Eosinopenia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Eosinopenia
Eosinophil 2.jpg
Un eosinofilo nel sangue
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 288.0
ICD-10 D72.8

L'eosinopenia è un tipo di agranulocitosi caratterizzata dalla carenza di eosinofili.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Può essere dovuta all'uso di glucocorticoidi o da gravi stress continuati. Spesso è correlata alla Sindrome di Cushing o all'uso di steroidi.[1] Lo stesso Harvey Cushing considerava all'inizio l'eosinopenia come uno dei sintomi patognomonici della sindrome, per poi però arrivare successivamente a riconsiderarne e ridurne la rilevanza diagnostica, vista la maggiore diffusione di sindromi eosinopeniche nella popolazione generale di quanto inizialmente ipotizzato.

Può essere dovuta inoltre a stati infettivi batterici gravi.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Monocytopenia/Eosinopenia/. URL consultato il 17 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2008).
  2. ^ (FR) Gil H, Magy N, Mauny F, Dupond JL, [Value of eosinopenia in inflammatory disorders: an "old" marker revisited] in Rev Med Interne, vol. 24, nº 7, 2003, pp. 431–5, DOI:10.1016/S0248-8663(03)00138-3, PMID 12829215.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina