Enrico di Meclemburgo-Schwerin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enrico di Meclemburgo-Schwerin
Prince Henry of Holland.jpg
il Principe Enrico dei Paesi Bassi nel 1912
Principe consorte dei Paesi Bassi
Stemma
In carica 7 gennaio 1901 – 3 luglio 1934
Predecessore Emma di Waldeck e Pyrmont (Regina consorte)
Successore Bernhard van Lippe-Biesterfeld
Nome completo Heinrich Wladimir Albrecht Ernst di Meclemburgo-Schwerin
Nascita Schwerin, Meclemburgo-Schwerin, 19 aprile 1876
Morte Delft, Paesi Bassi, 3 luglio 1934
Casa reale Casato di Meclemburgo-Schwerin
Padre Federico Francesco II, Granduca di Meclemburgo-Schwerin
Madre Principessa Maria di Schwarzburg-Rudolstadt
Consorte di Guglielmina dei Paesi Bassi
Figli Giuliana dei Paesi Bassi
Religione Protestantesimo

Duca Enrico di Meclemburgo-Schwerin (Heinrich Wladimir Albrecht Ernst; Schwerin, 19 aprile 1876L'Aia, 3 luglio 1934) in seguito Principe Enrico dei Paesi Bassi, fu principe consorte dei Paesi Bassi in quanto marito della Regina Guglielmina dei Paesi Bassi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Enrico era il figlio più giovane di Federico Francesco II di Meclemburgo-Schwerin e della sua terza moglie, la principessa Maria di Schwarzburg-Rudolstadt.

Frequentò il Vitzthum Gymnasium di Dresda e successivamente viaggiò in Asia ed America. Dopo aver frequentato l'accademia militare di Metz, entrò a servizio nell'esercito prussiano.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Enrico e Guglielmina nel giorno del loro matrimonio.

Il 16 ottobre 1900 si fidanzò con Guglielmina dei Paesi Bassi.

La cerimonia venne celebrata il 7 gennaio 1901. Enrico ricevette dal matrimonio il titolo di principe dei Paesi Bassi con il trattamento di Altezza Reale.

Juliana[modifica | modifica wikitesto]

Guglielmina ebbe il suo primo aborto spontaneo nel 1902. Si diceva che questo aborto spontaneo è stato il risultato della sifilide di Enrico. Gli anni successivi videro, dopo un certo numero di aborti spontanei, la tensione sul fatto che se Guglielmina non avesse dato un erede al trono, il trono olandese sarebbe stato occupato da un principe tedesco.

Il 30 aprile 1909 nacque l'unica figlia della coppia, Giuliana.

Funzioni sociali e la vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Enrico ricoprì diverse posizioni onorifiche nell'esercito. Nel 1901 fu contrammiraglio e il generale di una suite alla nomina nel 1904 a Vice Ammiraglio e tenente generale.

Nei primi anni del suo matrimonio, ha dedicato particolare attenzione alla caccia e al miglioramento della fauna selvatica nel Veluwe. Il principe Enrico aveva un grande interesse per la vita sociale ed economica nei Paesi Bassi. È stato anche presidente della Croce Rossa olandese e ha tenuto varie altre funzioni sociali. Nel 1928 ha aperto le Olimpiadi di Amsterdam.

Enrico aveva uno stile di vita abbastanza frivolo. Oltre al suo amore per la caccia, Enrico amava l'acqua. Possedeva uno yacht di 20 metri dove spesso era in compagnia di amici.

La malattia e la morte[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi anni di vita di Enrico, la sua salute peggiorò. Il suo primo attacco di cuore fu nel 1929 e i suoi reumatismi peggiorarono. Il secondo attacco di cuore lo ebbe il 28 giugno 1934. Il 3 luglio 1934 alle due e mezza del pomeriggio, il principe Enrico morì a 58 anni nel suo ufficio per un attacco di cuore. Venne sepolto nella cripta reale nella Chiesa Nuova a Delft. Diverse settimane dopo il funerale è apparso un articolo nella quale annunciò che Giuliana rinunciò l'eredità da suo padre.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

duca Enrico di Meclemburgo-Schwerin Padre:
Federico Francesco II, granduca di Meclemburgo-Schwerin
Nonno paterno:
Paolo Federico, granduca di Meclemburgo-Schwerin
Bisnonno paterno:
Federico Ludovico, principe ereditario di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonno paterno:
Federico Francesco I, granduca di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonna paterna:
principessa Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Bisnonna paterna:
granduchessa Elena Pavlovna di Russia
Trisnonno paterno:
Paolo I di Russia
Trisnonna paterna:
Maria Feodorovna (Sofia Dorotea di Württemberg)
Nonna paterna:
principessa Alessandrina di Prussia
Bisnonno paterno:
Federico Guglielmo III di Prussia
Trisnonno paterno:
Federico Guglielmo II di Prussia
Trisnonna paterna:
langravia Federica Luisa d'Assia-Darmstadt
Bisnonna paterna:
duchessa Luisa di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonno paterno:
Carlo II, granduca di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonna paterna:
langravia Federica d'Assia-Darmstadt
Madre:
principessa Maria di Schwarzburg-Rudolstadt
Nonno materno:
principe Adolfo di Schwarzburg-Rudolstadt
Bisnonno materno:
principe Carlo Gundicaro di Schwarzburg-Rudolstadt
Trisnonno materno:
Federico Carlo, principe di Schwarzburg-Rudolstadt
Trisnonna materna:
principessa Augusta di Schwarzburg-Rudolstadt
Bisnonna materna:
principessa Ulrica d'Assia-Homburg
Trisnonno materno:
Federico V, langravio d'Assia-Homburg
Trisnonna materna:
langravia Carolina d'Assia-Darmstadt
Nonna materna:
principessa Matilde di Schönburg-Waldenburg
Bisnonno materno:
Ottone Vittorio, 2º principe di Schönburg-Waldenburg
Trisnonno materno:
Ottone, 1º principe di Schönburg-Waldenburg
Trisnonna materna:
contessa Enrichetta Reuss di Köstritz
Bisnonna materna:
principessa Tecla di Schwarzburg-Rudolstadt
Trisnonno materno:
Luigi Federico II, principe di Schwarzburg-Rudolstadt
Trisnonna materna:
langravia Carolina Luisa di Assia-Homburg

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Stemma personale del principe Enrico.

Onorificenze olandesi[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine di San Giovanni del Baliaggio dei Paesi Bassi - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di San Giovanni del Baliaggio dei Paesi Bassi
Medaglia del matrimonio del 1901 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del matrimonio del 1901
— 7 gennaio 1901
Medaglia del matrimonio del 1937 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del matrimonio del 1937
— 7 gennaio 1937

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (spagnolo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (spagnolo)
— 9 marzo 1924[1]
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera (Impero tedesco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera (Impero tedesco)
Cavaliere di Gran Croce con gemme dell'Ordine della Corona Wendica (Meclemburgo-Schwerin) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce con gemme dell'Ordine della Corona Wendica (Meclemburgo-Schwerin)
Commendatore di Gran Croce con gioielli dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce con gioielli dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia)
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila bianca (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila bianca (Polonia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo)
— [2]
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 30 gennaio 1901

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN45099704 · LCCN: (ENn83150988 · GND: (DE118859986 · BNF: (FRcb14975258s (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie