I Griffin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Episodi de I Griffin)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Griffin.
I Griffin
serie TV cartone
Logo I Griffin.png
Titolo orig. Family Guy
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti Stati Uniti
Autore Seth MacFarlane
Regia Seth MacFarlane
Sceneggiatura Seth MacFarlane, David Zuckerman
Char. design Bill Edwards, Miguel Lopez
Musiche Ron Jones, Walter Murphy
Studio 20th Century Fox, Fuzzy Door Productions, Film Roman Productions
Rete Fox, TBS, Adult Swim
1ª TV 31 gennaio 1999
Episodi 292 (in corso) in 16 stagioni
Durata ep. 21 min
Editore it. TV, DVD
Rete it. Italia 1 (st. 1-7; 13+), Fox (gran parte stagione 3), Cielo, Italia 2 (st. 8-12, ep.14x13-14), Fox Animation (ep.22 st.8)
1ª TV it. 5 novembre 2000 – in corso
Streaming it. Netflix
Episodi it. 269 (in corso) in 15 stagioni
Dialoghi it. Manuela Marianetti, Giorgio Tausani, Silvia Pepitoni (ep. 1.9, 1.13), Maria Rita Ruffini (ep. 1.10), Luigi Calabrò (st. 4), Antonella Damigelli (st. 7), Antonio Palumbo (st. 7 e st. 10), Federica Cappellanti (st. 7), Gigi Rosa (st. 7)
Studio dopp. it. Royfilm
Dir. dopp. it. Loris Scaccianoce
Genere sitcom, umoristico, commedia drammatica, commedia, umorismo nero

I Griffin (Family Guy) è una sitcom animata statunitense, creata da Seth MacFarlane nel 1999, per la Fox. La famiglia protagonista del cartone è la dissacrante rappresentazione della tipica famiglia all'americana. Le loro vicende sono fuori dalla realtà, con continui flashback in vari punti della storia che esplicano i comportamenti dei personaggi. Le trame degli episodi molto spesso non seguono un senso logico, ma sono sempre dotate di una forte vena umoristico-demenziale. L'inserimento, con il passare delle stagioni, di nuovi personaggi, ha ulteriormente scavato in questo punto, riuscendo nell'intento di far guadagnare alla serie una popolarità smisurata.

Il programma fu sospeso nel 2003, ma è stato riproposto su altre reti, come TBS e Adult Swim, e in DVD, riscuotendo un consenso tanto ampio da indurre la Fox alla produzione di nuovi episodi nel 2005. Dalla serie sono derivati altri media come i film La storia segreta di Stewie Griffin del 2005 e la trilogia, parodia di Guerre stellari, Ridi pure, ammasso di pelo!. Nel 2009, il personaggio Cleveland Brown ha dato vita ad uno spin-off tutto suo, il The Cleveland Show. La serie ha spesso deciso di produrre dei crossover con altre serie televisive di successo. Tra queste figurano il primo episodio della tredicesima stagione, "E alla fine si incontrano" (The Simpsons Guy), trasmesso il 28 settembre 2014, che vede uno speciale di ben 45 minuti con la popolare sitcom de I Simpson.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il programma ruota attorno alle avventure di Peter Griffin e della sua famiglia che risiede a Quahog, una cittadina immaginaria del Rhode Island. Peter è un operaio incompetente, obeso e ottuso. Il suo comportamento è particolarmente mutevole: a volte è un padre assente e dedito all'alcol che non riesce a farsi rispettare dai propri cari, mentre altre volte, seppur per poco, riesce a svolgere degnamente il ruolo di capo famiglia. Sua moglie, Lois Griffin, è una bella e brava casalinga dal cuore d'oro, insegnante di pianoforte (anche se raramente la si vede praticare quest'attività) che dimostra talvolta velleità artistiche ed esibisce comportamenti disinibiti.

La coppia ha tre figli: Meg è la tipica ragazza con problemi adolescenziali, perennemente esclusa, derisa e intrappolata in svariate difficoltà relazionali, Chris, invece, è obeso, ingenuo e con la passione per il disegno e il diabolico Stewie, un neonato geniale con la mania di armi fantascientifiche e la conquista del mondo. Con i Griffin vive anche un cane antropomorfo, Brian, il migliore amico di Peter e Stewie, che deve fare i conti con i suoi grossi problemi di dipendenza dall'alcol e, in alcuni casi, dalla droga.

Nel corso delle varie stagioni, i membri della famiglia Griffin si sono fatti molti amici: tra i tanti si possono menzionare Tom Tucker, il giornalista di Channel 5, i vicini di casa Joe e Bonnie Swanson, Joyce Kinney, giornalista sostituta di Diane Simmons, la nuova famiglia di Cleveland Brown, Jerome, l'ex fidanzato di Lois, nonché il nuovo barista dell'Ostrica Ubriaca e altri.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 7 1999 2000
Seconda stagione 21 1999-2000 2001
Terza stagione 22 2001-2003 2005-2006
Quarta stagione 30 2005 2006-2007
Quinta stagione 18 2006-2007 2009-2010
Sesta stagione 12 2007-2008 2008-2010
Settima stagione 16 2008-2009 2010
Ottava stagione 21 2009-2010 2010-2012
Nona stagione 18 2010-2011 2011
Decima stagione 23 2011-2012 2012
Undicesima stagione 22 2012-2013 2013-2015
Dodicesima stagione 21 2013-2014 2014
Tredicesima stagione 18 2014-2015 2015-2016
Quattordicesima stagione 20 2015-2016 2016-2017
Quindicesima stagione 2016-2017 2017
Sedicesima stagione Inedita 2017-2018 Inedita

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Peter Griffin - Il capo famiglia, obeso e pasticcione. Non c'è personaggio che possa descrivere alla pari di Peter l'evoluzione della serie nel corso del tempo. Egli si ritrova spesso a bere in un bar, L'Ostrica Ubriaca (in inglese, "Drunken Clam"), insieme agli amici Glenn Quagmire, Joe Swanson e Cleveland Brown. Lavora dapprima in una fabbrica di giocattoli, poi - seppur per un breve periodo - come pescatore con due marinai portoghesi, ed infine in una fabbrica di birra. Ha una nemesi, ossia un pollo gigante di nome Ernie in grado di parlare che gli ha regalato un buono scaduto per comprare un pollo arrosto: in più puntate Peter ed il pollo iniziano interminabili combattimenti all'ultimo sangue (evidenti parodie delle lotte corpo a corpo dei film d'azione) nei quali l'uomo riesce sempre a battere il pennuto, ma mai ad ucciderlo. L'età di Peter viene rivelata nell'ultimo episodio della quinta stagione, "Ti presento i miei", puntata durante la quale torna al 1984, quando aveva 10 anni.
  • Lois Griffin - Moglie di Peter, è una donna dolce e paziente nei confronti del marito e della famiglia, esperta di wrestling e arti marziali. Lavora come insegnante di pianoforte, attività che tuttavia la impegna poco, per questo il più delle volte la si vede lavorare in casa. Dall'aspetto seducente, figlia del ricchissimo magnate Carter Pewterschmidt, Lois è corteggiata anche da altri personaggi del programma, in particolar modo dal migliore amico di Peter, il cane Brian, e dal morboso ma esilarante vicino Glenn Quagmire.
  • Christopher Cross Griffin - Chiamato semplicemente Chris. Figlio di Peter e Lois, è un ragazzo grasso, apatico ed inetto. Ama disegnare ed ha paura di una scimmia cattiva che vive nel suo armadio. Chris risulta per lo più simpatico al pubblico, ed anche se molto timido riesce talvolta a conquistarsi dei posti privilegiati all'interno delle gerarchie scolastiche. Nell'episodio Pene d'amor perduto, si viene a conoscenza del fatto che Chris è un superdotato. Intrattiene delle relazioni con diverse ragazze della sua scuola, senza mai riuscire a farle durare più di una puntata.
  • Megatron "Meg" Griffin - Chiamata semplicemente Meg, figlia di Lois e di Peter. È la classica adolescente non molto attraente, oppressa da vari complessi e sempre sbeffeggiata sia dai coetanei sia dalla sua famiglia (soprattutto dal padre). Ha un pesante complesso d'inferiorità nei confronti della madre; e si innamora in un'occasione di Brian, che però non la ricambia e le fa capire che i due saranno sempre e solo amici. Nel corso della serie si innamora di entrambi i migliori amici di Peter, Quagmire e Joe, ricambiata dal primo. I suoi problemi di aspetto ne fanno il bersaglio preferito di una compagna di scuola, Connie D'Amico, che Meg vorrebbe tanto avere amica. Il suo nome completo avrebbe dovuto essere Megan, ma divenne Megatron perché Peter, per scherzare, cambiò il nome sul certificato di nascita di Meg.
  • Stewart Gilligan Griffin - Chiamato semplicemente Stewie. Figlio minore di Peter e Lois, geniale bambino diabolico con l'ambizione di dominare il mondo, Stewie è un personaggio ambiguo. Solo Brian sembra capire bene quello che dice, dato che Stewie è poco più di un neonato. Solitamente accompagnato da grandi proclami, nel corso della serie Stewie cerca per lo più di uccidere la madre perché lei, nel primo episodio della prima serie, gli ha preso una delle sue armi (senza sapere a cosa servisse). Non riesce mai nel proprio intento, anche se un paio di volte c'arriva molto vicino: in una puntata della sesta stagione, chiamata a ragione Stewie uccide Lois, assassina l'odiata madre, ma solo in una simulazione computerizzata. Nella ottava stagione, Stewie dice di "essersi dato una calmata" e di non essere più diabolico e cattivo quanto prima, soprattutto verso i suoi familiari: in effetti, definirà Brian il suo migliore amico nonostante abbia sempre detto di detestarlo nelle prime stagioni. Le situazioni più imbarazzanti e divertenti riguardanti Stewie sono quelle in cui egli fa trasparire, con chiaro intento parodistico ed ironico da parte dell'autore Seth MacFarlane, la propria ambigua identità sessuale.
  • Brian Griffin - Cane della famiglia Griffin, è un personaggio dai buoni principi, piuttosto colto e raffinato, ma alcolizzato. Brian tenta più volte di diventare un acclamato scrittore professionista; tuttavia, in diverse occasioni si palesano i suoi limiti: benché dotato di una buona cultura, spesso cede agli stereotipi e dimostra di essere un autore alquanto mediocre, attento soprattutto ad apparire - e non ad essere - un acuto intellettuale. È uno dei grandi protagonisti della serie, ed è anche il personaggio cui Seth MacFarlane presta la sua voce pressoché inalterata (diversamente da Peter, Stewie, Quagmire e Carter). Brian si distingue per il suo pensiero politico, fortemente schierato verso i democratici (si noti al riguardo la sua avversione per Rush Limbaugh). Cerca continuamente di trovare una donna che gli vada a genio, senza mai trovarne una che lo soddisfi in maniera completa. Pazzamente innamorato di Lois, Brian prova in tutti i modi a conquistarla, non riuscendo mai nell'intento, fino a quando, scoperto da Peter e rifiutato da Lois, rinuncerà a sedurla. È odiato da Quagmire, che nell'ottava stagione spiegherà anche i motivi di tale rancore nei suoi confronti; dalla decima stagione in poi, però, Quagmire attenuerà il proprio odio nei confronti del cane, lasciandolo addirittura entrare nel gruppo composto da Peter e da Joe. Ha avuto varie relazioni, nessuna importante come quella con Jillian, ragazza stupida e superficiale, doppiata da Drew Barrymore in lingua originale, che Stewie definirà come nata da genitori che sono fratello e sorella. Sia Peter sia Stewie considerano Brian il loro migliore amico.

Personaggi secondari[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi secondari de I Griffin.
  • Glenn Quagmire - Vicino di casa dei Griffin, pervertito sessuale ed erotomane, è un pilota di aerei di linea. Nella nona stagione egli scoprirà di avere origini orientali. In punti avanzati della serie Glenn affronta una problematica situazione (dai risvolti ovviamente esilaranti per gli spettatori) riguardante il padre, ex eroe di guerra, che deciderá di cambiare sesso chiamandosi Idah.
  • Joe Swanson - Vicino di casa, marito di Bonnie Swanson, poliziotto paraplegico, amico di Peter. Gli Swanson debuttano nella serie durante l'episodio "Eroe Non Per Caso", insito nella prima stagione, in veste di nuovi vicini di casa dei Griffin. Nell'episodio "Andicappati E Ritorno" della terza stagione, Joe vince le Olimpiadi per disabili grazie a Peter che gli mette degli steroidi nell'acqua. Durante la serie, Joe riuscirá momentaneamente a riacquistare l'uso degli arti inferiori.
  • Cleveland Brown - Vicino di casa, ex-marito di Loretta Brown, di indole mite e altruista. Divorzia dalla moglie Loretta durante l'episodio "Amicizia Tradita" della quarta stagione, quando Loretta tradisce Cleveland con Quagmire. È inoltre il gestore di una tavola calda. Dal 27 settembre 2009 al maggio 2013, FOX ha trasmesso uno spin-off della serie intitolato The Cleveland Show in cui è il protagonista: in questa serie Cleveland torna a vivere nella sua città natale, Stoolbend in Virginia, assieme al figlio Cleveland Brown Jr. (che dopo il divorzio dei genitori ha scelto di vivere con il padre), lasciando il Rhode Island e la sua ex-moglie Loretta per vivere con un'altra famiglia, composta da Donna (una sua compagna di liceo), Roberta e Rallo Tubbs. A seguito della cancellazione dello spin-off, avvenuta dopo quattro stagioni, il personaggio torna nella serie madre al termine della dodicesima stagione, e quindi Cleveland riprende a vivere a Quahog nella sua vecchia casa, con tutta la sua nuova famiglia, i cui membri diventano i nuovi vicini dei Griffin.
  • Bonnie Swanson - Vicina di casa, moglie di Joe Swanson, amica di Lois, incinta da sette anni per una strana sindrome. Si dice sempre molto eccitata dal marito Joe.
  • Kevin Swanson - Vicino di casa, figlio di Joe e Bonnie Swanson. Kevin subisce spesso il corteggiamento di Meg. Inizialmente, durante l'episodio Stew-Roids, si viene a sapere che è morto in Iraq; poi, però, ricompare nell'episodio Thanksgiving, nel quale si scopre che aveva in realtà disertato.
  • Susie Swanson - Vicina di casa, figlia di Joe e Bonnie Swanson. Nasce nell'episodio della settima serie intitolato "I Soliti Idioti" dalla gravidanza durata sette anni di Bonnie: in questo episodio Stewie si innamora di lei. Il pubblico spesso riesce a sentire i pensieri della neonata, la quale, pur non essendo ancora in grado di parlare, formula i suoi pensieri con una scioccante e divertente voce maschile.
  • Cleveland Brown jr - Figlio di Cleveland e Loretta Brown, riesce in qualsiasi cosa gli venga in mente di fare, ma sfortunatamente non coltiva le passioni ed abbandona qualsiasi attività dopo poco tempo, si suppone a causa di sindrome da deficit di attenzione. Nell'episodio "Un Padre In Affitto" della seconda stagione, Cleveland jr scopre di avere un gran talento per il golf e si fa adottare da Peter con l'intento di diventare un campione. In seguito al divorzio dei genitori sceglierà di vivere con suo padre trasferendosi con lui in un'altra città. Con il passaggio allo spin-off The Cleveland Show, il personaggio (che ne I Griffin, comparendo in pochi episodi, ha un ruolo assai marginale) cambierà radicalmente sia nel carattere sia nella fisionomia, trasformandosi da bambino magro ed iperattivo ad un ragazzo obeso con gli occhiali, molto dolce anche se un po' ingenuo, il quale rivela persino un lato geniale. Si farà chiamare semplicemente Junior.
  • Loretta Brown - Vicina di casa, ex-moglie di Cleveland Brown e madre di Cleveland Jr. Stanca di vivere con Cleveland, secondo lei poco stimolante, lo tradisce con Quagmire nell'episodio "Amicizia Tradita", durante la quarta stagione. Dopo il divorzio da Cleveland ed il trasferimento di questo e del figlio Junior, vivrà da sola nella casa con cui aveva vissuto assieme a loro due fino a che non morirà a causa di un incidente domestico causato da Peter. In seguito alla sua morte tutti i suoi beni andranno al figlio Junior.
  • Carter Pewterschmidt - Ricco imprenditore, padre di Lois, odia Peter. Incarna lo stereotipo del capitalista e del conservatore. Spesso mostra spiccati atteggiamenti antisemiti.
  • Tom Tucker - Mediocre e vanitoso giornalista di Channel 5, ex collega di Diane Simmons e collega attuale di Joyce Kinney.
  • Joyce Kinney - Simpatica, affascinante e carismatica giornalista di Channel 5.
  • Adam West - Sindaco di Quahog, psicotico e visionario, è sposato con Carol, la sorella di Lois; in passato ha avuto anche una breve relazione con Meg.
  • Mort Goldman - Farmacista di Quahog, di religione ebraica. È spesso oggetto della satira antiebraica condotta dai personaggi della serie.
  • Vinny Griffin - Cane italo-americano, viene adottato dai Griffin dopo la morte di Brian, divenendo così per breve tempo il loro nuovo cane. Avrà un ruolo fondamentale nel permettere a Stewie di poter tornare indietro nel tempo e salvare Brian, pur sapendo che così facendo, lui non avrà mai incontrato i Griffin.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Seth MacFarlane, creatore e doppiatore di numerosi personaggi

Seth MacFarlane, mentre studiava alla Scuola di Disegno di Rhode Island[1], creò un cortometraggio intitolato La vita di Larry (The Life of Larry)[2], il quale riguardava uno zoticone di mezza età, Larry, ed il suo cane parlante, Steve. La Hanna-Barbera gli diede l'opportunità di dirigere il seguito del corto, intitolato Larry e Steve. Successivamente, i dirigenti della FOX gli concessero la possibilità di sviluppare un programma basato su Larry e Steve, personaggi che si evolsero in Peter e Brian.[3]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Il primo episodio, Soldi dal cielo, fu trasmesso negli USA sul canale FOX il 31 gennaio 1999, dopo il XXXIII Super Bowl. La prima stagione conteneva sette episodi e presentava i personaggi principali dello show; tuttavia, era caratterizzata da uno stile di disegno molto impreciso e poco dettagliato, migliorato poi con il passare del tempo. La seconda stagione, cominciata il 23 settembre dello stesso anno, era formata da 21 episodi: le differenze rispetto alla prima, in sostanza, erano poche, ma l'aggiunta di qualche episodio evidenziava sicuramente la vena creativa di MacFarlane. La terza stagione conteneva 22 episodi, il primo dei quali trasmesso l'11 luglio 2001. Durante la seconda e la terza stagione la FOX spostò lo show in giorni e orari diversi, spesso senza preavvisare gli spettatori, e inoltre annunciò, alla fine della terza stagione, che lo show era stato annullato: ciò provocò l'agitazione dei fan.

Sforzi di revival[modifica | modifica wikitesto]

La notizia dell'annullamento da parte della FOX de I Griffin fu recepita negativamente dai fan, che tentarono di convincere la rete a riesumare il cartone. Fu lanciata allora una petizione, via internet, che in poche settimane raccolse 10 000 firme. La petizione conteneva una minaccia di boicottaggio della rete FOX e dei prodotti pubblicizzati dall'emittente.

Ma tutto questo, insieme a moltissime lettere scritte ai dirigenti FOX e alle proteste e i blocchi stradali, fu inutile. Nel 2003, repliche della serie trovarono ospitalità permanente su Adult Swim. La serie riscosse ulteriore successo in DVD: fu divisa in due volumi, e del DVD relativo alla prima stagione furono vendute 2,2 milioni di copie. L'eccezionale e senza precedenti successo dei DVD alimentò voci che volevano la FOX interessata a riprendere la serie.

Il 26 marzo 2004, la FOX annunciò ufficialmente che avrebbe prodotto nuovi episodi de I Griffin, i quali sarebbero stati pronti per il 2005. Seth MacFarlane commentò la notizia dicendo: «Sono incredibilmente emozionato per il ritorno de I Griffin. Ora tutti quei ragazzini mezzi matti che mi inseguono perché vogliono rivedere lo show la finiranno di infastidirmi e si dedicheranno a cose più importanti... come salvare Coupling». La quarta stagione iniziò il 1º maggio 2005.

Sequenza iniziale[modifica | modifica wikitesto]

La sigla è stata composta da Walter Murphy. L'inizio della sigla, quando Peter e Lois cantano al pianoforte di famiglia, è la parodia del tema di apertura della sitcom Arcibaldo (All in the Family). La canzone, proseguendo, trasporta i membri della famiglia dal soggiorno ad uno spettacolo di varietà nel quale, scimmiottando i Rockettes, i Griffin ballano in sfavillanti completi. A partire dalla nona stagione i ballerini vengono sostituiti dai personaggi secondari della serie. La versione italiana, a causa del diverso titolo dato al cartoon, non è molto fedele al testo originale, il quale si basa soprattutto sul titolo in inglese. Nel quinto episodio della quinta stagione, Peter cade dalle scale e, precipitando addosso ad una ballerina, la uccide; nel primo episodio della decima stagione, invece, una ballerina scende dalle scale e, interrompendo la sigla, dice che è incinta: la puntata successiva presenta la sigla normale. Nel ventesimo episodio della dodicesima stagione, durante lo svolgimento della sigla, Cleveland si intromette e induce Mort Goldman a cedergli il posto secondo gli ordini della regia. Adam West, dunque, si affianca ad Angela, la dirigente della fabbrica di birra; e Cleveland affianca Jillian, l'ex ragazza di Brian.

Crossover[modifica | modifica wikitesto]

I personaggi de i Griffin hanno più volte interagito con personaggi di altre serie televisive d'animazione, in particolare, oltre alle opere dello stesso autore American Dad! e The Cleveland Show, con I Simpson o South Park, che rappresentano anch'esse una parodia dell'american way of life e delle più celebri sit-com statunitensi.

La serie è stata bersaglio di una rapida ma efficace satira ne I Simpson: nell'episodio Il Bob italiano, due uomini appartenenti alle forze dell'ordine italiane sfogliano un catalogo di ricercati intitolato "I Criminali Americani". Dopo alcuni personaggi noti al pubblico per essere parte dei Simpson, appare anche la foto di Peter Griffin, sotto la quale campeggia l'accusa (in italiano maccheronico) di «plagiarismo» (plagio), e Stan Smith, protagonista della serie American Dad, accusato di «plagiarismo di plagiarismo». Nell'episodio Missionario impossibile la rappresentante di un'emittente tv dice in diretta "..se non volete che programmi grossolani spariscano dalla televisione allora fate la vostra donazione". Contemporaneamente la donna indica il logo de "I Griffin". In un'altra occasione (La Paura fa Novanta XIII), Homer abbandona i suoi innumerevoli cloni in un campo di grano. Distrattamente lascia anche l'amaca magica con la quale si era sdoppiato e i cloni a loro volta si clonano. Il risultato è un esercito di cloni assomiglianti a Homer Simpson (alcuni dei quali più grassi, più magri, con gli occhiali, senza faccia) tra i quali si vede chiaramente Peter Griffin.
Perfino in Futurama, sempre creato da Matt Groening, lo stesso autore dei Simpson, vengono citati i Griffin, ma stavolta in un contesto non negativo: nel primo lungometraggio, Il colpo grosso di Bender, Fry possiede un calendario dodecennale (di 12 anni) dei Griffin.

Anche I Griffin, in risposta, hanno presentato varie gag e canzonature sui Simpson, come nell'episodio 9ACX05 La grande avventura, dove i protagonisti e altri personaggi ricorrenti del noto cartone appaiono come giuria in un tribunale della Georgia, mentre nell'episodio 6ACX13 Peter si è fatto un nuovo amico il sindaco Adam West e una folla inferocita dicono a Homer Simpson di sparire perché non fa più ridere, e questi reagisce con la sua celebre esclamazione, D'oh!. Matt Groening ha comunque voluto precisare che non c'è nessuna faida dietro le quinte, e che la rivalità tra le due serie è una "rivalità affettuosa"[4].

Anche South Park, per quanto questa serie sia molto lontana dallo stile dei Simpson e dunque dei Griffin, ha voluto rendere omaggio a Family Guy. Nella puntata Cartoon Wars (Episodio 03 e 04 della decima stagione), si annuncia che i Griffin avrebbero mandato in onda un'immagine di Maometto. Ovviamente questo porta la serie animata al centro di una feroce polemica, fino ad attirarsi una puntuale critica da Osama Bin Laden, che ribadisce ciò che afferma Eric Cartman: i Griffin non sarebbero "satira", dal momento che «l'elemento comico è inserito nelle scenette, e non fa parte del plot»[5].

Peter e Lois fanno inoltre capolino (con la testa fuori dall'inquadratura) nella serie televisiva animata Drawn Together nell'episodio La limonata per la lotta all'AIDS, in cui fanno un'offerta a Wooldoor Sockbat in quanto vedendolo seduto su un marciapiede con un bicchiere in mano credono che stia elemosinando.

Il 28 settembre 2014 (ep. 232, 13x01) è andato in onda un episodio speciale, crossover con I Simpson, di 43 minuti intitolato E alla fine si incontrano (The Simpson Guy)[6]. In questa occasione le due famiglie americane più amate degli ultimi 20 anni s'incontrano, mostrando uno Stewie che idolatra Bart, una Meg sempre più insicura aiutata da una Lisa psicologa, un Peter che sembra aver trovato la sua mimesi perfetta in Homer ed infine Marge, Lois, Chris e Brian che fanno da "contorno".

Oltre alle interazioni con altre serie animate la famiglia Griffin è apparsa anche nel telefilm Bones, infatti all'interno 25º episodio della quarta stagione è avvenuto un particolare incontro tra Stewie Griffin e Seeley Booth, il quale ha delle potenti allucinazioni dovute a un tumore al cervello, e si ritrova più volte a conversare con il bambino. L'apparizione inversa si è avuta invece nella puntata Road to the North Pole, il 7º episodio della nona stagione, dove David Boreanaz appare a Stewie e Brian come l'amichevole "Aurora Boreanaz".

Distribuzione in DVD in Italia e negli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni episodi sono usciti direttamente in DVD ancora prima della trasmissione in TV. Gli episodi usciti direttamente in DVD sono:

  • Il lungometraggio uscito il 23 luglio 2005 negli USA e nel maggio 2007 in Italia.
  • I primi 13 episodi della stagione 5, usciti in Italia il 20 maggio 2009.
  • Il penultimo episodio della stagione 8 uscito il 22 dicembre 2009 negli Stati Uniti e il 3 febbraio 2010 in Italia.
  • L'ultimo episodio della nona stagione uscito il 21 dicembre 2010 negli USA e il 9 febbraio 2011 in Italia.
  • L'ultimo episodio della stagione 8 uscito il 5 dicembre 2012 in Italia.
  • Il nono episodio dell'undicesima stagione uscito in Italia il 10 settembre 2015.
Stagione Episodi Dischi Volume/Stagione/Speciale Regione 1 Stagione/Speciale

Regione 2/4

Data di pubblicazione DVD
Regione 1[7] Regione 2[8] Regione 4[9]
1 7 4 1 1 15 aprile 2003 12 novembre 2001 20 ottobre 2003
2 21 2 27 gennaio 2003 2 agosto 2004
3 22 3 2 3 9 settembre 2003 21 luglio 2003 2 maggio 2005
4 30 3 3 4 29 novembre 2005 24 aprile 2006 29 maggio 2006
3 4 5 14 novembre 2006 30 ottobre 2006 1 novembre 2006
1 La storia segreta di Stewie Griffin 27 settembre 2005 24 ottobre 2005 25 gennaio 2006
5 18 3 5 6 18 settembre 2007 15 ottobre 2007 17 ottobre 2007
6 12 3 6 7
1 Blue Harvest
7 16 3 7 8
8 21 3 8 9
1 Something, Something, Something, Dark Side
9 18 3 9 10
3 10 11
1 It's a Trap!
10 23 3 11 12
11 22 3 12 13
12 21 3 12 14
13 18 3 13 15
14 20 3 14 16
15 3 15 17

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Trasmissione internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Paese Lingua Canali
Prima TV Repliche
USA Inglese Fox (ep. 1x1-3x21, 4x1-8x20, 9x1+)

Adult Swim (ep. 3x22)

BBC Three (ep. 8x21)

TBS

Adult Swim

Italia Italiano Italia 1 (ep. 1x1-2x21, 3x3, 3x6, 3x8, 3x22, 4x1-7x16, 13x1-13x5, 13x7-14x12, 14x15-15x8, 15x10+)

Fox (ep. 3x1-3x2, 3x4-3x5, 3x7, 3x9-3x21, 8x1-8x20)

Fox Animation (ep. 8x21)

Italia 2 (ep. 9x1-11x7, 11x9-12x21, 14x13-14x14)

Netflix (ep. 11x8-13x6)

Cielo

Fox Animation

Italia 1

Fox

Italia 2

Canada Inglese Global

City (2015-2016)

Teletoon

DTour

Adult Swim

FXX

Australia Inglese Seven Network Fox8

7mate

Comedy Channel

India Inglese Star World Premiere Star World Premiere
Irlanda Inglese 3e 3e
Nuova Zelanda Inglese Four Four

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Doppiatore originale Doppiatore italiano
Peter Griffin Seth MacFarlane Mino Caprio
Lois Griffin Alex Borstein Antonella Rinaldi
Meg Griffin Lacey Chabert (voce ep. 1x1-2x2, 2x5-2x7, 2x9-2x10, 2x16)

Mila Kunis (voce ep. 2x3-2x4, 2x8, 2x11-2x15, 2x17+)

Tara Strong (parte cantata)

Maura Cenciarelli
Chris Griffin Seth Green Davide Lepore
Stewie Griffin Seth MacFarlane Nanni Baldini
Brian Griffin Leslie La Penna
Vinny Griffin Tony Sirico Pasquale Anselmo
Glenn Quagmire Seth MacFarlane Enrico Di Troia
Cleveland Brown Mike Henry Luciano Marchitiello (st. 1-11)

Renato Cecchetto (st. 12+)

Joe Swanson Patrick Warburton Edoardo Nordio
Loretta Brown Alex Borstein Irene Di Valmo
Bonnie Swanson Jennifer Tilly Renata Biserni
Donna Tubbs Sanaa Lathan Antonella Alessandro
Kevin Swanson Jon Cryer (st. 1)

Seth MacFarlane (st. 3)

Scott Grimes (st. 10+)

Daniele Giuliani
Sindaco Adam West Adam West Michele Kalamera
Carter Pewterschmidt Seth MacFarlane Giuliano Santi
Seamus Vincenzo Ferro
Tom Tucker Teo Bellia
Dottor Hartman Nicola Marcucci
Diane Simmons Lori Alan Francesca Guadagno
Mort Goldman John G. Brennan Ambrogio Colombo
Neil Goldman Seth Green Francesco Meoni (st. 2, 4)

