moto. Intanto Berlino e Nairobi danno la notizia a Rio che il professore intende liberare Tokyo dalla galera e così si tranquilizza e rivela ai suoi compari che gli ostaggi stanno preparando la fuga e corre verso Denver. Infatti mentre Arturo sta per sparare a Denver e tutti gli altri non possono fare nulla e guardano la situazione arriva Monica che da una legnata ad Arturo che lo stende. Monica è dalla parte di Denver e tutti gli ostaggi capiscono che lei è passata dalla parte dei cattivi. Arturo, per essersi ribellato, viene preso da Helsinky che gli mette addoso dell 'esplosivo,quindi se Arturo si muove o si tocca esploderà in mille pezzi. Monica, invece, comincia ad avere mille dubbi e si sfoga con Denver e suo padre Mosca. Denver vuole che Monica vada via con loro una volta finita la rapina, ma Monica non vuole. Durante una conversazione con Salvador, falso nome del professore, Raquel individua un piccolo dettaglio che fa galoppare la sua mente e capisce che lui è il professore e capisce anche di essersi innamorata di lui. Intanto tramite un flashback vediamo il professore che spiega cosa devono fare una volta presi dalla polizia, devono chiedere di parlare con un giudice in modo tale che durante il trasporto dal carcere al tribunale qualcosa possa succedere e cioè l'evasione. Il probema è che Tokyo dovrebbe essere salvata dal professore, ma nello stesso attimo quest'ultimo viene ammanettato da una furiosa Raquel. Quest'ultima porta il professore nel casale.

6 Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Martedì ore 17:41. Sono passate già 103 ore da quando è iniziata la rapina. Raquel tiene in ostaggio con delle catene il professore nel casale in modo che non possa riuscire a liberarsi. Berlino torna a essere il capo del gruppo.Rio accende il telefono di Alison e lo posiziona come timer sulla bomba di Arturo. Denver fa fare a Monica un passaporto per scappare insieme, ma Mosca, suo padre li vede e confessa a Denver un segreto a lungo taciuto,riguardo sua madre. Denver ha sempre saputo che sua madre ha abbandonato lui e suo padre, mentre invece Mosca gli racconta la verità, sono stati loro ad abbandonare lei, perchè era una donna cocainomane e Mosca non ce la faceva più ad aiutarla. Da qui, Mosca perde la fiducia del figlio, Denver non vuole più saperne di lui e va a farsi consolare da Monica. Mentre Tokyo viene trasportata in tribunale a metà strada la polizia si deve bloccare , vengono fermati da un camioncino da cui escono 4 persone con dei fucili e dell'esplosivo falso. Salvano Tokyo che, vestita da poliziotto, viene accompagnata a prendere una moto e deve aspettare la telefonata del professore, ma c'è un intoppo: la telefonata non arriva e la polizia le sta alle calcagne, obbligandola a improvvisare. Praticamente ritorna alla zecca, chiama Rio al telefono di Alison e le dichiara il suo amore dicendogli qualcosa in codice. Rio capisce che Tokyo vuole tentare di rientrare nella zecca e cerca, con l'aiuto degli altri, di aprire il portone dell’edificio. A seguito di una sparatoria, Tokyo riesce ad entrare nella la zecca, ma Mosca rimane gravemente ferito. Il professore, dopo aver confidato qualche dettaglio del colpo a Raquel, la mette K.O.

7 Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Martedì ore 22:15 Il gruppo dei rapinatori si ritrova in una corsa contro il tempo per salvare Mosca. Il professore aspetta che Raquel si riprenda (le aveva infatti fatto perdere i sensi) e le ruba il cellulare e la macchina lasciandola da sola al casale. Alla zecca Berlino riceve una telefonata dal professore, che gli ordina di uscire dall’edificio il più presto possibile, dato che la polizia l’ha ormai scoperto. Raquel viene allontanata dal quartier generale a seguito della sua relazione con il professore, la mente del gruppo. Il gruppo si mette a scavare per finire il tunnel, ma le condizioni di Mosca peggiorano. Mentre sono sole, Ariadna confessa a Monica di aver intrapreso una relazione sessuale con Berlino solo per paura di essere uccisa. Raquel va a trovare l'ispettore Angel in ospedale e gli racconta tutto, nonostante sia ancora in coma. Appena se ne va, l'ispettore apre gli occhi.

8 Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mercoledì ore 9:36. Dopo essere stata rimossa dal caso a causa della relazione con il Professore, Raquel procede da sola a casa sua con l 'aiuto di sua madre alla ricerca della mente criminale. Intanto il professore contatta il medico ucraino in grado di operare Mosca, ma sarà troppo tardi perchè, dopo aver dato il benestare all'unione tra suo figlio e Monica, muore. E il gruppo adesso ha due persone in meno. Il professore entra nel bunker della zecca tramite il tunnel e si ricongiunge agli altri Fa le condoglianze a Denver e conosce Monica. Intanto Raquel riesce a localizzare il luogo dove si nasconde il professore ed entra da sola, ma viene presa in ostaggio dal professore stesso. Mentre è in ostaggio il professore la fa parlare con l'ispettore Rubio uscito dal coma, poi le dice che non era incluso nel piano l'innamorarsi di lei (che è stato l'unico errore in un piano che era altrimenti prefetto) e la bacia, lasciandola andare.

9 Episodio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La polizia fa irruzione alla Zecca entrando dall'altra parte del tunnel sbagliato, e per poco non colpiscano Tokyo e Rio. Questi ultimi si rifugiano e tentano di colpirli, ma i poliziotti hanno anche gli scudi blindati e si avvicinano sempre di più. Tokyo riesce a ferirli sui piedi, ma arrivano subito degli altri poliziotti che continuano ad avanzare e sparare. Tokyo viene colpita ma per fortuna ha il giubbotto antiproiettile, e mentre Rio è costretto ad arrendersi arriva Denver che comincia a sparare e li salva. Rio, nel frattempo, riesce a prendere uno scudo blindato, Monica prende un fucile e comincia a sparare insieme con Denver. Tutti raggiungono Berlino che decide di lasciare tutti gli ostaggi, ma porta via con sé Ariadna. I servizi segreti entrano dentro la zecca e trovano gli ostaggi rimasti, ma continuano a cercare il gruppo ed entrano nel sotterraneo. Una degli ostaggi rivela alla polizia però che, quello in cui si trovano, non è il tunnel giusto, e indirizza i servizi interni nel tunnel giusto. Berlino fa scappare gli altri e Ariadna che era con lui, si sacrifica e muore colpito dalla polizia. Raquel va in ospedale a vedere l'ispettore Rubio, ma viene arrestata proprio dai suoi colleghi perchè sono convinti che collabori con il nemico. È mercoledì ore 18:28 e sono passate 128 ore da quando è incominciata la rapina. La fine del colpo: poco prima che arrivi la polizia, dal bunker esce un camioncino della birra guidato da Helsinky con accanto il professore, in cui sono stati nascosti i soldi. Due minuti prima dell'uscita del camioncino, dal bunker esce dal nascondiglio tranquilla Nairobi, visto che il suo volto non è stato riconosciuto. Cinque minuti prima si vedono Monica e Denver vestiti a passeggio insieme e sorridenti. Sette minuti prima escono Tokyo vestita da giapponese e Rio vestito da ragazzino con lo skateboard che prendono strade separate. Passato un anno dal colpo, non si hanno ancor notizie dei rapinatori (per cui si intuisce che sono tutti riusciti a scappare) e Raquel ha lasciato la polizia. In un momento di nostalgia, Raquel prende le cartoline che le aveva dato Sergio, il professore, al bar e vede che, su retro, le ha messo delle coordinate geografiche. Raquel mette insieme i pezzi e parte. Segue tutto il percorso attraverso la mappa sul cellulare, che tuttavia si scarica. Allora va nel bar più vicino chiedendo di un caricabatterie e un uomo si offre per prestargli il suo telefono. Quell'uomo è il professore che viene trovato da una felice Raquel.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La casa di carta, su filmtv.it.
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione