Entomofagia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casu marzu, formaggio tradizionale di pecora sardo che contiene larve di insetti

L'entomofagia (dal greco éntomos, "insetto", e phăgein, "mangiare"), è un regime dietetico, obbligato o facoltativo, che vede gli insetti come alimento. Dal punto di vista ecologico è un rapporto trofico di predazione, parassitismo o di parassitoidismo ed è osservabile in un gran numero di gruppi animali come insetti, uccelli, rettili, anfibi, pesci e mammiferi e di microrganismi. Dal punto di vista antropologico è una pratica diffusa presso molte popolazioni del pianeta basata su particolari gusti o mode o sulla necessità di integrare il fabbisogno nutritivo di proteine.

Entomofagia umana[modifica | modifica wikitesto]

Il termine è anche usato per descrivere il consumo umano di carne di insetto molto comune in alcune culture di parti del mondo come l'America centrale e meridionale, l'Africa, l'Asia, l'Australia e la Nuova Zelanda. In altre culture, invece, l'utilizzo di insetti per l'alimentazione umana è poco diffuso se non addirittura un tabù[senza fonte].

L'utilizzo di insetti nella dieta umana è stato particolarmente importante in epoca preistorica prima che gli uomini scoprissero la caccia e l'agricoltura come testimoniano, ad esempio, alcuni coproliti rinvenuti in Messico e Stati Uniti e contenenti tracce di formiche, larve di coleottero, pidocchi, zecche e acari.[1]

Nell'ambito dell'entomofagia si possono distinguere due categorie: gli insetti utilizzati come fonte primaria di sostanze nutritive e di insetti utilizzati come condimenti. Alcuni insetti sono poi mangiati come larve, mentre altri da adulti. Più di 1200 specie di insetti vengono utilizzate come alimenti da parte di persone in tutto il mondo. Gli insetti e gli aracnidi comunemente utilizzati includono cavallette, grilli, termiti, formiche, larve di coleotteri, falene, bruchi, pupe, ragni, tarantole e scorpioni.

La FAO e gli insetti[modifica | modifica wikitesto]

La FAO in uno studio del 2013 menziona gli insetti come fonti di cibo ancora poco sfruttata nel mondo occidentale[2]

Entomofagia in Unione Europea[modifica | modifica wikitesto]

Con il Regolamento (UE) 2015/2283[3], entrato in vigore il I gennaio 2018, il Parlamento Europeo ha aggiornato le regole per l'introduzione e la vendita di nuovi alimenti destinati alle nostre tavole, i cosiddetti Novel food, una categoria alimentare che include anche gli insetti. Tale Regolamento va ad abrogare la precedente normativa di settore, il Reg. (CE) 258/97[4], vecchia di vent’anni.

I recenti sviluppi scientifici e tecnologici hanno reso possibile una semplificazione delle procedure per le richieste di autorizzazione per l’immissione in commercio di “prodotti e sostanze alimentari privi di storia di consumo 'significativo' al 15 maggio 1997 in UE” (con la precedente normativa la procedura richiedeva in media 3 anni e mezzo).[5]

Tra le novità apportate dal regolamento, la centralizzazione della richiesta di autorizzazione, che deve essere presentata direttamente alla Commissione Europea attraverso un sistema online e non a uno degli Stati membri, come avveniva in precedenza. La richiesta deve essere preparata conformemente alle linee guida pubblicate dall’autorità per la sicurezza alimentare (EFSA) e deve contenere i dati scientifici a supporto della sicurezza della sostanza oggetto della domanda di autorizzazione. La stessa EFSA si occupa dell’accertamento della sicurezza. La Commissione rilascia l’autorizzazione attraverso l’inserimento del “Novel food autorizzato” nell’elenco dell’Unione (Union list) insieme a tutte le specifiche previste, incluse le eventuali tipologie alimentari in cui può essere contenuto, le dosi e altre caratteristiche.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Capinera, J. L. (Ed.), Encyclopedia of Entomology, 4 voll., 2nd Ed., Dordrecht, Springer Science+Business Media B.V., 2008, pp. lxiii + 4346, ISBN 978-1-4020-6242-1, LCCN 2008930112, OCLC 837039413.
  2. ^ http://www.repubblica.it/scienze/2013/05/13/news/appello_fao_insetti_per_la_dieta_del_futuro-58710711/ Insetti in tavola, la dieta del futuro. Fao: "Decisivi per la lotta contro la fame", Repubblica.it
  3. ^ Regolamento (UE) 2015/2283, su trovanorme.salute.gov.it.
  4. ^ Reg. (CE) 258/97, su eur-lex.europa.eu.
  5. ^ Nuovi alimenti (novel food): in generale, su Ministero della Salute, 17 gennaio 2018.
  6. ^ Alimenti a base di insetti (Novel food), su ProVersi.it, 2 maggio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Video Ricette con gli Insetti e approfondimenti sulla tematica (MasterBug.it)