Leonardo Graziano (st. 3)

Davide Perino (st. 10+)

Jillian Russell Drew Barrymore Francesca Manicone
Angela Carrie Fisher Paola Giannetti
Mr. Herbert Mike Henry Mario Milita (st. 3-9)

Valerio Ruggeri (ep 4x25-26, st. 10-12)

Angelo Nicotra (st. 13-14)

Vittorio Stagni (st.14 ep. 17+)

Consuela Gianluca Musiu
James Woods James Woods Stefano De Sando
Joyce Kinney Christine Lakin Ilaria Latini
Jerome Kevin Michael Richardson Alessandro Rossi
Dio Seth MacFarlane Bruno Alessandro
Gesù Seth MacFarlane (prima voce)

David Goodman (Le grandi avventure di Stewie e Stu)

Seth Green (ep. 4x16)

Alec Sulkin (quarta voce)

Emiliano Coltorti

Staff del doppiaggio italiano[modifica | modifica wikitesto]

Edizione italiana a cura di[10]
  • St. 1-3: Elena Sansonetti per Mediaset
  • Dalla st. 4: Ludovica Bonanome per Mediaset
Studio di doppiaggio Royfilm s.r.l.
Direzione del doppiaggio
Dialoghi italiani
Assistenti al doppiaggio
Versioni italiane canzoni Valerio Gallo Curcio (incise presso Set Up a Roma)
Fonici di mix
Sincronizzazione
Post-produzione Massimo Baldasseroni per Mediaset

Trasmissione in Italia[modifica | modifica wikitesto]

La serie è stata mandata in onda su Italia 1 che trasmise completamente le prime 2 stagioni e gli episodi 3, 6, 8 e 22 della terza, mentre il resto della stagione è stato trasmesso in prima TV su Fox. Successivamente Italia 1 trasmise anche la 4°, la 5°, la 6ª e la 7ª stagione, ad eccezione di alcuni episodi trasmessi nel contenitore I Griffin V.M. dal 6 al 27 maggio 2010.

Dal 7 ottobre 2010 viene replicata su Cielo. Poi la serie si trasferisce su Italia 2 dall'ottava alla dodicesima stagione, tranne gli episodi Affettuosamente al bivio e Gesù, Giuseppe e Maria! trasmessi rispettivamente su Fox Animation e Netflix.

Infine la serie torna su Italia 1 il 20 gennaio 2015 con le repliche, successivamente trasmette la stagione 13, di cui il primo episodio è stato trasmesso in anteprima assoluta il 23 dicembre assieme a 2 episodi della stagione 26 de I Simpson, e anche la 14 e la 15, ad eccezione del sesto episodio della 13 e il 13 e 14 della quattordicesima, andati in onda rispettivamente il 23 dicembre 2016 su Netflix e il 16 maggio 2017 su Italia 2.

Dal 3 luglio 2017 Italia 1 trasmette la quindicesima stagione, non senza pesanti tagli e censure.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Essendo un programma essenzialmente diretto ad un pubblico adulto, I Griffin ha generato molte controversie per il suo approccio brusco su temi sensibili. Questa fu una delle ragioni primarie della sospensione iniziale. Molti episodi hanno un contenuto controverso, che in più casi è stato censurato; tra i temi di cui i Griffin si sono burlati ci sono la religione, il razzismo, il neonazismo, l'alcolismo, il terrorismo, il sesso, la pedofilia e i disturbi del comportamento alimentare.

A causa delle controversie all'interno dello show molte nazioni, incluse Israele, India, Indonesia, Malesia, Taiwan, Cina, Albania e Corea del Sud, hanno vietato la messa in onda de I Griffin, mentre in molte altre (Italia compresa) si rimediò con la censura, specialmente sulle puntate più "pesanti". Essa ha riguardato (e riguarda tuttora) soprattutto il taglio delle scene iconograficamente più esplicite ed esortative, scene che denigrano la religione cattolica, oppure la copertura del turpiloquio eccessivamente volgare e/o "gratuito".

In Italia, la trasmissione Striscia la notizia, in un servizio mandato in onda all'inizio del 2001 (a poca distanza dal terribile delitto di Novi Ligure), affermava che un telefilm come I Griffin (in cui Stewie cerca di uccidere più volte la madre) poteva essere in qualche modo rischioso per i contenuti trasmessi e per il pubblico a cui era rivolto, tanto che Mediaset ne interruppe per un po' di tempo la programmazione.

L'ottavo episodio dell'undicesima stagione, Gesù, Giuseppe e Maria, è rimasto per lungo tempo inedito in Italia, in quanto censurato: dal 22 ottobre 2015, con l'arrivo di Netflix, è possibile vedere questo episodio

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Trilogia Ridi pure, ammasso di pelo![modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Blue Harvest, Something, Something, Something, Dark Side e It's a Trap!.

Gli autori de I Griffin, essendo grandi fan della saga cinematografica di Guerre stellari, nel 2007 hanno realizzato un episodio speciale dal titolo Blue Harvest che è una parodia di Una nuova speranza. Dato che la 20th Century Fox è la casa di produzione sia di Guerre stellari che de I Griffin, gli autori del cartone animato hanno avuto la possibilità di utilizzare i personaggi della saga con la collaborazione della LucasFilm. Visto il successo del primo film è stato deciso di proseguire con la saga, gli altri due capitoli della trilogia Ridi pure, ammasso di pelo! (Laugh It Up, Fuzzball!) sono Something, Something, Something, Dark Side (che corrisponde a L'impero colpisce ancora), realizzato nel 2009, e It's a Trap! (ovvero Il ritorno dello Jedi), del 2010.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Dalla serie sono stati tratti diversi videogiochi, tra cui Family Guy Video Game!, I Griffin: Ritorno al multiverso, e Family Guy: The Quest for Stuff.

Spin-off[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 Seth MacFarlane, Mike Henry e Richard Appel hanno creato lo spin-off The Cleveland Show. Il protagonista è Cleveland Brown che, dopo aver lasciato Quahog, si trasferisce con il figlio a Stoolbend in Virginia e inizia una nuova vita sposando Donna Tubbs. Terminata la serie animata, dalla dodicesima stagione Cleveland è tornato tra i personaggi dei Griffin.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

I Griffin ha ricevuto 12 nomination agli Emmy Award vincendone 4.

  • 2000: miglior doppiaggio a Seth MacFarlane per "Stewie Griffin" (Outstanding Voice-Over Performance).
  • 2002: miglior musica a Walter Murphy (compositore) e Seth MacFarlane (parole).
  • 2007: miglior conclusione individuale a Steve Fonti (sviluppo dell'animazione).
  • 2010: Individual Achievement in Animation a Greg Colton.

I Griffin ha avuto dieci nomination all'Annie Award e ne ha vinti due nel 2006 e uno nel 2008. Lo show ha avuto tre nomination al Golden Reel Award e ne ha vinto uno.

Reti televisive[modifica | modifica wikitesto]

Paesi Canale
Argentina FOX
Australia FOX8

Comedy Channel

Seven Network

Brasile FX

Rede Globo

Rede Bandeirantes

Canada Global

Teletoon

FOX

Repubblica Ceca COOL TV
Francia CANAL+
Germania ProSieben

MTV

Israele YES

yes stars 2

Italia Italia 1 (prima TV st. 1-2, ep. 3x3, 3x6, 3x8, 3x22, st. 4-7, ep. 13x1-13x5, 13x7-14x12, 14x15+ e repliche)

Fox (prima TV ep. 3x1-3x2, 3x4-3x5, 3x7, 3x9-3x21 e repliche)

Cielo (repliche st. 1-2)

Italia 2 (prima TV ep. 8x1-8x20, 9x1-11x7, 11x9-12x21, 14x13-14x14 e repliche)

Fox Animation (prima TV ep. 8x21 e repliche)

Netflix (ep. 11x8, 13x6)

Belgio (Fiandre) Kanaaltwee
Messico FOX

XHGC

Nuova Zelanda TV3

C4

Norvegia TV3

ZTV

Perù FOX

América Televisión

Filippine JackTV
Portogallo FOX

SIC Radical

Russia Ren-TV
Singapore MediaCorp TV12 Central
Spagna FOX

Telecinco

Turchia CNBC-e
Inghilterra BBC TWO

BBC THREE

FX

USA FOX (prima TV e repliche)

Adult Swim (repliche)

TBS (repliche)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jeff Lemburg (2006). Who's Who in Animated Cartoons: Guida internazionale ai film e alle serie TV vincitori di premi e animatori leggendari (Edizione illustrata).
  2. ^ New York: Applause Theatre & Cinema Books. p. 221. ISBN 978-1-55783-671-7.
  3. ^ Seth MacFarlane – he's the "Family Guy", greatreporter.com.
  4. ^ AVclub: Intervista a Matt Groening.
  5. ^ "Cartoon Wars Part I, Cartoon Wars Part II." Created by Matt Stone and Trey Parker. South Park. Comedy Central.
  6. ^ 'Family Guy' exec on 'Simpsons' crossover: "It may be an hour episode" - US TV News - Digital Spy, digitalspy.co.uk.
  7. ^ Stati Uniti d'America, Canada, Bermuda, territori non incorporati degli Stati Uniti.
  8. ^ Europa (eccetto Russia, Ucraina e Bielorussia), Medio Oriente, Egitto, Giappone, Sudafrica, Swaziland, Lesotho, Groenlandia, Francia d'oltremare.
  9. ^ Messico, America meridionale (ecceto Guyana francese), Oceania.
  10. ^ Non sempre viene indicata la responsabile dell'edizione italiana nei titoli di coda

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Con gli occhi di fuori - Guida non ufficiale a I Griffin (2007) di Marco Borrone, Dany Caputo, Angela Cinicolo, Giuseppe Cozzolino, Claudia Di Cresce, Carmine Treanni - edizioni Cagliostro ePress (collana Edikolè - Volume 1)
  • La guida di Peter Griffin alla famiglia: i figli prima di tutto (ma dopo la tv) (2007) - Edizioni BD
  • La guida di Brian Griffin alle donne, le sbronze e l'arte perduta di essere uomini (2008) - Edizioni BD

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN205802364 · LCCN: (ENn2005042587 · GND: (DE7650185-1